La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il presente materiale didattico viene distribuito con il solo scopo di favorire l’apprendimento dei principali concetti esposti durante la lezione. Scuola.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il presente materiale didattico viene distribuito con il solo scopo di favorire l’apprendimento dei principali concetti esposti durante la lezione. Scuola."— Transcript della presentazione:

1 Il presente materiale didattico viene distribuito con il solo scopo di favorire l’apprendimento dei principali concetti esposti durante la lezione. Scuola di Alpinismo e Sci Alpinismo “Moriggia – Combi e Lanza” Corso SA1 Materiali Club Alpino Italiano

2 SA1 - Materiali - 1 Premessa: Nella scelta dell’equipaggiamento intervengono quattro fattori contrastanti su cosa acquistare e portarsi nelle gite scialpinistiche 1. Costo 2. Peso 3. Prestazione 4. Sicurezza Materiali

3 SA1 - Materiali - 2

4 SA1 - Materiali Costo E’ ovvio rimanere entro le proprie possibilità economiche, ma è indispensabile non scendere sotto una soglia minima di sicurezza oltre la quale potrebbero essere compromesse le garanzie di affidabilità e di funzionalità

5 SA1 - Materiali - 4

6 SA1 - Materiali Peso Materiali con prestazioni identiche se più leggeri presentano un costo più elevato, in gita possiamo portare un peso limitato. I materiali TROPPO pesanti stancano e affaticano peggiorando i limiti di sicurezza. Anche la mancanza di materiale può pregiudicare la sicurezza dello sciatore alpinista. Occorre conoscere precisamente le necessità della gita che andremo a percorrere

7 SA1 - Materiali - 6

8 SA1 - Materiali Prestazioni A prestazioni elevate corrispondono costi elevati. Materiali con elevate prestazioni tecniche e buona affidabilità offrono migliore sicurezza e un maggiore divertimento.

9 SA1 - Materiali - 8

10 SA1 - Materiali Sicurezza E’ un fattore spesso trascurato nella decisione dell’ acquisto, e molto di più nella scelta dei materiali al seguito. La sicurezza è il meno tangibile dei 4 fattori è facile ritenere superfluo ciò che non è necessario per la progressione. E’ consigliato avere un elenco completo del materiale per la rivista finale del materiale scelto. Visto la molteplicità dei materiali moderni sarà opportuno indicare in lista anche l’uso, le caratteristiche, vantaggi e svantaggi di ciascuno di essi

11 SA1 - Materiali - 10

12 SA1 - Materiali - 11 Sci Leggerezza, robustezza, manovrabilità sono le caratteristiche principali per uno sci da scialpinismo. Sci morbidi offrono galleggiabilità e manovrabilità in neve fresca ma tendono a cedere e vibrare su nevi dure e irregolari. La sciancratura dei fianchi ha permesso una riduzione della lunghezza delle aste e un aumento della superficie di scivolamento migliorandone la manovrabilità, per contro in salita si è ridotta la presa di lamina in diagonale e richiedono pelli in sagoma. La tecnica e i materiali di costruzione attuali hanno notevolmente migliorato la rigidita torsionale aumentando la tenuta su nevi dure.

13 SA1 - Materiali - 12 Forme e costruzione degli sci Misure indicative Sci Tipologia Uso semplificataSpatolaCentroCodaRaggioLunghezza/ Peso SKIALP RACE/GARA92/9665/6982/8522/24156/ /850 SKIALP ALLROUND100/12070/8590/10416/20140/ /1350 SKI FREERIDE115/14090/100110/12021/25170/ /2200

14 SA1 - Materiali - 13

15 SA1 - Materiali - 14 Bastoncini Di lunghezza corretta se piantato a lato dello sci otteniamo un angolo di 90° tra braccio e avambraccio. Deve presentare un impugnatura comoda e una rotella generosa e flessibile per adattarsi al terreno, ottimi se con lacciolo a sgancio automatico per evitare strappi. Fondamentale è la loro robustezza per permettere anche la costruzione della barella, bastoncini telescopici sono sicuramente più delicati e non hanno specifico impiego per la progressione sui diagonali

16 SA1 - Materiali - 15 Bastoncini n Sistema bloccaggio bastoncini regolabili n Sistema sgancio automatico lacciolo n Rotelle orientabili con kit per incrementare la superficie di appoggio n Rotella sagomata ottima in salita ma nelle discese a piedi va utilizzata ruotata di 180 rispetto al senso di marcia n Bastoncino con impugnatura in spugna per presa ad altezza differenziata

17 SA1 - Materiali - 16

18 SA1 - Materiali - 17 Attacchi In fase di salita devono offrire la possibilità di sollevare il tallone con ampia escursione, e permettere lo sgancio di sicurezza in posizione di discesa. Un buon attacco deve essere robusto, leggero, semplice da regolare e con il fulcro più vicino possibile alla punta dello scarpone. Aspetti secondari sono: la possibilità di commutare salita discesa senza togliere gli sci, l’adattabilità a diversi scarponi, alza tacco con più posizioni incorporato. L’attacco deve disporre inoltre di un sistema per frenare lo sci in caso di sgancio accidentale. Un attacco per funzionare bene deve essere regolato bene

19 SA1 - Materiali - 18 Attacchi n Attacchi per scarpone dedicato n Lacciolo di sicurezza n Attacchi per scarpone classico con sistema di traslazione perno di rotazione n Attacchi per scarpone classico di derivazione race pista con elevato carico di sgancio

20 SA1 - Materiali - 19

21 SA1 - Materiali - 20 Scarponi Gli scarponi attuali sono costruiti con scafo in plastica e scarpetta estraibile. Devono offrire comfort e praticità nella camminata con e senza sci, precisione in fase di discesa, isolamento termico, calzabilità di ramponi, leggerezza. In salita deve consentire il massimo angolo di movimento della caviglia e in discesa il gambaletto deve essere bloccato leggermente in avanti, per i tratti alpinistici è fondamentale che la suola sia di tipo Vibram. Nella scelta dello scarpone il criterio fondamentale rimane sempre la calzabilità sul proprio piede, scarponi stretti piedi freddi, scarponi larghi vesciche.

22 SA1 - Materiali - 21 Scarponi n Scarpone 4 ganci performante freeride n Scarpone 4 ganci skialp classico n Scarpone skialp race n Scarpone con soffietto n Scarpone in carbonio sofisticati n Scarpone 3 ganci skialp classico leggero

23 SA1 - Materiali - 22

24 SA1 - Materiali - 23 Pelli di foca Le pelli sono delle strisce di tessuto sintetico che presentano un lato adesivo e un lato con uno strato di peli posizionati obliqui che consentono di scivolare in avanti e impediscono di scorrere indietro. E’ di uso comune utilizzare pelli sagomate sugli sci, a pelle applicata devono essere scoperte le lamine. Lo strato di peli può essere naturale (mohair), fibra sintetica o misto. Il mohair scorre meglio ma con tenuta inferiore e costo superiore. Esistono diverse sistemi di fissaggio delle estremità sullo sci, tutti validi a patto che se ne conoscano i punti deboli. Al decadimento del collante si può ovviare con colla spray molto comoda e efficace la completa rimozione e ripristino del collante è un operazione laboriosa che non sempre da i risultati sperati

25 SA1 - Materiali - 24 Tipologie di fissaggio n Classico con pelle corta (5-15cm) sulle code n Classico in punta e aggancio posteriore senza rivetti evita effetto aratro aumenta la resistenza n La pelle viene sganciata partendo dalle code n Classico in punta con rivetti La pelle viene sganciata partendo dalle code n Top fix in gomma sulle punte e gancio sulla code la pelle viene sganciata partendo dalla punta. Aumenta la possibilità di taglio della gomma con urti su eventuali ostacoli n In evidenza pelli non sagomate sullo sci n Modelli classici top fix n Aggancio custommizzato con la realizzazione dello sci n Adesivi resistenti fino a -50 adatti per ripetuti stacca attacca

26 SA1 - Materiali - 25

27 SA1 - Materiali - 26 Lame o coltelli Sono della lame metalliche dentate che si applicano all’attacco, queste incidono la neve dura penetrandola al fianco dello sci ed evitano lo scivolamento laterale. A seconda dell’attacco possono alzarsi completamente durante il passo oppure essere trascinate. E’ importante riconoscerne la necessità per tempo per non effettuarne il montaggio in situazioni di instabilità o scarso equilibrio, queste comunque rallentano l’andatura.

28 SA1 - Materiali - 27 Lame n Lame sempre montate in stato di riposo, la messa in uso viene eseguita ruotandole sul perno

29 SA1 - Materiali - 28

30 SA1 - Materiali - 29 Zaino Deve essere comodo da portare e non deve ridurre la respirazione distribuire bene il peso sulle spalle e non sbilanciare durante la discesa. Spallacci imbottiti e girovita regolabile sono fondamentali come lo schienale distanziato o imbottito. Lo zaino deve essere di dimensione sufficiente per accogliere tutto il materiale per la gita, meglio evitare di appendere materiale all’esterno eccezion fatta per la piccozza. Importati sono non da ultimi i dispositivi per trasporto sci laterali o centrale, la patella con tasche distinte aiuta per il materiale di pronto utilizzo. Lo zaino deve essere proporzionato all’altezza dell’alpinista.

31 SA1 - Materiali - 30 Zaini n Porta sci Centrale n Porta sci Laterale n Zaino con dispositivo respiratore

32 SA1 - Materiali - 31

33 SA1 - Materiali - 32


Scaricare ppt "Il presente materiale didattico viene distribuito con il solo scopo di favorire l’apprendimento dei principali concetti esposti durante la lezione. Scuola."

Presentazioni simili


Annunci Google