La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura LA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA Riforma FISHLER.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura LA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA Riforma FISHLER."— Transcript della presentazione:

1

2 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura LA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA Riforma FISHLER

3 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Disaccoppiamento Sposta l’aiuto dalla produzione al produttore Gli aiuti sono indipendenti dalla attività produttiva Non si coltiverà più per i sussidi Sposta l’aiuto dalla produzione al produttore Principale novità introdotta con la riforma della P.A.C.

4 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Disaccoppiare significa SEPARARE il livello di sostegno dalla quantità e dal tipo di produzione. Il sostegno non è più legato alla coltivazione o all’allevamento di una specie vegetale o animale...

5 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura … ma sarà legato ai premi assegnati nel triennio di riferimento = : 3

6 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Ai produttori verranno riconosciuti dei titoli di premio per ettaro, pari alla media degli importi percepiti nel triennio suddivisa per le superfici che hanno dato luogo ai pagamenti in questione nello stesso periodo.

7 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Punti salienti della riforma Pagamento unico per azienda slegato dalla produzione (disaccoppiamento) Pagamento subordinato al rispetto di norme in materia ambientali (condizionalità) Riduzione dei pagamenti diretti (modulazione) Art. 69 e Titolo IV del Reg Ce 1782/2003 (bonus qualità)

8 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura

9 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Beneficiari del pagamento unico per azienda

10 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Interessa i seguenti comparti :  seminativi compreso grano duro;  Patate da fecola  leguminose da granella (ceci, lenticchie e vecce);  foraggi essiccati;  carni bovine;  carni ovicaprine;  Latte (dal 2006);  riso;  olio d’oliva (dal 2006);  Tabacco (dal 2006); Disaccoppiamento

11 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Superfici ammissibili da abbinare ai titoli ordinari Seminativi Pascolo permanente Colture pluriennali (art.2.d Reg.CE 795/2004) : carciofi, asparagi, rabarbaro, lamponi, more, ribes, uva spina, mirtilli

12 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Superfici non ammissibili Sulle superfici per le quali si richiede il pagamento unico, può essere svolta qualsiasi attività agricola, tranne: Colture permanenti Patate non destinate alla produzione di fecola Orto-frutta* *In deroga: è ammesso praticare colture intercalari di prodotti ortofrutticoli dall’11/06 all’11/09.

13 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Set Aside Coloro che nel periodo di riferimento ( ) erano in regime di Set-Aside riceveranno un numero di diritti di ritiro pari alla media degli ettari in Set-Aside posseduti nel periodo di riferimento Verranno corrisposti premi pari alla media degli importi percepiti nel triennio di riferimento Saranno soggetti agli obblighi previsti dalla condizionalità Le aziende condotte con il metodo dell’agricoltura biologica sono esentate dal vincolo di set-aside

14 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Destinazione d’uso dei terreni ritirati dalla produzione I titoli di ritiro si possono abbinare: alle superfici rimboscate a norma dell’art.31 del reg. Ce 1257/99 (PSR MISURA H) alle superfici destinate ai seminativi ad eccezione di quelle che al erano occupate da: colture permanenti; Foreste; Usi non agricoli; Pascoli permanenti.

15 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Le superfici ritirate possono interessare particelle diverse o le stesse nei diversi anni (rotazione) Possono essere destinate alle colture no-food

16 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura I titoli sono suddivisi per tipologia Ordinari Di ritiro Speciali

17 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura

18 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura

19 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura

20 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura

21 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura ATTENZIONE: i diritti possono essere trasferiti solo all’interno dello stato membro (tranne in caso di successione)

22 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura

23 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura ….ma non tutti i pagamenti sono disaccoppiati……

24 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura AIUTI ACCOPPIATI Destinatari: agricoltori che praticano coltivazioni inserite nell’elenco delle colture ammesse, indipendentemente dal possesso o meno dei titoli storici. 1) TITOLO IV – reg. CE 1782/03 2) PAGAMENTI SUPPLEMENTARI (ai sensi dell’art. 69 del Reg. CE 1782/03)

25 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura TITOLO IV – reg. CE 1782/03 Premio qualità grano duro (€ 40/ha) Premio proteiche (piselli, favette, lupini) (€ 55,7/ha) Aiuto specifico per il riso (€ 453/ha) Pagamento per la frutta in guscio (€ 120, ,50/ha) Premio per le colture energetiche (€ 45/ha) Premi di base e supplementari per il latte ( fino al 2005)

26 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Premio qualità grano duro Devono essere impiegate sementi certificate di varietà riconosciute come cultivar di alta qualità per la fabbricazione di semolini o paste alimentari.(1)

27 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Premio proteiche Le colture interessate al premio comprendono: Fave e favette destinati allo stato secco Pisello proteico allo stato secco Lupino dolce La raccolta dovrà essere effettuata dopo la fase di maturazione lattea

28 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Aiuto specifico per il riso 453 €/ha

29 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Pagamento per la frutta in guscio Questo premio è destinato alle seguenti colture: Mandorle (n° 50 piante/ha); Nocciole (n° 125 piante/ha); Noci comuni (n° 50 piante/ha); Pistacchi (n° 50 piante/ha); Carrube (n° 30 piante/ha).

30 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Premio colture energetiche L’agricoltore acquisisce il premio supplementare per le suddette colture a condizione che coltivi qualsiasi prodotto ad esclusione della barbabietola da zucchero. I prodotti ottenuti dovranno essere destinati alla produzione di energia termica, elettrica o meccanica e/o di biocarburanti e biocombustibili. L’agricoltore è tenuto a sottoscrivere un apposito contratto di coltivazione con un’industria di trasformazione (ad eccezione della trasformazione aziendale).

31 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Premi di base per il latte DESTINATARI: produttori di latte vaccino, titolari di un quantitativo individuale di riferimento al Premio per i prodotti lattiero-caseari: Anno civile 2005 (€ 16,31/t) Anni civili (€ 24,49/t)

32 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Premio supplementare per il latte DESTINATARI: produttori di latte vaccino, titolari di un quantitativo individuale di riferimento al Pagamenti supplementari: L’importo globale assegnato all’Italia verrà ripartito tra tutti i produttori ammessi al premio. Per il 2005: € )

33 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Pagamenti Supplementari Seminativi (frumento duro e tenero, mais) Sementi certificate (1) no ogm, Oppure avvicendamento biennale (3)(4) Max 180€/ha ….previsti (30-80€/ha) Carni Ovicaprine Allevatori singoli o associati con più di 50 capi che conducono gli animali al pascolo per almeno 120 gg Max 15€/capo …previsti (3-10€/capo) SETTORE CONDIZIONI AMMISSIBILITA’ IMPORTO MAX. (ai sensi dell’art. 69 del Reg. CE 1782/03)

34 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Pagamenti Supplementari (ai sensi dell’art. 69 del Reg. CE 1782/03) Vacche (2) Nutrici SETTORE CONDIZIONI AMMISSIMILITA’ da carne iscritte nei libri genealogici o registri anagrafici V.N. duplice attitudine Carico  1,4 UBA/ha SAU foragg.; pascolo perm. su 50 % sup. foragg. Altre V.N. Età< 7 anni; bovini detenuti in azienda x 7 mesi;carico  1,4 UBA/ha SAU foragg.;n° capi medio annuo  5UBA;pascolo perm. su 50 % sup. foragg. Bovini Macellati 12 mesi

35 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Condizionalità L’erogazione dei pagamenti, è vincolata al rispetto di specifiche norme e tecniche di campo pena la riduzione del pagamento unico Il mancato rispetto della condizionalità comporta l’applicazione di differenti livelli di penalità proporzionali alla gravità dell’infrazione

36 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura La condizionalità riguarda tutti gli agricoltori che intendono beneficiare dei pagamenti diretti A chi interessa?

37 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Dove deve essere applicata? Su qualsiasi superficie agricola dell’azienda beneficiaria di pagamenti

38 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Nel momento in cui l’agricoltore presenta la domanda per il pagamento unico sottoscrive anche l’impegno al rispetto della condizionalità ATTENZIONE!!!

39 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura RICORDIAMO CHE….. Alcune norme o atti che riguardano la condizionalità producono effetti solo in determinate situazioni aziendali: Ubicazione all’interno di aree sensibili; Utilizzo dei fanghi di depurazione Presenza di allevamenti

40 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Esistono due grandi categorie di impegni: Criteri di Gestione Obbligatori (CGO) Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali (BCAA)

41 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Criteri di Gestione Obbligatori (CGO) disposizioni di legge in vigore derivanti da disposizioni comunitarie

42 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura I CGO sono raggruppati in tre settori omogenei: 1) Ambiente 2) Sanità pubb. 3) Igiene e benessere animali

43 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Elenco dei CGO Dir 79/409/CEE, conservazione degli uccelli selvatici; Dir 80/68/CEE, protezione acque sotterranee; Dir 86/278/CEE, protezione suolo – utilizzo fanghi; Dir 91/676/CEE, protezione acque dai nitrati agricoli; Dir 92/43/CEE, conservazione Habitat naturali Ambiente

44 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Elenco dei CGO Sanità pubb. Dir 92/102/CEE, identificazione e registrazione animali; Reg CE 2629/97 marchi auricolari, registro aziende passaporti per i bovini; Reg CE 1760/2000, identificazione e registrazione bovini etichettatura carni; Reg. CE 21/2004 identificazione e registrazione degli ovini e caprini;

45 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Elenco dei CGO Sanità pubb. Dir 91/414/CEE immissione in commercio di prod. fitosanitari Dir 96/22/CEE divieto sostanze ormoniche nelle prod.animali Reg CE n° 178/2002 principi legislazione alimentare Reg CE n° 999/2001 encefalopatie spongiformi Dir 85/511/CEE afta epizootica Dir 92/119/CEE malattia vescicolare suini Dir 2000/75/CEE febbre catarrale degli ovini Dal 1° gennaio 2006

46 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Elenco dei CGO Benessere animali Dir.91/629/CEE norme minime per la protezione dei vitelli Dir.91/630/CEE norme minime per la protezione dei suini Dir.98/58/CE protezione degli animali negli allevamenti Dal 1° gennaio 2007

47 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Dir 80/68/Cee (5) Protezione acque sotterranee dall’ inquinamento provocato da “certe” sostanze pericolose (Norma di recepimento: D.Lgs 152/99) nei prodotti fitosanitari, negli oli esausti e nei carburanti obblighi Dove sono? 1.Rispettare il divieto assoluto di scarico sul suolo e nel sottosuolo delle sostanze pericolose 2.Evitare un uso improprio degli apparecchi di distribuzione e trasporto fitofarmaci 3.Attenersi alle indicazioni poste su ciascun prodotto

48 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Dir 86/278/CEE Protezione dell’ambiente, in particolare del suolo, nell’utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura (Norma di recepimento: D.Lgs 92/99) I fanghi derivano da processi di depurazione di acque reflue provenienti da insediamenti civili o industriali Cosa sono? Come devono essere? Trattati biologicamente chimicamente termicamente per ridurre i rischi sanitari Possedere effetto concimante, ammendante e/o correttivo Come devono essere usati? Interrati subito dopo lo spandimento Evitare: terreni con pendenza> 15%; allagati o soggetti ad inondazioni; pH<5 C.S.C.<8 meq/100g. Rispettare i quantitativi limite

49 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Dir 86/278/CEE Protezione dell’ambiente, in particolare del suolo, nell’utilizzo dei fanghi di depurazione in agricoltura (Norma di recepimento: D.Lgs 92/99) Divieto di utilizzo nei terreni destinati a pascolo, prato-pascolo, foraggiere, nelle 5 settimane che precedono la raccolta o il pascolo Divieto di utilizzo nei terreni destinati ad ortive, frutticole, i cui prodotti sono normalmente a contatto con il terreno nei 10 mesi precedenti il raccolto Divieto di utilizzo quando è in atto una coltura (ad eccezione delle arboree) Divieto di applicazione di fanghi liquidi con l’irrigazione a pioggia Altre limitazioni d’uso

50 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Dir 86/278/CEE protezione suolo – utilizzo fanghi Obblighi (5) 1.Formulario identificazione che certifica la provenienza 2.Scheda accompagnamento 3.Registro utilizzazione dei terreni 4.Notifica agli Enti dell’inizio delle operazioni di utilizzazione 5.Autorizzazione rilasciata dagli Enti competenti

51 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Dir 91/676/CEE protezione delle acque dall’inquinamento da nitrati provenienti da fonti agricole Obblighi (5) Questa direttiva riguarda tutte le aziende agricole ricadenti in “Zone Vulnerabili ai Nitrati” (ZVN) IN SARDEGNA Areale di ARBOREA Rispettare gli impegni di gestione aziendale stabiliti dalla Regione e, in assenza, applicare il codice di buona pratica agricola (CPBA) prevista a livello nazionale (5) Nel caso di aziende zootecniche: Stoccare le deiezioni liquide in bacini a tenuta perfetta Stoccare il letame in apposite concimaie impermeabilizzate

52 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Dir 92/102/CEE; Reg CE 2629/97; Reg CE 1760/2000; Reg CE 1760/2000 Sanità pubb. obiettivo Identificazione e registrazione di bovini, bufali suini e ovicaprini Efficienza e efficacia nella gestione Etichettatura chiara e adeguata Perché? Garantire la tutela della sanità pubblica

53 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Obblighi 1.Richiedere il codice aziendale 2.Richiedere i codici identificativi dei capi 3.Riguardo ai capi importati dall’estero: se da paese UE mantenere marchi d’origine se da paesi terzi marcatura entro 7 gg 4.Mantenere aggiornati i registri di stalla!

54 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Termini per l’iscrizione nel registro di stalla nascitamortemovimenti Bovini Bufali Suini 3 gg dall’evento 15 gg dall’evento 3 gg dall’evento

55 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Termini per l’iscrizione nel registro di stalla per gli Ovicaprini ScadenzaEvento Ogni 15/3 Ogni 90 gg Stesso giorno Iscrizione in registro del n° totale degli animali in allevamento Iscr. in registro del n° totale delle femmine che abbiano figliato e/o 12 mesi età Indicazione n° capi entrati/usciti con origine/destinazione

56 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Buone Condizioni Agronomiche ed Amb. stabilite a livello nazionale con 4 obiettivi: 1) Proteggere il suolo 2) Mantenere la S.O 3) Proteggere la strutt. del suolo 4) Mantenere l’ecosistema

57 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Buone Condizioni Agr. Amb. Su tutti i seminativi declivi che manifestano erosioni Solchi acquai livellari a distanza massima di 80 m Su tutti i seminativi Non bruciare le stoppie e i residui colturali (campagna antincendio) (6) Su tutte le superfici Manutenzione: scoline; canali collettori; fossi; baulatura DOVE? COSA FARE?

58 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Sui pascoli permanenti* (7) non convertire il terreno ad altri usi; non effettuare lavorazioni eccetto quelle per il rinnovo * non convertire il pascolo ad altri usi non lavorare il terreno eccetto infittimenti e rinnovo cotico oliveti Potatura almeno ogni 5 anni; no polloni e rovi pluriennali Su tutte le superfici Non eliminare le terrazze DOVE? COSA FARE? Buone Condizioni Agr. Amb.

59 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Buone Condizioni Agr. Amb. DOVE? COSA FARE? (7) (7) Sui seminativi ritirati dalla produzione Garantire copertura vegetale tutto l’anno Eseguire almeno uno (8) sfalcio tra il 15/7 e 15/3 (vietato negli altri mesi!) Eseguire fasce tagliafuoco

60 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura La procedura Agea Ricognizione preventiva Titoli Provvisori Domanda di accesso al regime di pagamento unico

61 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura La Ricognizione preventiva (marzo 2005) comunicare agli agricoltori la situazione del periodo di riferimento; definire gli aventi titolo; registrare le trasformazioni aziendali intervenute durante e successivamente al triennio di riferimento. –Successione effettiva e anticipata –Cambiamenti della forma giuridica o della denominazione –Fusioni e Scissioni –Circostanze eccezionali

62 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura I Titoli Provvisori (aprile 2005) Comunicazioni agli agricoltori dei titoli provvisori Perché il numero e il valore dei titoli potrebbe cambiare perché il calcolo è stato eseguito senza tenere conto: delle trattenute per la Riserva nazionale; dell’eventuale superamento del massimale nazionale; della soluzioni di eventuali contenziosi; di clausole contrattuali che integrano precedenti atti di affitto e vendita di fondi rustici. Perché provvisori?

63 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura L’accesso al regime di pagamento unico Entro il 15 maggio 2005 Presentazione della domanda di aiuto da parte degli agricoltori per l’anno La domanda unica di accesso agli aiuti comprende: Richiesta per i premi disaccoppiati; Richiesta per i premi accoppiati; Richiesta per i premi pagamenti supplementari; Richiesta di accesso alla riserva nazionale.

64 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura

65 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura

66 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura

67 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Assegnazione dei titoli definitivi (15 agosto) L’organismo pagatore assegnerà i Titoli definitivi dopo le opportune compensazioni e riduzioni (vedi titoli provvisori)

68 ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura Assegnazione dei titoli definitivi (15 agosto) L’organismo pagatore assegnerà i Titoli definitivi dopo le opportune compensazioni e riduzioni (vedi titoli provvisori)


Scaricare ppt "ERSAT Ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura LA NUOVA POLITICA AGRICOLA COMUNITARIA Riforma FISHLER."

Presentazioni simili


Annunci Google