La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le azioni in capo allo Stato  Confermare la istituzione del Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del Tpl ( L. n.135/2013)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le azioni in capo allo Stato  Confermare la istituzione del Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del Tpl ( L. n.135/2013)"— Transcript della presentazione:

1

2 Le azioni in capo allo Stato  Confermare la istituzione del Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del Tpl ( L. n.135/2013) in € annui  Adeguare lo stanziamento annuo alla inflazione di settore programmata (D. lgs n.422 – Legge n.42/2009)  Escludere dai vincoli del patto di stabilità interno le risorse stanziate sul Fondo di cui alla L. 296/2006 art.1,c.1031

3 Le azioni in capo allo Stato  Definire (art.1,c.84, L. 147/2013) costi standard  Armonizzare l’attività della Autority con l’Osservatorio al livello centrale e con le Agenzie al livello periferico  Modificare le modalità di erogazione delle risorse per investimenti  Destinare contributi fino al 75% dei costi per leasing per rinnovo parchi autobus  Sostenere il processo di liberalizzazione con norme cogenti

4 La liberalizzazione del settore Le Regioni devono  provvedere alla definizione dei singoli bacini di traffico minimi ottimali così come previsto all’art. 3bis, c.1, della Legge n.148/2011  disporre l’affidamento ad un unico operatore anche in ATI, purché proceda entro 90 gg a fusione in unica società  potenziare gli strumenti per la lotta alla evasione tariffaria, che vale il 9% del Fondo nazionale con sanzioni pecuniarie esemplari con l’accertamento affidato ad agenti di polizia amministrativa, anche fuori organico aziendale

5 Le azioni in capo alle Regioni Legge n. 95/2012 – art. 16 bis, comma 4 Le regioni, al fine di ottenere assegnazioni di contributi statali destinati a investimenti o a servizi in materia di Tpl e ferrovie regionali, procedono, d’intesa con le Amministrazioni locali a: 1. adozione di un piano di riprogrammazione dei servizi di Tpl e trasporto ferroviario regionale 2. rimodulazione dei servizi a domanda debole 3. sostituzione modalità di trasporto diseconomiche

6 La riprogrammazione é impostata sulla fissazione dei livelli minimi essenziali, sulla abolizione delle sovrapposizioni ferro-gomma e gomma-gomma, sulla rimodulazione dei servizi a domanda debole, sulla più idonea sostituzione delle modalità diseconomiche. Le società del Tpl rideterminano gli organici in coerenza ai nuovi programmi d’esercizio, predispongono il piano di risanamento e ristrutturazione aziendale, pianificano l’esodo del personale in esubero, ridefiniscono i costi del servizio al netto dei costi dell’infrastruttura.

7 Le Regioni, d’intesa con le Amministraz.ni locali, aggiornano il quadro tariffario per conseguire il rapporto Ricavi da traffico/costi del servizio nei termini previsti dall’art.19 del D.lgs n.422 Regioni e Amministrazioni locali aggiornano la nuova entità del contributo d’esercizio a seguito del piano di risanamento e ristrutturazione e del nuovo piano tariffario, riconoscendo un premio, commisurato alle economie conseguite, da destinare ad investimenti in materiale rotabile, attrezzature, impianti e infrastrutture

8 Il MIT procede alla verifica degli effetti prodotti dal piano di riprogrammazione dei servizi e provvede all’assegnazione delle risorse del Fondo nazionale. Nelle more della erogazione delle risorse definite trasferisce a titolo di anticipazione il 70% dello stanziamento del Fondo. Le successive erogazioni sono disposte con cadenza mensile.

9 Le agenzie regionali della mobilità sostenibile  Per gestire il processo di pianificazione degli investimenti  per il monitoraggio del sistema dei trasporti  per gestire la pianificazione dei servizi per la mobilità  per la progettazione e programmazione dei servizi minimi essenziali e aggiuntivi integrati con la mobilità privata

10  per gestire le procedure concorsuali e l’affidamento dei servizi regionali e, ove richiesto, degli Enti locali  per la stipula degli accordi di programma e la redazione dei contratti di servizio  per il controllo, vigilanza e monitoraggio sui servizi e la verifica della parità di trattamento degli utenti  per la definizione e gestione della politica tariffaria

11 Domenico Mazzamurro Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "Le azioni in capo allo Stato  Confermare la istituzione del Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del Tpl ( L. n.135/2013)"

Presentazioni simili


Annunci Google