La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 LA TRIADE INTERATTIVA NELL’AMBIENTE INQUINATO CONTRO LA SALUTE Giancarlo Ugazio Aracne, Ariccia (Rm) 2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 LA TRIADE INTERATTIVA NELL’AMBIENTE INQUINATO CONTRO LA SALUTE Giancarlo Ugazio Aracne, Ariccia (Rm) 2013."— Transcript della presentazione:

1 1 LA TRIADE INTERATTIVA NELL’AMBIENTE INQUINATO CONTRO LA SALUTE Giancarlo Ugazio Aracne, Ariccia (Rm) 2013

2 2 RIASSUNTO L‘opera illustra le patologie umane causate dall’esposizione a tre dei principali tipi di agenti nocivi per il nostro organismo: quelli legati alla perdita di tolleranza ai composti ambientali esogeni (SCM), l’asbesto, i campi elettromagnetici. Sono considerate sia le esposizioni occupazionali, sia quelle extralavorative. Inoltre sono descritte la multifattorialità eziologica e la multisistemicità delle condizioni cliniche, soprattutto è prestata attenzione al sinergismo tossicologico (effetto cocktail), tra i tre tipi di agenti, tra loro e con altri patogeni. L’effetto perossidativo è il principale file rouge d’interazione tra i tre tipi suddetti di veleni. Un altro fattore condiviso dai tre consiste nel fatto che tutti sono legati al “progresso” e a quel profitto imprenditoriale che si attua attraverso lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo, accuratamente occultato con la congiura del silenzio. L’uomo della strada (Green Man) potrebbe solo sperare che tutte queste conoscenze fossero in grado di agevolare la sua salute per mezzo della prevenzione dei rischi.

3 3

4 4 PATOLOGIE DA ASBESTO Le fibrille sono inalate, ingerite, e/o veicolate dall’acqua della doccia. Sinergismo e/o potenziamento da: metalli pesanti e/o microrganismi patogeni [HP, CA, CT, CMV]

5 AFFEZIONI TORACICHE Asbestosi e cancro polmonare Placche pleuriche Mesotelioma pleurico Mesotelioma pericardico 5

6 AFFEZIONI EXTRATORACICHE Mesotelioma di: peritoneo & vaginale testicolare Cancro di: laringe, stomaco, colon, rene, vescica, ovaio Glioblastoma e Astrocitoma cerebrale Sclerosi Laterale Amiotrofica Morbo di Alzheimer e/o Autismo Incontinenza urinaria Miocardiopatie, Cataratta Fibromialgia, Prurito incoercibile 6

7 ORGANI DI LOCALIZZAZIONE DEI CORPUSCOLI DELL’ASBESTO Secondo W.N. Rom Environm Occupat Med 1983 Da Giancarlo Ugazio “Asbesto/Amianto, Ieri, Oggi, Domani”, Aracne (Roma)

8 VIE DI INGRESSO DELL’ASBESTO NELL’ORGANISMO 8

9 ORGANI DI LOCALIZZAZIONE DELL’ASBESTO 9

10 ORGANI SEDE DI PATOLOGIE DA ASBESTO 10

11 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI ALZHEIMER Omura (2006) CERVELLO Robinson C. F. et al. (1999) Graziano G. et al (2009) Reid A. et al (2012) COLECISTI Moran E. M. (1992) COLON-RETTO Bianchi C. et al. (2007) Manzini V. P. et al. (2010) Reid A. et al. (2012) CUORE Omura (2006) Reid A. et al. (2012) EMOLINFOPOIETICO (TESSUTO) Robinson C. F. et al. (1999) Omura (2006) Bianchi C. et al.(2007) Graziano G. et al (2009) Reid A. et al. (2012) 11

12 ESOFAGO Kanarek M. S. (1989) Omura (2006) FIBROMIALGIA Omura (2006) GENOMA Feigelson H.S. et al. (1996) Dianzani I. et al. (2006) LARINGE-LINGUA Omura (2006) Manzini V. P. et al. (2010) MAMMELLA Selikoff I. J. (1974) Feigelson H.S. et al. (1996) Fear N. T. et al. (1996) Robinson C. F. et al. (1999) Omura (2006) Omura (2010) OVAIO Heller D. S. et al. (1996) Heller D. S. et al. (1999) PANCREAS Moran E. M. (1992) Kanarek M. S. (1989) 12

13 PERITONEO Moran E. M. (1992) Heller D. S. et al. (1999) Pavone V. L. et al. (2012) PLEURA Robinson C. F. et al. (1999) Koskinen K. et al. (2003) Graziano G. et al (2009) Bayram M. et al. (2012) Reid A. et al. (2012) POLMONE Selikoff I. J. (1974) Moran E. M. (1992) Robinson C. F. et al. (1999) Koskinen K. et al. (2003) Graziano G. et al (2009) PROSTATA Moran E. M. (1992) Feigelson H.S. et al. (1996) Stellman S. D. et al. (1998) Robinson C. F. et al. (1999) Koskinen K. et al. (2003) Bianchi C. et al.(2007) Reid A. et al. (2012) 13

14 RENE Bianchi C. et al.(2007) SINERGISMO Omura (2006) SLA Omura (2006) STOMACO Moran E. M. (1992) Kanarek M. S. (1989) TESTICOLO Manzini V. P. et al. (2010) TIROIDE Manzini V. P. et al. (2010) VAGINA – VULVA Pukkala E. & Saarni H. (1996) VESCICA Bianchi C. et al.(2007) Graziano G. et al (2009) Manzini V. P. et al. (2010) Pavone V. L. et al. (

15 APPLICAZIONE DI ASBESTO A SPRUZZO NEL CORSO DI UNA COSTRUZIONE EDILE Per gentile concessione di Mitchell Cohen. FUMO DI TABACCO + FIBRE DI ASBESTO = ASBESTO OCCUPAZIONALE

16 ASBESTO LIMPET: applicazione a spruzzo. LIMPET era un prodotto della Società Keasbey e Mattison. Nota: il lavoratore a destra provvede ad alimentare le macchine. Per gentile concessione di Mitchell Cohen. 16

17 ASBESTO OCCUPAZIONALE L’AMBIENTE DI LAVORO IN UNA DITTA DELLA GOMMA “L’impiego di amianto presso gli stabilimenti Pirelli di Milano è stato sicuramente importante; era presente in ogni forma su tubazioni, serbatoi, macchine di produzione e scambiatori di calore. Si trovava all’interno dei reparti, nelle postazioni di lavoro, nei locali di servizio (centrale termica per riscaldamento e produzione di vapore) e nei sottoservizi (centraline e rete di distribuzione sotterranee; in queste reti correvano anche le derivazioni elettriche). In alcuni ambienti (ad esempio mensa aziendale ) il materiale era floccato su pareti e soffitti. In diverse occasioni, si è resa necessaria la messa in sicurezza e la successiva bonifica dei luoghi di lavoro, in quanto le coibentazioni risultavano in pessimo stato di conservazione. 17

18 D’altro canto, il rischio derivante dalla dispersione di amianto presente nelle coibentazioni delle tubazioni che trasferivano il vapore dalla centrale termica ai reparti era stato considerato dalla stessa Pirelli (cfr. Atti del Convegno di Acireale pag lavorazioni sussidiarie; punto 2). La presenza di elevata polverosità anche presso ambienti diversi dai reparti di produzione induce a ritenere che le polveri non fossero solo strettamente connesse con l’uso di materie prime o additivi in polvere, ma anche a un piu’ generale inquinamento ambientale connesso con altri fattori (degrado di strutture, impianti, carenza di manutenzione, di regolari pulizie)” 18

19 ASBESTO NON OCCUPAZIONALE PRESENTE. Nel 2007, sono stati censiti 8 x 10 6 m 2 di lastre di Eternit® sparse su tutto il territorio nazionale (circa km 2 ) abitato da circa 60 x 10 6 Italiani. Le lastre di Eternit® hanno uno spessore di circa 0,5 cm, da cui deriva l’ammontare di m 3, posta la densità dell’asbesto nell’Eternit® pari a 1,69 g/cm 3, il suolo del Belpaese sarebbe coperto da un totale di [t] / km 2 = 0,224 [t] / km 2. FUTURO. La canna del tunnel per il TAV è lunga circa 57 km ( m), ha un diametro di circa 10 m, con la superficie della sezione pari a 5 2 m x 3,14 = 78,5 m 2. Il volume dello smarino rimosso e disperso potrebbe essere pari a x10 6 m 3. Giacche’ la perizia dei geologi dell’Università di Siena, depositata nel 2003, faceva ammontare la concentrazione media di asbesto nella roccia del monte Rocciamelone a qualche percento (verosimilmente tra 2 e 3%), questo parametro potrebbe equivalere a circa il 2,5%. 19

20 Pertanto, l’asbesto dello smarino esposto avrebbe un volume di m 3, pari a [t], tenuto conto della densità dell’asbesto = 2,45 [t] / m 3. Questa massa di asbesto interesserebbe una superficie di circa km 2 propria della valle di Susa e della provincia di Torino. Il carico specifico d’inquinamento da asbesto ammonterebbe a 3,588 [t] / km 2, ben piu’ di un ordine di grandezza rispetto alla media del territorio nazionale [16,02 x], con le prevedibili conseguenze per la qualità dell’ambiente e per le condizioni di salute della popolazione locale ( Valsusini Torinesi) per altro potenzialmente esposti alle fibrille minerali sospinte dai venti occidentali che costantemente soffiano da ovest a est. 20

21 21

22 22

23 23 POSSIBILI RAPPORTI TRA ASBESTO DEL TAV E SALUTE PUBBLICA

24 24 DALLA CRONACA D’OGGI AL PREVEDIBILE FUTURO DEL DOMANI

25 25 LA REALTA’ DEL MOMENTO ATTUALE Venerdi’ 24 gennaio 2014

26 26 Queste due dozzine di lavoratori, campione dei centomila posti di lavoro promessi dai SITAV, entro i prossimi trent'anni, potrebbero essere clienti dei legali che, patrocineranno loro stessi o le vedove e gli orfani, nelle litigations risarcitorie, e/o per le pene giudiziarie dei responsabili.

27 27 MORALE

28 28 Giancarlo Ugazio Professore Ordinario di Patologia Generale presso la Scuola Medica dell’Universita’ di Torino dal 1976 al T.F.R.: Medico-non-pentito, di valutare la salute altrui come la sua. Scienziato-non-in-vendita, a nessun prezzo. Medico NON-SITAV.


Scaricare ppt "1 LA TRIADE INTERATTIVA NELL’AMBIENTE INQUINATO CONTRO LA SALUTE Giancarlo Ugazio Aracne, Ariccia (Rm) 2013."

Presentazioni simili


Annunci Google