La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L IQUIDAZIONI S PESE DI G IUSTIZIA O N -LI NE Antonino La Masa 03 ottobre 2014 - Milano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L IQUIDAZIONI S PESE DI G IUSTIZIA O N -LI NE Antonino La Masa 03 ottobre 2014 - Milano."— Transcript della presentazione:

1 L IQUIDAZIONI S PESE DI G IUSTIZIA O N -LI NE Antonino La Masa 03 ottobre Milano

2 Il sistema Liquidazioni Spese di Giustizia on lineIl sistema Liquidazioni Spese di Giustizia on line 1 Utilizzo del sistemaUtilizzo del sistema 2 Fatturazione elettronicaFatturazione elettronica 3 Agenda

3 Il sistema SIAMM ARSPG – Spese Pagate, consente di gestire il registro delle spese anticipate dall’erario (registro 1/A/SG) e consente la gestione di tutto il processo di liquidazione delle spese, dalla richiesta di liquidazione, al decreto/ordine di pagamento, all’emissione del provvedimento al netto delle ritenute. Inoltre, consente di espletare gli adempimenti amministrativi dell’Ufficio Giudiziario (ad es. CUD, Certificazione Lavoratori Autonomi, statistiche, ecc.).

4 Il sistema Liquidazione Spese di Giustizia on line consente di inviare la richiesta dei compensi relativi alle indennità spettanti a soggetti terzi (difensori, consulenti tecnici, i testimoni o i gestori di servizi telefonici/noleggio apparati), liquidati dal Giudice presso il quale si svolge il procedimento e messi in pagamento dall'ufficio competente del Funzionario delegato alla spesa.

5 L’utente che deve inviare richieste di liquidazione, al termine della registrazione, accede al sistema e ha la possibilità di usufruire di tre funzionalità:  gestione dei propri dati anagrafici e fiscali  inserimento di un’istanza di liquidazione  monitoraggio dello stato delle istanze già presentate agli uffici giudiziari  creare la propria fattura elettronica  richiedere la propria certificazione dei redditi corrisposti

6

7 Liquidazioni Spese di Giustizia on line Home: contiene il riepilogo grafico delle istanze inviate dal beneficiario sia in modalità «cartacea» sia in modalità «on line», raggruppate per anno di invio e suddivise in funzione dello stato di lavorazione: – Annullato – Attesa di presa in carico – Attivo – Decreto opposto – In validazione – Rifiutato – Provvedimento lordo emesso – Provvedimento lordo esecutivo – Provvedimento netto emesso – Provvedimento netto pagato – Recuperato

8 Liquidazioni Spese di Giustizia on line Dati Anagrafici e fiscali: contiene le informazioni anagrafiche e le informazioni relative alle coordinate bancarie e al regime fiscale. Il sistema all’atto della registrazione e/o modifica delle informazioni anagrafiche chiede presso quale Ufficio Giudiziario il beneficiario iva le istanze, in modo tale da confrontare le informazioni con quelle in possesso dell’Ufficio Giudiziario

9 Liquidazioni Spese di Giustizia on line Crea Istanza: consente di creare la richiesta di liquidazione che sarà recapitata alle varie cancellerie competenti per l’emissione del decreto di liquidazione Sono inserite le informazioni relative: all’Ufficio di Destinazione, alla qualifica del beneficiario, al periodo di incarico, al procedimento, i dati della richiesta (tipologia e importi), le modalità del pagamento ed eventuali note. È necessario allegare anche la documentazione a supporto ad es. la richiesta di ammissione al gratuito patrocinio, la nota spese, ecc.

10 Liquidazioni Spese di Giustizia on line Istanze on line/Istanze Cartacee: consente di visualizzare il dettaglio di ogni singola istanza inviata ad ogni Ufficio Giudiziario in modalità on line o cartacea attraverso la compilazione dei criteri di ricerca

11 Liquidazioni Spese di Giustizia on line Redditi Corrisposti: la funzionalità permette al beneficiario, sia persona fisica che studio associato, di stampare la certificazione dei redditi corrisposti dagli Uffici Giudiziari selezionando l’anno di interesse

12 La FatturaPA La Finanziaria 2008 ha stabilito che la fatturazione nei confronti delle amministrazioni dello stato debba avvenire esclusivamente in forma elettronica attraverso il Sistema di Interscambio.Sistema di Interscambio Il Decreto Ministeriale 3 aprile 2013, numero 55, stabilisce le regole in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura elettronica e ne definisce il formato. Legge Finanziaria 2008, sul sito di ufficiale di Normattiva Decreto Ministeriale 3 aprile 2013, numero 55, sul sito di ufficiale di Normattiva

13 Cos'è la FatturaPA La FatturaPA è una fattura elettronica ai sensi dell'articolo 21, comma 1, del DPR 633/72 ed è la sola tipologia di fattura accettata dalle Amministrazioni che, secondo le disposizioni di legge, sono tenute ad avvalersi del Sistema di Interscambio. Sistema di Interscambio La FatturaPA ha le seguenti caratteristiche: il contenuto è rappresentato, in un file XML (eXtensible Markup Language), secondo il formato della FatturaPA. Questo formato è l' unico accettato dal Sistema di Interscambio.formato della FatturaPA. l' autenticità dell' origine e l' integrità del contenuto sono garantite tramite l' apposizione della firma elettronica qualificata di chi emette la fattura, la trasmissione è vincolata alla presenza del codice identificativo univoco dell'ufficio destinatario della fattura riportato nell' Indice delle Pubbliche Amministrazioni.Indice delle Pubbliche Amministrazioni

14 Firmare la FatturaPA Ogni file FatturaPA trasmesso al Sistema di Interscambio deve essere firmato dal soggetto che emette la fattura tramite un certificato di firma qualificata.file FatturaPASistema di Interscambio La firma è necessaria in quanto garantisce: l’integrità delle informazioni contenute nella fattura; l’autenticità dell’emittente; Inviare la FatturaPA Il file preparato, firmato e nominato nel rispetto delle regole previste, può essere inviato al Sistema di Interscambio. Sono previsti cinque diversi canali di trasmissione per l’invio dei file:Sistema di Interscambio Posta Elettronica Certificata (PEC) Invio via web Servizio SDICoop - Trasmissione Servizio SDIFTP Servizio SPCoop - Trasmissione

15 Invio tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di posta elettronica che: garantisce l’ invio e la ricezione di messaggi e di eventuali documenti allegati, attesta con valenza legale l’invio e la ricezione dei messaggi al pari di una raccomandata con ricevuta di ritorno. L’invio mediante PEC è possibile per i soggetti forniti di una casella di Posta Elettronica Certificata.

16 L'utilizzo del canale PEC non presuppone alcun tipo di accreditamento preventivo presso il Sistema di Interscambio. I file FatturaPA e i file archivio devono essere spediti come allegato del messaggio di PEC.file FatturaPAfile archivio L'indirizzo PEC a cui destinare i file è il seguente: Il messaggio, comprensivo dell’allegato, non deve superare la dimensione di 30 megabytes. Se tale limite dimensionale non viene rispettato non è garantito il buon esito della trasmissione. Il soggetto che utilizza il canale PEC riceverà, sulla casella di PEC da cui ha effettuato la trasmissione, i file messaggio prodotti dal SdI relativi al proprio invio.file messaggio Nota bene: il Sistema, con il primo messaggio di risposta, notifica di scarto o ricevuta di consegna, comunica al trasmittente l’indirizzo di PEC che dovrà utilizzare per i successivi eventuali invii. L’utilizzo di un indirizzo di PEC diverso da quello assegnato dal SdI non garantisce il buon fine della ricezione del file FatturaPA.

17 Come numero le mie fatture PA? In merito alla coesistenza tra fatture elettroniche PA e altre fatture, che potenzialmente potrebbero essere cartacee o elettroniche, la norma lo prevede e richiede che vengano istituiti sezionali differenti, che hanno ciascuno la propria serie di numerazione. Le fatture elettroniche PA sono quindi numerate sequenzialmente all’interno del sezionale. Sulle modalità di creazione di un sezionale/partitario separato e numerazione rivolgersi al proprio commercialista. Si anticipa che non esiste alcuna norma o interpretazione che impone l’attivazione di un nuovo sezionale all’inizio dell’anno. Chiaramente deve trattarsi di una tipologia documentale nuova da gestire. Ad esempio non posso creare un sezionale a settembre se si è iniziata la fatturazione elettronica a inizio giugno. In pratica il sezionale si attiva in corso d’anno quando la tipologia documentale viene creata.

18 Creazione fattura elettronica La fattura elettronica può essere creata esclusivamente per le istanze nello stato provvedimento lordo esecutivo. Selezionando direttamente il numero dalla Home, il sistema visualizza tutte le istanze per le quali è possibile compilare la fattura elettronica. Per ogni istanza il sistema visualizza I dati precompilati per la fattura elettronica in funzione delle informaioni memorizzate nei pannelli “Dati Anagrafica e ritenute” ed in funzione del decreto di pagamento del Giudice

19 D OMANDE ?


Scaricare ppt "L IQUIDAZIONI S PESE DI G IUSTIZIA O N -LI NE Antonino La Masa 03 ottobre 2014 - Milano."

Presentazioni simili


Annunci Google