La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Le TIC nella didattica GRUPPO BLU Gruppo di lavoro: Bazzano Sandro Cormìo Anna De Laurentis Nicola Donini Cristina Fusari Maria Leonilde Garlaschelli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Le TIC nella didattica GRUPPO BLU Gruppo di lavoro: Bazzano Sandro Cormìo Anna De Laurentis Nicola Donini Cristina Fusari Maria Leonilde Garlaschelli."— Transcript della presentazione:

1

2 1 Le TIC nella didattica GRUPPO BLU Gruppo di lavoro: Bazzano Sandro Cormìo Anna De Laurentis Nicola Donini Cristina Fusari Maria Leonilde Garlaschelli Fabrizio

3 2 Il medium è il messaggio … sosteneva Marshall McLuhan. Ora il mezzo è il computer e condiziona riti e ritmi del nostro tempo. Socrate diffidava della scrittura e privilegiava il dialogo con il suo interlocutore. Col computer e la Rete potrebbe farlo da una parte all’altra del mondo.

4 3 La rivoluzione elettronica z ha aumentato la quantità di comunicazione e comunicatori z ha influito profondamente sulla qualità del prodotto comunicativo z offre un’enorme massa d’offerte di basso profilo z rende sempre più difficile l’individuazione di buoni prodotti e buoni servizi

5 4 Rivoluzione elettronica e scuola z dopo l’inevitabile perdita di ruolo causata dalla televisione per la scuola si è aperta la sfida del computer z per quanto sia ancora poco avvertito dagli operatori scolastici, la sostituzione di Gutenberg con i bit potrebbe dare il colpo di grazia definitivo a quello che oggi conosciamo come “scuola”

6 5 …dunque la rivoluzione informatica z potrebbe anche rappresentare l’ultima opportunità per la scuola di riconquistarsi uno spazio d’indispensabilità z se l’insegnante, “comunicatore” di saperi più o meno forti, riesce a farsi identificare nel ruolo di “mediatore” tra un input incontenibile d’informazioni (spesso spazzatura) e un output culturalmente valido ritrovando la collocazione sociale che pochi, attualmente, sono disposti a riconoscergli

7 6 …ma ci sono problemi z ci vogliono maggiori conoscenze ed abilità z il sistema formativo in auge tende ad esternalizzare il tipo di competenze necessarie per svolgere simili compiti z per il singolo docente è fondamentale la consapevolezza che la sua crescita professionale dipende in larga misura dalla capacità d’aggiornarsi culturalmente

8 7 Infatti z Conoscere significa dominare la complessità, superando i limiti della specializzazione settoriale z Una scuola di qualità è una scuola che oltre ad avere insegnanti preparati nello specifico delle rispettive materie, ha insegnanti informati che “formano” oltre ad istruire

9 8 Digital divide z Nell’era del digitale saper comunicare con gli strumenti che la tecnologia mette a disposizione è una necessità imprescindibile z «La Terra è un globo ronzante di trasmissioni elettroniche, annidato nel silenzio dello spazio» (premessa al documento sul “digital divide” del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni sociali)

10 9 Sostiene il Vaticano (che di comunicazioni ed educazione se ne intende) z il “divario digitale” tra chi ha accesso alla Rete e chi no è la vera nuova forma di discriminazione tra i ricchi e i poveri z «Tirarsi indietro timidamente per paura della tecnologia o qualche altro motivo non è accettabile» (arcivescovo Pierfranco Pastore, Presidente del Pontificio Consiglio per le Comunicazioni sociali ) z …dunque non è un caso che siano stati attivati corsi per quasi insegnanti

11 10 Le Tecnologie Didattiche (TD) Giorgio Olimpo attribuiva quattro valenze diverse alle TD: zamplificatore cognitivo: ipertesti e percorsi individualizzati z amplificatore cooperativo: comunità virtuali in rete telematica zamplificatore informativo: internet con la sua massa enorme di dati zamplificatore espressivo: incontro fra multimedialità e multisensorialità

12 11 La multimedialità e l’ipertestualità zUtilizza più linguaggi yverbale, sonoro, visivo, informatico… zSi avvale di diversi strumenti di comunicazione y libro, telecamera, computer... zEsercita a più abilità ylettura, ascolto, ripresa fotografica o televisiva, ricerca su fonti iconografiche, elaborazione dei dati... zSviluppa una modalità ipertestuale, in grado di stabilire relazioni, secondo le dinamiche della formazione della conoscenza

13 12 Ha dei vantaggi formativi zAumenta la motivazione dei ragazzi zEduca alla comprensione e all’integrazione di più linguaggi zFavorisce l'acquisizione di una mentalità rivolta alla scoperta, alla ricerca, all'apprendimento autonomo zCollega scuola e ambiente extrascuola

14 13 La didattica multimediale Valorizzazione delle abilità Potenziamento dell’apprendimento Condivisione delle risorse Personalizzazione percorsi formativi Strutturazione dei processi cognitivi Esplorazione come apprendimento attraverso il gioco Espressione come capacità di pensiero divergente Soggettività come sviluppo della propria individualità

15 14 ICT (Information and Communication Technologies) zHanno rivoluzionato anche l’organizzazione sociale zDanno impulso a formazione continua zRiguardano, oltre al software specifico, tutta l’area connessa ad Internet, alla posta elettronica ed alla comunicazione a distanza z Sono correlate alla storia dei processi conoscitivi - cognitivi

16 15 Impatto delle TIC nel contesto didattico Le ricadute sulla didattica sono possibili solo se le TIC sono capite ed utilizzate al meglio. Allora è possibile: zSpostare il focus dal docente allo studente  Spostare il focus dell’apprendimento sul learning by doing (imparare facendo) zAumentare la motivazione degli studenti zFar emergere la cooperazione tra studenti

17 16 Impatto delle TIC nei processi cognitivi z Abituare i giovani all’analisi dei processi z Stimolare l’approccio induttivo alla conoscenza zPotenziare l’attenzione sulla comunicazione in tutti i suoi aspetti

18 17 Possibili fattori di disturbo sull’apprendimento zSaturazione cognitiva (overloading information) zDisattivazione cognitiva (quando la macchina scavalca operazioni e processi intermedi di pertinenza dello studente) zDisorientamento legato ad interferenza fra codici diversi zDifficoltà di imparare a scegliere nella “grande abbuffata di cibi scadenti”

19 18 Apprendimento in rete… zPiattaforme integrate che facilitino yCollaborazione yCooperazione ySocialità yInterattività zVirtual Class Room

20 19 Tipo di apprendimento zProgettuale zCooperativo zInterdisciplinare zCritico zCognitivo – concettuale zReticolare

21 20 La dimensione ludica z La funzione del gioco nell’apprendimento è insostituibile. z Giochiamo anche “virtualmente” con il computer. z Non dimentichiamo però la materialità della vita. Gioie e dolori, amore e odio, contatto fisico, non sono ancora computerizzabili.

22 21 CONCLUDENDO… z Imparate ad usare il computer. z Insegnate l’uso del computer. z Ricordate che è uno mezzo, non un fine. z Non dimenticate che la vita, comunque, è “là fuori”. z Divertitevi con i vostri scolari, qualsiasi sia lo strumento a disposizione. z Siate autocritici oltre che critici. z Non sentitevi inadeguati, mai!


Scaricare ppt "1 Le TIC nella didattica GRUPPO BLU Gruppo di lavoro: Bazzano Sandro Cormìo Anna De Laurentis Nicola Donini Cristina Fusari Maria Leonilde Garlaschelli."

Presentazioni simili


Annunci Google