La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La ricostruzione della carriera del personale della scuola: Parte seconda : il riconoscimento dei servizi, la ricostruzione della carriera e la temporizzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La ricostruzione della carriera del personale della scuola: Parte seconda : il riconoscimento dei servizi, la ricostruzione della carriera e la temporizzazione."— Transcript della presentazione:

1 La ricostruzione della carriera del personale della scuola: Parte seconda : il riconoscimento dei servizi, la ricostruzione della carriera e la temporizzazione

2 Le ricostruzioni dopo il CCNL 4/8/95:  insegnanti in ruolo dal 01/09/1995 e succesivamente  ATA in ruolo dal 01/01/1996 e succesivamente

3 Quali sono le condizioni per fare una ricostruzione di carriera ?

4 ″ per il personale con contratto a tempo indeterminato; ″ quando c’è servizio utile pre-ruolo e/o altri benefici valutabili; ″ a domanda dell’ interessato quando è stato superato il periodo di prova;

5 Requisiti per la valutazione dei servizi non di ruolo degli Insegnanti  dall’a.s 1974 – 75 il servizio prestato per almeno 180 giorni o continuativamente dal al termine degli scrutini e/o esami (art. 11 co. 14 L. 124/1999)  servizio prestato con il possesso del prescritto titolo di studio richiesto al momento in cui è stato prestato il servizio  per anno scolastico intero

6 Servizi pre-ruolo valutabili (art. 485 dl.vo 297/94) scuole secondarie statali di 1° e 2° grado “SI” a tutti i docenti scuole elementari statali “SI” a tutti i docenti scuole materne statali “SI” SOLO agli insegnanti di scuola elementare e materna

7 Inoltre sono riconosciuti a tutti i docenti i servizi : scuole pareggiate secondarie scuole parificate elementari educandati femminili statali professore universitario incaricato assistente straord.o incaricato università’ scuole popolari scuole sussidiate o sussidiarie scuole carcerarie scuole statali italiane all’estero

8 lettore istituti stranieri se con nomina Min. Affari Esteri lettore università straniere se con nomina Min. Affari Esteri insegnante di religione cattolica corsi per allievi agenti di polizia Scuole materne comunali, regionali o provinciali con nomina approvata dal Provv.to agli studi

9 Benefici derivanti da situazioni diverse dall’insegnamento A.servizio militare di leva dopo il ai fini sia giuridici che economici; (in precedenza è valutato solo se in costanza di servizio e limitatamente alla durata della nomina) A.benefici (combattentistici ) ex legge 336/70 art.1 B.riconoscimento di infermità dovuta a causa di servizio (aumento biennale del 2,5% dello stipendio in godimento e dalla 1° alla 6° categoria e del 1,25% dalla 7° all’ 8°)

10 Super valutazione del servizio A) Servizio (di ruolo) prestato all’estero (i primi due anni il doppio i restanti aumentati di 1/3) B) servizio prestato in paesi in via di sviluppo (art. 23 L.49/87) (aumento di 1/3)

11 Servizi pre-ruolo riconoscibili al personale ATA Servizi Riconosciuti: tutti i servizi prestati nelle scuole statali (non nelle scuole pareggiate e/o parificate) Servizi Non riconosciuti: servizi prestati nelle scuole non statali, nelle Università, alle dipendenze degli Enti locali.

12 Riferimenti normativi per il personale ATA  Art. 4 c. 13 del d.P.R. 399/88 (equiparazione ai docenti)  Art. 66 del CCNL

13 Valutazione dei servizi del personale ATA I servizi sono valutati per il periodo effettivamante prestato I benefici decorrono dalla data di assunzione in servizio nel ruolo

14 Modalità di calcolo dei giorni di servizio  I mesi sono calcolati pari a 30 giorni di servizio indipendentemente dall’effettiva durata ( 28, 30, o 31 giorni ), partendo dal giorno in cui inizia il periodo di servizio;  Le frazioni di mese ( meno di 30 giorni ) vengono calcolate da calendario (delibera C.C. n. 2 del )

15 Valutazione del servizio pre-ruolo nello stesso modo sia per gli insegnanti che per gli ATA a) utile ai fini giuridici ed economici: n° 4 anni di pre-ruolo più i 2/3 della parte eccedente b) parte utile ai soli fini economici : 1/3 della parte eccedente i primi 4 anni di pre-ruolo

16 Le fasce di anzianità Fascia di anzianità che si matura e spetta da anni 0 a anni 2da anni 0 e fino ad anni 2 mesi 11 e giorni 29 da anni 3 a anni 8da anni 3 e fino ad anni 8 mesi 11 e giorni 29 da anni 9 a anni 14da anni 9 e fino ad anni 14 mesi 11 e giorni 29 da anni 15 a anni 20da anni 15 e fino ad anni 20 mesi 11 e giorni 29 da anni 21 a anni 27da anni 21 e fino ad anni 27 mesi 11 e giorni 29 da anni 28 a anni 34da anni 28 e fino ad anni 34 mesi 11 e giorni 29 da anni 35

17 L’ anzianità valutata ai fini economici si recupera (D.P.R. 399 art. 4 c. 3) : 16 anni insegnanti laureati di scuola secondaria superiore 18 anni altri insegnanti e responsabili amministrativi (ora DSGA ma un aggiornamento contrattuale non è necessario ?) 20 anni personale ATA

18 Differenze in materia di riconoscimento dei servizi tra personale docente ed ATA  DOCENTI  I benefici economici decorrono dalla data di conferma in ruolo  Il servizio pre-ruolo viene riconosciuto ad anni scolastici interi  PERSONALE ATA  I benefici economici decorrono dalla data di decorrenza economica della nomina in ruolo  Il servizio pre-ruolo viene riconosciuto per il periodo effettivamente prestato

19 Differenze tra personale docente ed ATA Personale Docente Al personale docente si valutano esclusivamente i servizi d’insegnamento prestato nelle scuole statali, pareggiate o parificate. Personale ATA Al personale ATA si valutano tutti i servizi prestati sia come personale ATA sia come docente, nelle scuole statali con rapporto di lavoro costituito con lo Stato

20 Uguaglianze Tra Personale Docenti ed ATA La domanda di ricostruzione della carriera può essere presentata solo dopo il superamento del periodo di prova Il periodo intercorrente tra la decorrenza giuridica della nomina in ruolo e la decorrenza economica (assunzione in servizio) è considerato servizio di ruolo.

21 Decorrenze giuridiche ed economiche La decorrenza economica coincide con la data di effettiva assunzione in servizio e da tale data decorrono tutti gli effetti dell’assunzione a tempo indeterminato. La decorrenza giuridica non sempre coincide con la decorrenza economica e per lo più si ha nei casi in cui una nomina viene effettuato nel corso dell’anno scolastico, ovvero in particolari casi previsti da specifiche disposizioni normative.

22 Decorrenze giuridiche ed economiche Il tempo intercorrente tra la decorrenza giuridica e quella economica è considerato come servizio di ruolo ai fini della progressione della carriera L’anno coperto da decorrenza giuridica se prestato sullo stesso posto o stessa classe di concorso e/o classe di concorso affine è utile ai fini del superamento dell’anno di prova

23 Aspettativa per motivi di famiglia Aspettativa per motivi di studio e ricerca Aspettativa per ricongiungimento del coniuge all’estero Aspettativa non retribuita (anno sabbatico) Aspettativa recupero tossicodipendenze Interruzioni e ritardi nella progressione della carriera

24 Congedo per particolari patologie dei familiari Congedo per la formazione Esoneri dipendenti pubblici con contratti presso Università Proroga eccezionale dell’aspettativa Ulteriore assenza per malattia Provvedimenti disciplinari Assenza ingiustificata

25 Passaggi di ruolo  Passaggi di personale da altri comparti pubblici (passaggi dal 01/01/1994 art. 3 L. 537/1993 in precedenza art. 52 L. 312/1980)  Passaggi nell’ambito del comparto scuola

26 Passaggi di ruolo e di qualifica nell’ambito del comparto scuola  passaggi nell’ambito della Scuola Secondaria;  passaggi dalla scuola materna alla scuola elementare;  tutti gli altri casi di passaggio nell’ambito del comparto Scuola.

27 Passaggi da altri comparti dello Stato: DAL APPLICAZIONE LEGGE n. 537 – art. 3 comma 57 :DAL APPLICAZIONE LEGGE n. 537 – art. 3 comma 57 :  Stipendio iniziale nuova qualifica +  Assegno personale non rivalutabile e non riassorbibile quale differenza tra lo stipendio già in godimento ed il nuovo stipendio della scuola.

28 Legge n. 266 – al comma 226 dell’art. 1 La legge 23/12/2005 n. 266 al comma 226 dell’art. 1 specifica che nel calcolo dell’assegno ad personam “concorre il trattamento, fisso e continuativo, con esclusione della retribuzione di risultato e di altre voci retributive comunque collegate al raggiungimento di specifici risultati o obiettivi “

29 Il meccanismo della temporizzazione Il meccanismo è descritto nel d.P.R. 399/88 art. 4 c 8/9: stipendio iniziale del nuovo ruolo + maturato economico nel vecchio ruolo stipendio nel nuovo ruolo

30 Lo stipendio nel nuovo ruolo anzianità della fascia immediatamente inferiore + assegno ad personam da temporizzare stipendio e anzianità nel nuovo ruolo

31 Temporizzazione dell’assegno ad personam assegno ad-personam X gg. fascia stip. _________________________________ = gg. importo variazione di classe che aggiunti all’anzianità base della nuova fascia daranno l’anzianità complessiva

32 L’inquadramento del personale proveniente dagli Enti Locali Inquadramento mediante temporizzazione Accordo ARAN/OO.SS del Art. 1 comma 218 della legge finanziaria 2006

33 Personale proveniente dagli enti locali  trattamento al da prendere in considerazione: stipendio annuo lordo;  retribuzione individuale di anzianità  nonché, per coloro che ne sono provvisti, dall’indennità specifica prevista

34 Sentenze della corte di cassazione La Corte di Cassazione ha riconosciuto al personale proveniente dagli Enti locali il diritto alla medesima valutazione del servizio prestato presso gli enti Locali come per il restante personale dello Stato. Il Governo ha voluto superare la sentenza della Corte di Cassazione con la legge 266/2005 Dopo la legge 266/2005 alcuni Giudici del lavoro continuano ad accogliere le richieste del personale interessato.

35 Nei casi di passaggio di ruolo Nei casi di passaggio di ruolo dal ruolo delle scuole elementari alle medie e/o superiori o nei casi di passaggio di profilo per il personale ATA il sistema alla data di decorrenza economica effettua la temporizzazione ed alla data di conferma in ruolo effettua il riconoscimento dei servizi ed attribuisce l’inquadramento il cui trattamento economico è più favorevolela temporizzazione riconoscimento dei servizi

36 Nei casi di passaggio di ruolo Nei casi di passaggi dalle scuole materne alle scuole elementari, dalle scuole medie alle superiori o dal ruolo degli ITP al ruolo dei docenti laureati sarà attribuita la medesima anzianità maturata nel ruolo di provenienza a decorrere dalla data di decorrenza economica della nomina – in questi casi non è necessario che l’interessato produca la domanda di riconoscimento dei servizi.scuole materne alle scuole elementariscuole medie alle superiori o dal ruolo degli ITP al ruolo dei docenti laureati

37 I D.S.G.A. un problema irrisolto  Per i DSGA, inquadrati in tale profilo dal 01/09/2000 il sistema effettua solo la temporizzazione in applicazione dell’art.8 del CCNL e dell’art. 87 del CCNL Non è in alcun modo possibile procedere tramite il SIDI all’applicazione dell’art. 66 del CCNL 4/8/1995.dell’art.8 del CCNL dell’art. 87 del CCNL  Per i DSGA immessi in ruolo dal 1/9/2004 il sistema procede come per tutti gli altri casi di passaggio di ruolo e/o profilo come da nota tecnica ministeriale n° 1910 del

38 La nota MIUR del 19/03/07 n° 5491 afferma poi che l’istituto della temporizzazione nel comparto scuola è stato abrogato Se così fosse, per tutti i passaggi da un ruolo inferiore ad uno superiore del personale della scuola successivi al non si potrebbe applicare il meccanismo della temporizzazione

39 Fascicolo per il primo riconoscimento dei servizi  dichiarazione dei servizi pre – ruolo (deve essere resa dall’interessato entro 30 giorni dalla nomina in ruolo e può essere integrata o modificata entro 2 anni dalla data di presentazione).  Domanda di riconoscimento dei servizi con i certificati dei servizi ed il titolo di studio prescritto  Conferma in ruolo o Relazione periodo di prova e/o anno di formazione;  Contratto vistato dalla Ragioneria Provinciale dello Stato

40 Passaggi da scuole materne a elementari e nella scuola secondaria  Relazione periodo di prova e/o anno di formazione  Contratto di nomina in ruolo vistato dalla Ragioneria Provinciale dello Stato  Decreto di ricostruzione di carriera del ruolo di provenienza aggiornato alla data del passaggio di ruolo.

41 Da scuole materne – elementari a medie e superiori e passaggi di profilo ATA  dichiarazione dei servizi pre – ruolo aggiornata alla del passaggio di ruolo  Domanda di riconoscimento dei servizi con i certificati dei servizi ed il titolo di studio prescritto  Relazione periodo di prova e/o anno di formazione;  Contratto di nomina in ruolo vistato dalla Ragioneria Provinciale dello Stato  Decreto di ricostruzione di carriera del ruolo di provenienza aggiornato alla data del passaggio di ruolo.


Scaricare ppt "La ricostruzione della carriera del personale della scuola: Parte seconda : il riconoscimento dei servizi, la ricostruzione della carriera e la temporizzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google