La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ALLA CHIESA DI PERGAMO (Ap 2 ,12-17).

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ALLA CHIESA DI PERGAMO (Ap 2 ,12-17)."— Transcript della presentazione:

1 ALLA CHIESA DI PERGAMO (Ap 2 ,12-17)

2 Il testo 12. All’angelo della Chiesa di Pergamo scrivi: Così parla Colui che ha la spada affilata a due tagli: 13. So che abiti dove satana ha il suo trono; tuttavia tu tieni saldo il mio nome e non hai rinnegato la mia fede neppure al tempo in cui Antipa, il mio fedele testimone, fu messo a morte nella vostra città, dimora di satana. Ma ho da rimproverarti alcune cose: hai presso di te seguaci della dottrina di Balaàm, il quale insegnava a Balak a provocare la caduta dei figli d’Israele, spingendoli a mangiare carni immolate agli idoli e ad abbandonarsi alla fornicazione.

3 15. Così pure hai di quelli che seguono la dottrina dei Nicolaiti.
16. Ravvediti dunque; altrimenti verrò presto da te e combatterò contro di loro con la spada della mia bocca. 17. Chi ha orecchi, ascolti ciò che lo Spirito dice alle Chiese: Al vincitore darò la manna nascosta e una pietruzza bianca sulla quale sta scritto un nome nuovo, che nessuno conosce all’infuori di chi la riceve.

4 Anche qui la Chiesa deve aver incontrato grandi difficoltà.
COMMENTO ESEGETICO Pergamo Era un centro paga-no sincretistico con molti templi dedicati a diversi dei. Anche qui la Chiesa deve aver incontrato grandi difficoltà. Pergamo

5 “Dove satana ha il suo trono”
Pergamo viene così definita, o per il cul-to di Asclepio, simboleggiato da un ser-pente (lo stesso simbolo che l’Apocalis-se usa per satana), o a causa del culto imperiale, che era particolarmente popo-lare in questa città.

6 “Testimone fedele” Questo titolo proprio del Signore è attribuito ad An-tipa, vescovo della città che, per essersi rifiutato di sacrificare agli idoli, fu portato nel tempio di Dia-na e rinchiuso in un toro di bronzo arroventato. La tradizione orientale lo an-novera tra i 72 discepoli di Gesù citati nei vangeli. Sant’Antipa

7 “La dottrina di Balaam”
Il re di Moab, Balak, preoc-cupato per l’ingresso nel suo territorio delle tribù ebraiche, affida al mago Balaam, l’incari-co non solo di bloccare Israele, col ricorso alle sue arti magiche, ma anche di attirare gli israeliti all’idolatria con l’aiuto delle figlie di Moab. Nella Bibbia l’idolatria è paragonata alla fornicazione, cioè infedeltà nei confronti del vero Dio.

8 “La dottrina di dei nicolaiti”
I nicolaiti e i discepoli di Balaam formavano probabilmente un unico gruppo. La loro dottrina era imparentata con quella dei libertini che avevano travisato la dottrina di S. Paolo sulla libertà cristiana; disdegnando le restrizioni imposte dal decreto apostolico, essi incoraggiavano un ritorno alla sfrenatezza morale pagana.

9 “Verrò presto” Nel Libro è usato sette volte (3,11; 16,15; 22,7; ). Questo ammonimento met-te in luce uno dei concetti centrali dell'Apo-calisse: il Cristo glorioso interverrà presto nella storia umana per salvare e giudicare.

10 “Combatterò contro di loro”
Contro i nicolaiti, ai quali la chiesa di Pergamo, in linea di massima, non si associò. “La manna nascosta” Questo cibo celeste, simbolo di unione con Dio nella vita eterna, è ora nascosto, come ogni cosa del tempo futuro (Gv. 6,32; Col. 3,3).

11 “Una pietruzza bianca, e sulla pietra scritto un nome nuovo”
L’usanza di portare amuleti, su cui era scritto qualche nome magico, era dif- fusa nel mondo pagano: chi conosceva il nome misterioso nome far uso del suo potere per proteggersi dagli spiriti ma-ligni. Cristo, invece, asserisce che è il suo nome di Messia vincitore, (“nome nuovo”), che nessuno è in grado di leg-gere (19,12), quello che offre la vera protezione a coloro che gli sono fedeli. Queste immagini significano la salvezza promessa a chi supererà la prova. Gesù Cristo

12 IN SINTESI Questa comunità, vive in una città: Per-gamo, famosa per i suoi templi pagani. Dio promette “presto” la sua liberazione e la salvezza per coloro che sono rimasti saldi nella prova.

13 COMMENTO SPIRITUALE La comunità di Pergamo, vive una situazione dove sembra che satana abbia il suo trono. Vive cioè in una realtà prevalentemente pagana, cir-condata da idoli e templi. Anche le nostre comunità oggi si lasciano con-dizionare dal neo-paganesimo che va sotto il nome di benessere, potere, ambizione, ricchezza, possesso.

14 "La Chiesa, quantunque per compiere la sua missione abbia bisogno di mezzi umani, non è costituita per cercare la gloria della terra, bensì per diffondere, anche col suo esempio, l’umiltà e l'abnegazione. La Chiesa prosegue il suo pellegrinaggio fra le persecuzioni del mondo e le consolazioni di Dio, annunziando la passione e la morte del Signore fino a che Egli venga. Dalla virtù del Signore risuscitato trova forza per vincere con pazienza e amore le sue interne ed esterne afflizioni e difficoltà, e per svelare al mondo, con fedeltà, anche se non perfettamente, il mistero di Lui, fino a che alla fine dei tempi sarà manifestato nella pienezza della sua luce” (Conc. Vat. II, LG, 8).

15 La Chiesa non è mossa da ambizione di prestigio o di potere, ma unica-mente dalla “cura e responsabilità per l’uomo” (Giovanni Paolo II, Cente-simus annus, 53), per ogni uomo concreto, amato e redento da Cristo. E dal mistero di Cristo trae luce per illuminare la vera identità dell’uomo e orientare il suo cammino storico.

16 Ciò che emerge nella cultura contemporanea è la smania di guadagnare, l’ambizione della carriera, la ricerca del suc-cesso ad ogni costo. Il potere e la ricchezza diventano misura di successo personale, modello di vita proposto dai mezzi di comu-nicazione.

17 Si è qualcuno, se si possiede una seconda casa, una seconda macchi-na, se si frequentano certi ambienti raffinati, eleganti, se si fanno certi viaggi. I più deboli finiscono inesora-bilmente emarginati dalla concor-renza. Si affonda nel materialismo pratico, incapaci di amore disinte-ressato, indifferenti verso Dio, spiri-tualmente ciechi.

18 Il cristiano si guardi dalla bramosia del possesso, da “quella avarizia insaziabile che è idolatria” (Col. 3,5). La vicinanza di Dio dà il coraggio delle scelte radicali. Innanzitutto libera dalla bramosia di possedere. Gesù stesso invita l’uomo a confidare in Dio, Padre sempre premuroso e vicino, e a vivere nel presente libero dall’ansia per il domani. L’uomo vale assai più dei beni materiali e del potere.

19 È stoltezza far dipendere il proprio valore e la propria salvezza dalla ricchezza accumulata (Mt. 6, 25-34). La salvezza viene dall'abbandono fiducioso alla parola di Dio e non dall’attivismo pieno di affanni (Lc. 10, 38-42). Anzi, “la preoccupazione del mondo e l'inganno della ricchezza sof-focano la parola ed essa non dà frutto” (Mt. 13,22). La ricchezza è un padrone spietato che sbarra la strada verso il regno (Mt. 19, 21-24).

20 Gesù arriva forse al paradosso quando dice
Gesù arriva forse al paradosso quando dice. “Vendete ciò che avete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro inesauribile nei cieli, dove i ladri non arrivano e la tignola non consuma” (Lc. 12,33). Solo così l’uomo sperimen-ta che donare è bello, anzi: “Vi è più gioia nel dare che nel ricevere!” (At. 20,35).


Scaricare ppt "ALLA CHIESA DI PERGAMO (Ap 2 ,12-17)."

Presentazioni simili


Annunci Google