La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le malattie cerebrovascolari rappresentano la 3° causa di morte (10-12% di tutti i decessi per anno), dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le malattie cerebrovascolari rappresentano la 3° causa di morte (10-12% di tutti i decessi per anno), dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie,"— Transcript della presentazione:

1

2

3

4

5 Le malattie cerebrovascolari rappresentano la 3° causa di morte (10-12% di tutti i decessi per anno), dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie, e la 1° causa di invalidità permanente La prevalenza nella popolazione generale sopra i 65 anni è del 6,5% ( uomini 7,4%, donne 5,9%)

6 L’incidenza aumenta con l’età sia per gli uomini che per le donne; dopo i 55 anni raddoppia ad ogni decade;il 75% degli ictus avvengono dopo i 65 anni; il valore massimo dopo gli 85 anni L’incidenza nelle donne sopra gli 80 anni supera quella negli uomini (maggiore sopravvivenza media delle donne rispetto agli uomini)

7 L’ictus ischemico colpisce soggetti con età media superiore a 70 anni,più spesso uomini che donne Nelle donne prevalenza di ischemia di origine cardioembolica L’ictus emorragico intraparenchimale colpisce soggetti più giovani,con lieve prevalenza per il sesso maschile L’emorragia sub aracnoidea colpisce soggetti di età media sui 50 anni circa,con prevalenza per il sesso femminile

8 La mortalità acuta per ictus ischemico è del 20-25%, per ictus emorragico è del 30-40%. Il tasso di mortalità in età avanzata è superiore nelle donne a causa della maggiore gravità delle condizioni cliniche con cui arrivano in ospedale, per il ritardo diagnostico dovuto alla sintomatologia più sfumata rispetto agli uomini

9 IPOSTENIA (DEFICIT DELLA FORZA) DI UNA META’ DEL CORPO PERDITA DELLA SENSIBILITA’ O PARESTESIE DI UNA META’ DEL CORPO DISTURBI DELLA PAROLA (AFASIA O DISARTRIA) DISTURBI DELLA VISTA (CECITA’ TRANSITORIA MONOCULARE O DI META’ CAMPO VISIVO) DEFICIT DELL’EQUILIBRIO

10 CEFALEA IMPROVVISA E INTENSA STATO CONFUSIONALE DEFICIT DI FORZA E/O SENSIBILITA’ DEFICIT DELLA PAROLA DEFICIT DELLA VISTA DEFICIT DELL’EQUILIBRIO

11

12

13

14

15 RUOLO PROTETTIVO SUI PROCESSI DELLA COAGULAZIONE STIMOLANO LA CRESCITA NEURONALE E IL RIMODELLAMENTO SINAPTICO AZIONE ANTINFIAMMATORIA

16

17 AUMENTARE L’ ATTIVITA’ FISICA : camminare a passo spedito per almeno 30 minuti al giorno RIDURRE ALCOOL max 2 bicch.vino/die per gli uomini e 1 bicch. per le donne ELIMINARE IL FUMO DI SIGARETTE

18

19

20 Ad 1 anno dall’evento acuto: 40% circa dei soggetti sopravvissuti presenta un grado di disabilità elevato che li rende totalmente dipendenti 40% presenta un grado di disabilità moderato con parziale dipendenza 10% non presenta disabilità residua 10% è istituzionalizzato

21 PEGGIORE NEL SESSO FEMMINILE IL RECUPERO FUNZIONALE PER LA MAGGIORE GRAVITA’ DEI QUADRI CLINICI PIU’ ELEVATA ISTITUZIONALIZZAZIONE PER LE DONNE

22 LE MALATTIE CEREBROVASCOLARI NELLE DONNE HANNO UNA MINORE PREVALENZA RISPETTO AGLI UOMINI MA TENDONO AD AVERE UNA MAGGIORE GRAVITA’ E PERTANTO UN RECUPERO PIU’ DIFFICILE IMPORTANTE E’ LA PREVENZIONE PRIMARIA E IL RISPETTO DEL PROPRIO EQUILIBRIO PSICO-FISICO

23

24


Scaricare ppt "Le malattie cerebrovascolari rappresentano la 3° causa di morte (10-12% di tutti i decessi per anno), dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie,"

Presentazioni simili


Annunci Google