La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Club Alpino Italiano Il presente materiale didattico viene distribuito con il solo scopo di favorire l’apprendimento dei principali concetti esposti durante.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Club Alpino Italiano Il presente materiale didattico viene distribuito con il solo scopo di favorire l’apprendimento dei principali concetti esposti durante."— Transcript della presentazione:

1

2 Club Alpino Italiano Il presente materiale didattico viene distribuito con il solo scopo di favorire l’apprendimento dei principali concetti esposti durante la lezione. Scuola di Alpinismo e Sci Alpinismo “Moriggia – Combi e Lanza” Corso AR1 – 2003 Preparazione di una salita

3 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 1 Premessa … anche i tacchini possono volare Con il vento buono…

4 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 2 Preparare una gita significa: 1. Scegliere la meta 2. Scegliere il periodo 3. Scegliere i compagni 4. Predisporre l’equipaggiamento 5. Predisporre l’attrezzatura Di cosa parliamo

5 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Strumenti a disposizione n Guide n Libri n Riviste Specializzate n Cartine n Quaderno dei sogni (propri o altrui) n Internet n Amici e conoscenti Dove andare e Dove non andare !

6 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 4 ALPI OCCIDENTALI A. Liguri:dal Passo di Cadibona al Colle di Tenda A. Marittime:dal Colle di Tenda al Colle della Maddalena (Argentera) A. Cozie:dal Colle della Maddalena al Passo del Moncenisio (Monviso) A. Graie: dal Passo del Moncenisio al Colle di Ferret (Gran Paradiso, M. Bianco) ALPI CENTRALI A. Pennine:dal Colle di Ferret al Passo del Sempione (Cervino, Monte Rosa) A. Lepontine:dal Passo del Sempione al Passo dello Spluga (Monte Leone, Arbola) A. Retiche:dal Passo dello Spluga al Passo di Resia (Ortles, Cevedale, Adamello) ALPI ORIENTALI A. Atesine:dal Passo di Resia al Passo di Monte Croce Comelico (Civetta, Lavaredo) A. Carniche:dal Passo di Monte Croce Comelico alla Sella di Camporosso A. Giulie:dalla Sella di Camporosso al Passo di Vrata 1. Scegliere la meta: La Catena Alpina Ma Con Gran Pena Le ReCa Giù

7 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Quale montagna?

8 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 6 Caratteristiche delle vieLitotipoTipo di arrampicataAffioramenti tipici Monte Bianco Alpi Centrali El Capitan Verticali Buchi Clessidre Calcare Molto varia Continua Faticosa Marmolada Gran Sasso Grigne Finale Ligure Gneiss Tipo di roccia e tipo di arrampicata Granito Grossi blocchi Fessure, tacchette Massi incastrati Discontinua Aderenza Opposizione Argentera Gran Paradiso Monte Rosa Dolomia Verticali Articolate Grandi pareti Grandi depositi Delicata Impegnativa Fisicamente Mentalmente Tecnica/Resistenza Cime di Lavaredo Campanile Basso Torri del Vajolet Arenaria Logiche Diedri Fessure e lame Creste tipiche Molto varia Aderenza Opposizione 1. Scegliere la meta: Quale roccia? Obbligata Poco proteggibile Particolare Torrioni, Funghi Pareti brevi Sassi inglobati Vegetate P. di Bismantova Fontainbleu (F) Sassonia (D) Meteore (G)

9 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: cosa fare a casa n Individuare le vie di accesso n Individuare i mezzi di trasporto n Raccogliere orari critici n Verificare eventuali divieti n Verificare la percorribilità Come andarci

10 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 8 In genere tutte le salite vengono presentate mediante: n Sintesi delle principali caratteristiche n Descrizione dell’avvicinamento n Schema e/o foto della salita Una lettura attenta consente di avere sufficienti informazioni sulla salita scelta 1. Scegliere la meta: Consultare una relazione

11 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 9 Jimmy Palermo - Veronica”Marmotta”Rubini, con la collaborazione di Andrea Pavan, Marco Ripamonti, Marco Binda, Andrea Stevanato e Lorella Saccardin, giugno m (12 L) 5c (obbl.) Materiale: via attrezzata con fix inox 10 mm, soste attrezzate. Portare 2 corde da 50 m, 10 rinvii, una serie di friend e nut. Le caratteristiche di arrampicata ricordano quelle della Corma di Machaby, in Valle d’Aosta. Salita purtroppo a volte discontinua a causa di cenge erbose e/o boscose. Sul versante su cui corre la via sono presenti altre vie disattrezzate aperte da Ivan Guerini che comunque non dovrebbero essere state incrociate. Ambiente stupendo. Durante l’avvicinamento a piedi si attraversa un bellissimo bosco di castagni molti dei quali secolari. Dalla parete si ha una meravigliosa vista sul sottostante Lago di Mezzola, sulla bassa Valtellina e sulla cerchia di montagne che va dal Pizzo Stella al Monte Legnone passando dal Pizzo Badile. ACCESSO Da Como seguire la statale Regina fino al termine di Sorico. Poco prima del Ponte del Passo prendere la carrozzabile che si stacca a sinistra che in 5 km porta ad Albonico (420 m). Poco prima di entrare in paese prendere a sin. la via Peschiera. Proseguire su questa a volte su sterrato ancora per 1,5 km fino alla località il Forno (592 m). Si parcheggia in un pratone, al cui inizio c’è un cartello di legno che indica la direzione “Albonico vecchia”. Alto Lago-Valchiavenna CIMA DELLE DUNE (BALZUN) 1417 m parete E-SE MARMOTTA IN PLACCA 1. Scegliere la meta: Consultare una relazione

12 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 10 AVVICINAMENTO: dal parcheggio si imbocca l’evidente sentiero indicato dal cartello di legno. Si incontrano pure le prime “M” in vernice gialla che aiutano a non perdersi. Dopo i primi ripidi tornanti si raggiunge un bivio. Si svolta a sin. e si raggiunge una baita diroccata con una cappella votiva. Si attraversa un rigagnolo e si prosegue in direzione di una chiesetta (fontanella nei suoi pressi). La si evita, abbandonando il sentiero principale, puntando verso dx ad una radura erbosa delimitata a monte da un muretto a secco nei pressi del quale si attraversa un altro rigagnolo spesso secco. Qui si imbocca una ripida traccia che passa sotto a dei tralicci elettrici e sbuca, dopo aver attraversato una zona di felci, in un’altra radura erbosa con un nucleo di baite diroccate. Si va a dx e si attraversa una zona fangosa. Poco dopo le “M” in vernice diventano verdi. Si giunge praticamente in piano ad una radura e il sentiero viene soffocato durante la bella stagione da gigantesche felci. Al centro della radura c’è un traliccio (molte “M” in vernice verde su di esso). Si svolta a sin. (verso monte) e lo si punta alla meglio. Raggiuntolo si prosegue decisi verso monte e giunti ancora nel bosco si notano due baite. Vi si passa in mezzo e si segue un tracciolino (“M” sempre in vernice verde) che porta ad una baita diroccata sotto un grosso masso. Si passa in salita alla sua dx e successivamente il sentiero compie una serie di tornanti che portano a una baita con alle spalle un ciclopico masso sotto cui c’è un’antica stalla. Si prosegue oltre la baita e si inizia a salire molto ripidamente (“M” sempre in vernice verde). Giunti faticosamente in vista dello sbocco di un canalone si svolta a sinistra evitandolo (qui le “M”diventano di colore rosso!). Si segue la traccia molto evidente aiutandosi con le numerose “M” in vernice rossa fino ad un ghiaione nascosto nel bosco. Ormai si è arrivati. Si seguono le poche “M” ora bianche che portano nel cuore del ghiaione. Qui finiscono i segnali in vernice. Si risale al meglio l’ultima parte del ghiaione fino a sotto le pareti. Qui un grosso ometto indica la placca dove attacca la via segnalata da una freccia in vernice bianca. Il tutto richiede 1/1.30 ore per circa 350 mt di dislivello. Attacco a circa 870 msl. DISCESA: in doppia lungo la via 1. Scegliere la meta: Consultare una relazione

13 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Consultare una relazione MONTE NERONE - SASSO DEL RE Spigolo SO "Via del Sole" Aperta da Castellani e Tenti nel Luglio Relazione: l'attacco parte in una placchetta con un'ometto alla base. 1° tiro (30 metri, 1 chiodo, 6 fix, V+ / IV- / III): si sale diritto fino ad un alberello sul quale, con un fix, si fa la sosta. 2° tiro (20 metri, 4 fix, V+ / V): salire sempre diritto sino alla catena per placche e roccette. 3° tiro (2 fix, I / II): si esce su di un pianoro erboso e seguendo la cresta sulla sinistra si arriva alla sosta base per la seconda parte 4° tiro (50 metri, 7 fix, V+): inizia sempre diritto fino alla sommità dove vi è una catena, si esce sul pianoro della sommità del Sasso del Re. Discesa: si può effettuare anche per l'abbozzo di sentiero, altrimenti in doppia per le stesse soste. Dalla catena del pianoro erboso si può effettuare la calata parallela alla grande fessura che taglia il monolito e si arriva alla base della parete (50 metri). Attrezzatura: la via è tutta attrezzata con fix da 10 mm più 2 chiodi. Possono essere utili cordini di diversa misura per le soste. All'altezza della prima sosta, a sinistra, si sono trovati due vecchi chiodi di un'altra sosta. La roccia è calcare massiccio. Tutta la parete rimane in ombra fino alle ore 14 circa. Consigliabili due corde da 55 metri.

14 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Consultare una relazione Pizzo Badile - Spigolo nord Dal rifugio si prosegue lungo il dosso (prolungamento verso il basso dello spigolo nord del Badile) e su terreno misto di erba e grandi placche di granito si sale fino a raggiungere due nevai che conducono ad una sella sul filo dello spigolo (2 ore). Il primo nevaio è poco inclinato; il secondo è più ripido e può richiedere l’uso dei ramponi in caso di neve dura. Dalla sella (m 2550 circa) si segue il filo della cresta che all’inizio è largo e facile (II); giunti sotto un primo risalto noi ci siamo spostati a sinistra dello spigolo per poi raggiungerlo, lungo placche (III) non eccezionali per qualità della roccia, alla selletta dopo il risalto. E’ invece meglio seguire lo spigolo (stesse difficoltà). Ora si segue il filo di roccia ottima (III) fino alla base di una grande placca liscia attraversata in alto da un risalto (placca Risch): la si supera con un tiro di corda molto bello e ben chiodato (IV e IV+). Oltre la placca lo spigolo si fa più sottile e più ripido, la roccia è sempre molto bella, solida e fessurata. Le difficoltà sono ancora sul III e ci si diverte tantissimo. Lungo questo tratto si incontra una lama staccata da sormontare con un bel passaggio (III+) esposto e assai bello. Più avanti un grosso testone strapiombante costringe a passare sul versante nord-ovest (destra), in un corridoio evidente e caratteristico. Sul secondo tiro dopo il corridoio (ancora sul versante nord-ovest) bisogna superare due brevi strapiombi a lame (IV+), poi si ritorna sul filo con un nuovo tiro molto bello (IV). Si giunge così alla zona della frana, caratterizzata da rocce rotte e chiare. Si supera una parete vicina allo spigolo e se ne raggiunge di nuovo il filo, qui foggiato a lama sottile ed esposta. Segue una placca con caratteristiche fessure longitudinali e poi un diedro inclinato (roccia non molto sicura) che riporta in cresta al di sopra della frana. Ora si segue il filo di roccia nuovamente molto bella; le difficoltà ritornano sul III e con arrampicata sempre divertente si raggiunge la cima (3308 m; 4- 6 ore). Discesa: Dalla cima ci si abbassa verso destra per sfasciumi (attenzione alle altre cordate), placchette e un canalino fino sul filo della cresta sud del Badile. Per uno o l'altro di due camini paralleli si scende alle rocce alla sinistra della cresta, abbassandosi lungo di esse per circa 70 metri (fin qui, all'inizio di stagione è possibile trovare neve). Per una cengia si torna a destra fin sulla cresta sud; ci si abbassa lungo di essa per una quarantina di metri, poi si scende a sinistra raggiungendo, per una rampa e poi delle lame, un canale. Lo si scende per circa 15 metri, se ne esce a sinistra, si scendono altri 20 metri e poi si rientra a destra nel canale che si percorre per altri 25 metri fino ad una cengia. Qui non bisogna farsi tentare da tracce che portano verso il basso (difficile!!): bisogna seguire la cengia verso sud (destra) dapprima in salita per 25 metri, poi in leggera discesa per circa 80 metri fino alla croce Castelli-Piatti (di nuovo nei pressi della cresta sud). Ci si cala in uno stretto camino (corda doppia), si percorre (all'inizio a carponi) una cengia che porta sul filo della cresta sud. Lo si percorre brevemente, poi ci si abbassa a destra (ovest) per cenge fino a metter piede sui pendii che per detriti, gande e liste erbose, conducono al rifugio Gianetti.

15 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Consultare una relazione Via lunga (12 tiri)

16 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Consultare una relazione

17 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Consultare una relazione

18 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 16 Periodo consigliato riferito a condizioni meteo relative a stagioni normali, nulla vieta di andarci in altri periodi, se sussistono le condizioni di sicurezza e praticabilità Esposizione importante per valutare le condizioni di svolgimento della salita (clima, umidità in parete, presenza di neve sui terrazzi e sulle cenge) 1. Scegliere la meta: Consultare una relazione

19 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 17 Difficoltà le scale per salite in roccia: UIAA (Welzenbach): I, II, III, IV, IV+, V-, V, V+, VI-, VI, VI+, VII-, VII, … X FRA: 4a, 4b, 4c, 5a, 5b, 5c, 6a, 6b, 6c, 7a, 7b, 7c, 8a (+/-) Scale USA, Australiana, UK, Boemia, Boulder, … ARTIFICIALE: A0, A1, A2, A3, A4 Prudenza nel confrontare le proprie capacità in falesia con quelle in ambiente di montagna e di alta montagna 1. Scegliere la meta: Consultare una relazione

20 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 18 Scala delle difficoltà escursionistiche: T- turistico E- escursionistico EE- escursionisti esperti EEA - escursionisti esperti con attrezzature (nel caso di percorsi attrezzati come ad esempio le vie ferrate) Scala delle difficoltà per salite in neve, ghiaccio e misto F = Facile PD = Poco Difficile AD = Abbastanza difficile (ghiaccio/neve con pendenza fino a 45°) D = Difficile (ghiaccio/neve con pendenza tra 45° e 55°) TD = Molto difficile (ghiaccio/neve con pendenza tra 55° e 65°) ED = Estremamente difficile (ghiaccio/neve con pendenza oltre 65°) EX = Eccezionalmente difficile (ghiaccio/neve con pendenza oltre 65°) 1. Scegliere la meta: Consultare una relazione

21 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 19 Tempo di avvicinamento riferito ad una andatura media tenendo conto di eventuali perdite di quota e successive rimonte relative all’itinerario indicato Equipaggiamento dotazioni necessarie per affrontare la salita in condizioni di sicurezza e comfort, nel dubbio meglio abbondare, che non vuol dire esagerare Via di discesa Se si prevede di scendere in corda doppia, durante la salita si devono raccogliere e memorizzare le informazioni utili per la discesa. Se si prevede di scendere a piedi valutare, se è possibile e non già espressamente indicato, la necessità di attrezzatura come ramponi e piccozza. 1. Scegliere la meta: Consultare una relazione

22 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 20 Rifugio Il comportamento in rifugio (o bivacco attrezzato) è dettato dalla correttezza e dalla educazione. In particolare ricordarsi di: Prenotare (elenco dei numeri di telefono) Informare il gestore al proprio arrivo Compilare il libro di rifugio (ed il libro di vetta) Collaborare nella conduzione del rifugio Rispettare gli altri ospiti ed il gestore …… pagare! 1. Scegliere la meta: Consultare una relazione

23 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Preparare una salita a tavolino

24 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Consultare Internet

25 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Consultare Internet Piemonte Aguille Oublieè du Vallonnet Corno Stella Monte Bracco Hotel Miramonti Montorfano Punta Ostanetta Rocca Larga del Peiron Sasso Corbè Schiappa delle Grise Neire Val Vannino Aguille Oublieè du Vallonnet Corno Stella Monte Bracco Hotel Miramonti Montorfano Punta Ostanetta Rocca Larga del Peiron Sasso Corbè Schiappa delle Grise Neire Val Vannino Brentino

26 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere la meta: Consultare Internet Placca delle Bambine Carine Vi sono vie medio facili, ben chiodate, prevalentemente in placca. 1IVa Misura3b20m 2Prima via4b20m 3Bricchetta5b20m 4Insubria5a20m 5Spigolo Forni4a20m 6Depilzero5a22m 7Sgnaps5b22m Quando scendi da una via e, mentre lotti nel tentativo di strapparti le scarpette dai piedi, guardi il paesaggio che ti circonda, subito ci si dimentica dei propri dolori per soffermarsi ad ammirare il bel posto nel quali sei immerso. Un elfico boschetto da una parte, una superba veduta sul lago dall'altra, fanno da cornice alle pareti della falsia di Montorfano. Si individuano tre settori suddivisi dalla geometria rettangolare della struttura, ognuno caratterizzato da un ben preciso stile di arrampicata. Ce nè quindi per tutti, sia per chi vuole massacrarsi sulle vie in strapiombo, sia per chi vuole godersi una bella giornata di relax con la moglie e i bambini su facili placche appoggiate. La base delle pareti sono molto comode e tra una prestazione e l'altra si possono imbandire succulenti banchetti. Accesso Sulla statale del Lago Maggiore arriva presso la stazione ferroviaria di Verbania Fondotoce. Qui si seguono le indicazioni per il paesino di Montorfano dove si lascia l'auto. Si prende una stradina sterrata chiusa al traffico che si immerge in un bel boschetto, ricco di una moltitudine di animaletti simpatici. Al terzo tornate si lascia la sterrata e si prende un sentiero sullo destra, seguendo l'indicazione "CLIMB". Dopo poco si arriva alla struttura. Clima I tre diversi settori sono esposti così: settore Bambine carine: esposizione SUD. Si arrampica tutto l'anno, evitando le giornate più calde in estate. settore Strapiombi: esposizione EST. Valgono le stesse considerazioni del settore precedente. settore Paretone: esposizione NORD-EST. Piacevolissimo in estate, freddo e umido in inverno. Roccia e Chiodatura La roccia è un bel granito molto abrasivo, causa di dolorosissime sbucciature. In molte vie capita di incontrare prese scavate artificialmente, soprattutto nel settore degli strapiombi. La chiodatura è ottima a spit da 10mm anche nei tiri più facili.

27 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere il periodo: Meteo Domani ad est parzialmente soleggiato N S E O

28 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 26 Seguire l’evoluzione del tempo lungo tutta la settimana per avere la situazione meteo (condizioni, venti, temperature, isoterma) e la sua evoluzione (rotazione dei venti, andamento della pressione) attraverso: Radio e televisione Servizi telefonici locali Internet Custodi dei rifugi e gente del posto 2. Scegliere il periodo: Meteo

29 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere il periodo: Meteo Locarno-Monti, venerdì 13 giugno 2003, ore 11:00 Situazione generale: L'Europa centrale si trova in un campo di pressione piuttosto livellata, mentre sul sud della Germania staziona il limite fra la massa d'aria molto calda di origine subtropicale e aria più fresca al nord. Previsione fino a sabato sera: Sud delle Alpi ed Engadina: In prevalenza soleggiato. In giornata sui rilievi sviluppo di cumuli e nel corso del pomeriggio o la sera alcuni temporali, probabilmente limitati all'arco alpino. Temperatura massima 33 gradi, minima 22. Isoterma di zero gradi vicina a 4200 metri. Venti generalmente deboli, salvo raffiche in prossimità dei temporali. Nord delle Alpi, Vallese, nord e centro dei Grigioni: Abbastanza soleggiato, nonostante alcuni annuvolamenti. Soprattutto nelle Alpi e Prealpi alcuni rovesci o temporali pomeridiani. Temperatura fra 18 e 30 gradi. Evoluzione da domenica a mercoledì: Al sud in gran parte soleggiato e sempre molto caldo, con lieve tendenza a temporali serali. Martedì o mercoledì passaggio di una perturbazione temporalesca più attiva e in seguito un po' meno caldo. Al nord domenica in parte nuvoloso, afoso e temporalesco. Lunedì abbastanza soleggiato. Da martedì di nuovo instabile.

30 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 28 Previsione a breve termine Regione Piemontehttp://www.regione.piemonte.it/meteo/ Centro Geofisico Prealpino, Varesehttp://www.astrogeo.va.it/prevmete.htm Meteo Svizzerahttp://www.sma.ch/ital/sma.htmlhttp://www.sma.ch/ital/sma.html Ticino Online (Locarno Monti)http://www.ticino.ch/meteohttp://www.ticino.ch/meteo Meteo Francehttp://www.meteo.fr/index.html 2. Scegliere il periodo: Meteo

31 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere il periodo: Meteo Evoluzione a medio termine SabatoDomenic a LunedìMartedì Sud delle Alpi 17°/27° 19°/26° 18°/23° 18°/24° Svizzera tedesca 14°/26° 14°/25° 15°/23° 15°/24° Svizzera romanda 15°/27° 15°/26° 17°/24° 15°/24°

32 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere il periodo: Meteo Evoluzione a medio termine Domenic a LunedìMartedì Sud delle Alpi 22°/32° 22°/33° 22°/28° 21°/29° Svizzera tedesca 18°/26° 17°/27° 16°/28° 16°/24° Svizzera romanda 20°/27° 18°/28° 18°/26° 17°/25° Mercoled ì

33 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Scegliere i compagni Regola aurea: Non si parte per mete qualsiasi, non si parte con compagni qualsiasi! I compagni devono essere: n Puntuali n Affidabili (attrezzatura, equipaggiamento) n Preparati per la meta (resistenza, abilità, carattere) n ………… simpatici!

34 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Predisporre l’equipaggiamento L’equipaggiamento personale deve essere predisposto tenendo conto delle proprie esigenze e predisposizioni, cercando di disporre le varie cose nello zaino in modo razionale ovvero in maniera tale da poterle prelevare man mano che servono, senza dover rifare lo zaino ad ogni sosta. Telefonino, radio ricetrasmittenti ed eventualmente GPS possono essere portati ma non si deve pensare che con essi sia possibile ridurre la difficoltà della salita! Per le radio ricetrasmittenti si tengano presenti le norme di legge vigenti nei vari paesi.

35 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Predisporre l’equipaggiamento: lo zaino Nel sacco Giacca a vento Pantavento Maglione o pile Pile leggero o gilet Guanti Berretto di lana Cappello con visiera Casco, Imbraco, Corda, Scarpette Piccozza, Ramponi Moschettoni, Rinvii Nuts, Friends, Chiodi, Martello Cordini e Fettucce Biancheria di ricambio Alimenti e bevande Candela, Accendino, Lampada frontale Nella patella Occhiali da sole Crema solare – Cerotti – Medicinali Fazzoletti di stoffa e/o di carta Guide – Relazioni – Carte Topografiche Bussola – Altimetro – Matita – Righello Documenti (Tessera CAI – Carta d’identità), Soldi Nella borsa Scarponi Cambio di vestiario (per il rientro a casa) Note Gli indumenti devono essere confortevoli, caldi e poco ingombranti. I ramponi devono essere rinchiusi nell’apposita sacca o almeno in un sacchetto di materiale resistente, per non danneggiare gli altri oggetti. Gli alimenti devono essere ad alto contenuto energetico, digeribili e di facile conservazione, se possibile riposti in un contenitore rigido. Per le bevande è buona norma calcolare il consumo giornaliero di almeno un litro. I medicinali necessari sono alcune dosi di antidolorifici e antipiretici tipo Aspirina o Efferalgan, farmaci ad uso personale ed, eventualmente, una pomata per traumi e distorsioni, non scaduti. Il buonsenso non è denaro …

36 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita Predisporre l’attrezzatura Attrezzatura: Il materiale comune come corde, chiodi, rinvii, deve essere ripartito tra i compagni tenendo conto delle preparazione atletica di ciascuno e del ruolo che assumeranno durante la salita. L’efficienza dei vari materiali deve essere controllata accuratamente ad inizio stagione e durante la stagione: usura delle corde, cigolio moschettoni, controllo parti mobili, verifica integrità del casco, larghezza imbraco, etc. etc.!

37 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 35 Nel caso qualcosa non andasse per il verso giusto…

38 Gianni Perelli Ercolini AR1 - Preparazione di una salita - 36 Nel caso qualcosa non andasse per il verso giusto… Grazie e … buone arrampicate! Tutti i rifugi alpini sono posti di chiamata del soccorso alpino (CNSAS). In Italia per attivare i soccorsi dal fondovalle è sufficiente chiamare il servizio di Emergenza Sanitaria (118) che chiamerà a sua volta i capistazione del soccorso alpino della zona in cui è avvenuto l’incidente. Conoscenza dei segnali di soccorso (posizioni delle braccia e segnali acustici) Numeri telefonici utili per il soccorso: Emergenza Sanitaria118 Svizzera presso la polizia cantonale117 REGA, Guardia aerea svizzera di soccorso (*) Air Zermatt (*) (*) molto costose se non si è associati [quota associativa annua 35/30 Franchi]


Scaricare ppt "Club Alpino Italiano Il presente materiale didattico viene distribuito con il solo scopo di favorire l’apprendimento dei principali concetti esposti durante."

Presentazioni simili


Annunci Google