La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’ACCESSO PER DISAGIO SCOLASTICO AL DI LÀ DELLE DISABILITÀ FISICHE E PSICHICHE SILVIO GIONO CALVETTO, RAFFAELLA SANGUINETI, ANTONELLA LACROIX, MIRIAM PONSETTI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’ACCESSO PER DISAGIO SCOLASTICO AL DI LÀ DELLE DISABILITÀ FISICHE E PSICHICHE SILVIO GIONO CALVETTO, RAFFAELLA SANGUINETI, ANTONELLA LACROIX, MIRIAM PONSETTI."— Transcript della presentazione:

1 L’ACCESSO PER DISAGIO SCOLASTICO AL DI LÀ DELLE DISABILITÀ FISICHE E PSICHICHE SILVIO GIONO CALVETTO, RAFFAELLA SANGUINETI, ANTONELLA LACROIX, MIRIAM PONSETTI AZIENDA USL VALLE D’AOSTA ESPERIENZA DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI AOSTA

2 Segnalazioni di disagio scolastico l In Valle d’Aosta esiste un protocollo di intesa tra Provveditorato agli Studi, Assessorato alla Sanità e Azienda USL per cui a quest’ultima vengono inviate le segnalazioni con richieste di intervento per disabilità accertata o disagio scolastico. l A queste segnalazioni (fatte con il consenso della famiglia) segue una valutazione di logopedisti, psicologi, neuropsicomotricisti e/o assistenti sociali (a seconda delle problematiche segnalate) ed eventualmente un intervento professionale

3 Le richieste costanti o in aumento di intervento per disabilità hanno portato a sviluppare protocolli di valutazione e trattamento per la gestione delle problematiche più rilevanti

4 Criteri presa in carico logopedica e psicologica l Per la presa in carico, vengono identificati 3 livelli di gravità, a seconda del grado di scuola frequentato e del tipo di problema l A questo corrispondono tempi diversi di risposta (i problemi a bassa priorità sono valutati in fondo) l Anche la risposta alla scuola tiene conto di livelli di gravità, determinati questa volta dalla presunta diagnosi

5 Diversa organizzazione della risposta l Anni : ogni Istituzione Scolastica invia segnalazioni al proprio Consultorio di riferimento: diversi tempi di attesa e carichi di lavoro per gli operatori l Anno : istituito un punto unico di valutazione distrettuale per tutte le nuove segnalazione: utilizzando criteri di priorità, tempi di attesa e carichi di lavoro uguali

6 A partire dall’anno scolastico 2009/10 La sperimentazione inizia per gestire la fase valutativa di tutte le richieste, provenienti dalle scuole e dall’utenza in generale, relative a problemi di apprendimento / linguaggio / attenzione, di utenti non noti ai servizi territoriali.

7 A seguito di segnalazione al polo unico di valutazione distrettuale il team 1. contatta la famiglia 2. definisce tempi e modalità di valutazione (dei singoli professionisti), al termine della quale 3. formula un’ipotesi diagnostica e un percorso riabilitativo, oppure - propone un approfondimento neuropsichiatrico.

8 Segnalazioni l Nel corso dell’anno scolastico 2009/10 sono pervenute al polo 200 segnalazioni di nuovi minori non noti ai servizi sanitari distrettuali (sul totale di 291 segnalazioni arrivate al Distretto)

9 Dati anno scolastico 2009/2010 l Segnalati rispetto alla popolazione scolastica: 3,7 % Problema segnalato: l Apprendimento 56% (+ 47,5% sul 2008/09) l Linguaggio 15,5% (+ 27,5% sul 2008/09) l Attenzione/disagio 18% (-26% sul 2008/09) Provenienza l Aumento scuola infanzia e scuola primaria l Diminuzione scuole 1° grado, stabile scuola 2° grado

10 Risultati anno scolastico 2009/2010 l Segnalati: 200 l Presi in carico, al 31/08: 175 (87,5 %) l Valutaz. multidisciplinare:145 (72,5 %) l Trattati: 93 (64,1 % valutati ) l Inviati al neuropsichiatra: 28 (19,3 % valutati ) l In attesa: 25

11 Risultati organizzativi l è migliorato il clima interno all’équipe multiprofessionale, l vi è un linguaggio condiviso, l gli strumenti di valutazione sono sempre aggiornati, uniformi e condivisi, l la diagnosi è probabilmente più appropriata e più completa rispetto alla situazione precedente.

12 Tempi di attesa Tra segnalazione e presa in carico valutativa sono mediamente di 2 mesi, minori rispetto agli anni precedenti e soprattutto indipendenti dal luogo di residenza e dall’istituzione scolastica frequentata (per cui è difficile riportare un dato reale).

13 Accesso ai servizi l Monitorato, fondato su criteri trasparenti di priorità clinica (ipotesi diagnostica, gravità) l Assolutamente indipendente dalle differenze socio culturali ed economiche dei minori, in quanto fornito dal servizio Sanitario Regionale, su segnalazione delle istituzioni scolastiche, pubbliche o private, dai pediatri di libera scelta o dalle famiglie stesse.

14 Punti critici l Una maggiore disponibilità di ore per la fase valutativa abbrevierebbe i tempi di formulazione della diagnosi e di restituzione alle scuole. l Non sempre possibile presentare una relazione unica di restituzione ma tante relazioni quanti sono gli operatori coinvolti. l Collaborazione da migliorare con servizio di Neuropsichiatria Infantile. l Gli utenti non sempre sono soddisfatti del cambio di operatore tra fase valutativa e trattamento.

15 Possibili sviluppi l La sperimentazione è appena iniziata e necessita di conferme sul campo. l I tempi di attesa potrebbero essere ulteriormente ridotti, soprattutto per quanto riguarda l’inizio dell’eventuale trattamento riabilitativo.

16 Conclusioni L’offerta pubblica di servizi sanitari nella Regione Autonoma Valle d’Aosta è notevole, a fianco di una sempre maggiore appropriatezza ed efficacia, la strada verso l’eccellenza passa attraverso l’orientamento per una maggiore equità dell’accesso.


Scaricare ppt "L’ACCESSO PER DISAGIO SCOLASTICO AL DI LÀ DELLE DISABILITÀ FISICHE E PSICHICHE SILVIO GIONO CALVETTO, RAFFAELLA SANGUINETI, ANTONELLA LACROIX, MIRIAM PONSETTI."

Presentazioni simili


Annunci Google