La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Polizia Locale Sezione Pallavolo. Indice La nostra storia Il giorno 8 Aprile 2014, nasce L’Associazione Sportiva Dilettantistica denominata “POLIZIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Polizia Locale Sezione Pallavolo. Indice La nostra storia Il giorno 8 Aprile 2014, nasce L’Associazione Sportiva Dilettantistica denominata “POLIZIA."— Transcript della presentazione:

1 Polizia Locale Sezione Pallavolo

2 Indice

3 La nostra storia Il giorno 8 Aprile 2014, nasce L’Associazione Sportiva Dilettantistica denominata “POLIZIA LOCALE GHISA VOLLEY” compagine di pallavolo composta da Agenti di Polizia Locale dei Comuni della Lombardia maschile e femminile. Il tutto da una idea degli Agenti Bruna Massimiliano e Soriero Orazio appartenenti al Corpo di Polizia Locale di Milano della zona 8 Sempione, accomunati da anni dalla passione per questo meraviglioso sport di squadra. Intento primario della Associazione è quello di promuovere la pallavolo come momento di svago e di aggregazione, oltre ai momenti di agonismo comunque presenti, e a fornire ai Corpi di Polizia Locale di tutta la regione Lombardia, una compagine di Agenti che pratichi uno sport di squadra, con l’indispensabile presenza femminile, e senza tener conto dell’età, non solo nella città capoluogo, ma in tutta la regione.

4 Chi Siamo La Associazione si avvale di un proprio “Statuto” che comunque rispetta e condivide quello della Associazione Nazionale Polizie Municipali D’Italia ASPMI, e quello dei Comitati Sportivi Regionali CSI nonchè quello del CONI alle quali è affiliata La sezione si avvale di un proprio organigramma di seguito elencato e di un proprio studio legale. La Associazione Sportiva Dilettantistica PL GHISA VOLLEY assume la qualifica di organizzazione non Lucrativa Presidente Responsabile di Associazione SORIERO ORAZIO Vice Presidente Direttore Generale Bruna Massimiliano Allenatore Tattico Allegretta Simone Vice Allenatore Veronese Violetta Direttore Sportivo Lubrano Salvatore Vice Marazzini Alberto REVISORE CONTI Cundari Vincenzo TESORIERI Soriero Orazio Bruna Massimilliano Studio Legale LoGiudice Lidia Rapporti Istituzionali E ASPMI Capri Carmine Cassano Rosalba Leo Simone WebMaster/Fb Foto Montedoro Alberto Vismara Gaia Organizzazioni Eventi Narciso Lina Tedesco Luciana Responsabili CSI Allegretta Simone Vismara Lia Consiglieri Miglietta Ilaria Ambrosi Giusy Verdelli Mirella Responsabile Palestre Pellegrino William Ferrario Luca Guarnaccia Anna Web site FB GhisaVolley Responsabili Comunicazioni Cassano Nadia Miglietta Nadia Responsabili Logistica Soriero Orazio

5 La Rosa 2014 Squadra Attualmente la squadra è composta da 24 atleti 12 donne e 12 uomini. La ricerca incessante di nuove risorse e l’ottimo lavoro sportivo fatto fino ad ora, ha portato un aumento di atleti che hanno deciso di condividere il nostro progetto. Attualmente le provincie della Regione rappresentate sono ben 4 e i Comuni rappresentati dai colleghi appartenenti alla Ghisa volley sono: MILANO – POGLIANO MILANESE – CORBETTA – DESIO – – SENAGO – PADERNO DUGNANO – VIGEVANO – GALLARATE – LEGNANO – ABBIATEGRASSO - CERRO MAGGIORE – RESCALDINA – ALBAIRATE – PAVIA – NERVIANO - ALBAIRATE. IL colore sociale della squadra è il Granata e ha un proprio logo identificativo riportato in ogni pagina della broschure.

6 I nostri impegni trascorsi e futuri L’Associazione anche se di recente costituzione, ha già preso parte a manifestazioni di rilevanza Nazionale e locale. Giugno 2014 ha visto la partecipazione dell’Associazione con IL GRUPPO SPORTIVO POGLIANO MILANESE ai Campionati Italiani ASPMI riservati alle Polizie Municipali che hanno avuto luogo dal 30 Maggio al 4 Giugno 2014 a Genova. Le città che hanno partecipato al torneo sono, Genova, Torino, Milano, Venezia, Padova, Trento, Riccione, Roma, Firenze,, Pesaro, Sesto San Giovanni. Per maggiori informazioni consultare il sito Nei mesi estivi l’associazione partecipa a tornei locali, organizzati da varie associazioni, come ad esempio quelli organizzati nei Comuni di Vanzago – Pogliano Milanese – Settembre 2014 dieci atleti hanno partecipato ai Campionati Italiani riservati alle Polizie Locali di Beach Volley categorie maschile femmile e miste con l’ottimo risultato del 4^ posto 2 x 2 maschile e 3 ^ posto 3 x3 femminile. Ottobre 2014 la nostra compagine ha partecipato ai Campionati Italiani Assoluti Maschie UNVS veterani dello Sport, classificandosi al seto posto su otto squadre, unica squadra senza atleti professionisti. La nostra compagine in tutte le manifestazioni, oltre all’aspetto sportivo che resta importante, si è sempre contraddistinta per lealtà sportiva e simpatia, portando in alto il nostro nome, le istituzioni da noi rappresentate e chi ci ha aiutato nel progetto. Ora l’attesa è per I Campionati Italiani ASPMI 2015, che si svolgeranno a Roma il prossimo mese di Maggio 2015 Ottobre 2014 alla ripresa delle attività, è intenzione iscrivere la nostra compagine ai Campionati CSI misti della provincia di Milano.

7 Bacino e Utenza

8 Cosa ti chiediamo Un contributo che possa aiutarci a concorrere alle spese che i nostri atleti devono sostenere personalmente per la partecipazione alle gare e manifestazioni, relativamente alle trasferte, all’abbigliamento tecnico, oltre a quelle legate alla normale gestione della sezione, iscrizioni ai campionati e affitto palestre, al fine di promuoverne gli scopi sociali. Comunque, il nostro impegno per portare in alto il nome ed il prestigio dei Corpi a cui apparteniamo e di chi avrà l’onore di contribuire con la propria partecipazione a questo progetto, assicurando che il nostro impegno sarà massimo, cercando di primeggiare in lealtà e probità sportiva, sia sul campo di gara che fuori.

9 Cosa ti offriamo

10 Sport Solidarietà Attualità Come detto in precedenza, l’associazione è sensibile ad argomenti di attualità e beneficenza. A tale scope è intenzione della ASD Ghisa Volley organizzare tornei a tema, coinvolgendo autorità e mass-media. Nel prossimo autunno è intenzione organizzare un torneo di Pallavolo Mista riservato alla Polizie Municipali D ’Italia, legando il torneo ad una raccolta fondi per Associazioni che si occupano dei bambini in cura presso Ospedale Buzzi di Milano. L’ Idea di coinvolgere oltre alle rappresentative delle Polizie Locali, una Compagine composta da personale Medico ed Infermieristico del Buzzi, per quanto concerne l’aspetto sportivo, e coinvolgere le associazioni che si occupano di tali raccolte, portando il torneo alla ribalta delle cronache invitando autorità locali e mass-media. Nel prossima primavera è intenzione organizzare un torneo di Pallavolo Mista riservato alla Polizie Municipali D’Italia, legando il torneo alle problematiche della integrazione nel nostro paese di persone provenienti da altri Stati, individuando come luogo per la logistica sia per la parte sportiva che extra sportiva la zona Paolo Sarpi di Milano. Idea di coinvolgere oltre alle rappresentative delle polizie Locali, una Compagine composta da cittadini appartenenti alla Comunità Cinese di Paolo Sarpi, per quanto concerne l’aspetto sportivo, e le associazioni del Quartiere Sarpi per la parte organizzativa

11 Preventivo spese Gestione 2014/2015

12 Come contattarci  La sede ufficiale della PL GHISA VOLLEY è quella del COMANDO DELLA POLIZIA LOCALE DI MILANO ZONA 8, presso Ufficio Motociclisti in via Quarenghi n.21 Milano cap  Il Responsabile della sezione è il Sovrintendente  Soriero Orazio  in servizio presso Polizia Locale Milano Zona Sempione o Cell o Tel Ufficio Fax o /  Il Vice Responsabile della sezione è l’Assistente  Bruna Massimiliano  in servizio presso Polizia Locale di Milano, o Cell o  Palestra allenamenti: Milano Via Ponte del Giuscano Figino  Codice Fiscale: Coordinate Bancarie: IBAN IT74T EXTRA BANCA S.P.A - FILIALE SARPI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA POLIZIA LOCALE GHISA VOLLEY

13 Informazioni Fiscali 1 In seguito alleghiamo alcune informazioni utili sulle normative che riguardano i benefici fiscali per chi contribuisce economicamente alle attività sportive di società dilettantistiche e associazioni sportive senza scopo di lucro. Scarica le informazioni complete dal nostro sito sito Inoltre Tutti i provvedimenti sono reperibili sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate:

14 Informazioni Fiscali 2. LE AGEVOLAZIONI PER CHI SOSTIENE LE ASSOCIAZIONI Il legislatore fiscale ha pensato anche ad una forma di sostegno indiretto delle associazioni che promuovono la pratica sportiva. Ha previsto, infatti, agevolazioni fiscali, sotto forma di detrazioni d’imposta o deduzioni dal reddito, per i contribuenti che effettuano erogazioni liberali alle associazioni sportive dilettantistiche. LA DETRAZIONE IRPEF PER ISCRIZIONE E ABBONAMENTO ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE Al fine di sostenere e incentivare la pratica sportiva dilettantistica, la legge finanziaria per il 2007 ha introdotto la possibilità di detrarre dall’Irpef una parte delle spese sostenute per l’iscrizione e l’abbonamento dei ragazzi e dei giovani di età compresa tra i 5 e i 18 anni ad associazioni sportive, palestre, piscine e altre strutture che promuovono lo sport dilettantistico. La detrazione è pari al 19% delle somme pagate a partire dall’anno 2007 e va calcolata su un importo massimo di 210 euro l’anno. Con il decreto del Ministro per le politiche giovanili e le attività sportive, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze 28 marzo 2007, sono state definite le regole per usufruire dell’agevolazione fiscale. Anzitutto, sono state individuate le associazioni e le strutture sportive che promuovono la pratica sportiva dilettantistica. In particolare, si tratta: delle società e associazioni sportive dilettantistiche (indicate dall’articolo 90, commi 17 e seguenti della legge 27 dicembre 2002, n. 289) che nella propria denominazione sociale indicano la finalità sportiva e la ragione o denominazione sociale dilettantistica; delle palestre, delle piscine e delle altre strutture e impianti sportivi destinati alla pratica sportiva dilettantistica, comunque organizzati, che esercitano pratica sportiva non professionale, agonistica e non agonistica. Si comprendono anche gli impianti polisportivi gestiti da soggetti giuridici, pubblici o privati, diversi dalle società ed associazioni sportive. In sostanza, la detrazione è ammessa anche nel caso di iscrizione a impianti sportivi di soggetti giuridici privati, quali imprenditori singoli, società di persone, società di capitali. Il decreto, inoltre, indica le modalità di pagamento e i requisiti che deve possedere la certificazione della spesa.

15 Informazioni Fiscali 3 Per fruire della detrazione la spesa deve essere certificata da bollettino bancario o postale, da fattura, ricevuta o quietanza di pagamento, da cui devono risultare i seguenti elementi: i dati della ditta, denominazione o ragione sociale e sede legale, ovvero, se persona fisica, nome cognome e residenza, nonché il codice fiscale; la causale del pagamento; l’attività sportiva esercitata; l’importo pagato per la prestazione resa; i dati anagrafici del praticante l’attività sportiva e codice fiscale della persona che effettua il pagamento. Si ricorda che si potrà fruire per la prima volta della nuova detrazione Irpef nella dichiarazione dei redditi che le persone fisiche presenteranno nel 2008 (per tutte le spese sostenute nell’anno 2007). Le ricevute e le certificazioni dei pagamenti effettuati non vanno allegati alla dichiarazione ma conservati ed esibiti su richiesta dell’Agenzia delle Entrate. LE EROGAZIONI LIBERALI EFFETTUATE DA PERSONE FISICHE Le erogazioni liberali in denaro effettuate da persone fisiche in favore delle associazioni sportive dilettantistiche danno diritto ad una detrazione dall’Irpef del 19 per cento. La detrazione, che va fatta valere in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi (modello 730, modello UNICO), va calcolata su un importo complessivo non superiore a euro per ogni periodo d’imposta. Qualunque sia la somma erogata, per fruire dell’agevolazione il versamento deve essere eseguito tramite banca, posta, carte di credito, bancomat, carte prepagate, assegni bancari e circolari non trasferibili intestati all’associazione destinataria. La documentazione comprovante l’effettuazione delle erogazioni liberali non va allegata alla dichiarazione dei redditi, ma conservata dal contribuente ed esibita, se richiesta, agli uffici competenti dell’Agenzia delle Entrate. L’agevolazione spetta anche quando l’erogazione è effettuata in favore di società sportive dilettantistiche costituite in società di capitali senza fine di lucro. ATTENZIONE Nel caso in cui l’associazione abbia assunto la qualifica di ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale): si possono dedurre le liberalità in denaro o in natura erogate nel limite del 10 per cento del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di euro annui;

16 Informazioni Fiscali 4 E’ prevista una detrazione dall’Irpef nella misura del 19 per cento da calcolare su un importo massimo di 2.065,83 euro per le erogazioni liberali; inoltre, i contribuenti possono decidere, in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi, di destinare alle associazioni sportive dilettantistiche il 5 per mille dell’IRPEF dovuta LE EROGAZIONI DELLE SOCIETÀ ED ENTI L’erogazione effettuata da società ed enti a favore delle associazioni sportive dilettantistiche è interamente deducibile fino all’importo di euro l’anno. La somma corrisposta è infatti considerata, per chi la eroga, una spesa di pubblicità e, come tale, deducibile nello stesso periodo d’imposta in cui è stata sostenuta o in quote costanti nell’esercizio di sostenimento della spesa e nei quattro successivi. Inoltre, la stessa detrazione prevista per le persone fisiche (19 per cento su un importo massimo di euro per periodo d’imposta) può essere fruita anche dalle società e dagli enti commerciali e non. Riguardo alle modalità di versamento valgono le stesse regole previste per le persone fisiche (banca, posta, carte di credito). ATTENZIONE Nel caso in cui l’associazione abbia assunto la qualifica di ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale), si possono dedurre le liberalità in denaro o in natura erogate nel limite del 10 per cento del reddito dichiarato e comunque nella misura massima di euro annui. In alternativa a questa deduzione, è possibile dedurre dal reddito di impresa un importo non superiore a 2.065,83 euro o al 2 per cento del reddito di impresa dichiarato. è prevista una detrazione dall’Irpef nella misura del 19 per cento da calcolare su un importo massimo di 2.065,83 euro per le erogazioni liberali; inoltre, i contribuenti possono decidere, in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi, di destinare alle associazioni sportive dilettantistiche il 5 per mille dell’IRPEF dovuti.


Scaricare ppt "Polizia Locale Sezione Pallavolo. Indice La nostra storia Il giorno 8 Aprile 2014, nasce L’Associazione Sportiva Dilettantistica denominata “POLIZIA."

Presentazioni simili


Annunci Google