La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

C.Quercioli I test di screening C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria Gestionale a.a.2013/14.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "C.Quercioli I test di screening C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria Gestionale a.a.2013/14."— Transcript della presentazione:

1 C.Quercioli I test di screening C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria Gestionale a.a.2013/14

2 SCREENING Definizione: esame sistematico condotto con: mezzi clinici, strumentali e laboratoristici, nella popolazione nel suo insieme o in sottogruppo di essa. Obiettivo: identificare malattie in fase preclinica, o precursori/indicatori della malattia. (prevenzione secondaria) E’ un complesso di prestazioni sanitarie su una popolazione apparentemente sana ed asintomatica

3 Un’attività diagnostica precoce “preclinica” si basa su due presupposti razionali: L’esistenza di tecniche diagnostiche che consentono di scoprire una patologia precocemente, in fase pre-sintomatica; La possibilità di modificare la storia naturale della malattia grazie alle possibilità di trattamento delle forme precoci

4 I vari tipi di screening si possono ricondurre a tre situazioni generali: Screening volto all’identificazione precoce di una patologia (es. lo screening colpocitologico per il carcinoma della cervice uterina, lo screening mammografico per il carcinoma della mammella etc.). Screening per l’identificazione di condizioni permanenti di “prevalenza”. (es. la ricerca di difetti congeniti o alterazioni enzimatiche) Screening per l’individuazione della presenza di fattori di rischio, cioè di fattori associati ad una aumentata frequenza della patologia oggetto di interesse (es. elevata colesterolemia per la prevenzione dell’arterio sclerosi).

5 Screening, Diagnosi precoce e Diagnosi tempestiva Nello screening la popolazione è asintomatica, invitata attivamente a sottoporsi al test di screening. (es. ricerca sangue occulto nelle feci) Nella diagnosi precoce si opera sul singolo individuo asintomatico che si sottopone ad un esame preventivo (es. ricerca di sangue occulto perché parente di una persona affetta da carcinoma colon-rettale) Nella diagnosi tempestiva si opera su una persona che presenta un sintomo che ha un certo livello di predittività per una malattia. (es. paziente riferisce al proprio medico di avere del sangue nelle feci, il medico conseguentemente richiede gli esami necessari per individuare la eventuale presenza di una neoplasia)

6 Caratteristiche di un test di screening (i) Non è un test diagnostico, cioè non permette di per sé di fare diagnosi conclusiva. Esso deve consentire con una certa facilità ed a basso costo di distinguere le persone negative dai cosiddetti “sospetti”. Un positivo o sospetto allo screening richiede ulteriori accertamenti per concludere l’iter diagnostico.

7 E’ importante che il test di screening risulti accettabile per la popolazione esaminata per quanto riguarda i tempi e le modalità di esecuzione (durata dell’esame, disagio fisico da esso provocato), in quanto questo aspetto condiziona il livello di partecipazione. Caratteristiche di un test di screening (ii)

8 1. Veri Positivi: VP (persone sospette al test che al termine dell’iter diagnostico risultano affette dalla malattia) 2. Falsi Positivi: FP (persone classificate come sospette al test che al termine dell’iter diagnostico risultano non affette dalla malattia) 3. Falsi Negativi: FN (persone classificate come negative al test di screening ma in realtà affette dalla malattia) 4. Veri Negativi: VN (persone classificate come negative al test ed effettivamente sane) Caratteristiche di un test di screening (iii) Le persone che si sottopongono al test di screening sono classificate secondo le seguenti categorie:

9 La sensibilità e specificità esprimono quella che viene definita la validità di un test, cioè la capacità del test di misurare correttamente ciò che gli viene richiesto. Il test ideale dovrebbe avere valori di entrambe uguali ad 1 (100%), ma questa condizione è praticamente impossibile da realizzare per errori insiti nella metodica Impiegata e nella manualità di chi esegue il test. Caratteristiche di un test di screening (iv)

10 Sensibilità MalatoNon MalatoTOT Test positivoaba+b Test negativocdc+d TOTa+cb+da+b+c+d=N La sensibilità del test è la proporzione di persone positive al test tra quelle realmente malate. Più bassa è la sensibilità e più alta sarà la proporzione di falsi negativi (negativi al test ma malati) Sensibilità = a/(a+c)

11 Specificità MalatoNon MalatoTOT Test positivoaba+b Test negativocdc+d TOTa+cb+da+b+c+d=N La specificità del test è la proporzione di persone negative al test tra quelle realmente non malate. Più bassa è la specificità e più alta sarà la proporzione di falsi positivi (positivi al test ma non malati) Specificità = d/(b+d)

12 Valori Predittivi di un test diagnostico (i) Valore Predittivo Positivo di un test (VP+): Proporzione di realmente malati (a) tra i positivi al test (a+b). VP(+)=a/(a+b) Valore Predittivo Negativo di un test (VP-): Proporzione di realmente sani (d) tra i negativi al test (c+d). VP(-)=d/(c+d)

13 Valori Predittivi di un test diagnostico (ii) prevalenza I valori predittivi sono delle misure che dipendono dalla sensibilità e specificità del test, ma anche dalla prevalenza della malattia nella popolazione sottoposta a screening.

14

15 Rischi di un intervento di diagnosi precoce: Intrinseci al test diagnostico: es. radiazioni etc. Legati alla possibilità di un risultato falsamente positivo: esami di approfondimento, biopsie, accertamenti invasivi, interventi chirurgici, ansia Dovuti ad errori comportamentali: esami di approfondimento non necessari, interventi chirurgici eccessivamente demolitivi, trattamenti non necessari

16 Costi di un intervento di diagnosi precoce: Diretti: materiale di uso apparecchiature locali personale di segreteria spese postali per convocazioni e richiami campagne di sensibilizzazione e di informazione Indiretti: perdite di giornate di lavoro esame di approfondimento nei soggetti positivi o dubbi al primo test interventi chirurgici in soggetti falsamente positivi


Scaricare ppt "C.Quercioli I test di screening C.I. Programmazione, Organizzazione e Gestione delle Aziende Sanitarie CL. Ingegneria Gestionale a.a.2013/14."

Presentazioni simili


Annunci Google