La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Azienda Sanitaria Firenze Il Rischio Rapina Giuseppe Petrioli – Direttore Dipartimento di Prevenzione Firenze,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Azienda Sanitaria Firenze Il Rischio Rapina Giuseppe Petrioli – Direttore Dipartimento di Prevenzione Firenze,"— Transcript della presentazione:

1 Azienda Sanitaria Firenze Il Rischio Rapina Giuseppe Petrioli – Direttore Dipartimento di Prevenzione Firenze,

2 Azienda Sanitaria Firenze 2 Premessa  Argomento che si presta ad interpretazioni molto diverse  Autorevoli giuristi sono convinti che, trattandosi di eventi dolosi, non rientrino nel campo di applicazione del D.L.vo 81/2008  E’ nata così l’esigenza, da parte del coordinamento tecnico delle Regioni, di mettere a punto indirizzi condivisi per l’esercizio della vigilanza  La commissione per l’interpello (art.12 D.L.vo 81) potrà fornire, se richiesta, eventuali interpretazioni autentiche

3 Azienda Sanitaria Firenze 3 Premessa  Ho avuto il piacere di coordinare il gruppo tecnico interregionale insieme al dr. Pianosi  Ricercato il consenso anche di forse sociali  Sui contenuti era possibile ma vi erano problemi tra le sigle sindacali che non hanno permesso la stipula di un protocollo formalmente condiviso  Varate nel Marzo 2010 le “linee di indirizzo per prevenire o ridurre i danni fisici e psichici dei lavoratori bancari correlati alle rapine”

4 Azienda Sanitaria Firenze 4 Rischio rapina - Rischio Generico? - Rischio specifico? - Rischio generico aggravato?

5 Azienda Sanitaria Firenze 5 Da cosa dipende il rischio di subire una rapina  Fattori socio economici  Fattori logistici (localizzazione, struttura dell’edificio, ecc.)  Entità del bottino atteso

6 Azienda Sanitaria Firenze 6 Danni che possono conseguire ad una rapina  Perdita economica  Danno fisico o psichico a lavoratori e utenti  Perdita di immagine

7 Azienda Sanitaria Firenze 7 Rischio di subire danni fisici e psichici  Riguarda lavoratori e utenti  In caso di rapina concorrono ad elevare il rischio di subire un danno: - Durata della rapina - Uso di armi da parte di guardie private o forze dell’ordine - Comportamenti incongrui di lavoratori e utenti - Comportamento aggressivo del rapinatore

8 Azienda Sanitaria Firenze 8 Tipologia di danni  Fisici (anche gravissimi)  Psichici (sindromi ansiose, sindrome post traumatica da stress)  Possibile un danno psichico anche senza subire rapina - Per predisposizione individuale - Per aver subito precedenti episodi violenti anche non lavorativi

9 Azienda Sanitaria Firenze 9 Gestione del rischio di subire una rapina  Ridurre il rischio di subire una rapina tutela patrimonio e salute di lavoratori e utenti  Fattori di rischio sui quali vi è poca capacità di intervento da parte delle banche: disgregazione sociale, congiuntura economica, caratteristiche del territorio, presenza sul territorio di forze dell’ordine Fattori di rischio su cui la banca può agire: Appetibilità (bottino) e accessibilità (difficoltà ad entrare ed uscire dalla banca stimata dal rapinatore)

10 Azienda Sanitaria Firenze 10 Valutazione del rischio  L’obbligo nasce dal nesso esistente tra il rischio che una banca ha di subire un furto e il rischio che corrono i lavoratori di subire un danno alla salute  Le misure scelte dalle banche per contrastare i furti sono definite nei protocolli d’intesa per la prevenzione della criminalità in banca siglati presso le Prefetture  Necessario individuare quali fattori potrebbero essere modificati per ridurre i rischi per i lavoratori (appetibilità e accessibilità)

11 Azienda Sanitaria Firenze 11 Valutazione del rischio  I protocolli con le Prefetture obbligano le banche ad adottare almeno 4 sistemi di sicurezza scelti tra un elenco di 13 e tutti modificano accessibilità e/o appetibilità  La security ha un ruolo centrale nell’individuare le misure da adottare  I protocolli sottoscritti con le Prefetture non sono la valutazione del rischi, ma la aiutano  La valutazione è fatta dal DL in collaborazione con il RSPP ed il medico competente (ove presente)

12 Azienda Sanitaria Firenze 12 Valutazione del rischio  SePP e medico competente devono stimare il potenziale effetto negativo per la salute derivante dalle misure adottate per ridurre accessibilità e appetibilità  Gli RLS devono essere preventivamente consultati (ammenda da 2000 a 4000 €) e possono riferire le conoscenze derivanti dall’esperienza quotidiana  Le banche devono esplicitare quali parti del documento devono ritenersi riservate  La valutazione dei rischi deve essere contestualizzata per ciascuna sede

13 Azienda Sanitaria Firenze 13 Valutazione del rischio  Quindi l’obbligo di valutazione non è assolto dai Protocolli siglati con le Prefetture  Deve ricomprendere anche le attività eventualmente svolte in esterno

14 Azienda Sanitaria Firenze 14 Gestione del rischio di subire danni in corso di rapina  Dipende da: - Durata della rapina - Comportamento del rapinatore - Comportamento di dipendenti, utenti, forze dell’ordine, vigilanza privata

15 Azienda Sanitaria Firenze 15 La rapina in corso è una emergenza  Il datore di lavoro deve: - Formare e designare i lavoratori incaricati di gestire l’emergenza (art. 18 c.1 let. B) - Predisporre le misure per gestire l’emergenza (art. 18 c.1 let. t) - Organizzare le attività di pronto soccorso (art. 45)

16 Azienda Sanitaria Firenze 16 Formazione dei lavoratori per affrontare l’emergenza rapina  Tutti i lavoratori esposti a rischio devono essere formati(art. 37 c. 9)  La formazione riguarda le misure adottate dalla banca per ridurre il rischio rapina e gli effetti sulla salute dei lavoratori ed anche il comportamento da tenere  La formazione deve curare anche gli aspetti emotivo relazionali, importantissimi per minimizzare l’effetto. Necessaria formazione teorica, didattica attiva, addestramento

17 Azienda Sanitaria Firenze 17 Misure per la gestione dell’emergenza rapina (art 43)  Definire i rapporti con le forze dell’ordine segnalando la opportunità di evitare conflitti a fuoco almeno nella banca e nelle sue vicinanze  Informare tutti i lavoratori su misure predisposte e comportamenti da adottare

18 Azienda Sanitaria Firenze 18 Accorgimenti opportuni nella individuazione delle misure  La vigilanza con guardie giurate non deve sfociare in conflitti a fuoco dentro le banche o nelle vicinanze  Videocollegamento, videosorveglianza, videoregistrazione, allarme antirapina devono evitare il rischio di conflitti a fuoco e l’ aumento della permanenza dei rapinatori in banca  I dispositivi ad apertura ritardata o di erogazione temporizzata vanno valutati attentamente perché prolungano la permanenza del rapinatore

19 Azienda Sanitaria Firenze 19 Organizzazione primo soccorso (art. 45)  Il medico competente deve prevedere - le misure di primo soccorso da erogarsi in loco - Il percorso di attivazione dei soccorsi - La formazione degli addetti al pronto soccorso

20 Azienda Sanitaria Firenze 20 Valutazione follow up dei traumi psichici  Per la valutazione precoce di un possibile danno psichico è centrale il medico competente che deve essere preparato e disporre di supporti specialistici  I lavoratori devono essere informati della opportunità di poter ricorrere al medico competente ed a personale specializzato, nel rispetto della privacy e del consenso informato

21 Azienda Sanitaria Firenze 21 Valutazione dei possibili effetti derivanti dal timore di subire una rapina  Il medico competente, su istanza del lavoratore, può valutare l’opportunità che singoli lavoratori con particolari problemi siano destinati a sedi con alto rischio di rapina (art. 18 c.1 let. c), sia al momento dell’assunzione che dopo aver subito una rapina

22 Azienda Sanitaria Firenze 22 Indicazioni operative per gli organi di vigilanza  La vigilanza compete alle ASL  Riguarda un ambito particolare che coinvolge aspetti che afferiscono al contrasto della criminalità e altri che attengono alla tutela della salute dei lavoratori  Ha i seguenti scopi - Verificare se il DL ha ottemperato agli obblighi ex art Verificare se il DL ha seguito le procedure corrette per adempiere agli obblighi (consultazione RLS per DVR ecc.) - Verificare se ha rispettato le misure contenute nel DVR

23 Azienda Sanitaria Firenze 23 Verifica delle misure dichiarate nel DVR  Verifica formale sulla effettiva adozione delle misure dichiarate nel DVR  Verifica sostanziale sulla idoneità delle misure adottate ai fini della tutela della salute dei lavoratori  Vigilanza sull’operato del medico competente relativamente a organizzazione emergenza, pronto soccorso, assegnazione di singoli lavoratori a sedi con alto rischio di rapina

24 Azienda Sanitaria Firenze 24 Elementi che, nel DVR, devono integrare i protocolli  Fattori modificabili che influiscono su rischio rapina  Presenza di soggetti vulnerabili (cardiopatici, donne in gravidanza)  Adozione di misure che tutelano maggiormente i lavoratori  Personalizzazione delle misure da adottare nelle singole sedi  L’efficacia delle misure adottate va considerata

25 Azienda Sanitaria Firenze 25 Elementi che, nel DVR, devono integrare i protocolli complessivamente e non per singola misura - Valutazione dei possibili effetti negativi su lavorati e utenti delle misure adottate

26 Azienda Sanitaria Firenze 26 Aggiornamento della valutazione dei rischi  In caso di modifica della organizzazione del lavoro o del ciclo produttivo.  Dopo un evento rapina valutare se vi sono insufficienze nel DVR e, se del caso, provvedere ad aggiornare il piano e ad adottare le misure necessarie

27 Azienda Sanitaria Firenze 27 Riservatezza del DVR  RLS e operatori di vigilanza se, per lo svolgimento delle proprie funzioni, vengono a conoscenza delle misure antirapina adottate sono tenuti al riserbo  A tal fine devono essere indicate nel DVR le parti da ritenersi riservate

28 Azienda Sanitaria Firenze 28 Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "Azienda Sanitaria Firenze Il Rischio Rapina Giuseppe Petrioli – Direttore Dipartimento di Prevenzione Firenze,"

Presentazioni simili


Annunci Google