La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il monachesimo in Occidente Benedetto e i benedettini Prof. Vincenzo Cremone.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il monachesimo in Occidente Benedetto e i benedettini Prof. Vincenzo Cremone."— Transcript della presentazione:

1 Il monachesimo in Occidente Benedetto e i benedettini Prof. Vincenzo Cremone

2 Intorno alla metà del III sec. dopo la fine delle persecuzioni, si sentì il desiderio di isolarsi dal mondo, per poter condurre una vita più perfetta; si caratterizzò l’eremitismo solitario. Prof. Vincenzo Cremone

3 Il più famoso di questi eremiti fu Antonio, che, nato in Egitto, abbandonò la sua agiata famiglia e si stabilì nel deserto fino alla morte. Prof. Vincenzo Cremone

4 Grotta dove visse S. Antonio il Grande Prof. Vincenzo Cremone

5 In Occidente il monachesimo si sviluppò in seguito alla conoscenza della vita di Antonio. Prof. Vincenzo Cremone

6 La caduta dell’impero romano d’occidente segna un’epoca di angosce, mali ed incertezze, che spingono alcuni cristiani ad approfondire la propria spiritualità attraverso la ricerca di nuovi stili di vita. Prof. Vincenzo Cremone

7 Nascono in questo periodo personaggi che ispirati dall’essenza del messaggio cristiano, propongono un’applicazione del vangelo più autentica, attraverso la vita comunitaria del cenobio e del monastero. I monaci: Benedetto da Norcia, Cassiano, Colombano, Patrizio e tanti altri diedero un forte impulso allo sviluppo del monachesimo in Europa. Prof. Vincenzo Cremone

8 Il monachesimo benedettino Prof. Vincenzo Cremone Benedetto nasce intorno al 480 a Norcia, in Umbria. Si recò a Roma per gli studi ma presto si ritirò come eremita in una grotta presso Subiaco. Nel 529 fonda il monastero di Montecassino dove organizza la vita dei suoi monaci sulla P REGHIERA, LO S TUDIO E IL L AVORO. Nel 540 scrive la Regola. Muore nel 547.

9 Il monachesimo benedettino Il monachesimo benedettino si diffonde in tutta Europa con migliaia di abbazie. I monasteri, oasi di pace e di preghiera, furono soprattutto centri di evangelizzazione e di sviluppo sociale e culturale. Prof. Vincenzo Cremone

10 Il monachesimo benedettino L’opera benedettina è considerata il punto di partenza della ricostruzione. Abbazia di Montecassino fondata nel 529 Prof. Vincenzo Cremone I monasteri benedettini hanno contribuito alla nascita dell’Europa dopo la caduta dell’Impero in Occidente.

11 Il monachesimo benedettino Schiere di benedettini, formate da predicatori, artigiani, agricoltori e maestri, andavano ovunque. Prof. Vincenzo Cremone Grazie a loro, infatti, il cristianesimo poté diffondersi capillarmente in Europa.

12 Il monachesimo benedettino Essi effettivamente si debbono considerare tra le forze costruttive dell’Europa che cominciava a sorgere Prof. Vincenzo Cremone

13 E come le cattedrali divennero il punto di riferimento degli abitanti delle città, così nelle campagne il punto di riferimento fu costituito dalle abbazie e dai monasteri, luoghi di spiritualità ma anche di sviluppo economico e di assistenza. Prof. Vincenzo Cremone MontecassinoMontecassino SubiacoSubiaco Il monachesimo benedettino

14 Prof. Vincenzo Cremone I Monaci benedettini si distinsero nel campo:  Letterario - i monaci salvarono il patrimonio dell'antichità classica, attraverso la ricopiatura di antichi manoscritti attraverso il lavoro instancabile degli amanuensi

15 Il monachesimo benedettino Prof. Vincenzo Cremone  Musicale - inventarono il rigo musicale e diffusero il canto gregoriano per la liturgia in tutta Europa I Monaci benedettini si distinsero nel campo:

16 Il monachesimo benedettino Prof. Vincenzo Cremone I Monaci benedettini si distinsero nel campo:  Medico - i monaci studiarono scienza medica antica; coltivarono erbe medicinali, dotando le abbazie di ospedali e farmacie.

17 Il monachesimo benedettino Prof. Vincenzo Cremone  artistico, diffusero lo stile romanico e idearono quello gotico, finalizzato all'elevazione corale della preghiera I Monaci benedettini si distinsero nel campo:

18 Il monachesimo benedettino Prof. Vincenzo Cremone I Monaci benedettini si distinsero nel campo:  agricolo, coltivarono campi e bonificarono zone paludose, creando attorno ai monasteri villaggi rurali

19 Il monachesimo benedettino Prof. Vincenzo Cremone L’agricoltura deve molto ai monaci: quando le invasioni barbariche ridussero a deserto molti territori e le città decaddero, loro continuarono a coltivare i campi.

20 Il monachesimo benedettino Prof. Vincenzo Cremone I Dialoghi di Gregorio Magno, scritti tra la fine del 500 e l’inizio del 600, presentano una schiera di monaci che lavorano la terra in condizioni proibitive, spesso in luoghi del tutto abbandonati, nel tentativo di riconquistare queste zone.

21 Il monachesimo benedettino Prof. Vincenzo Cremone Ricolonizzare dunque i vasti territori dell’Europa, fu un importante risultato per la storia monastica dei primi secoli del Medioevo.

22 Il monachesimo benedettino Prof. Vincenzo Cremone Se non ci fossero stati Benedetto e il Monachesimo, la storia dell'Europa sarebbe stata senz'altro diversa.

23 Il monachesimo benedettino Prof. Vincenzo Cremone biblioteche scriptorium, È nei monasteri, infatti, che nacquero le biblioteche e le università, supportate dal meticoloso lavoro nello scriptorium, dove gli amanuensi copiavano le opere dei classici e dei filosofi antichi, opere che così sono giunte fino a noi inalterate, assieme a tutte quelle composte nelle epoche successive.

24 F INE Prof. Vincenzo Cremone


Scaricare ppt "Il monachesimo in Occidente Benedetto e i benedettini Prof. Vincenzo Cremone."

Presentazioni simili


Annunci Google