La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia Marco Giustini 1, Fabio Voller 2 e Silvano Piffer 3 1 Istituto Superiore di Sanità, 2 ARS.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia Marco Giustini 1, Fabio Voller 2 e Silvano Piffer 3 1 Istituto Superiore di Sanità, 2 ARS."— Transcript della presentazione:

1 La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia Marco Giustini 1, Fabio Voller 2 e Silvano Piffer 3 1 Istituto Superiore di Sanità, 2 ARS Toscana e 3 APSS Trento CONVEGNO NAZIONALE LA SORVEGLIANZA OSPEDALIERA DEGLI INCIDENTI IN ITALIA E IN EUROPA I risultati del progetto CCM SINIACA–IDB e proposta di avvio di una rete di sorveglianza degli ospedali pediatrici italiani CENTRO INTERNAZIONALE DI STUDI E FORMAZIONE “GERMANA GASLINI”-­CISEF Via Romana della Castagna, 11/a Genova maggio 2014

2 Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) Secondo stime del WHO (WHO, 2013) nel mondo ogni anno persone muoiono a causa di un incidente stradale (IS) mentre tra 20 e 50 milioni sono i soggetti con lesioni non mortali che, in molti casi, esitano in una disabilità permanente. Si stima che nei Paesi ad economie avanzate i costi degli IS ammontino fra 1-3 % del Prodotto Interno Lordo Nei 27 Paesi dell’Unione Europea sono morte nel 2012 per IS persone (l’8,8% in meno rispetto al 2011), ovvero 55 persone ogni milione di abitanti. L’Italia ha registrato un tasso pari a 60,1 morti per milione di ab./anno, collocandosi al tredicesimo posto nella graduatoria europea. INTRODUZIONE

3 Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) In Italia, nel 2012 sono morte per IS persone (-5,4% rispetto all’anno precedente e -44,7% su base decennale). Il trend in discesa è dovuto a molti fattori concomitanti inquadrati a livello nazionale nell’ambito delle azioni previste dal Piano Nazionale della Sicurezza Stradale mentre all’interno del più ampio contesto europeo si incardinano nel programma d'azione europeo per la sicurezza stradale il cui obiettivo finale era quello di ridurre di almeno il 50% il numero dei decessi entro il 2010 rispetto al 2001 INTRODUZIONE

4 Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) L’obiettivo, fissato dall’Unione Europea nel Libro Bianco del 13 settembre 2001, è stato quasi raggiunto, con un abbattimento della mortalità 42,4%, in linea con la media europea del 42,8%. L’Italia si trova oggi a fronteggiare la nuova sfida proposta dalla Commissione Europea di mantenere l’obiettivo del dimezzamento del numero di morti nell’Unione tra il 2010 e il 2020, concordemente con quanto stabilito dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con la risoluzione 64/2551 che a livello mondiale si propone di stabilizzare o invertire il trend crescente di morti per IS nel decennio INTRODUZIONE

5 Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) INTRODUZIONE I dati del sistema di sorveglianza SINIACA-IDB, acquisiti sia in formato sintetico poi convertito in formato europeo Minimum Data Set (MDS), sia in forma analitica Full Data Set (FDS) per la caratterizzazione delle cause esterne di traumatismo e avvelenamento e che utilizzano la codifica DATIS, consentono di poter caratterizzare il quadro accidentologico nazionale in funzione della causa esterna, del tipo di lesione principale e della localizzazione della stessa.

6 Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) DATI Il sistema SINIACA-IDB - MDS 187mila casi relativi al periodo Piemonte Provincia Autonoma di Trento Liguria (Galliera, Gaslini) Toscana Umbria Sardegna Area vasta oltre 87mila km 2 (pari al 29% della superficie del Paese), sulla quale risiedono oltre 11,7 milioni di abitanti (pari a circa il 19,7% della popolazione residente in Italia) e la cui densità abitativa media è pari a 135 ab. per km 2 (contro 199 ab. per km 2 dell’Italia). Il sistema SINIACA-IDB - FDS 29mila casi relativi al periodo Liguria (Galliera, Gaslini) Umbria Sardegna I dati provengono da 33 strutture ospedaliere che, adottando la più completa codifica DATIS, rendono possibile caratterizzare l’incidente in funzione del veicolo coinvolto, dell’utilizzo del dispositivo di sicurezza e del luogo di accadimento dell'incidente.

7 DATI Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) Picco di incidenza tra i 20 e i 24 anni, sia nei maschi che nelle femmine (4.584 e accessi per ab./anno rispettivamente). Incidenza media: casi ogni ab./anno (1.907x ab./anno nei maschi e 1.386x ab./anno nelle femmine).

8 DATI Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova)

9 DATI Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) La distribuzione cumulativa degli accessi in PS per incidente stradale mostra come il 25% degli accessi avviene per entrambi i generi entro la fascia anni e il 75% degli accessi entro la fascia nei maschi e nelle femmine

10 DATI Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) Casi%Feriti ACI-ISTAT (%) Altro/non specificato 4671,6%1,4% Automobile, giardinetta (station wagon...) ,3%56,5% Bicicletta o mezzo a pedali ,6%6,4% Bus, corriera, pullman 3181,1%0,7% Camion 960,3%2,6% Ciclomotore, biciletta motorizzata ,7%6,7% Motocicletta ,4%17,9% Persona a piedi ,0%7,8% Totale ,0% DISTRIBUZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI PER TIPOLOGIA DI UTENTE DELLA STRADA

11 DATI Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) Accessi in PS (%) Ricoveri (%) Altro/non specificato 1,6%0,5% Automobile, giardinetta (station wagon...) 68,3%36.0% Bicicletta o mezzo a pedali 3,6%6.5% Bus, corriera, pullman 1,1%1.2% Camion 0,3%0.2% Ciclomotore, biciletta motorizzata 3,7%0.9% Motocicletta 13,4%35.9% Persona a piedi 8,0%18.9% Totale 1,6%0,5% DISTRIBUZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI PER TIPOLOGIA DI UTENTE DELLA STRADA ED ESITO

12 DATI Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) Accessi in PS(%)Ricoveri(%) Lesione cervicale (colpo di frusta)23,8%Lesione ad una parte non specificata della testa17,2% Lesione toracica (non specificata)14,7%Lesione arti inferiori (non specificata)15,5% Lesione arti inferiori (non specificata)13,7%Lesione toracica (non specificata)8,4% Lesione arti superiori (non specificata)8,2% Lesione all’addome, alla schiena, alla colonna (regione lombare) e alle pelvi 6,8% Lesione collo, gola (non specificata)6,9%Lesione arti superiori (non specificata)4,7% Lesione ad una parte non specificata della testa5,1%Lesione al volto (non specificata)4,4% Multitrauma4,6%Trauma cranio-encefalico4,4% Lesione al volto (non specificata)2,6%Lesione addominale (non specificata)4,4% Lesione alla colonna (zona lombare e sacrale)2,5%Lesione alla gamba4,1% Trauma cranio-encefalico2,4%Lesione alla coscia3,7% DISTRIBUZIONE DELLE PRINCIPALI LESIONI SECONDARIE AD INCIDENTE STRADALE NEGLI ACCESSI IN PS E TRA I SOGGETTI RICOVERATI

13 DATI Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) Accessi in PSCodice bianco o verdeCodice giallo o rosso Nessuno (pedone) 80,0%20,0% Bicicletta 73,2%26,8% Ciclomotore 79,5%20,5% Microcar/Minicar 60,0%40,0% Motocicletta 73,3%26,7% Automobile 90,4%9,6% Camion/Veicolo pesante 71,4%28,6% Bus/Pullman/Tram 95,1%4,9% Macchina industriale 66,7%33,3% Trattore/Macchina agricola 64,3%35,7% Altro 78,6%21,4% DISTRIBUZIONE DEI CODICI TRIAGE PER TIPOLOGIA DI UTENTE DELLA STRADA

14 DATI Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) Tipo veicoloSINIACA-DATISACI-ISTAT Scontro tra veicoli 74,7%78,8% Perdita di controllo 15,4%13,7% Scontro con pedone 9,9%7,4% DISTRIBUZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN BASE ALLA DINAMICA E ALLA FONTE DI DATI

15 DATI Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova) Tipo veicoloScontro tra veicoliPerdita di controlloScontro con pedone Nessuno (pedone) 35,9%43,7%20% Bicicletta 51,9%37,6%10% Ciclomotore 58,2%32,7%9% Microcar/Minicar 50,6%40,2%9% Motocicletta 82,0%15,4%3% Automobile 64,3%29,8%6% Camion/Veicolo pesante 51,2%41,5%7% Bus/Pullman/Tram 66,7%0,0%33% Macchina industriale 57,1%35,7%7% Trattore/Macchina agricola 65,9%26,0%8% Altro 35,9%43,7%20% DISTRIBUZIONE PER DINAMICA E TIPO VEICOLO COINVOLTO

16 CONSIDERAZIONI E CONCLUSIONI Sulla base della congruenza complessiva dei risultati (in particolare lo stretto accordo tra ricoveri stimati tramite SINICA-IDB e ricoveri osservati dalle SDO), possiamo concludere che verosimilmente gli accessi nell’anno presso i Centri di Pronto Soccorso in seguito ad incidenti stradali si collocano attualmente nell’intorno del milione casi e che i corrispondenti ricoveri sono intorno a /anno. A questi dati, stimati sulla base della sorveglianza SINIACA IDB, si aggiungono il circa 3700 morti e 8000 invalidi gravi a comporre la piramide dei traumi Genova, maggio 2014 «La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia» Convegno Nazionale La sorveglianza ospedaliera degli incidenti in Italia e in Europa Centro Internazionale di Studi E Formazione “Germana Gaslini”- CISEF (Genova)


Scaricare ppt "La sorveglianza ospedaliera degli incidenti stradali in Italia Marco Giustini 1, Fabio Voller 2 e Silvano Piffer 3 1 Istituto Superiore di Sanità, 2 ARS."

Presentazioni simili


Annunci Google