La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’uso di materie prime e combustibili alternativi in cementeria - Controlli e monitoraggi ambientali Trento, 13 maggio 2014 Cagliero Silvio Arpa Piemonte-

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’uso di materie prime e combustibili alternativi in cementeria - Controlli e monitoraggi ambientali Trento, 13 maggio 2014 Cagliero Silvio Arpa Piemonte-"— Transcript della presentazione:

1 L’uso di materie prime e combustibili alternativi in cementeria - Controlli e monitoraggi ambientali Trento, 13 maggio 2014 Cagliero Silvio Arpa Piemonte- Dipartimento provinciale di CUNEO

2 Il Piano Provinciale gestione rifiuti, approvato dal Consiglio provinciale nel dicembre 1998, in linea con le previsioni regionali, prevede sul territorio della Provincia quattro piattaforme di trattamento e valorizzazione dei rifiuti urbani a valle della raccolta differenziata per i quattro bacini territoriali in cui sono stati suddivisi i 250 Comuni della Provincia I rifiuti derivanti dal trattamento sono in parte destinati alla discarica ed in parte inviati a valorizzazione energetica in impianto industriale o dedicato

3 La situazione Discarica Impianto selezione Recupero energetico Compostaggio ACEM AABSR ACSR CSEA VILLAFALLETTO MAGLIANO ALPI BORGO SAN DALMAZZO ROCCAVIONE ROBILANTE SOMMARIVA PERNO SOMMARIVA BOSCO Idea Granda

4 Produzione rifiuti provincia di Cuneo = t % raccolta differenziata anno 2012= 50.9% Rifiuti urbani a valle raccolte differenziate in ingresso alle piattaforme = t CDR avviato a recupero energetico presso il cementificio = ca t (dato 2013)

5 CONTROLLO ARPA CUNEO CEMENTIFICIO BUZZI DOCUMENTALE IN CAMPO VERIFICA AUTOCONTROLLI PERIODICI VERIFICA RELAZIONI ANNUALI VERIFICA PRESCRIZIONI AUTORIZZATIVE CAMPIONAMENTO EMISSIONI, CAMPIONAMENTO RIFIUTI SOGGETTI A RECUPERO, MISURA RUMORE VERIFICA GESTIONE SME (I.A.R. – All VI D.Lgs 152/06; QAL2 – UNI EN 14181, D.Lgs 133/05) Autorizzazione Integrata Ambientale Buzzi: Attività 3.1: Impianti destinati alla produzione di clinker (cemento) in forni rotativi la cui capacità di produzione supera 500 tonnellate al giorno …. Attività 5.1: Impianti per l’eliminazione o il recupero di rifiuti pericolosi …. concernente l’eliminazione degli oli usati, con capacità di oltre 10 t/g.

6 Combustibili alternativi CSS plastiche e gomme farine animali oli esausti Materie prime alternative scorie ferrose polveri da inceneritore Sost.cal: dal 15 al 70% Sost.: fino al 5% oli esausti: max 50 ppm PCB plastiche e gomme: < 1 ppm PCB cloro < 1% PCB scorie ferrose: PCB < ng/kg PCDD/F polveri da incener.: PCDD/F 1-15 ng/kg

7 Cement kiln with pre- heater and pre-calciner

8 Controlli alle emissioni

9 da postazione remota

10 Sistema di Monitoraggio con controllo da remoto

11 SME - Dati di processo

12 SME – Dati emissioni

13 SME – Dati flussi di massa

14 SME –parametri meteo

15 CONTROLLI ARPA AI CAMINI CEMENTERIA BUZZI PCDD/PCDF : Valore limite 8 h: 0.1 ng TE/Nm 3 rif =O 2 11% fino al 2006 rif =O 2 10% dal 2006 Divieto di utilizzo mat. prime alternative: scorie ferrose e alluminose ng TE/Nm 3 Rilascio AIA 29/10/2007 Aggiornamento AIA 29/7/2011 Rinnovo AIA

16 MONITORAGGI AMBIENTALI: - Monitoraggio Microinquinanti organici - Deposizioni - Suoli - Aereiformi - Monitoraggio Qualità dell’aria - Rete Regionale Qualità dell’aria - Laboratorio mobile - Campionatori passivi

17

18

19 DEPOSIZIONI ATMOSFERICHE Risultati 2007  2013 Concentrazioni complessive di ciascuna campagna Valor medio, minimo e massimo di ogni sito PCDD/PCDF pgTE/m 2 d picogrammo (pg) = g tossicità equivalente (TE) per unità di superficie di deposizione (m 2 ) per giorno (d)

20 DEPOSIZIONI ATMOSFERICHE PCB ng/(m 2 d) nanogrammo (ng) = g per unità di superficie di deposizione (m 2 ) per giorno (d) Risultati 2007  2013 Concentrazioni complessive di ciascuna campagna Valor medio, minimo e massimo di ogni sito

21 MONITORAGGIO MICROINQUINANTI NEI SUOLI CONTAMINAZIONE DIFFUSA Punti campionamento suoli Dipartimento Cuneo 2002 e 2005 Punti rete regionale monitoraggio dei suoli 2003 Punti rete regionale monitoraggio dei suoli 2004 Punti rete regionale monitoraggio dei suoli Punti rete regionale monitoraggio dei suoli 2007

22 Il campionamento dell’aria permette di valutare la quantità di microinquinanti in sospensione. Il campionamento dell’aria mediante Echo puf viene effettuato per aspirazione della stessa attraverso un dispositivo che permette di intrappolare le diossine sia in forma vapore che come particolato. La durata del campionamento è di 15 giorni, utile alla raccolta di una quantità di microinquinanti sufficiente per la determinazione analitica, ma tale da non causare la saturazione del filtro di raccolta a causa delle polveri presenti nell’aria. MONITORAGGIOMICROINQUINANTI NEGLIAEREIFORMI: MONITORAGGIO MICROINQUINANTI NEGLI AEREIFORMI: ARIA AMBIENTE – CAMPIONATORE ALTO VOLUME (ECHO PUF) ARIA AMBIENTE fgTE/m 3 fg (femtogrammo) = g di tossicità equivalente per unità di volume (m 3 ) Unico riferimento: Linee guida Germania 150 fg TE/m 3

23 ARIA AMBIENTE PCDD/PCDF fgTE/Nm 3 femtogrammo (fg) = g tossicità equivalente (TE) per unità di volume (Nm 3 ) Risultati 2011  2013 Concentrazioni complessive di ciascuna campagna Valor medio, minimo e massimo di ogni sito

24 ARIA AMBIENTE PCB pg/m 3 picogrammo (pg) = g per unità di volume (Nm 3 ) Risultati 2011  2013 Concentrazioni complessive di ciascuna campagna Valor medio, minimo e massimo di ogni sito

25 Metalli normati dal Decreto Legislativo n.155 del 13 agosto 2010 Stazioni di monitoraggio QA-PM 10 di Cuneo e Borgo S.Dalmazzo

26 Metalli non normati dal DecretoLegislativo n.155 del 13agosto2010 Stazione di monitoraggio QA PM 10 di Borgo San Dalmazzo* * Dati non formalizzati

27 MONITORAGGIO DELLA QUALITA’ DELL’ARIA NELLA BASSA VALLE VERMENAGNA E CUNEESE Emissioni industriali Centraline QA Laboratorio mobile Campionatori passivi

28 MONITORAGGIO CON CAMPIONATORI PASSIVI – NO 2 8 ÷ 19 marzo 2012 SI’ riscaldamento civile

29 LABORATORIO MOBILE medie NO 2 dal 22 marzo 2011 al 28 maggio 2012 NO 2 : concentrazioni medie registrate con il laboratorio mobile (indicate in blu) nei diversi siti confrontate con le concentrazioni medie rilevate presso le centraline fisse negli stessi periodi

30 Grazie per l’attenzione I dati presentati sono tratti da differenti lavori messi a disposizione dell’utenza alla pagina internet del sito Arpa Piemonte:


Scaricare ppt "L’uso di materie prime e combustibili alternativi in cementeria - Controlli e monitoraggi ambientali Trento, 13 maggio 2014 Cagliero Silvio Arpa Piemonte-"

Presentazioni simili


Annunci Google