La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Essere Manager: Come costruire un team di successo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Essere Manager: Come costruire un team di successo."— Transcript della presentazione:

1 Essere Manager: Come costruire un team di successo

2 “Un uomo con la fede è uguale a un gruppo di 90 persone che ha solo interessi”

3 Come realizzare i nostri sogni? Averne uno preciso e dettagliato

4 Quali sono le tue mete Scrivi una descrizione precisa di una determinata scena che al momento non esiste, ma che desideri realizzare da qui a 5 anni

5 Ecco chi l’ha fatto prima di te

6 Il sogno di Mirko Tra 5 anni vorrei un’azienda più organizzata con un gruppo di 6 formatori che lavorano per me e che facciano 3 corsi a testa al mese per la mia azienda. Uno per ogni regione che ho preso come riferimento. Io mi limiterei a solo 2 corsi al mese potendomi dedicare a i miei studi e a creare sempre nuovi protocolli formativi e a pensare di far crescere l’azienda. Vorrei trovare un agriturismo, prenderlo in gestione e organizzare meeting sull’autostima dove le persone possono venire a ritrovare il piacere di vivere.

7 NOI SIAMO LE NOSTRE IDEE

8 In qualsiasi area della vita dove non eccelliamo abbiamo delle idee che ci limitano

9 risultati azioni idee

10 I MIEI CLIENTI PENSANO CHE SONO SCONTROSA A OGNI RICHIESTA MI ARRABBIO I CLIENTI SONO TUTTI VIZIATI E ARROGANTI I CLIENTI MI CONSIDERANO UNA PERSONA GENTILE CERCO DI ACCONTENTARLI IN TUTTO IL CLIENTE HA SEMPRE RAGIONE

11 QUAL’E’ L’IDEA RIGUARDO AI TUOI DIPENDENTI? COMINCIAMO A CAMBIARE?

12 Quale problema hai nel gestire i dipendenti? Non fanno quello che gli dico Non comprendono che devono migliorare il loro lavoro Non sono motivate Non portano a termine i lavori assegnati Non riescono a creare un clima sereno

13 NON HAI IL CONTROLLO DEL TUO PERSONALE

14 Cominciamo a prenderci la responsabilità se vogliamo chiamarci responsabili Facciamolo!

15 Come mi sento quando non ho controllo Arrabbiato Demotivato Frustrato Insoddisfatto Ansioso Preoccupato

16 Decidi se sei causa o effetto Essere effetto Non controllo le situazioni Mi lamento Non riesco a risolvere Essere Causa Risolvo Conosco Comunico Agisco

17 Se ci sentiamo effetto dei collaboratori sono loro che ci controllano

18 La causatività é contaggiosa “Ma tu non hai capito niente, guarda qui che casino stai facendo” “ Mi sa che non sei tu che non hai capito, ma sono io che ti ho spiegato male”

19 Scala causatività Altrui determinato Tutto è determinato da altri Niente è causa mia Auto-determinato Molto dipende da me, ma non posso comandare sugli altri

20 Piramide del controllo Conoscenza ResponsabilitàControllo

21 Dice Ken Blanchard “Autore di One minute manager” Se vuoi sapere perché i tuoi collaboratori non lavorano bene, fermati un attimo, vai di fronte allo specchio e guarda. Nella maggior parte dei casi, la causa più grande del problema ti sta guardando dritta negli occhi

22 Essere Leader Riconoscere il problema Riconoscere la causatività Acquisire la conoscenza Agire per risolvere

23 MA PER ESSERE LEADER DEVO SENTIRMI UN LEADER

24 Il metodo più importante?... Non perdere la positività Avere una costante e buona carica positiva

25 Quando un vostro dipendente non fa quello che gli avete chiesto come reagite?

26 SCALA DEL TONO EMOZIONALE ENTUSIASMO (TUTTO E’ POSSIBILE) ALLEGRO (QUASI TUTTO E’ POSSIBILE) LOGICO (FACCIO SOLO CIO’ CHE HA FUNZIONATO) NOIA (MA PERCHE’ FARLO ) ANTAGONISMO ( IO VINCO SE LUI PERDE) COLLERA (POSSIBILE SE LO ABBATTO) ANSIA ( LE COSE NUOVE PORTANO PROBLEMI) AFFLIZIONE (NULLA E’ POSSIBILE ) APATIA ( SENZA EMOZIONI)

27 Antagonista Tende a considerarsi in gara con i propri collaboratori Focalizza l’attenzione su quanto è bravo lui “Ah, certo l’ho formato io!!!” Mette in evidenza le lacune del dipendente poiché se è bravo potrebbe superarlo

28 La comunicazione in azienda sarà sempre dall’alto verso il basso Un manager così è positivo con collaboratori alle prime armi, ma davanti a persone capaci tenderà a schiacciarli e demotivarli

29 Manager contrariato Atteggiamento critico e accusatorio Quando qualcosa viene fatta bene lo considera un dovere che non merita un elogio Diffidente e sospettoso nei confronti dei dipendenti

30 RISULTATO DI QUESTO COMPORTAMENTO Collaboratori fanno le cose solo per paura e senza motivazione Collaboratori diventano meri esecutori senza iniziativa Persone che fanno errori per colpa della paura Turnover delle persone positive

31 A cosa si rinuncia Accesso alle vere idee dei collaboratori Mancanza di iniziativa

32 L’allegria e il buon umore del manager costituiscono il bene strumentale più importante dell’azienda Con un grammo di allegria si ottiene di più dalle persone che non con una tonnellata di critiche e discorsi seri

33 DEVI RITROVARE LE TUE METE CONDIVIDILE CON I TUOI IMPIEGATI

34 TRATTA I TUOI DIPENDENTI COME I TUOI CLIENTI SOLO ALLORA AVRAI UN PERSONALE CHE TI REGALA BRACCIA TESTA CUORE

35 QUAL E’ LO SCOPO DELLA TUA ATTIVITA’? IN CHE DIREZIONE VUOI ANDARE? COMUNICALO E DAI UNA META AI TUOI DIPENDENTI

36 PER DEFINIZIONE UN GRUPPO E’ COMPOSTO DA PERSONE CHE HANNO LA STESSA META DEVI CONDIVIDERE LO SCOPO = COSA VOGLIO LO SCOPO ETICO = COME LO VOGLIO MOTIVAZIONE = PERCHE’

37 COSA INTENDI REALIZZARE DA QUI A 6 MESI?

38 QUALI SONO I VANTAGGI CHE OTTERRA’ CHI TI AIUTERA’ A REALIZZARE QUESTA META’?

39 QUAL E’ LO SCOPO DEI TUOI COLLABORATORI COSA VOGLIONO REALIZZARE NELLA VITA AIUTALI A REALIZZARE I LORO SOGNI

40 COSA MOTIVA I DIPENDENTI? PERSONALMENTE VADO MATTO PER LE FRAGOLE CON LA PANNA, MA NON SO PER QUALE STRANA RAGIONE, I PESCI PREFERISCONO I VERMI Dale Carnige

41 Domande importanti Cosa cerchi in un lavoro? Come fai a sapere di aver successo in qualcosa? Parlami della tua esperienza di lavoro preferita? Cosa ha reso questa esperienza positiva?

42 Conosciamo i valori dei nostri dipendenti? Valori professionali  Piacere  Serenità  Distanza  Fiducia/stima  Denaro  Orari  Professionalità  Crescita  Stimoli/ cambiamento  Messa in regola  Ambiente / arredamento  Sicurezza nel futuro  Autonomia

43 CONOSCERE I VALORI POSITIVI CHE COSA CONTA PER TE DI PIU’ NELLA VITA? SICUREZZA SUCCESSO COMODITA’ PASSIONE LIBERTA’ POTERE ONESTA’ ALLEGRIA IMPARARE/CRESCERE REALIZZARSI CONTRIBUIRE SALUTE AMORE

44 Basta lo stipendio? Lo stesso stipendio viene offerto da altre aziende Non si hanno più necessità impellenti Lo stipendio viene visto come diritto

45 Il dipendente è un cliente Interno Dobbiamo vendere il lavoro al dipendente

46 La prima regola della vendita? Capire le esigenze del cliente

47 COSA TI MOTIVA DI PIU’ 1.COMPRENSIONE E INTERESSE VERSO I PROBLEMI PERSONALI 2.BUON LIVELLO SALARIALE 3.PIENO APPREZZAMENTO PER IL LAVORO SVOLTO 4.SENTIRSI COINVOLTI NEI PROBLEMI DEL LAVORO 5.LAVORO INTERESSANTE 6.BUONE CONDIZIONI DI LAVORO 7.UNA DISCIPLINA NON OPPRIMENTE 8.LEALTA’ DELLA DIREZIONE VERSO I LAVORATORI 9.PROMOZIONI E CRESCITA INSIEME NELL’AZIENDA 10.SICUREZZA DEL POSTO DI LAVORO

48 Ecco come hanno risposto Pieno apprezzamento per il lavoro svolto Cerco sempre di notare quello che fanno male per aiutarli a migliorare. Fare le cose fatte bene è un loro compito, è scontato

49 Le idee che ci bloccano “Quando io facevo il dipendente mi comportavo in modo diverso. Non capisco come mai lei abbia bisogno di tutte queste cose per lavorare. Io, ai miei tempi, non ne avevo bisogno” Se il collaboratore avesse le nostre stesse capacità di automotivazione oggi sarebbe un nostro concorrente

50 Altra idea sbagliata “I buoni risultati dei collaboratori sono scontati. Perché mai dovrei dire bravo ad una persona che semplicemente fa il lavoro per la quale è pagata?” “ Un lavoro facile per noi, per un’altra persona potrebbe essere difficile”

51 Ma quando sbagliano quindi? Il dipendente cerca nel datore di lavoro un bravo allenatore che lo migliori Questo non vuol dire fare il lavoro per lui, ma dargli i consigli giusti finché non sarà lui a fare un buon lavoro

52 Aiutiamo a far vincere i nostri collaboratori. Questa sarà la nostra vera vittoria

53 Al secondo posto Sentirsi coinvolti nei problemi del lavoro Se devo remare per te mi devi dire dove siamo e dove andiamo Prendiamo la responsabilità solo dopo essere informati

54 Cosa dobbiamo fare? 1.Fare riunioni 2.Mostrare le statistiche 3.Premiare il buon lavoro e il buon impegno

55 Terzo posto Comprensione e interesse verso i problemi personali ( Vero interesse per lui come persona)

56 Ma… Conosciamo le mete e le ambizioni dei nostri collaboratori? Facciamo caso alle loro emozioni e problematiche?

57 1.PIENO APPREZZAMENTO PER IL LAVORO SVOLTO 2.SENTIRSI COINVOLTI NEI PROBLEMI DEL LAVORO 3.COMPRENSIONE E INTERESSE VERSO I PROBLEMI PERSONALI 4.BUON LIVELLO SALARIALE 5.SICUREZZA DEL POSTO DI LAVORO 6.LAVORO INTERESSANTE 7.PROMOZIONI E CRESCITA INSIEME NELL’AZIENDA 8.LEALTA’ DELLA DIREZIONE VERSO I LAVORATORI 9.BUONE CONDIZIONI DI LAVORO 10.UNA DISCIPLINA NON OPPRIMENTE

58 PACCHETTO RETRIBUTIVO ATTESO RETRIBUZIONE TANGIBILE STIPENDIO INCENTIVI SPAZI/ATTREZZATURE RETRIBUZIONE INTANGIBILE PIENO APPREZZAMENTO PER IL LAVORO SVOLTO COINVOLGIMENTO NEI PROBLEMI DEL LAVORO INTERESSE PER LUI COME PERSONA

59

60 GESTIONE DEL TEMPO

61 Ma come gestisco il mio tempo? Se avessi tanto tempo a disposizione cosa farei per la mia azienda?

62 Ma ricordate che oggi si corre L’imprenditore deve essere capace di gestire il presente e pianificare il futuro

63 Come gestire il nostro tempo Quadrante 1 Manager mediocre Quadrante 2 Manager vincente Quadrante 3Quadrante 4 Non urgente Non urgente URGENTEURGENTEURGENTEURGENTE Importante Non importante Non importante

64 Quadrante 2 Formare il personale Motivare il personale Pianificare Organizzare Sviluppare nuove opportunità Consolidare relazioni importanti Attività preventive Dedicarsi alla famiglia

65 Come gestire il tempo Fissiamo tutto in agenda identificando quanto tempo al giorno devo dedicare al quadrante 2 Non farsi schiacciare dal quadrante 3 Non cedere assolutamente: rimandare un’urgenza di qualche ora non fa crollare il mondo Dedicarsi attentamente e senza distrazioni

66 Esercitiamoci Per ogni area del quadrante 2 scegliere quali sono i nostri obiettivi nello specifico Prendete la vostra agenda e cominciate a programmare quando dedicarvi a queste cose (ricordate che una volta scritte queste date sono inviolabili) Su 8 ore lavorative 2 devono essere dedicate al quadrante 2

67 Ecco cosa porterà il quadrante 2 Se ho dei collaboratori che non vendono domiciliari e pacchetti Se ho estetiste che non crescono professionalmente Se ho pochi clienti e devo pensare a come farli entrare Se da tempo cerco un nuovo trattamento, una nuova linea Se da tempo voglio fare una domanda per un prestito Ecc…

68 Come far sposare la meta aziendale

69 Sposare la meta aziendale = Sentire l’azienda mia

70 Cosa serve per desiderare di sposare le mete aziendali LA PERSONA DEVE AVERE LA POSSIBILITA’ DI TRIONFARE

71 TRIONFARE ECCELLERE RICEVERE APPREZZAMENTI LASCIARE IL SEGNO DIMOSTRARE LA PROPRIA UNICITA’

72 SCARSE COMPETENZE BUONE COMPETENZE BUONI BRACCI DESTRI PLASMABILI E DISPONIBILI CASI DI INSODDISFAZIONE NELLA CLIENTELA BUONI DIRIGENTI Ci si può fidare nella delega nel motivare gli altri e nel pensare insieme all’espansione dell’azienda FUNZIONE COPERTA IN APPARENZA NON AVENDO SPOSATO LA CAUSA NON E’ EFFICIENTE NEL LAVORO E OTTIENE PROGRESSI SCARSI CREATORI DI STRESS E PROBLEMI OSTICI A GESTIRE E MERCENARI PRONTI A TRADIRE L’AZIENDA META SPOSATA META NON SPOSATA SCARSE COMPETENZE BUONE COMPETENZE

73 IL NOSTRO DIPENDENTE QUINDI DEVE MIGLIORARE PERSONALMENTE MIGLIORARE ECONOMICAMENTE AVERE UN IMPATTO POSITIVO SULLA SOCIETA’

74 RISPONDI A QUESTE DOMANDE Analizza i tuoi dipendenti a quale quadro fanno parte? Quali sono i vantaggi che metterai in atto per motivare il tuo personale?

75 Le caratteristiche del leader

76 Ho sbagliato una volta e me l’hanno rinfacciato in eterno Quando non sbaglio, nessuno apre bocca

77 Le gratificazioni Inaspettate Meritate Non economiche Differenziate

78 Vedi dal punto di vista dell’altra persona

79 Non essere leader Stai sempre attento e sulla difensiva. Richiedi prove e documentazione di tutto. Reagisci ai sintomi invece di cercare le cause. Metti sempre te stesso in prima fila. Fai sapere a tutti quello che ti da fastidio. Dimostri rigidità. Ascolti in maniera negativa. Sei avaro di complimenti. Fai sapere a tutti quello che fai!

80 IL PESSIMO LEADER CONTINUA A EMETTERE ORDINI A PERSONE CHE NON HANNO ESEGUITO QUELLI PRECEDENTI

81 Le aziende che hanno successo sono quelle in cui la gente è trattata con rispetto e dignità, in cui i dipendenti sono visti come partner, non come strumenti

82 Calibriamo le parole Poco flessibili Certamente, indubbiamente Flessibili Ritengo, capisco, mi sembra

83 Abbassiamo la tensione “Apprezzo quello che dici, e…….” “Ho il pieno rispetto di quello che dici, e….” “Sono d’accordo con te, e……”

84 Rispettate il punto di vista dell’altro cercate i punti d’accordo

85 Usiamo l’umorismo

86 IL COLLABORATORE SENTE CHE PUO’ COMUNICARE CIO’ CHE PENSA AL SUO LEADER SENZA AVERE PAURA DELLE CONSEGUENZE

87 COME SVILUPPARE LE QUALITA’ DEI NOSTRI COLLABORATORI “Tratta le persone come sono ed esse resteranno tali. Trattale come dovrebbero ed esse lo diventeranno”

88 DAVANTI A UN ERRORE IL MANAGER DEVE PROVARE UN SENTIMENTO DI INTERESSE E NON DI ACCUSA La sua è una curiosità per capire cosa e successo e le vere idee del collaboratore

89 Altre caratteristiche Ascoltare Far circolare notizie positive, non cercare di esaltare sempre il negativo La minaccia non incoraggia Concentrati sui lati positivi, se mi concentro su quelli negativi quelli positivi diminuiranno

90 Esempio di richiamo positivo “Luisa ti volevo parlare per farti i complimenti: più di un cliente mi ha fatto i complimenti per la tua gentilezza e professionalità, sono molto felice. Penso che adesso che hai molto più appiglio su di loro dovremmo concentrarci anche sulla vendita dei domiciliari. Sei pronta per fare un passo in più all’interno del centro?” ( Adesso cominciamo a formare Luisa sulla vendita)

91 Regole di correzione Occupiamoci di una lacuna alla volta Nell’azienda deve esserci solo un capo

92 Riusciamo a vedere i lati positivi Scriviamo su un foglio 5 lati positivi del collaboratore con cui abbiamo più problemi Se di questa persona vedete solo i lati negativi come potrete applicare le regole fondamentali della leadership?

93 QUANDO USARE LA RABBIA Alzare il proprio tono emozionale, usare un “Rimprovero “ è utile nei casi più disparati: quando, dopo diversi tentativi, la persona non esegue i nostri comandi. Ricordate che non seguire i comandi vuol dire perdere leadership.

94 La collera va espressa verso l’atto non eseguito, non verso la persona. “Sei disordinata, fai sempre come c… ti pare. Ti butto fuori!!!” “Ho detto di sistemare la cabina ogni volta che finisci il trattamento!” La collera è un ordine, non un rimprovero

95 A compito eseguito scusarsi sempre del modo violento di agire

96 Mettiamo subito in pratica Resettate il passato Adottate il principio di causatività Prendete la vostra agenda e organizzate il 30% per il personale Cercate e complimentatevi per le cose fatte bene Poni con cadenza regolare le riunioni, minimo 2 al mese

97 Organizza la prima riunione piena di apprezzamenti e riconoscimenti e comunica la nuova meta aziendale quella in cui c’è il trionfo del tuo personale

98 SITUAZIONI DI RIMPROVERO ARRIVA SEMPRE IN RITARDO NON SISTEMA MAI LA CABINA HA PARLATO MALE DI TE A UNA CLIENTE HA RISPOSTO MALE A UNA CLIENTE VA SUBITO A CASA GUARDANDO ANCHE IL MINUTO IN PIU’ NON HA MAI VENDUTO NIENTE FA ACCAVALLARE GLI APPUNTAMENTI


Scaricare ppt "Essere Manager: Come costruire un team di successo."

Presentazioni simili


Annunci Google