La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le origini del Feudalesimo 3. L’evoluzione dei rapporti vassallatico-beneficiari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le origini del Feudalesimo 3. L’evoluzione dei rapporti vassallatico-beneficiari."— Transcript della presentazione:

1 Le origini del Feudalesimo 3. L’evoluzione dei rapporti vassallatico-beneficiari

2 L’importanza dei vassalli Le guerre civili e le invasioni, comportano, nel IX secolo un aumento della “forza contrattuale” dei vassalli. I Seniores, per essere aiutati militarmente, sono costretti a concedere di più: Il beneficio diventa misura, condizione e, infine, causa del servitium.  Non a caso in quest’epoca compare il “vassallaggio multiplo”.

3 Evoluzione del beneficio Per i Seniores è sempre più difficile disporre dei benefici assegnati:  da loro, in caso di fellonia;  dal loro predecessore, dopo la sua morte. La prassi di accettare l’omaggio vassallatico dell’erede del vassallo defunto e di confermagli il beneficio diventa un obbligo, una legge non scritta.

4 L’ereditarietà dei benefici Viene poi sancita formalmente:  Nel 877 con il Capitolare di Quierzy, Carlo il Calvo concede l’ereditarietà degli uffici comitali e dei benefici ad essi connessi (ereditarietà dei “benefici maggiori”).  Nel 1037, con la Constitutio de feudiis, l’imperatore Corrado II di Franconia rende ereditari anche i benefici dei vassalli dei vassalli (“benefici minori).

5 Il feudo Il beneficio ereditario, dal XI secolo chiamato “feudo”, diviene quasi irrevocabile e del tutto simile all’allodio (come dimostra il diffuso fenomeno del “feudo oblato”). Su di esso il vassallo tende ad esercitare un potere signorile, quasi del tutto autonomo dal controllo del sovrano.

6


Scaricare ppt "Le origini del Feudalesimo 3. L’evoluzione dei rapporti vassallatico-beneficiari."

Presentazioni simili


Annunci Google