La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MUSIC BOX OPEN CONFERENCE 20 OTTOBRE 2012. CELLINO SAN MARCO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE PhD Alessandra MICCOLI Consulente in Europrogettazione Project.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MUSIC BOX OPEN CONFERENCE 20 OTTOBRE 2012. CELLINO SAN MARCO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE PhD Alessandra MICCOLI Consulente in Europrogettazione Project."— Transcript della presentazione:

1 MUSIC BOX OPEN CONFERENCE 20 OTTOBRE 2012

2 CELLINO SAN MARCO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE PhD Alessandra MICCOLI Consulente in Europrogettazione Project Manager MUSIC BOX - Comune di Cellino San Marco

3 AREA DI INTERVENTO

4 TERRITORIO DI RIFERIMENTO CELLINO SAN MARCO Cellino San Marco è situato esattamente tra le tre province pugliesi di Brindisi, Lecce e Taranto, al centro dell’area denominata Salento. Dista 21 km da Brindisi, 23 km da Lecce e 66 km da Taranto. La sua superficie si estende per 37,42 kmq e l’altitudine media è pari a circa 52 m s.l.m. Cellino San marco si trova a 14 km dal mare Adriatico e a 28 km dal Mar Jonio.

5 CENNI STORICI Cellino San Marco si trova nell’antica Terra d’Otranto e attribuisce la propria fondazione ai monaci basiliani, che si insediarono nell’area intorno al IX secolo. Numerosi documenti attestano che la toponomastica “Cilino” sia riconducibile alla notevole presenza di ulivi che arricchivano le distese di confine. Detto toponimo deriva dal greco KELAINOS, termine con cuii si identificava il colore nerissimo del frutto che tanto aveva allettato le popolazioni greche giunte in Salento, all’epoca denominato Magna Grecia. Il connotato di “San Marco” venne aggiunto successivamente per enfatizzare il fervente culto della popolazione nei confronti del Santo Evangelista.

6 Oltre alla presenza dei Normanni, che costrinsero i monaci Basiliani a disertare la Cappella di san Marco (ritenuta all’epoca il nucleo fopndamentale del Paese), Cellino è stato luogo di brigantaggio: il movimento nacque nel 1842 e si dissipò nel 1861, a seguito della fucilazione dei briganti ad opera del comandante Luigi Lupinacci. Il nascondiglio segreto della comitiva di briganti è ancora visibile: era il bosco composto prevalentemente di macchia mediterranea che si trova tutt’ora presso Contrada Curtipetrizzi. Numerosi studiosi attribuiscono all’attività sovversiva dei briganti la traccia fondamentale e caratteristica di Cellino San Marco, l’Agricoltura.

7

8 TRADIZIONE CONTADINA Cellino San Marco è culla e scrigno di civiltà contadina, data questa sua storica vocazione verso tale attività che, se in partenza ha rappresentato un mezzo per il sostentamento della popolazione, attualmente è una caratteristica dell’eccellenza del territorio, grazie alla produzione di prodotti enogastronomici rinomati in tutto il mondo. Il connotato dell’eccellenza è stato raggiunto grazie alla felice intuizione di una promozione strategica integrata che ha coniugato ai prodotti della terra la cultura di background, in una simbiosi tra materiale e immateriale che caratterizza l’unicità del territorio e dei sui prodotti. Tutto ciò all’insegna dello sviluppo locale orientato alla sostenibilità in sintonia con le regole della pianificazione strategica.

9 Per Pianificazione Strategica si intende… "una disciplina che addestra all'impiego di metodi mirati a migliorare la razionalità delle decisioni (o delle azioni) nella gestione sistematica ed integrata degli affari pubblici". Essa rappresenta un modo nuovo di concepire la gestione degli affari nella Pubblica Amministrazione, basato sulla razionalità delle decisioni. Una decisione è razionale quando è coerente con i suoi obiettivi e compatibile con le possibilità e i vincoli esistenti e/o con i mezzi a sua disposizione. Essa costituisce il fulcro di quella "riforma" che è alla base di una "nuova gestione pubblica” che vede l'introduzione nella Pubblica Amministrazione di una programmazione (o pianificazione) "strategica" fondata sulla realizzazione di qualsiasi intervento secondo "programmi".

10 Principali fasi della nostra attività di Pianificazione Strategica Il processo di Pianificazione Strategica che abbiamo ideato è caratterizzato da alcune fasi fondamentali: - identificazione dei soggetti, dei mandati, dei destinatari e degli stakeholders (portatori di interesse) del processo di pianificazione e gestione; - la strutturazione di programma e l'identificazione connessa degli indicatori di programma; - la temporalizzazione del processo e l'introduzione connessa dei processi di valutazione inerenti ad esso; - l'ingegnerizzazione dei piani e dei programmi, la specificazione delle azioni e la gestione dei progetti; - l'analisi dei costi operativi e lo studio del loro finanziamento; la costruzione di un bilancio di programma; - il monitoraggio dei piani e dei programmi, la loro revisione e il feed-back del processo.

11 La pianificazione strategica è quel processo di pianificazione con il quale si fissano gli obiettivi di un sistema (territoriale, aziendale, statale) e si indicano i mezzi, gli strumenti e le azioni per raggiungerli in una prospettiva di medio/lungo periodo. Progetta le attività in corso nell'ambiente naturale esterno, descrivendo così i risultati prodotti, a prescindere che questi siano desiderati o no. Questa non elimina l'incertezza sul futuro, ma rende i processi gestionali più coordinati e razionali. Una pianificazione "strategica" opera su grande scala, in opposizione con la pianificazione "tattica", che si riferisce alle attività più specifiche.

12 L’esperienza di Cooperazione Transfrontaliera che vede coinvolto il comune di Cellino San Marco nel progetto MUSIC BOX è frutto di una precisa vision. Abbiamo tenuto conto di:

13 Si rammenti che la nostra pianificazione strategica trova la propria essenza nel "creare" obiettivi che abbiano influenza sull’ambiente esterno adattando i programmi e le azioni in corso affinché conducano alle uscite più favorevoli nell'ambiente naturale esterno. Essa nasce dall'esigenza di conseguire risultati rapidi e riconoscibili. Un esempio concreto, in tal senso, può essere reso dalle Amministrazioni Comunali e politiche, che auspicano il raggiungimento di obiettivi al termine del loro mandato.

14 Pu TRADIZIONE E INNOVAZIONE Come ogni paese del Sud Italia, anche a Cellino San Marco è radicata una profonda tradizione contadina che si contamina e connota in virtù di tratti religiosi di base pagano- cristiana che danno vita a usanze e costumi che si intrecciano in maniera indissolubile con il territorio e creano un tessuto irriproducibile. In alcune date prefissate la collettività si riunisce, ad esempio, nel centro storico del paese per osservare il culto veneratorio e lasciarsi trasportare da fiere che hanno il sapore dell’antico, accompagnate dalla musica popolare che spande le sue note nell’atmosfera donandole un tocco surreale, in un gioco di luci, colori e sapori che fa di questi eventi degli scrigni di beni culturali immateriali di inestimabile valore, la cui tutela, promozione e valorizzazione rientrano a pieno titolo nel progetto di pianificazione strategica posto in essere. Tra le bande, le note della pizzica salentina e i prodotti tipici, si esprime il carattere di un popolo che, da un lato avanza incontrastato nel settore vitivinicolo e dall’altro è saldamente ancorato ai principi e alle tradizioni del passato.

15 Pu

16 Tra le più importanti manifestazioni religiose e civili ricordiamo: - Fiera regionale in onore dei Santi Medici (settembre); - Fiera regionale in onore di Santa Caterina d’Alessandria (novembre); - Fiera in onore di San Marco Evangelista (aprile e luglio); - Sagra del Negroamaro - Sagra “te lu Pisce frittu” - Taranta night festival - Mea Puglia Festival - Notte te San Giuanni - Mostra fotografica CILINARI

17 Quelli citati sono soltanto alcuni esempi del nostro ricco patrimonio di tradizioni culturali e folkloristiche, che vedono dominare l’aspetto musicale in tutte le sue espressioni. È nostra intenzione, attraverso MUSIC BOX, valorizzare il ricchissimo patrimonio di musiche tradizionali di cui la nostra cultura si fregia, promuovendone la diffusione a livello locale e non, con il preciso intento di contribuire alla catalogazione dello stesso grazie alle nuove tecnologie di cui oggi disponiamo, che ci aiuteranno a tramandare ai posteri questo tesoro immateriale di inestimabile valore, certi che lo sviluppo è effece solo se pone le proprie basi sulle radici storico-culturali dei luoghi. Vi invitiamo a venire a trovarci a Cellino San Marco per immergervi nella meravigliosa atmosfera dei nostri ritmi e delle nostre usanze.

18 Grazie per l’attenzione,


Scaricare ppt "MUSIC BOX OPEN CONFERENCE 20 OTTOBRE 2012. CELLINO SAN MARCO TRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE PhD Alessandra MICCOLI Consulente in Europrogettazione Project."

Presentazioni simili


Annunci Google