La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Schema di disegno di legge Finanziaria provinciale di assestamento 2014 Dipartimento Affari istituzionali e legislativi 22 febbraio 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Schema di disegno di legge Finanziaria provinciale di assestamento 2014 Dipartimento Affari istituzionali e legislativi 22 febbraio 2014."— Transcript della presentazione:

1 Schema di disegno di legge Finanziaria provinciale di assestamento 2014 Dipartimento Affari istituzionali e legislativi 22 febbraio 2014

2 Contenimento spese PAT Definizione di autonome misure di contenimento della spesa per la PAT: - contenimento spese per il personale PAT con limiti al turn over (assunzioni tendenzialmente limitate ad 1/5 della spesa venuta meno per pensionamenti) -contenimento spese per il personale enti strumentali pubblici e società di sistema (da identificare con direttive vincolanti) - contenimento spese discrezionali (da 50 a 60 per cento della media del triennio ) - Soppressione e razionalizzazione di comitati e commissioni provinciali Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

3 Interventi sulle agevolazioni IRAP Agevolazioni da confermare% riduzione Esenzione 5 anni per nuove imprese e attivit à sostitutive Riduzione 1% settore agricolo Riduzione 0,20% banche e assicurazioni Deduzione premi di produttivit à Detrazione finanziamenti APT Nuove agevolazioni Riduzione generalizzata 1,10% Ulteriore riduzione per chi mantiene i livelli occupazionali (entro range 10%). 0,50% Ulteriore riduzione per chi incrementa l ’ occupazione stabile (oltre 10%) 1,00% Agevolazione % massima2,60% Resta confermata la norma contro la ludopatia, che esclude da tutte le agevolazioni IRAP gli esercizi con apparecchi da gioco, prevedendo l’aliquota massima nazionale (4,82%)

4 RIDUZIONE ADDIZIONALE IRPEF Per il 2014 si riduce dello 0.33 % (riportandola allo 0.9 %) per gli scaglioni di reddito più bassi (inferiori a 28 mila euro)

5 Il fondo per la riduzione della pressione fiscale Si provvederà a:  istituire sul bilancio della Provincia un “Fondo per la riduzione della pressione fiscale” alimentato dai risparmi di spesa che rendono possibile la riduzione della pressione fiscale medesima - nel 2014 l’entità del fondo corrisponderà alle ulteriori agevolazioni IRAP previste con la manovra di assestamento;  prevedere fin da subito, con l’articolo della legge finanziaria che disciplinerà il Fondo, che ulteriori risparmi di spesa aggiuntivi rispetto a quelli contabilizzati in sede di manovra di assestamento 2014, fermi restando gli obiettivi di finanza pubblica, potranno essere finalizzati:  a ulteriori alleggerimenti dell’IRAP, attraverso un ulteriore incremento della agevolazione generalizzata  a ulteriori sgravi in favore dei lavoratori Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

6 Enti locali – TASI: introduzione di esenzioni su beni per attività produttive e di detrazioni su abitazione principale Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

7 Enti locali CONTENIMENTO DELLE SPESE DEGLI ENTI LOCALI con predisposizione di piano di miglioramento comunale non vincolato a quello della Provincia misure CONTENIMENTO SPESE DI PERSONALE: ipotesi TURN over 1 su 5 (per teste) su base provinciale con meccanismo gestito dal Consiglio delle autonomie SEGRETARI COMUNALI: obbligo di convenzione per comuni sotto 2000 abitanti svincolandolo da gestione obbligatoria a livello di comunità SOCIETA’ COMUNALI: misure di contenimento di spesa in materia di compensi per partecipazione a cda nonché sul reclutamento di personale Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

8 Enti locali Modifica della DISCIPLINA DEL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA' DI INVESTIMENTO DEI COMUNI (basta proroghe, certezza sulle scadenze, riprogrammazione estesa a più interventi, istituzione di un fondo di rotazione a livello di comunita' per finanziamento di investimenti ad alto rendimento economico) DISATTIVAZIONE di LEGGI DI SETTORE che finanziano enti locale con ricollocamento delle risorse sul fondo di sviluppo locale Incentivazione del PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO negli investimenti comunali nell’ambito del Fondo di Sviluppo locale TRASFERIMENTI A CONSORZIO DI COMUNI a budget senza leggi di settore Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

9 Fondi strutturali e programmazione Programmazione e attuazione degli interventi finanziati con i fondi strutturali europei (FESR e FSE) per gli anni Disciplina delle procedure di elaborazione del Piano di sviluppo provinciale (PSP) e disciplina transitoria per l’inizio di legislatura Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

10 Semplificazione e altre misure Passaggio obbligatorio all'uso esclusivo degli strumenti digitali per le domande di autorizzazione di determinate attività di impresa (SUAP telematico) Misure disincentivanti per contrastare il rilascio di dichiarazioni mendaci per ottenere agevolazioni pubbliche (esclusi i benefici economici connessi a bisogni essenziali) Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

11 Cultura Incorporazione del Museo degli usi e costumi della gente trentina nel MUSE Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

12 Organizzazione e personale Prepensionamento: applicazione in Provincia della disciplina statale che consente di dichiarare le eccedenze di personale con il conseguente collocamento a riposo del personale che maturerà i requisiti ante Fornero entro il 31 dicembre 2016 Rinnovo generazionale: previa assunzione degli oneri previdenziali, si ammette alla fruizione del part time il personale che, avendo i requisiti richiesti dalla norma, si rende disponibile alla riduzione di orario risparmio disponibile per nuove assunzioni Proroga del termine di validità delle graduatorie vigenti per il reclutamento del personale a tempo indeterminato Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

13 Disposizioni in materia di società Norma che autorizza la Provincia a promuovere la costituzione della società Aerogest s.r.l., e a partecipare alla medesima, attraverso il conferimento alla stessa delle azioni detenute in Aeroporto Valerio Catullo s.p.a.. Autorizzazione ad apportare con atto amministrativo le modifiche al bilancio provinciale necessarie a seguito della cessione delle quote della Provincia in NGN per consentirne il riutilizzo diretto da parte della P.A.T. Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

14 Lavori pubblici Pagamento diretto ai subappaltatori Possibilità di pagare direttamente i subappaltatori e i cottimisti, anche in deroga alle previsioni del bando: – al ricorrere di condizioni di particolare urgenza inerenti al completamento dell’esecuzione del contratto – nel corso della procedura di concordato preventivo con continuità aziendale dell’appaltatore Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

15 Lavori pubblici Disposizioni volte a favorire il ricorso a PPP Possibilità di prevedere nel bando che le offerte siano corredate dalla dichiarazione di interesse di istituti finanziatori Possibile consultazione preliminare degli operatori economici invitati a presentare l’offerta, per identificare eventuali criticità relative al finanziamento del progetto. Possibilità di risolvere il contratto in caso di mancato finanziamento del progetto nei tempi stabiliti nell’offerta Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

16 Condizioni per la fruizione di provvidenze economiche Rafforzamento delle condizioni per la fruizione di provvidenze economiche disposte dalla Provincia e correlate a situazioni di bisogno sociale o alla condizione lavorativa. (es. reddito di garanzia e ammortizzatori sociali). Azioni ipotizzate: – Adempimenti volti a confermare la presenza del beneficiario sul territorio provinciale – obbligo di partecipare a tirocini formativi promossi dagli enti pubblici; – partecipazione ad iniziative di volontariato quale condizione per ottenere una quota del beneficio provinciale Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

17 Protezione civile Trasformazione dell’Agenzia di gestione della Centrale Unica dell’emergenza in Servizio (venir meno del C.d.A.) Modalità di finanziamento delle opere di prevenzione Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

18 Sanità – norme di semplificazione Le condizioni fisiche che consentono al comune il rilascio del contrassegno invalidi (previsto dal Codice della strada) sono annotate nei verbali di accertamento degli stati di invalidità parziale Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

19 Edilizia abitativa pubblica e agevolata Concessione di contributi pluriennali costanti per l'ammortamento dei mutui stipulati per l'acquisto o l'acquisto ai fini del risanamento da parte di giovani coppie Possibilità di finanziare la ristrutturazione di immobili che le cooperative edilizie acquistano da ITEA S.p.A. Modifica della disciplina dell’edilizia abitativa per la “coabitazione psichiatrica”: esclusione dal “nucleo familiare” di quelle persone che sono seguite dal Servizio di salute mentale dell’Azienda Sanitaria ai fini dell’accesso agli alloggi e della determinazione del canone Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

20 Commercio Definitivo abbandono del modello di programmazione commerciale basato su contingenti anche nel caso di trasferimento degli esercizi commerciali e conseguente ricorso ad una pianificazione urbanistica del settore commerciale fondata esclusivamente su parametri di natura urbanistico-territoriale Ampliamento delle possibilità di incentivazione degli interventi destinati a favorire l'insediamento e la permanenza di attività economiche in zone montane Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

21 Incentivi alle imprese Elevazione al 50% della misura massima del contributo per l’assunzione di giovani da inviare all’estero con contratti di apprendistato di alta formazione e di ricerca Possibilità per la Provincia di concedere contributi a titolo di de minimis sulle locazioni e sulle prestazioni di servizio a favore delle imprese insediate negli immobili e nei centri di incubazione gestiti da Trentino sviluppo s.p.a. Estensione dello strumento dei fondi di rotazione cofinanziati anche ad investimenti cofinanziati da società di locazione finanziaria. Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

22 Lavoro Possibilità che, in attesa di sottoscrivere gli accordi operativi con INPS, possa essere la Provincia a concedere i trattamenti pubblici di sostegno al reddito in costanza di rapporto di lavoro previsti dalla norma provinciale (reddito di attivazione e reddito di continuità) Messa a regime del reddito di qualificazione. Esclusione della necessità del requisito ICEF. Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

23 Legge urbanistica provinciale - PRG Semplificazione del procedimento di adozione del PRG, in particolare: – pubblicazione di un avviso per la raccolta di proposte e osservazioni; – ricorso alla conferenza di servizi, per la valutazione del piano e la formulazione di un unico parere: la conferenza è indetta dalla Provincia con la partecipazione del comune interessato, eventualmente della comunità interessata e delle altre strutture o enti provinciali interessati dalle scelte pianificatorie. Previsione del tacito assenso nel caso di assenza o mancata espressione del parere. eliminazione della terza adozione; – introduzione di un termine perentorio per l‘adozione definitiva del piano (90 giorni dal termine per la presentazione delle osservazioni) – eliminazione, per l’adozione dei piani regolatori generali, del parere obbligatorio della commissione per la pianificazione territoriale e il paesaggio della comunità Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

24 Legge urbanistica provinciale - PTC Necessaria partecipazione della Provincia alla conferenza per la stipulazione dell’accordo-quadro di programma che precede l’adozione del PTC, solo nel caso di criteri e indirizzi che comportano modifica del PUP, per consentire la verifica e garantire la coerenza con il PUP dei criteri e indirizzi generali per la formulazione del PTC. Semplificazione del procedimento per l’adozione del PTC: 1) riduzione da 120 gg. a 90 gg. dei termini per l’espressione dei pareri da parte delle strutture ed enti provinciali; 2) eliminazione della previsione della terza adozione. Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

25 Legge urbanistica provinciale – ulteriori misure di semplificazione Competenza della Giunta comunale all’approvazione dei piani attuativi: innalzamento delle soglie di superficie oltre le quali la competenza rimane in capo al Consiglio, modifica della popolazione di riferimento Per tutti i comuni non è più prevista la redazione di piano attuativo di iniziativa privata, in caso di interventi edilizi che interessano aree con superficie inferiore ai metri quadrati. Competenza al rilascio delle autorizzazioni provinciali per gli interventi nelle aree agricole compete alla sottocommissione della CUP e non alla commissione aree agricole (nel rispetto dei vincoli posti dal PUP) Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

26 Agricoltura Sostegno a forme associative dei consorzi di miglioramento fondiario (es. per servizi di assistenza tecnico-amministrativa) Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

27 Scuola Per tutte le scuole, compresa la scuola dell’infanzia: – misure per la stabilizzazione dei precari anche con contratti part-time; – misure per permettere l’indizione di nuovi concorsi e nel contempo salvaguardare le graduatorie vigenti; – potenziamento delle lingue straniere con specifici canali di reclutamento del personale; – misure per migliorare l’offerta formativa e garantire la continuità didattica nonché rafforzamento delle strutture amministrative delle istituzioni scolastiche e formative. Dipartimento Affari istituzionali e legislativi

28 Università e ricerca Norme sul sistema della ricerca e dell’università in particolare allo scopo di semplificare la disciplina degli organi amministrativi e consultivi Dipartimento Affari istituzionali e legislativi


Scaricare ppt "Schema di disegno di legge Finanziaria provinciale di assestamento 2014 Dipartimento Affari istituzionali e legislativi 22 febbraio 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google