La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Canali di ricerca di un’occupazione Simona Rosati Aprile 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Canali di ricerca di un’occupazione Simona Rosati Aprile 2010."— Transcript della presentazione:

1 Canali di ricerca di un’occupazione Simona Rosati Aprile 2010

2 La ricerca di personale e del lavoro

3 Canali di ricerca interni ad uso del management Quali obiettivi? –Mobilità orizzontale e di riconversione professionale –Mobilità verticale Quali strumenti? –Archivio dei potenziali e mappa delle competenze –Domande di trasferimento –Annunci alle bacheche –Bandi di concorso interni

4 I canali di ricerca esterni Istituzionali/pubblici –Centri per l’impiego –Concorsi pubblici –Agenzie di somministrazione –Uffici stage e placement di università e istituti di formazione –Job meetings Privati –Inserzioni –Società di consulenza e di head hunting Sociali –Segnalazioni di amici e parenti –Presentazioni a datori di lavoro

5 Le dimensioni della ricerca del lavoro Intensità Estensione Natura dei metodi Durata Flessibilità

6 Da cosa dipende la scelta tra metodi di ricerca diversi? –Grado di impegno economico e di tempo necessari –Utilità ai fini di accedere a questo o a quel mercato del lavoro –Tipo di professione a cui si aspira –Ambiente socio-economico –Fattori istituzionali e/o culturali –Durata della disoccupazione

7 Azioni di ricerca: differenze rispetto al passato meno collocamento pubblico (utile per l'8%, di più per meno istruiti, donne e nel sud) meno concorsi pubblici ( di più per istruiti, donne e nel Sud); meno invio di domande e visite a imprese molte più inserzioni su giornali (da 15% a 41%) (di più nel Centro-Nord e in aree urbane); più agenzie private (da 4% nel 1998 a 15% nel 2003; costante ricorso a segnalazioni di parenti e amici ( soprattutto per meno istruiti e nel Centro-Nord).

8 Livello di istruzione ed età i più istruiti e i più giovani usano un maggior numero di metodi di ricerca (come in altri paesi europei). i giovani in cerca di prima occupazione usano di più concorsi pubblici e inserzioni su giornali; i disoccupati con esperienza di lavoro usano di più visite a imprese e collocamento.

9

10 Differenze di genere Le donne usano: –più i canali formali pubblici e privati (soprattutto le inserzioni su giornali); –meno i canali informali (segnalazioni e visite a imprese); –uguale uso di concorsi (le donne sono più istruite).

11 Confronto tra il primo lavoro e tutti i lavori trovati A parità di livello di istruzione: –Tra i primi lavori contano di più le relazioni personali. –Tra i successivi lavori contano di più i concorsi pubblici.

12 Maggiore intensità della ricerca determina maggiori probabilità di successo? Esiti contraddittori: –secondo l’ISTAT oltre 3 azioni di ricerca aumentano del 30% la probabilità di trovare un'occupazione stabile (giovani in Italia); –secondo la ricerca di Gallie e Vogler le donne in Gran Bretagna trovano più spesso lavoro sebbene meno attive nella ricerca (mercato del lavoro flessibile); –secondo la ricerca di Granovetter contano soprattutto le relazioni personali.

13

14 La forza delle relazioni personali Predominanza in Italia di PMI Aspetti positivi: –Scambio di informazioni accurate –Fiducia Aspetti negativi: –Reti di relazioni circoscritte –Disuguaglianza nell’accesso alle reti informali –Alterazione del rapporto fiduciario –Limitano il sistema di premialità

15 Il capitale sociale È la capacità di un individuo di mobilitare relazioni con persone (interne o esterne alla famiglia) che per lo status elevato sono in grado di fornire aiuto nella ricerca di un buon lavoro. Il capitale sociale è una risorsa distribuita in modo diseguale: –Orientamento individuale (attributo individuale) –Orientamento collettivo (attributo della collettività)

16 La teoria di Granovetter Approccio allo studio delle dinamiche del mercato di lavoro di tipo strutturale (Social Network Analysis). Focus sui gruppi e le aggregazioni sociali. Oggetto di studio: forza dei legami (forti e deboli). Il ruolo dei “ponti” nelle relazioni interpersonali (aggregazioni di ampie dimensioni prevedono un maggior numero di ponti). La forza dei legami deboli nel processo di diffusione delle informazioni. Un reticolo esteso è caratterizzato da eterogeneità.

17 Le caratteristiche del reticolo sociale Le risorse embedded nei reticoli facilitano il flusso di informazioni Il tipo di legami sociali influenzano le decisioni individuali I mezzi e le risorse accessibili tramite relazioni sociali sono considerate dalle organizzazioni una prova delle credenziali di un individuo Le relazioni sociali contribuiscono a rafforzare l’identità individuale

18 Il ruolo dei Servizi pubblici per l’impiego Dal 1998: riforma del sistema italiano Ruolo dei servizi pubblici in tutti i paesi europei (tranne la Francia) rimane residuale (non oltre il 22% dei posti di lavoro vacanti). Ma è comunque un ruolo essenziale. I servizi pubblici: –riducono l’opacità del mercato –pongono attenzione ai soggetti “meno occupabili” –partecipano alla progettazione e alla gestione delle politiche attive del lavoro a livello locale

19 La situazione italiana I servizi pubblici per l’impiego in Italia sono ancora fortemente sottodimensionati e con scarsa esperienza.

20 Chi si è rivolto ad un Centro per l’impiego (CPI) per fascia di età

21 Chi si è rivolto ad un CPI per fascia di età e titolo di studio

22 Chi si è rivolto ad un CPI per condizione sul MDL

23 Un giudizio sui CPI: preparazione del personale

24 Un giudizio sui CPI: offerte di lavoro

25 Internet e ricerca del lavoro

26 I vantaggi Riduzione dei costi Riduzione dei tempi Trasparenza del mercato del lavoro Possibilità di raggiungere una platea vasta

27 Gli svantaggi Eccesso di informazioni Scarsa qualità dei curricula (aumento dei tempi di selezione) Digital divide Scarsa mobilità territoriale

28 La ricerca del lavoro tramite Internet Gli spazi dedicati: –rubrica di un motore di ricerca –portale orizzontale –sito associato agli annunci sui giornali –sito dell’impresa –sito di un’organizzazione specializzata in intermediazione –social network professionali (www.linkedin.com)www.linkedin.com

29 Rubriche di motori di ricerca Yahoo Google

30

31

32 Portali orizzontali Cliccalavoro -MonsterMonster -Concorsi pubbliciConcorsi pubblici

33

34

35

36 Versioni online di giornali tradizionali TrovoLavoro.it del Corriere della SeraTrovoLavoro.it Lavorare.net sito web dell’omonimo settimanale cartaceoLavorare.net

37

38

39 Siti aziendali

40

41

42

43 Siti di agenzie di intermediazione

44 Chi cerca lavoro in rete?

45 TIPO DI OCCUPAZIONE VISITATORI (000)VISITATORI% Impiegato/Amministrativo1247,51 Artigiano130,79 Insegnante824,93 Manager/Dirigente1217,33 Operaio824,94 casalinga160,98 Militare734,38 Libero professionista24814,98 Rappresentante/Venditore1006,03 Impiegato nei servizi553,33 Studente29617,88 Tecnico22913,84 Altro lavoro663,97 Pensionato160,93 Disoccupato1086,53 NR271,65

46


Scaricare ppt "Canali di ricerca di un’occupazione Simona Rosati Aprile 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google