La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ballata scritta da Guido Cavalcanti nel 13° secolo, che riprende un genere letterario molto diffuso: la pastorella. Guido Cavalcanti è nato a Firenze nel.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ballata scritta da Guido Cavalcanti nel 13° secolo, che riprende un genere letterario molto diffuso: la pastorella. Guido Cavalcanti è nato a Firenze nel."— Transcript della presentazione:

1 Ballata scritta da Guido Cavalcanti nel 13° secolo, che riprende un genere letterario molto diffuso: la pastorella. Guido Cavalcanti è nato a Firenze nel 1255 ed è morto nel 1300 a Firenze.

2 In un boschetto trova' pasturELLAA più che la stella - bella, al mi' parERE.B Cavelli avea biondetti e ricciutELLI,C e gli occhi pien' d'amor, cera rosATA;D con sua verghetta pasturav' agnELLI;C [di]scalza, di rugiada era bagnATA;D cantava come fosse 'namorATA:D er' adornata - di tutto piacERE.B D'amor la saluta' imantenENTEE e domandai s'avesse compagnIA;F ed ella mi rispose dolzemENTEE che sola sola per lo bosco gIA,G e disse: "Sacci, quando l'augel pIA,G allor disia - 'l me' cor drudo avERE".B Po' che mi disse di sua condiziONEH e per lo bosco augelli audìo cantARE,I fra me stesso diss' i': "Or è stagiONEH di questa pasturella gio' pigliARE".I Merzé le chiesi sol che di basciAREI ed abracciar, se le fosse'n volERE.B Per man mi prese, d'amorosa voglIA,G e disse che donato m'avea 'l cORE;L menòmmi sott' una freschetta foglIA,G là dov'i' vidi fior' d'ogni colORE;M e tanto vi sentìo gioia e dolzORE,M che 'l die d'amore - mi pàrea vedERE. B METRICA: ballata minore di tutti endecasillabi formata da quattro strofe di sei versi ciascuna con rime alternate nei quattro versi della fronte e volta di due versi uguale alla ripresa; secondo lo schema AB AB BX e rima interna b nell’ultimo verso. ci sono anche consonanze nel v 1con vv 3,5 e nei vv 2,8,14,20 con i vv 16,18,19,22,24,25

3 In un boschetto trova' pasturella più che la stella - bella, al mi' parere. Cavelli avea biondetti e ricciutelli, e gli occhi pien' d'amor, cera rosata; con sua verghetta pasturav' agnelli; [di]scalza, di rugiada era bagnata; cantava come fosse 'namorata: er' adornata - di tutto piacere. D'amor la saluta' imantenente e domandai s'avesse compagnia; ed ella mi rispose dolzemente che sola sola per lo bosco gia, e disse: «Sacci, quando l'augel pia, allor disïa - 'l me' cor drudo avere». Po' che mi disse di sua condizione e per lo bosco augelli audìo cantare, fra me stesso diss'i': «Or è stagione di questa pasturella gio' pigliare». Merzé le chiesi sol che di basciare ed abracciar, - se le fosse 'n volere. Per man mi prese, d'amorosa voglia, e disse che donato m'avea 'l core; menòmmi sott'una freschetta foglia, là dov'i' vidi fior' d'ogni colore; e tanto vi sentìo gioia e dolzore, che 'l die d'amore - mi parea vedere. In un boschetto trovai una pastorella più bella che le stelle secondo la mia impressione. Aveva capelli biondi e ricci e gli occhi pieni d’amore, volto roseo pascolava gli agnelli con il suo bastoncino; era scalza bagnata di rugiada; cantava come se fosse innamorata: era adorna di ogni bellezza. La salutai immediatamente con parole d’amore e le domandai se avesse compagnia; ed ella rispose dolcemente che andava sola per il bosco, io dissi fra me stesso: “Ora è il momento di prendere piacere di questa pastorella”. Le chiesi il favore nient’altro che di baciarla, se ne avesse desiderio. Mi prese per mano, con desiderio d’amore e disse che mi aveva donato il cuore; mi portò sotto un cespuglio fresco dove io vidi fiori di ogni colore; e vi sentii a tal punto piacere e dolcezza, che mi pareva di vedere il dio d’amore.

4 Dante e Cavalcanti furono i maggiori rappresentanti dello Stilnovismo. «Dolce stil novo» è la denominazione con cui Dante nella Commedia definisce il carattere della nuova poesia che si afferma a Firenze tra il 1280 e il 1310.

5 Non è casuale che la nuova tendenza si affermi proprio a Firenze. Nella seconda metà del Duecento la città afferma la propria egemonia economica, artistica e culturale, diventando una delle città più importanti d’Europa.

6 La novità dello Stil novo è sia tematica, sia stilistica. La nuova si distingue da una parte dai Siculio-toscani, perché scarta l’esperienza civile di Guittone; dall’altra dai Siciliani, rappresenta una diversa concezione dell’amore. Per gli stilnovisti l’amore diventa elevazione spirituale, adorazione di una donna che può assumere i tratti di un angelo. Lingua dello stil novo è un dialetto fiorentino «depurato».

7 Dall’incontro dell’amore La ballata può essere divisa in tre parti. Il tono gioioso La poesia ha un tono gioioso e spensierato. Il testo ha carattere narrativo: un vivace e malizioso racconto. La lontananza della pastorella dalla donna- angelo. Donna-angelo stilnovistica colpisce con il solo sguardo.

8 Trasgressione apparente dell’amor cortese Il componimento è lontano dalla visione spensierata dell’amore stilnovista. La metonimia: è una parola che deriva dal greco e significa «attraverso» e «nome». è una figura retorica che consiste nel sostituire una parola con un'altra che abbia con la prima una certa relazione, ad esempio di contiguità logica o materiale.

9 La ballata: è una forma di poesia chiamata anche canzone a ballo perché destinata al canto e alla danza, è un componimento che si trova in tutte le letterature di lingua romanza e ha una particolare struttura.

10 Cavalcanti fissa un nuovo modello letterario che risulta decisivo per la lirica. Tema unico della sua produzione è l’amore, vissuto come mezzo per raggiungere la nobiltà d’animo e come devastante esperienza tragica.


Scaricare ppt "Ballata scritta da Guido Cavalcanti nel 13° secolo, che riprende un genere letterario molto diffuso: la pastorella. Guido Cavalcanti è nato a Firenze nel."

Presentazioni simili


Annunci Google