La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 - PROTEZIONE CIVILE: PRESENTAZIONE IL RISCHIO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 - PROTEZIONE CIVILE: PRESENTAZIONE IL RISCHIO."— Transcript della presentazione:

1

2 1 - PROTEZIONE CIVILE: PRESENTAZIONE

3 IL RISCHIO

4

5 RISCHIO IDROGEOLOGICORISCHIO IDROGEOLOGICO RISCHIO METEOROLOGICORISCHIO METEOROLOGICO RISCHIO VALANGHERISCHIO VALANGHE RISCHIO INCENDIRISCHIO INCENDI RISCHIO SISMICORISCHIO SISMICO RISCHIO MAREMOTORISCHIO MAREMOTO RISCHIO INDUSTRIALERISCHIO INDUSTRIALE RISCHIO TRASPORTI E TRAFFICORISCHIO TRASPORTI E TRAFFICO RISCHIO MARINORISCHIO MARINO RISCHIO INCENDI BOSCHIVIRISCHIO INCENDI BOSCHIVI RISCHIO DIGHE E INVASIRISCHIO DIGHE E INVASI RISCHIO RADIAZIONIRISCHIO RADIAZIONI RISCHIO NUCLEARERISCHIO NUCLEARE RISCHIO TERRORISTICORISCHIO TERRORISTICO RISCHI

6 NON ALZARSI AL MATTINONON ALZARSI AL MATTINO COLAZIONE A LETTO - TIEPIDACOLAZIONE A LETTO - TIEPIDA SPIEGARE CHE È MEGLIO NON ANDARE A SCUOLASPIEGARE CHE È MEGLIO NON ANDARE A SCUOLA NON SCENDERE LE SCALE NEPPURE CON L’ASCENSORENON SCENDERE LE SCALE NEPPURE CON L’ASCENSORE NON USCIRE DI CASANON USCIRE DI CASA NON USARE MOTORINI O AUTOMEZZINON USARE MOTORINI O AUTOMEZZI NON ATTRAVERSARE LE STRADENON ATTRAVERSARE LE STRADE CERCARE UNA SCUOLA CON AULE AL PIANO TERRACERCARE UNA SCUOLA CON AULE AL PIANO TERRA NON PARLARE CON GLI ALTRI SPECIE SE HANNO IL RAFFREDDORENON PARLARE CON GLI ALTRI SPECIE SE HANNO IL RAFFREDDORE NON OFFRITEVI VOLONTARI NELLE INTERROGAZIONINON OFFRITEVI VOLONTARI NELLE INTERROGAZIONI NON BACIATEVINON BACIATEVI … CONTRASTARE I RISCHI !

7 LA VITA DI OGNI GIORNO

8 La vita quotidiana di ciascuno di noi presenta situazioni di rischio continue e diversificate La storia dell'uomo e' segnata da un costante confronto con l'ambiente circostante … e spesso qualcosa di improvviso, di diverso … … di catastrofico segna il nostro cammino

9

10

11

12

13 2

14 DEFINIZIONE DI PROTEZIONE CIVILE Definiamo Protezione Civile tutto cio' che viene predisposto e configurato per prevedere, prevenire o affrontare eventi eccezionali che colpiscono il territorio e la comunita' sociale. In altri termini la Protezione Civile viene considerata come: l'insieme coordinato delle attivita' volte a fronteggiare eventi straordinari che non possono essere affrontati da singole forze ordinarie

15 PROTEZIONE CIVILE: UNO SCHEMA E UN METODO LOGICO

16

17

18 IL METODO ARRP INFORMAZIONI GENERALI Cartografia 3 RISORSE: - Aree - Fabbricati - Istituzioni - Operatori - Mezzi - Alimentari - Farmaceutici 2 RISCHI: Idrogeologico Industriale Traffico Radiazioni … 4 PROCEDURE DI EMERGENZA: Allarme Attivazione Soccorso COME UN VIDEOGAME

19 3

20 RISCHI ANTROPICI E RISCHI NATURALI

21 Le catastrofi nel tempo – I rischi naturali – I rischi antropici Per scenari – scenario sismico, – scenario vulcanico, – scenario chimico, – scenario idrogeologico, – scenario fuoco, – scenario nucleare. In base alle componenti dell'ecosistema umano rischi del suolo, – rischi dell'aria, – rischi dell'acqua, – rischi tecnologici, – rischi del fuoco, – rischi sanitari, – rischi individuali e sociali.

22 L’uomo e le sue opere … … la natura ed il suo corso

23 NaturaleVittimeAntropico Big Bang - Dinosauri + Diluvio +++ Pompei ++ Peste manzoniana +++ Terremoto Messina ++++ Bhopal ++++ Black out ?

24 DI FRONTE A QUESTI EVENTI … :  Erano prevedibili?  Si potevano prevenire?  Quali fattori umani le hanno generate o favorite?  Esisteva una forma di prevenzione?  Quali fattori possono aver aggravato l’evento?  Che cosa si potrebbe fare, oggi?

25 NOE’ NOE’

26

27

28

29 TEMPLARI TEMPLARI

30 TEMPLAR KNIGHTS ST. JOHN HOSPITALLER S 29 In spite of the official history they are not born to fight but for rescue purposes for all the travellers and all the pilgrims, of any religion, crossing the Palestinian land later their expertize in terms of swords and duels has been used for conquest purposes

31 scriptorium. it IL CONTRIBUTO DEI TEMPLARI E DEI GIOVANNITI ALLA CULTURA: IL CONTRIBUTO DEI TEMPLARI E DEI GIOVANNITI ALLA CULTURA: FURONO I PRIMI CORPI DI PROTEZIONE CIVILE FURONO I PRIMI CORPI DI PROTEZIONE CIVILE

32 CAMPI ROMANI CAMPI ROMANI

33 Le descrizioni particolareggiate degli accampamenti, a noi pervenute, sono costituite da quanto riportato nelle opere di Polibio (VI, 27-32) per l'età delle guerre puniche, e di Igino, nel Liber de munitionibus castrorum, per il tempo di Traiano. L'accampamento descritto da Polibio doveva servire a circa uomini, mentre quello di Igino a circa

34 33 33

35 34 Campo romano visto da Masada

36 SE LA FORTUNA È CIECA LA SFIGA CI VEDE BENISSIMO

37 SE LA FORTUNA È CIECA LA SFIDA SI VEDE BENISSIMO


Scaricare ppt "1 - PROTEZIONE CIVILE: PRESENTAZIONE IL RISCHIO."

Presentazioni simili


Annunci Google