La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Testimonianze delle alunne del Liceo Psico-pedagogico e scienze umane San Sisto vecchio. Roma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Testimonianze delle alunne del Liceo Psico-pedagogico e scienze umane San Sisto vecchio. Roma."— Transcript della presentazione:

1 Testimonianze delle alunne del Liceo Psico-pedagogico e scienze umane San Sisto vecchio. Roma

2 La forza di un sorriso … “ Sono le condizioni peggiori a rendere le situazioni straordinarie”

3 “ H o c a p i t o c h e c ’ è u n t e m p o p e r t u t t o … m a p e r a r r i v a r e a q u e s t e c o n c l u s i o n i n e l l a m i a v i t a h o d o v u t o c o m b a t t e r e p e r t u t t o i l t e m p o ! “

4 Cara Alessandra, Ieri sei venuta nella nostra scuola in punta di piedi … in silenzio ci hai parlato di te attraverso un video che le tue amiche hanno realizzato! I tuoi occhi, il tuo sorriso sono rimasti impressi nei nostri cuori e soprattutto la forza che hai dimostrato di fronte alla difficoltà della malattia. Noi ragazzi ci disperiamo per cose futili e forse anche inesistenti mentre tu ripeti ancora:

5 La vita a volte è strana, ti allontana e in realtà ti avvicina, ti impone delle scelte e ti regala sorprese anche se spesso non riusciamo a riconoscerle. Beh, questo sentimento immateriale … misto tra telepatia, e amore viscerale … è una sorpresa ogni giorno!

6 Alessandra eri una ragazza speciale … che aveva un dono speciale … hai saputo volare come una farfalla leggera! Ci hai insegnato ad amare senza limiti, ad amare la vita anche con il cuore spezzato e lì in quella fessura, provocata dal dolore, hai visto una Luce e con gioia hai detto: “ce la faccio” “una tua ammiratrice”

7 Cara Alessandra, io non ho mai avuto la fortuna di conoscerti ma, da quel poco che ho sentito ho capito che eri una persona speciale. Anche nella malattia tu no hai mai perduto il tuo sorriso, nei momenti in cui tutto sembrava difficile hai sempre lottato per una soluzione, nei momenti in cui tutto sembrava svanire, hai sperato nel domani. Noi giovani normalmente ci lamentiamo per cose futili, per problemi a volte inesistenti … tu oggi ci hai insegnato a riflettere e a credere che la vita è sempre un dono. Spero solamente che nel posto in cui ti trovi ora, tu sia felice e finalmente libera di correre!

8 Una testimonianza : Per me non è la prima volta che sento queste “tragiche storie”, anzi le ho vissute in famiglia … eppure guardandoti negli occhi mi ha colpito come tu Alessandra, hai affrontato la vita e soprattutto come ti sei comportata nei confronti dei tuoi amici, non hai sofferto da sola! Ci hai insegnato, che abbiamo tutti bisogno di qualcuno. …Grazie di cuore. Un tuo amico acquisito.

9 Cara Alessandra come stai? Sicuramente meglio di noi! Tu vivi in un mondo dove non ci sono differenze, dove le sedie a rotelle non servono, e dove andare all’università non è più necessario. Tu per me sei davvero un esempio, osservando come hai lottato sento nel cuore un forte desiderio: di non fermarmi davanti a nessun ostacolo. Lo sai che in parte ci somigliamo? Tu però sei mitica! Tu però sei stata grande! E io? Da oggi ti porterò nel cuore. E forse mi darai una mano a sognare ancora. Ciao. Da Valeria.

10 Racconto quello che ho visto… Sono giorni che sento parlare di una certa Alessandra, che ha lottato per vivere ed è vissuta convinta di morire. Ma un conto è sentirne parlare, un altro è sentirti parlare attraverso riflessioni scritte sul tuo diario. Anch’io avevo l’abitudine di scrivere un diario, ma se ben ricordo non parlavo mai in prima persona, per paura di dire apertamente quello che pensavo. Alessandra mi hai insegnato ad essere me stessa, ad accettare i miei limiti e a non lasciarmi condizionare dai pregiudizi degli altri. Ale, dammi la forza di essere felice! Dammi la forza di non dare mai a nessuno la colpa dei miei errori. Anzi, sai cosa ti dico… insegnami a cambiare rotta magari mandandomi un angelo da lassù. Grazie.

11 Chiusi nelle nostre piccolezze e nella nostra superficialità spesso Perdiamo il sorriso e la voglia di vivere! Ma chi è quel volto che da tre notti non mi fa dormire? Sei tu Alessandra che con il tuo sorriso Mi vuoi far capire che è più dura la malattia del cuore che quella fisica? Ti prego, lasciami in pace! Io e te non abbiamo nella in comune. Anzi sai cosa ti dico? L’unica cosa in comune che abbiamo è quella di denunciare al mondo, quello che il mondo non fa! Che sciocca che sono! Il mondo sono io, sei tu, siamo noi! Ti prego, aiutami a lottare!!! Firmato da una contestatrice che ti ammira.

12 Ragazzi che sciock! Che vita! Che pazienza! Che forza! Alessandra è molto vicina a noi, perché è una ragazza che ha vissuto a pieno la sua vita. Ma anche molto lontana da noi, perché non si è mai lamentata, non si è mai scoraggiata, non si è mai lasciata andare. Ragazzi che strano! A volte sembra che siamo noi che abbiamo bisogno degli altri, mentre sono gli altri che hanno bisogno di noi. Alessandra hai conquistato il mondo su una sedia a rotelle! Hai conquistato i cuori con un sorriso splendente e con un corpo sfigurato. Ma chi sei? Non certo una santa! risponderesti Ma sicuramente un’angelo caduto dal Cielo, che è ritornato al Cielo.

13 Ore siamo invitati ad andare nell’aula di fisica … Poche parole di presentazione, poi un video! Tanto silenzio, tanta tensione, tutti seduti, mentre i nostri occhi sono inchiodati davanti a un schermo che ci parla di una giovane ragazza, che ha solo 28 anni ha detto si anche a Dio, lasciando questo mondo che aveva tanto amato, per incontrare Colui che l’aveva amata da sempre. Nei nostri occhi c’è un grande vuoto e il silenzio che si viene a creare non è altro che l’espressione di un grande dolore per chi avrebbe voluto vivere anche con una malattia. Alessandra ci hai sconvolto! Volevi questo? Ci sei riuscita! Ma sta quasi per suonare la campanella e dobbiamo tornare in classe ed io sussurro all’orecchio della mia amica: “Che forza, che voglia di vivere, ma tu ce l’hai? Io no!”, la mia amica così commentò: “neanche io ce l’ho! Certo è che ieri non sapevamo dell’esistenza di Alessandra, oggi come un angelo è venuta nella nostra scuola: non lasciamola andare via! Chiediamole di dono almeno di vivere bene la vita che è stata data!”. Un alunna del S. Sisto.

14 Dopo il filmato … Nel video che abbiamo visto su Alessandra c’è stata una frase detta da suo padre che mi hai colpita particolarmente: “se dovessi fotografare la VITA, io fotograferei ALESSANDRA, perché ALESSANDRA è la VITA”. Il padre aveva quindi capito il senso di una vita che si spegne per amore. Suo padre di fronte a tanto dolore, lotta con Alessandra. Suo padre rimane accanto a suo figlia, per dare coraggio e amore e noi? Spesso non capiamo il nostro senso di vivere, spesso i genitori si disperano, quando la malattia bussa alla porta di casa. Ma perché tu hai lasciato come eredità la gioia di vivere e di lottare? Tu fai parte di tutte quelle anime che di fronte alle difficoltà sono capaci di ripetere così: “sono le condizioni peggiori, che rendono le situazioni straordinarie …”. Grazie.

15 Com’è difficile raccontarti quello che sto provando: Dolore? Gioia? Compassione Non lo so … Ho solo capito che a volte la natura fa brutti scherzi, e che di fronte a tanta ingiustizia non ti resta che dire: “va bene, accetto!”, ma tu Alessandra non ti sei accontentata e dalla rabbia di non poter più giocare sei passata alla gioia di correre sulla sedia a rotelle. Hai vinto! Siamo noi che spesso perdiamo anche quel poco che possiamo fare. TVB

16 La sofferenza in te non ha trovato casa! L’odio si è trasformato in amore! La vita è diventata una luce! Il dolore si è trasformato in accettazione! La mano ha scritto cose del cuore! I piedi hanno solcato prati fioriti! Tu, una persona migliore, in un mondo mediocre, tu, una persona diversa, in un mondo di uguali, tu, una donna viva, in un mondo che ci vuole morti. Ci insegni a vivere come te??? Come si fa??? La sofferenza in te non ha trovato casa! L’odio si è trasformato in amore! La vita è diventata una luce! Il dolore si è trasformato in accettazione! La mano ha scritto cose del cuore! I piedi hanno solcato prati fioriti! Tu, una persona migliore, in un mondo mediocre, tu, una persona diversa, in un mondo di uguali, tu, una donna viva, in un mondo che ci vuole morti. Ci insegni a vivere come te??? Come si fa???

17 Grazie Ale Grazie per la tua gioia Grazie per la tua voglia di sognare Grazie per il tuo esempio Grazie per la tua volontà di amare Grazie per la tua voglia di lotta Grazie per la tua debolezza Grazie per i punti dolorosi della tua storia. non possiamo altro che ringraziarti, sperando che anche noi, giovani possiamo avere un cuore “nuovo” come il tuo! Non puoi risponderci? Non importa, lo hai fatto già!

18 Cambiare questo è il segreto! C’è bisogno di cambiare prospettiva, allargare gli orizzonti, cambiare mentalità per accettare che la vita è dolore e per credere che dal dolore nasce la gioia! ALE GRAZIE PERCHE’ MI HAI INSEGNATO A VIVERE !

19 Ps.Continua a parlare di te Ale…… Dopo aver visto il video ho capito che: Bisogna essere forti nella vita; Bisogna saper leggere il dolore; Bisogna sapwer sperare nonostante tutto; Bisogna sentirsi accettati per amare; Bisogna fare cose grandi per Dio, BISOGNA ACCONTENTARSI PER RICEVERE DI PIU’… Ale tu lo hai fatto! Insegnalo a noi! BIANCA

20 I grandi… Cara Alessandra, E’ vero che i grandi uomini e le grandi donne non necessitano di essere conosciute personalmente per riuscire a comprendere la grandezza del loro cuore e soprattutto lo “spessore” della loro “anima”. Nei tuoi occhi di bambina, di ragazza, e soprattutto di donna, era sempre presente quella luce di “speranza”e di gioia di vivere … La tua vita fin dalla nascita è stata una lotta ma non ti sei tirata indietro. Non hai avuto vergogna del tuo aspetto ma con gioia ha parlato del tuo bisogno d’amore. Sai cosa ti dico: ” la tua vita è come un libro ed io né ho letto solo due pagine” Mi accontento Ale, perché ora ho capito chi sei!!!!! Un tuo amico Giacomo

21 Al centro del cuore ci sei solo tu! nei pensieri dei tuoi genitori, tu negli occhi di tuo fratello, tu …. nei pensieri di tua sorella, tu …. nel cuore di tuo padre solo Tu Non dimenticarlo mai ora nei nostri cuori ci sarai tu … con la tua gioia e con il tuo sorriso Grazie di esistere!

22 Da uno spirito”condizionato” a ….Cara Alessandra, ciao mi chiamo Anisoara, l’ultima delle tue ammiratrici in quanto solo oggi ho avuto la fortuna di conoscerti attraverso un racconto video, proposto dalle tue vecchie amiche. Mi ha colpito profondamente il tuo esempio di vita ma mi sono chiesta come mai non hai voluto accettare la proposta dell’intervento chirurgico. La risposta è arrivata puntuale: Tu stessa hai parlato quando hai detto queste bellissime parole “ il bello della vita è la vita”. Sicuramente la tua mamma è stata la forza motrice perché ti diceva a proposito: “a te non manca niente forse hai qualcosa in più”. Hai detto bene tu che “per superare qualsiasi difficoltà c’è bisogno di avere una cornice, purtroppo però non tutti sono fortunati ad averla e perciò cadono in depressione per motivi molto inferiori a quelli tuoi. Alessandra la tua voglia di farcela mi ha veramente impressionata ma soprattutto il tuo bisogno degli altri: “ se non ho nessuno che mi accompagna allora non esco”, solo cosi avresti fatto capire che gli altri sono un dono e non un peso. Mi vergogno del mio limite perché spesso mi credo autosufficiente e quindi non bisognosa dell’aiuto degli altri. Invece ho capito che le difficoltà se esistono è per essere superate ma non da soli. Grazie Alessandra, sei grande! Sei uno spirito libero “accompagnato”!!!

23 LE ALUNNE DEL SAN SISTO…

24


Scaricare ppt "Testimonianze delle alunne del Liceo Psico-pedagogico e scienze umane San Sisto vecchio. Roma."

Presentazioni simili


Annunci Google