La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Settore Strumenti della programmazione regionale e locale IL MODELLO DI PROGRAMMAZIONE REGIONALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Settore Strumenti della programmazione regionale e locale IL MODELLO DI PROGRAMMAZIONE REGIONALE."— Transcript della presentazione:

1 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Settore Strumenti della programmazione regionale e locale IL MODELLO DI PROGRAMMAZIONE REGIONALE L.R. 49/1999 (MODIFICATA DALLA L.R. 61/2004)

2 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Nuovo Statuto regionale Articolo 46 La programmazione è il metodo dell’attività regionale e ne determina gli obiettivi annuali e pluriennali La legge disciplina gli atti della programmazione, le relative procedure, le funzioni degli organi regionali, degli enti locali e delle organizzazioni rappresentative della società toscana nel processo formativo, le modalità di integrazione con gli atti della programmazione locale, nazionale e comunitaria, le forme di partecipazione Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

3 Direzione Generale Presidenza Area programmazione e Controllo Strumenti della programmazione Programma di governo Programma regionale di sviluppo Documento di programmazione economica e finanziaria Strumenti di monitoraggio Leggi e altri atti normativi sulle politiche e gli strumenti di intervento Bilanci Piano di indirizzo territoriale Piani e programmi regionali di attuazione Atti di programmazione locale Patto per lo sviluppo locale Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

4 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Programma regionale di sviluppo E’ l’atto fondamentale di indirizzo dell’attività di governo della Regione. Definisce, in coerenza con il Programma di governo: il contesto strutturale: il quadro analitico di riferimento le opzioni politiche: le scelte fondamentali le strategie di intervento: gli obiettivi generali e politiche da attuare Il PRS individua le strategie dello sviluppo territoriale nel rispetto dello Statuto del territorio (invarianti territoriali) del PIT. Il PRS ha validità, di norma, per l’intera legislatura. Viene approvato dal CR, su proposta della GR. Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

5 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Programma regionale di sviluppo (1) Struttura e contenuti Introduzione: dal programma di governo al PRS Analisi: l’orizzonte di medio periodo (Toscana 2020) Strategia: discontinuità, qualità e dinamismo, le 12 sfide Strumenti programmatici e progettuali: 4 Programmi strategici e 25 Progetti integrati regionali Risorse finanziarie: programmazione di medio periodo delle risorse di bilancio Governance istituzionale, sociale e territoriale: l’integrazione Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

6 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Programma regionale di sviluppo (2) Il PRS è anche documento di programmazione degli interventi: ogni Programma strategico si articola in Progetti integrati regionali, che rappresentano le priorità progettuali di legislatura. Il PRS definisce gli elementi essenziali dei Progetti integrati, che troveranno nella programmazione settoriale gli strumenti di attuazione e le relative risorse finanziarie di riferimento. Gli interventi previsti dal Patto regionale del 2004 trovano il loro inquadramento e proseguimento all’interno dei Progetti integrati del PRS. Il nuovo PRS contiene anche il quadro strategico preliminare della nuova programmazione comunitaria e si raccorda con il PIT. Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

7 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Documento di programmazione economica e finanziaria E’ l’atto di indirizzo programmatico, economico e finanziario annuale, con proiezione triennale. Aggiorna e specifica le determinazioni del PRS, in termini previsionali e di risultati salienti. Consente un maggior raccordo tra programmazione e bilancio: di norma ripartisce per macro-aggregati le risorse dei bilanci; detta indirizzi per la successiva elaborazione dei bilanci. Viene adottato dalla Giunta e trasmesso al Consiglio entro il 31 maggio di ogni anno, insieme al Rapporto generale di monitoraggio sullo stato di attuazione delle politiche di intervento. Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

8 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo DPEF 2007 Struttura Premessa Introduzione Il quadro economico e sociale di breve periodo Le scelte programmatiche per il 2007 Quadro finanziario La manovra finanziaria per il 2007 Allegati:I fatti salienti 2005 Il quadro della spesa allargata Previsioni di entrata e di spesa per il 2007 Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

9 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo DPEF 2007 Le scelte programmatiche per il Programmi strategici: contenitori integrati di politiche 25 Progetti integrati regionali (PIR): priorità progettuali di legislatura, che raccordano PRS e piani di settore 150 Azioni progettuali: interventi specifici, per i quali si descrivono anche gli strumenti di attuazione e il raccordo con il Patto regionale Ogni PIR evidenzia complessivamente le risorse finanziarie previste per la sua attuazione: regionali, europee, nazionali, altre attivabili, altre da reperire Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

10 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo DPEF 2007 Quadro finanziario e manovra finanziaria per il 2007 DPEF è strumento della governance cooperativa della e per la Toscana: strumento per allargare l’area delle risorse disponibili per le politiche regionali, coinvolgendo risorse di altri soggetti pubblici privati Il DPEF delinea uno squilibrio atteso 2007 a legislazione vigente (230 mln) per risorse libere in diminuzione e spesa crescente (PIR, obbligatoria, altri interventi) al netto della sanità Squilibrio da riassorbire attraverso la manovra di bilancio: integrazione, razionalizzazione e contenimento della spesa e reperimento di ulteriori risorse, in un quadro di invarianza in termini reali della fiscalità regionale Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

11 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Piani e programmi regionali (1) Attuano le strategie del PRS Determinano obiettivi, finalità, tipologie di intervento e il quadro delle risorse attivabili, di norma per la legislatura Hanno natura settoriale o intersettoriale Sono elaborati sulla base di un modello analitico Nella programmazione top-down, prevedono interventi direttamente funzionali a interessi od obiettivi di livello regionale Nel processo bottom-up, prevedono interventi raccordati alla programmazione locale Vengono approvati dal Consiglio regionale Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

12 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Piani e programmi regionali (2) I piani/programmi pluriennali sono attuati annualmente con deliberazioni della Giunta. Le delibere di attuazione specificano gli obiettivi operativi, le modalità di intervento e il quadro finanziario, in raccordo con il bilancio annuale La Giunta presenta annualmente al Consiglio documenti di monitoraggio e valutazione, che descrivono gli stati di realizzazione e i risultati dei piani/programmi pluriennali Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

13 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

14 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Valutazione integrata I piani/programmi pluriennali sono soggetti a valutazione ex-ante, nella fase di elaborazione, della coerenza e degli effetti attesi sotto il profilo ambientale, territoriale, sociale, economico e degli effetti sulla salute umana. Si tratta di auto-valutazione da parte del responsabile di piano. Le procedure e le modalità tecniche per l’effettuazione della valutazione integrata e delle forme di partecipazione sono definite con Regolamento della Giunta, anche in attuazione della Direttiva UE 42/2001 sulla valutazione ambientale strategica e in raccordo con la L.R. 1/2005 sul governo del territorio. Il NURV svolge le funzioni di coordinamento dei processi di valutazione integrata, a supporto del CTP. Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

15 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Concertazione e confronto Realizzano il concorso dei soggetti istituzionali e la partecipazione delle parti economiche, sociali e ambientali alla determinazione dei contenuti essenziali degli atti di programmazione, in raccordo con l’articolo 48 dello Statuto. Il confronto consiste nella verifica dei rispettivi orientamenti, in relazione al processo di elaborazione dei piani e programmi di competenza del Consiglio. La concertazione è finalizzata alla ricerca delle reciproche convergenze, in relazione agli atti di competenza della Giunta. Le sedi del confronto e della concertazione sono i tavoli formalizzati sulla base di specifici protocolli: tavolo di concertazione interistituzionale e tavolo di concertazione generale. Settore Strumenti della programmazione regionale e locale

16 Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Governance cooperativa La governance dei problemi pubblici è basata sulla costruzione di reti di cooperazione, sia per superare situazioni conflittuali e la paralisi di veti incrociati, sia per mobilitare risorse adeguate in un’ottica di problem- solving. Risultato atteso: capacità di condurre a sistema e portare a sintesi la spinta di attori portatori di interessi diversi Caratteristiche dell’esperienza del Patto 2004: Apertura ad altri soggetti rispetto a quelli dei tavoli di concertazione Definizione di modalità di cooperazione anche nella fase attuativa: 14 aree progettuali Territorializzazione della governance, attraverso il PASL Settore Strumenti della programmazione regionale e locale


Scaricare ppt "Direzione Generale Presidenza Area Programmazione e Controllo Settore Strumenti della programmazione regionale e locale IL MODELLO DI PROGRAMMAZIONE REGIONALE."

Presentazioni simili


Annunci Google