La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Selezione a cura di Stefano Quaglia Parte Seconda – 28 marzo 2014 Deuteroisaia (40-55) - Tritoisaia (56-66)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Selezione a cura di Stefano Quaglia Parte Seconda – 28 marzo 2014 Deuteroisaia (40-55) - Tritoisaia (56-66)"— Transcript della presentazione:

1 Selezione a cura di Stefano Quaglia Parte Seconda – 28 marzo 2014 Deuteroisaia (40-55) - Tritoisaia (56-66)

2 Dignità dell’Uomo  Il Deuteroisaia è l’Autore della fragilità umana, ma anche della somma dignità dell’uomo che nel dolore riconosce la grandezza di Yahweh.  La potenza di Yahweh si manifesta proprio nel sovvertimento dell’ordine naturale

3 Fragilità  Il Servo di Dio ci apparirà in tutta la sua fragilità e in tutta la sua incontenibile forza profetica se lo guarderemo con occhio laico.  In lui si concentra l’aspirazione assoluta dell’uomo alla giustizia e il disperato bisogno di credere nella possibilità di un riscatto e di una comprensione del valore incomparabile del dolore come fonte di conoscenza

4 Il pensiero di Dio  Il Servo di Dio diventa quindi il prototipo del pensiero di Dio: il sillogismo per eccellenza della mente creatrice dell’universo, la cui natura l’uomo non può comprendere, se non in minima parte 6 Ogni uomo è come l'erba e tutta la sua gloria è come un fiore del campo. 7 Secca l'erba, il fiore appassisce quando il soffio del Signore spira su di essi. 8 Secca l'erba, appassisce il fiore, ma la parola del nostro Dio dura sempre.

5 Primo Canto Yahweh stesso introduce il suo servo. La figura di questo misterioso personaggio è il modello stesso dell’azione divina. Mite e indifeso 1 Ecco il mio servo che io sostengo, il mio eletto di cui mi compiaccio. Ho posto il mio spirito su di lui; egli porterà il diritto alle nazioni. 2 Non griderà né alzerà il tono, non farà udire in piazza la sua voce, 3 non spezzerà una canna incrinata, non spegnerà uno stoppino dalla fiamma smorta. egli tuttavia è determinato e sicuro di sé perché il suo cuore confida nel signore

6 Primo canto  La sua missione è dunque quella di sovvertire l’ordine umano per introdurvi il pensiero di Dio, proprio a partire dalla sua umanità.  Yahweh stesso lo guida, lo conduce con tenerezza e affetto, ma il suo compito è duro, arduo: 6 «Io, il Signore, ti ho chiamato per la giustizia e ti ho preso per mano; ti ho formato e stabilito come alleanza del popolo e luce delle nazioni, 7 perché tu apra gli occhi ai ciechi e faccia uscire dal carcere i prigionieri, dalla reclusione coloro che abitano nelle tenebre.

7 Secondo Canto  Il Servo è consapevole della complessità e della, potremo dire, assurdità della sua missione, ma la sua costanza coincide con la sua fedeltà.  Non si attende ricompensa umana. Egli poi è fragile e non ha in se stesso la forza di resistere, la sua non è una costanza morale, ma una resistenza cognitiva.

8 Terzo Canto  Quasi come in una ouverture d’opera nel terzo canto compare l’accenno alle angherie alle quali il Servo sarà sottoposto 5 Il Signore Dio mi ha aperto l'orecchio e io non ho opposto resistenza, non mi sono tirato indietro. 6 Ho presentato il dorso ai flagellatori, la guancia a coloro che mi strappavano la barba; non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi. 7 Il Signore Dio mi assiste, per questo non resto confuso, per questo rendo la mia faccia dura come pietra, sapendo di non restare deluso.

9 Terzo Canto  L’obbedienza a Yahweh costa cara, obbedire alla chiamata comporta il rischio del martirio, al quale il Servo non si sottrae.  Più forte di Giobbe, più resistente di Giacobbe, nella sua lotta, più determinato di Abramo, più deciso di Noè, il Servo è la sintesi suprema di un Umano che non sa riconoscersi se non nell’altezza del Divino.

10 Annuncio di Salvezza 7 Come sono belli sui monti i piedi del messaggero di lieti annunzi che annunzia la pace, messaggero di bene che annunzia la salvezza, che dice a Sion: «Regna il tuo Dio».  L’immagine ad un tempo delicata e potente prelude al canto conclusivo, il più complesso e profondo, fra quelli dedicati al servo di Dio.  Il messaggero annuncia l’arrivo di un nuovo ordine, di un nuovo assetto della vita di Israele, l’età nella quale “regna Yahweh”, ritornato in Sion insieme al suo popolo. Gerusalemme è stata riscattata e ritrova ora la gioia di ricongiungersi al suo Dio.

11 Quarto canto  Il Servo di Dio, introdotto dai precedenti profili poetico-profetici, tocca l’acme di tutte le sue esperienze: l’abisso del dolore e l’esaltazione finale, il tormento e la gioia, l’umiliazione e la gloria, l’esclusione e il disprezzo, ma anche l’imprevedibile successo e la sua affermazione quale modello di giustizia.  Egli si è fatto carico di tutto il peso dell’abiezione umana e ha riscattato il genere umano: 4 egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori e noi lo giudicavamo castigato, percosso da Dio e umiliato. 5 Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità. Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui;

12 Quarto canto Ma il punto più alto di questa paradossale esperienza è raggiunto dal Servo di Dio in quella che potremmo definire la metafisica del dolore, la mistica della sofferenza, che non è solo fisica, ma anche e soprattutto spirituale: 11 Dopo il suo intimo tormento vedrà la luce Propter laborem animae eius videbit lucem, e si sazierà della sua conoscenza; saturabitur in scientia sua. La conoscenza dunque è la conquista finale, quella conoscenza che era preclusa al primo Adamo dal divieto di mangiare il frutto proibito, ora è il premio più alto per il nuovo Adamo, che non nasce più dal fango, ma dall’estasi del dolore: dopo il tormento la conoscenza.

13 Pathei mathos Un paradigma che ci riconduce alla visione greca, eschilea, del sapere come pathei mathos (πάθει μάθος), ovvero un sapere che nasce dal dolore, anzi l’ineludibile condizione perché il dolore abbia un senso è che lasci un deposito di saggezza, che divenga sapienza alla luce di una conoscenza fondata sui fatti.

14 Il dolore e la conoscenza Il Servo di Dio è in realtà l’uomo nuovo, l’uomo visto da Isaia, che non può più rinunciare alla sua dignità, nemmeno quando cade nel baratro della solitudine e dell’incomprensione. L’umanità delineata da Isaia si è realizzata nel Messia, in Cristo che rappresenta, ancor prima che una visione teologica e teleologica, una incontenibile tensione Poetica. Isaia traccia il volto di un’umanità nuova, piena e autentica, debole ma forte in quanto cosciente che nel più intimo tormento sono infisse le radici della più saziante ed elevata conoscenza

15 La Nuova Gerusalemme Il Tritoisaia è invece il profeta della gloria finale. La Nuova Gerusalemme è disegnata come la città nella quale tutti vogliono recarsi portando la loro ricchezza e la loro aspirazione alla gioia. La Nuova Gerusalemme ha gli stessi tratti del Messia: Dopo essere stata derelitta, odiata, senza che alcuno passasse da te, io farò di te l'orgoglio dei secoli, la gioia di tutte le generazioni. … 21 Il tuo popolo sarà tutto di giusti, per sempre avranno in possesso la terra, germogli delle piantagioni del Signore, lavoro delle sue mani per mostrare la sua gloria.

16 La Nuova Umanità 3 Sarai una magnifica corona nella mano del Signore, un diadema regale nella palma del tuo Dio. 4 Nessuno ti chiamerà più “Abbandonata”, né la tua terra sarà più detta “Devastata”, ma tu sarai chiamata “Mio compiacimento” e la tua terra, “Sposata”, perché il Signore si compiacerà di te e la tua terra avrà uno sposo. Una visione poetica travolgente, che traccia paradigmi di riferimento che vanno oltre il tempo in cui sono stati concepiti. Il modello dell’Umanità Nuova è dunque quell’utopia poetica senza la quale la stessa fede sarebbe più povera.


Scaricare ppt "Selezione a cura di Stefano Quaglia Parte Seconda – 28 marzo 2014 Deuteroisaia (40-55) - Tritoisaia (56-66)"

Presentazioni simili


Annunci Google