La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti."— Transcript della presentazione:

1 Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti

2 La capacità giuridica è la idoneità a divenire titolari di diritti e di doveri. Nel nostro ordinamento per le persone fisiche è attribuita dal legislatore per il solo fatto della nascita.

3 Il concepito non è invece considerato soggetto dal nostro ordinamento ogni acquisto destinato al concepito è infatti subordinato all’evento della nascita (art. 1 co. 2 c.c.).

4 Art. 22 Cost.: Nessuno può essere privato, per motivi politici, della capacità giuridica, della cittadinanza, del nome. In questo modo il nostro ordinamento evita la sanzione della morte civile.

5 Non sono ammissibili discriminazioni alcune giustificate per ragioni di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali (art. 32 Cost.).

6 Si. Ad esempio lo straniero può essere ammesso a godere di diritti civili a condizione di reciprocità (art. 16 disp. prel.) cioè nei limiti in cui lo Stato di appartenenza dello straniero riconoscerebbe gli stessi diritti ad un cittadino italiano.

7 Diversa rispetto alla capacità giuridica è la capacità di agire.

8 La capacità di agire consiste infatti nella idoneità a compiere validamente atti giuridici che consentano al soggetto di acquisire e esercitare diritti o di assumere e adempiere obblighi.

9 La capacità di compiere validamente atti giuridici è attribuita dal legislatore al soggetto che abbia raggiunto un’adeguata maturità psichica la ratio è quella di far si che in questo modo il soggetto sia completamente in grado di comprendere la convenienza degli atti che compie.

10 La legge fissa perciò con criterio generale un’età eguale per tutti al cui raggiungimento si reputa che ciascuno sia capace di assumere validamente ogni decisione che lo riguarda.

11 Art. 2 co. 1 cc.: “la maggiore età è fissata al compimento del diciottesimo anno. Con la maggiore età si acquista la capacità di compiere tutti gli atti per i quali non sia stabilità un’età diversa”.

12 Di regola sono annullabili a meno che il minore abbia non soltanto dichiarato, falsamente, di essere maggiorenne, ma addirittura abbia con raggiri occultato la sua minore età.

13 L’annullabilità può essere fatta valere dal rappresentante del minore o da quest’ultimo quando ha raggiunto la maggiore età. L’annullabilità non può mai essere fatta valere dal minorenne. AMMONIMENTO NEI CONFRONTI DEL MAGGIORENNE AD ASTENERSI DAL CONCLUDERE AFFARI DI RILIEVO CON MINORI.

14 Eccezioni a questa regola Contrarre matrimonio Richiesta di interruzione di una gravidanza Esercizio del diritto d’autore Accensione di libretti di risparmio nominativi.

15 Capacità giuridica e di agire: Capacità giuridica idoneità ad essere titolari di diritti e doveri Capacità di agire idoneità a compiere validamente atti giuridici.

16 ‘Incapacità’

17 Di fatto un soggetto maggiorenne può tuttavia essere incapace di intendere il valore dei suoi atti

18 I nterdizione Inabilitazione Incapacità naturale Amministrazione di sostegno

19 Interdizione L’interdizione ricorre nei casi in cui un maggiorenne si trova in condizioni di abituale infermità di mente e determina una situazione di incapacità legale identica a quella in cui si trova il minore e tale per cui i suoi atti sono annullabili Possono richiedere l’interdizione il coniuge o i parenti entro il 4 grado, gli affini entro il 2 rado, il tutore il curatore ovvero il Pubblico ministero L’incapacità decorre dalla data della sentenza mediante la quale si provvede all’annotazione in margine all’atto di nascita.

20 Interdizione giudiziale e legale L’interdizione giudiziale è quella fino ad ora vista e si determina in base ad una sentenza giudiziale. L’interdizione legale è prevista dal codice penale come pena accessoria di una condanna alla reclusione non inferiore a 5 anni. si applicano le stesse norme previste per l’interdizione giudiziale.

21 Sono le ipotesi in cui intervengono menomazioni psichiche: drogato, ubriaco etc.

22 Cosa succede agli atti compiuti da un soggetto in stato di incapacità naturale ?

23 L’impugnabilità e conseguente invalidità consegue alla sola incapacità naturale

24 Per l’invalidità dell’atto occorre oltre all’incapacità di intendere e di volere “un grave pregiudizio” a danno dell’incapace

25 Per l’invalidità dell’atto occorre oltre all’incapacità di intendere o di volere “la mala fede dell’altro contraente” Il pregiudizio è solo un indice rivelatore della mala fede

26 L’inabilitazione si differenzia dalle incapacità legali finora esaminate in quanto non è assoluta ma relativa o parziale il soggetto non può compiere da solo gli atti che possano incidere più sensibilmente sul suo patrimonio, ma può compiere validamente atti di ordinaria amministrazione

27 L’inabilitazione può essere pronunciata dal giudice nei confronti dell’infermo di mente lo stato del quale non sia talmente grave da far luogo a interdizione.

28 (i) Infermità di mente non talmente grave da far luogo all’interdizione; (ii) Prodigalità intesa come impulso patologico che incide negativamente sulla capacità del soggetto di valutare la convenienza dell’affare; (iii) Abuso abituale di bevande alcoliche o di stupefacenti; (iv) Sordomutismo o cecità.

29 Inabilitazione Per gli atti di straordinaria amministrazione l’inabilitato dunque necessita dell’intervento di un curatore Il curatore non si sostituisce all’incapace ma integra la volontà di quest’ultimo previo autorizzazione giudiziale Es. per la vendita di un bene di proprietà dell’inabilitato occorrerà il consenso dell’inabilitato e del curatore previa autorizzazione giudiziale.

30 Il procedimento di inabilitazione ricalca quello di interdizione: soggetti legittimati (in parte), fase istruttoria etc.

31 Amministrazione di sostegno L’amministrazione di sostegno si apre con decreto motivato del giudice tutelare Infermità o menomazione fisica o psichica della persona Impossibilità per il soggetto, a causa della infermità o menomazione, di provvedere ai propri interessi

32 Amministrazione v. interdizione Ai fini dell’apertura dell’amministrazione di sostegno Rileva non solo una menomazione psichica ma anche fisica Rileva non solo un’infermità di mente ma anche una semplice menomazione psichica Rileva non solo un’infermità o menomazione psichica abituale ma anche un’infermità o menomazione temporanea Rileva non solo un’infermità o menomazione che coinvolga integralmente la sfera psichica o fisica del soggetto ma anche un’infermità che incida su taluni profili della personalità

33 Il decreto di apertura dell’amministrazione di sostegno può tuttavia essere emesso nell’ultimo anno della minore età dell’interessato pur divenendo esecutivo solo al 18 anno

34 Il procedimento di amministrazione di sostegno può essere promosso. Dallo stesso beneficiario Dal coniuge Dalla persona stabilmente convivente Dai parenti entro il 4 grado Dagli affini entro il 2 grado Dal tutore o dal curatore Dal pubblico ministero Dai responsabili dei servizi sanitari e sociali direttamente impegnati nella cura della persona

35 Mentre gli effetti dell’interdizione e dell’inabilitazione sono sostanzialmente predeterminati dalla legge gli effetti dell’amministrazione di sostegno sono determinati di volta in volta dal provvedimento del giudice tutelare

36 Il giudice tutelare nomina all’interessato un amministratore di sostegno nella persona designata dallo stesso interessato in previsione della propria eventuale futura incapacità.

37 In mancanza di tale designazione, scegliendolo, preferibilmente, nella persona del coniuge non legalmente separato della persona stabilmente convivente del padre o della madre del figlio del fratello etc.

38 Gli atti che l’amministratore di sostegno ha il potere di compiere in nome e per conto del beneficiario, che correlativamente perde la possibilità di porli in essere personalmente con conseguente annullabilità.

39 Gli atti cui l’amministratore di sostegno deve dare il proprio assenso, prestando così assistenza al beneficiario, che correlativamente perde la possibilità di porli in essere da solo con conseguente annullabilità

40

41


Scaricare ppt "Le situazioni giuridiche soggettive fanno capo a quelli che vengono definiti come soggetti."

Presentazioni simili


Annunci Google