La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione all’Learning Design Jeffrey Earp (ITD-CNR) Università Ca’ Foscari, Venezia Master “Metodologie della Formazione in Rete” Febbraio 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione all’Learning Design Jeffrey Earp (ITD-CNR) Università Ca’ Foscari, Venezia Master “Metodologie della Formazione in Rete” Febbraio 2008."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione all’Learning Design Jeffrey Earp (ITD-CNR) Università Ca’ Foscari, Venezia Master “Metodologie della Formazione in Rete” Febbraio 2008

2 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008

3

4

5

6 Cosa faremo? le attività Presentazione Dimostrazione Esercitazione Discussione & riflessione

7 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 I concetti del LD & il quadro generale gli strumenti per il Learning Design L’approccio alla progettazione Conclusioni Cosa analizzeremo? gli argomenti

8 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Come procederemo? i metodi Presentazione frontale Dimostrazione frontale + Q&A Attività a coppia Discussione in plenaria

9 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 aula videoproiettore notebook - diapositive PP - quaderni - penne Cosa useremo? ambienti e strumenti aula videoproiettore strumenti LD aula PCs - rete informatica collegamento internet browser - strumenti LD (aula)

10 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Come ci comunicheremo? le dinamiche 1 a molti (unidirezionale) 1 a molti (unidirezionale) 1 a 1 (bidirezionale) 1 a 1 (Studente a studente) 1 a 2 (docente – coppia) molti a molti (interazione di gruppo)

11 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Come ci rapporteremo? i ruoli docente: lecturer studenti: ascoltatori notetakers docente: dimostratore studenti: ascoltatori osservatori docente: guida studenti: sperimentatori docente: moderatore facilitatore studenti: interlocutori

12 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 ?

13 Pensare all’intervento didattico e rappresentarlo come … una struttura (sequenziale) - un workflow

14 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Pensare all’intervento didattico e rappresentarlo come … una struttura - un workflow

15 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008

16 Per esempio….  attività  argomenti  metodi  ambienti e strumenti  dinamiche di comunicazione  ruoli Pensare all’intervento didattico e rappresentarlo come … un insieme di parametri che lo descrivono (descrittori)

17 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Introduzione all’Learning Design Presentazione Dimostrazione Esercitazione Discussione & riflessione

18 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Presentazione  Base concettuale  Quadro generale  Iniziative e strumenti

19 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Dimostrazione Uno sguardo ad alcuni strumenti LD Learning Activity Management System (LAMS) Pedagogical Plan Manager (PPM)

20 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Esercitazione Prova guidata con LAMS (attività di copia) Costruzione di un activity sequence utilizzando l’ambiente author Prova guidata con PPM (attività di copia) Costruzione di un pedagogical plan utilizzando l’ambiente author

21 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Discussione & riflessione Discussione in plenaria Esito dell’esercitazione Riflessioni sugli strumenti e la loro potenziale didattica Considerazioni conclusive

22 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Introduzione all’Learning Design Presentazione Dimostrazione Esercitazione Discussione & riflessione Base concettuale Quadro generale Iniziative e strumenti

23 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Presentazione  Base concettuale  Quadro generale  Iniziative e strumenti

24 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Base concettuale  Definizione - Learning Design cos’è? rappresentare… modellare, pianificare, formalizzare …processi di apprendimento / insegnamento a priori, in itinere, a posteriori …con il supporto di mezzi informatici formalizzazione

25 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Base concettuale  Definizione - Learning Design cos’è? rappresentare processi di apprendimento / insegnamento con il supporto di mezzi informatici per…..

26 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Obiettivi primari Consentire di automatizzare certi processi nel design (e nell’esecuzione) di interventi formativi - linguaggi formali Facilitare la gestione della complessità inerenti a tali processi (specialmente nel technology-enhanced learning) Mettere i luce gli aspetti pedagogici dell’apprendimento in rete (e non solo) Supportare rappresentazioni multiple dei processi educativi a diversi livelli di astrazione, granularità, formalizzazione, operatività Favorire l’identificazione, la condivisione ed il riutilizzo delle migliore pratiche nella progettazione di interventi formativi Favorire la meta-cognizione e la riflessione nei processi di progettazione Base concettuale

27 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Base concettuale ROLE (l’operato di un attore nel processo didattico) ACTIVITIES (di apprendimento, di supporto) ENVIRONMENT (oggetti, servizi, condizioni di contesto) performs within an

28 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 UNIT OF LEARNING (elemento di base per descrivere processi didattici) “in a unit of learning people act in different roles in the teaching-learning process, working toward certain objectives by performing learning and/or support activities within an environment, consisting of learning objects and services to be used during the performance of the activities” Koper et al (OUNL) Base concettuale

29 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Rappresentazioni multiple dei processi educativi a diversi livelli di astrazione, granularità, formalizzazione, operatività concreto astratto un learning design come unità didattica istanziata rivolta ad un gruppo specifico, un contesto un learning design come modello potenzialmente adottabile Base concettuale

30 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Quadro generale  Un campo di indagine, ricerca, sviluppo e sperimentazione ancora work in progress  Legato al mondo dell’e-learning ma si distingue dall’instructional design  Comprende visioni, priorità e approcci diversi

31 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Quadro generale Due prospettive diverse correlate al Learning Design  Pedagogical planning focalizza l’attenzione sugli aspetti teorici e pedagogici dei processi  meta-cognizione e riflessione nella progettazione (effetto maeutico)  Pedagogical patterns focalizza l’attenzione sulle dinamiche di interazioni sociali nei processi di apprendimento  modelli ad alto livello di astrazione da istanziare (e.g. jigsaw)

32 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Le possibilità operative di LD

33 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008

34 L’effetto maeutico del LD

35 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 ITD background in pedagogical planning

36 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Remath European project co-funded by the EU’s Information Society Technologies (IST) Sixth Framework Programme

37 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Remath Collaborative development of a theoretical and operative framework for technology- enhanced maths learning

38 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Each maths research team develops and refines a specific digital application for maths learning

39 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Experimental classroom activities centred on these tools are conducted

40 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Cross-testing of activities

41 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 pedagogical scenario

42 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 pedagogical scenario

43 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 pedagogical scenario pedagogical designers teacherssoftware developers researchers

44 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 pedagogical designers teacherssoftware developers researchers pedagogical scenario

45 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Hierarchical Pedagogical Plan = HiPP

46 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 SNIPP 2 SNIPP 3 SNIPP 6 SNIPP 4 SNIPP 1 SNIPP 8 SNIPP 7 SNIPP 5 SNIPP 9 HiPP

47 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 SNIPP 2 SNIPP 3 SNIPP 6 SNIPP 4 SNIPP 1 SNIPP 8 SNIPP 7 SNIPP 5 SNIPP 9 HiPP

48 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 HiPP SNIPP 2 SNIPP 3 SNIPP 6 SNIPP 4 SNIPP 1 SNIPP 8 SNIPP 7 SNIPP 5 SNIPP 9

49 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 SNIPP 6 SNIPP 8 SNIPP 2 SNIPP 3 SNIPP 4 SNIPP 1 SNIPP 7 SNIPP 5 SNIPP 9 HiPP SNIPP X SNIPP Y

50 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Descriptor schema HiPP

51 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Quadro generale Content Management Systems Learning objects + metadata Focus iniziale dell’e-learning sulla creazione e gestione dei contenuti, e l’interazione (spesso individuale) con essi Standards per l’interoperabilità fra sistemi ed il riutilizzo di risorse Learning Management Systems LCMS

52 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Quadro generale Focus iniziale sulla creazione e gestione dei contenuti, e l’interazione (individuale) con essi Limiti dal punto di vista pedagogico: opportunità di aprire anche ad approcci di ispirazione socio-costruttivista

53 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Rappresentazione e modellizzazione dei processi didattici attraverso linguaggi formali Educational Modelling Language (1998) * IMS-LD (2001) * * Rob Koper et al - Open University of the Netherlands (OUNL) Iniziative e strumenti

54 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Iniziative e strumenti Specifications e standards per e-learning  IMS Content Packaging  IMS Question & Test Interoperability  IMS Simple Sequencing  SCORM  IMS Learning Design

55 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 administration learning resources competencies registry/ authority course delivery system / vle student pedagogy tests & assessment activities dialogue teacher repository Original diagram by C. Duncan repository Specifiche e standard per elearning (Chris Kew CETIS 2004)

56 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 administration learning resources competencies registry/ authority course delivery system / vle student pedagogy tests & assessment activities dialogue teacher repository IMS Competency Definition Meta-data IMS Content Packaging IMS QTI IMS Enterprise IMS LIP IMS DRI IMS Simple Sequencing (draft) IMS Learning Design IMS DRI Original diagram by C. Duncan Specifiche e standard per elearning (Chris Kew CETIS 2004)

57 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Iniziative e strumenti LD Sistema di learning design Player - eseguire il design Editor – creare il design + Engine – implementare il design +

58 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Iniziative e strumenti LD Learning & Content Management System learning design system e.g. Moodle, Sakai, Blackboard e.g. LAMS

59 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Iniziative e strumenti LD author learner system manager monitor LAMSLAMS

60 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 LAMS VERSIONE 2.0: caratteristiche  Applicazione client-server  Open source (gratis, personalizzabile)  Client browser-based (tecnologia Flash)  Disponibile in più lingue (configurabile)  Integrazione con i maggiori LMS  Conforme IMS-LD (Livello A)  User Community: condivisione sequenze (designs), support tecnico e pedagogicoUser Community  Demo serverDemo server

61 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Introduzione all’Learning Design Presentazione Dimostrazione Esercitazione Discussione & riflessione Base concettuale Quadro generale Iniziative e strumenti LAMS PPM LAMS PPM Esito Riflessione Conclusione

62 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Cosa faremo? 2. DIMOSTRAZIONE Learning Activity Management System (LAMS) Pedagogical Plan Manager (PPM)

63 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Cosa faremo? 3. ESERCITAZIONE Learning Activity Management System (LAMS) Pedagogical Plan Manager (PPM)

64 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 Cosa faremo? 4. RIFLESSIONE & DISCUSSIONE Esito dell’esercitazione Riflessione sugli strumenti e le potenzialità Considerazioni conclusive

65 Jeffrey Earp ITD-CNR 2008 LAMS login LAMS – iscrizione versione demo /register.php Pedagogical Plan Manager (PPM)


Scaricare ppt "Introduzione all’Learning Design Jeffrey Earp (ITD-CNR) Università Ca’ Foscari, Venezia Master “Metodologie della Formazione in Rete” Febbraio 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google