La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mario Gori 1 Il corpo nella storia dell’arte A cura di Mario Gori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mario Gori 1 Il corpo nella storia dell’arte A cura di Mario Gori."— Transcript della presentazione:

1 Mario Gori 1 Il corpo nella storia dell’arte A cura di Mario Gori

2 2 "Il buon pittore ha da dipingere due cose principali. l'uomo e il concetto della mente sua" (Leonardo da Vinci, Trattato della Pittura). "Il buon pittore ha da dipingere due cose principali. l'uomo e il concetto della mente sua" (Leonardo da Vinci, Trattato della Pittura). L’opera d’arte è un testo il cui referente è la realtà raffigurata. Come tutte le forme di raffigurazione delle forme artistiche, non costituisce una semplice trasposizione con al massimo funzione evocativa per chi si trovasse a guardarla. L’opera d’arte è un testo il cui referente è la realtà raffigurata. Come tutte le forme di raffigurazione delle forme artistiche, non costituisce una semplice trasposizione con al massimo funzione evocativa per chi si trovasse a guardarla. La scelta di materiali, tecniche, modi, forme, dimensioni, etc., operata dall’artista ci offrono l’interpretazione che l’artista ha della realtà. La scelta di materiali, tecniche, modi, forme, dimensioni, etc., operata dall’artista ci offrono l’interpretazione che l’artista ha della realtà. Questa interpretazione è un filtro con molte sfaccettature: estetica, umana, culturale, emotiva... Questa interpretazione è un filtro con molte sfaccettature: estetica, umana, culturale, emotiva...

3 3 Mario Gori Il corpo nella raffigurazione artistica La raffigurazione del corpo nella storia dell’arte ha sempre occupato un posto di primaria importanza, ma gli scopi sono stati i più diversi: La raffigurazione del corpo nella storia dell’arte ha sempre occupato un posto di primaria importanza, ma gli scopi sono stati i più diversi: - illustrare, documentare e quindi far partecipare chi guarda l’opera d’arte a certe conoscenze o concezioni sul corpo e, estensivamente, sull’uomo. Così facendo si dà a chi guarda il senso di appartenenza alla comunità della cui cultura l’opera d’arte è espressione; - illustrare, documentare e quindi far partecipare chi guarda l’opera d’arte a certe conoscenze o concezioni sul corpo e, estensivamente, sull’uomo. Così facendo si dà a chi guarda il senso di appartenenza alla comunità della cui cultura l’opera d’arte è espressione; - promuovere, celebrare, definire ranghi e ruoli, e quindi ribadire gerarchie, legittimare il potere, raccogliere consenso intorno ad esso; - promuovere, celebrare, definire ranghi e ruoli, e quindi ribadire gerarchie, legittimare il potere, raccogliere consenso intorno ad esso; - convincere, spiegare, “sedurre” (nell’accezione etimologica del termine), indurre, e quindi rivestire una funzione pedagogica. - convincere, spiegare, “sedurre” (nell’accezione etimologica del termine), indurre, e quindi rivestire una funzione pedagogica.

4 4 Mario Gori La figura umana, nell’iconografia artistica, può essere ottenuta semplicemente tracciando segni, stendendo colore o dando forma (plastica) al materiale, secondo modalità molto diverse (le principali sono l’imitazione e la costruzione), indipendentemente della possibile somiglianza superficiale dei risultati. La figura umana, nell’iconografia artistica, può essere ottenuta semplicemente tracciando segni, stendendo colore o dando forma (plastica) al materiale, secondo modalità molto diverse (le principali sono l’imitazione e la costruzione), indipendentemente della possibile somiglianza superficiale dei risultati. Si può imitare il reale cui ci si riferisce, con maggiore o minore attenzione per i particolari. Per fare questo si ripercorre la configurazione esteriore del corpo tramite l’osservazione e si procede poi alla riproduzione di quanto compare nel nostro campo percettivo. Si può imitare il reale cui ci si riferisce, con maggiore o minore attenzione per i particolari. Per fare questo si ripercorre la configurazione esteriore del corpo tramite l’osservazione e si procede poi alla riproduzione di quanto compare nel nostro campo percettivo. Oppure si può costruire la figura seguendo regole procedurali che postulano la costituzione del corpo in termini di: Oppure si può costruire la figura seguendo regole procedurali che postulano la costituzione del corpo in termini di: - elementi geometrici - elementi geometrici - elementi anatomici - elementi anatomici - proporzioni matematiche4 - proporzioni matematiche4. configurazione geometrica. configurazione geometrica. costituzione razziale. costituzione razziale. fisionomia individuale. fisionomia individuale

5 5 Mario Gori Nella raffigurazione del corpo, anche se in modo non sempre pienamente esplicito e consapevole, l’artista tiene conto di diversi aspetti riguardanti: Nella raffigurazione del corpo, anche se in modo non sempre pienamente esplicito e consapevole, l’artista tiene conto di diversi aspetti riguardanti: Antropometria. Il corpo che raffigura dovrà pur avere delle misure complessive e parziali, anche quando vengono scelte o decise senza un calcolo o una precisa costruzione progettuale. Antropometria. Il corpo che raffigura dovrà pur avere delle misure complessive e parziali, anche quando vengono scelte o decise senza un calcolo o una precisa costruzione progettuale. Biotipologia. Se si toglie al corpo raffigurato ogni marca di robusto/sottile, alto/basso, maschio/femmina, etc., ci si riduce ad una sommarietà e ad uno schematismo estremi, che di fatto si incontrano molto raramente; molto più probabile una caratterizzazione molto spinta. Biotipologia. Se si toglie al corpo raffigurato ogni marca di robusto/sottile, alto/basso, maschio/femmina, etc., ci si riduce ad una sommarietà e ad uno schematismo estremi, che di fatto si incontrano molto raramente; molto più probabile una caratterizzazione molto spinta. Simmetria. Letteralmente commisurazione, è il dimensionamento delle singole parti che avviene in modo reciproco e integrato; ogni parte ha quella certa dimensione perché così è stato deciso rispetto alle altre. Spesso confusa o usata in sinonimia con chiralità, andrebbe distinta da quest’ultima che indica invece la ripetizione di un elemento orientato (che presenta cioè una polarità) in modo invertito, speculare. Simmetria. Letteralmente commisurazione, è il dimensionamento delle singole parti che avviene in modo reciproco e integrato; ogni parte ha quella certa dimensione perché così è stato deciso rispetto alle altre. Spesso confusa o usata in sinonimia con chiralità, andrebbe distinta da quest’ultima che indica invece la ripetizione di un elemento orientato (che presenta cioè una polarità) in modo invertito, speculare. Euritmia. Si basa sulla simmetria, ma è qualcosa di diverso, che va oltre. La commisurazione delle parti non deve rimanere fine a se stessa, deve generare la bellezza dell’insieme, deve suscitare piacere e senso di appagamento in chi guarda. Solo così l’opera diviene pienamente godibile. Euritmia. Si basa sulla simmetria, ma è qualcosa di diverso, che va oltre. La commisurazione delle parti non deve rimanere fine a se stessa, deve generare la bellezza dell’insieme, deve suscitare piacere e senso di appagamento in chi guarda. Solo così l’opera diviene pienamente godibile.

6 6 Mario Gori Nudo Erotismo si intende la qualità di un’immagine (o, più in generale, di una situazione) che allude e prelude, innesca la seduzione (intesa in senso strettamente etimologico di attrazione verso di sé), usa espedienti iconografici e stilistici raffinati, come la sapiente combinazione di linee curve e spezzate, per evocare sensualità e piacere, ma lasciando un margine di decisione, di interpretazione, insomma di libertà all’osservatore e alla sua immaginazione, che viene rispettata e rimane comunque in gioco, magari in una dimensione “voyeuristica”, come accade per il “Bagno turco” di Ingres o per “Dati...” di Duchamp. Erotismo si intende la qualità di un’immagine (o, più in generale, di una situazione) che allude e prelude, innesca la seduzione (intesa in senso strettamente etimologico di attrazione verso di sé), usa espedienti iconografici e stilistici raffinati, come la sapiente combinazione di linee curve e spezzate, per evocare sensualità e piacere, ma lasciando un margine di decisione, di interpretazione, insomma di libertà all’osservatore e alla sua immaginazione, che viene rispettata e rimane comunque in gioco, magari in una dimensione “voyeuristica”, come accade per il “Bagno turco” di Ingres o per “Dati...” di Duchamp. Pornografia mostra, ostenta l’atto compiuto, esibisce in modo aggressivo, toglie all’immaginazione dell’osservatore ogni margine di scelta, rende il corpo osceno, nel senso etimologico di ob-scaenus, cioè per la scena; ma si tratta di una scena cruda e bruta, che si impone, rispetto alla quale tanto il corpo esibito quanto lo spettatore sono coinvolti in un meccanismo che toglie loro dignità di soggetti. Pornografia mostra, ostenta l’atto compiuto, esibisce in modo aggressivo, toglie all’immaginazione dell’osservatore ogni margine di scelta, rende il corpo osceno, nel senso etimologico di ob-scaenus, cioè per la scena; ma si tratta di una scena cruda e bruta, che si impone, rispetto alla quale tanto il corpo esibito quanto lo spettatore sono coinvolti in un meccanismo che toglie loro dignità di soggetti.

7 7 Mario Gori Età della pietra Le opere d'arte più antiche che sono giunte a noi risalgono a anni a.C., e cioè alla fine aurignaciana del paleolitico superiore. Le opere d'arte più antiche che sono giunte a noi risalgono a anni a.C., e cioè alla fine aurignaciana del paleolitico superiore. Al paleolitico risalgono le figurazioni così sinteticamente e intensamente espressive, che alcuni dei maggiori artisti moderni, in particolare Picasso, hanno considerato perfette opere d'arte (si tratta di animali selvatici e graffiti dipinti sulle pareti e sulle volte delle grotte naturali, con finalità sia magica che pratica). Al paleolitico risalgono le figurazioni così sinteticamente e intensamente espressive, che alcuni dei maggiori artisti moderni, in particolare Picasso, hanno considerato perfette opere d'arte (si tratta di animali selvatici e graffiti dipinti sulle pareti e sulle volte delle grotte naturali, con finalità sia magica che pratica). Rappresenta anche se stesso, la propria compagna, i propri figli, il proprio gruppo, con sempre maggiore realismo dovuto ad una sempre più evidente conoscenza di sé e degli altri. Contemporaneamente giunge, attraverso disegni sempre più affinati, al simbolo grafico che sarà alla base della scrittura. Rappresenta anche se stesso, la propria compagna, i propri figli, il proprio gruppo, con sempre maggiore realismo dovuto ad una sempre più evidente conoscenza di sé e degli altri. Contemporaneamente giunge, attraverso disegni sempre più affinati, al simbolo grafico che sarà alla base della scrittura. Alpera, la più fedele al modello naturale; Alpera, la più fedele al modello naturale; Cestosomatico, molto allungato, con la parte inferiore più robusta di quella superiore, testa rotonda e petto approssimativamente triangolare, fianchi sottili, gambe lunghe piuttosto grosse; Cestosomatico, molto allungato, con la parte inferiore più robusta di quella superiore, testa rotonda e petto approssimativamente triangolare, fianchi sottili, gambe lunghe piuttosto grosse; Pachipode, tozzo, basso, con arti inferiori robusti; Pachipode, tozzo, basso, con arti inferiori robusti; Nematomorfo, molto stilizzato, il cui corpo è ricondotto a un insieme di linee. Nematomorfo, molto stilizzato, il cui corpo è ricondotto a un insieme di linee.

8 8 Mario Gori Egizi L'arte e la cultura egizia si ispirano al sentimento etico e religioso di un popolo sostenuto da eccezionale attaccamento alla tradizione, sono prevalentemente animate da un forte senso della collettività e della coralità e quindi ignorano o lasciano in secondo piano l'uomo inteso come singolo, con le sue passioni e le sue speranze. In particolare non accettano l'idea che la cultura e le strutture sociali e politiche sono destinate ad evolversi progressivamente. L'arte e la cultura egizia si ispirano al sentimento etico e religioso di un popolo sostenuto da eccezionale attaccamento alla tradizione, sono prevalentemente animate da un forte senso della collettività e della coralità e quindi ignorano o lasciano in secondo piano l'uomo inteso come singolo, con le sue passioni e le sue speranze. In particolare non accettano l'idea che la cultura e le strutture sociali e politiche sono destinate ad evolversi progressivamente. Gli Egizi resteranno fedeli alla loro idea di figura umana per tutta la durata della loro storia artistica: corpo e gambe di profilo, tronco di fronte a mostrare l'ampiezza delle spalle, ad eccezione delle figure femminili disegnate di profilo. Gli Egizi resteranno fedeli alla loro idea di figura umana per tutta la durata della loro storia artistica: corpo e gambe di profilo, tronco di fronte a mostrare l'ampiezza delle spalle, ad eccezione delle figure femminili disegnate di profilo. Questa tecnica contrasta con la rigorosa frontalità delle statue isolate. Questa tecnica contrasta con la rigorosa frontalità delle statue isolate. È evidente che gli Egizi scelsero questa tecnica figurativa perché la raffigurazione del corpo umano che ne risultava, sembrava più evidente ed esplicita. Molto usata la figura umana anche negli ideogrammi della loro scrittura. È evidente che gli Egizi scelsero questa tecnica figurativa perché la raffigurazione del corpo umano che ne risultava, sembrava più evidente ed esplicita. Molto usata la figura umana anche negli ideogrammi della loro scrittura.

9 9 Mario Gori Arte greco-cretese I Cretesi, molto legati ai commerci e ai traffici sul mare, avevano una tradizione artistica in stretta connessione con il fasto della vita di corte e con i rituali religiosi. I Cretesi, molto legati ai commerci e ai traffici sul mare, avevano una tradizione artistica in stretta connessione con il fasto della vita di corte e con i rituali religiosi. La donna aveva una posizione molto alta nella società cretese: la loro massima divinità era infatti la Dea Madre raffigurata in molte piccole sculture che, nella loro definizione stilistica, presentano caratteri analoghi alle pitture, in quanto concepite e realizzate per far risaltare, anziché il volume, il contorno lineare, contorno che ne fissa il vivace atteggiarsi in posizioni rituali. La donna aveva una posizione molto alta nella società cretese: la loro massima divinità era infatti la Dea Madre raffigurata in molte piccole sculture che, nella loro definizione stilistica, presentano caratteri analoghi alle pitture, in quanto concepite e realizzate per far risaltare, anziché il volume, il contorno lineare, contorno che ne fissa il vivace atteggiarsi in posizioni rituali. Nelle pareti delle splendide ville dei ricchi vengono raffigurate esili danzatrici, giochi taurini e fantasie ginniche. Nell’arte minoica prevalgono le figure femminili negli affreschi e nelle statuette di terracotta. Tale fatto non trova riscontro in nessun’altra civiltà antica. Nelle pareti delle splendide ville dei ricchi vengono raffigurate esili danzatrici, giochi taurini e fantasie ginniche. Nell’arte minoica prevalgono le figure femminili negli affreschi e nelle statuette di terracotta. Tale fatto non trova riscontro in nessun’altra civiltà antica. Il prevalere delle immagini femminili, fa pensare ad una sopravvivenza di alcuni aspetti dell’antichissimo matriarcato che per decine di millenni era stato tipico delle comunità mediterranee. Così Creta appare come un’eccezione nel mondo antico. Il prevalere delle immagini femminili, fa pensare ad una sopravvivenza di alcuni aspetti dell’antichissimo matriarcato che per decine di millenni era stato tipico delle comunità mediterranee. Così Creta appare come un’eccezione nel mondo antico. La figura umana rifugge da ogni schema convenzionale e mira piuttosto a cogliere l’autenticità istantanea degli atteggiamenti individuali, una spontaneità espressiva che fa pensare ad istituzioni e costumi che permettevano libertà ed autonomia nella vita quotidiana. La figura umana rifugge da ogni schema convenzionale e mira piuttosto a cogliere l’autenticità istantanea degli atteggiamenti individuali, una spontaneità espressiva che fa pensare ad istituzioni e costumi che permettevano libertà ed autonomia nella vita quotidiana.

10 10 Mario Gori Micene Nella rappresentazione della figura umana dell’arte di Micene, nonostante la maggiore aggressività politica e militare di questo popolo, si nota in maniera evidente l’influsso cretese. Ne sono chiaro esempio le scritture murali che decorano il palazzo della cittadella di Tirinto. Si tratta di affreschi che, con tono più asciutto e stilizzato di quello cretese, presentano cortei rituali e scene di caccia che rievocano i fasti di una vita di corte regolata da un rigido cerimoniale. Nella rappresentazione della figura umana dell’arte di Micene, nonostante la maggiore aggressività politica e militare di questo popolo, si nota in maniera evidente l’influsso cretese. Ne sono chiaro esempio le scritture murali che decorano il palazzo della cittadella di Tirinto. Si tratta di affreschi che, con tono più asciutto e stilizzato di quello cretese, presentano cortei rituali e scene di caccia che rievocano i fasti di una vita di corte regolata da un rigido cerimoniale. L’arte micenea si fonde con la minoica; essa è però caratterizzata da aggressività espressionistica. L’atteggiamento dell’artista cambia sia nella scelta dei soggetti (combattimenti cruenti e scene di caccia grossa), sia nella tendenza ad aggregare forme differenti (criniere, code, muscoli, vegetazione). L’arte micenea si fonde con la minoica; essa è però caratterizzata da aggressività espressionistica. L’atteggiamento dell’artista cambia sia nella scelta dei soggetti (combattimenti cruenti e scene di caccia grossa), sia nella tendenza ad aggregare forme differenti (criniere, code, muscoli, vegetazione). Nella pittura si nota una secca e rigida schematizzazione che diventa sempre più geometrica (prepara al medioevo ellenico). Sono caratteristiche statuette e maschere con pochi colori, di un realismo essenziale e di forte intensità espressiva; e gli idoletti a carattere decorativo che accennano ad un propiziatorio scongiuro di terrori sovrumani. Nella pittura si nota una secca e rigida schematizzazione che diventa sempre più geometrica (prepara al medioevo ellenico). Sono caratteristiche statuette e maschere con pochi colori, di un realismo essenziale e di forte intensità espressiva; e gli idoletti a carattere decorativo che accennano ad un propiziatorio scongiuro di terrori sovrumani.

11 11 Mario Gori Grecia L'arte antica sorge dall'incontro di una civiltà mediterranea (cretese) con una sopravvenuta civiltà portata da genti indoeuropee che invasero la Grecia in successive ondate durante il secondo millennio a.C. L'arte antica sorge dall'incontro di una civiltà mediterranea (cretese) con una sopravvenuta civiltà portata da genti indoeuropee che invasero la Grecia in successive ondate durante il secondo millennio a.C. Nell’arte greca il nudo viene rappresentato per la prima volta con fini intrinseci, celebrativi del “bello” come segno o equivalente di “buono”, come indice di una natura divina o semidivina. Il corpo è nudo non perché è quello di uno schiavo senza altre risorse che i propri mezzi fisici, ma che è privo di dignità sociale, bensì mostra la propria aristocratica virtù, la propria capacità di trionfare come atleta e come eroe. Questo corpo, grande protagonista, merita l’attenzione anatomica dell’artista, ma la sofisticata perfezione non indulge a contaminazioni o “difettucci” che farebbero di quel corpo un corpo “hic et nunc”, quotidiano, presente. Nell’arte greca il nudo viene rappresentato per la prima volta con fini intrinseci, celebrativi del “bello” come segno o equivalente di “buono”, come indice di una natura divina o semidivina. Il corpo è nudo non perché è quello di uno schiavo senza altre risorse che i propri mezzi fisici, ma che è privo di dignità sociale, bensì mostra la propria aristocratica virtù, la propria capacità di trionfare come atleta e come eroe. Questo corpo, grande protagonista, merita l’attenzione anatomica dell’artista, ma la sofisticata perfezione non indulge a contaminazioni o “difettucci” che farebbero di quel corpo un corpo “hic et nunc”, quotidiano, presente. Le concezioni dell’arte greca non possono tuttavia essere trattate come se fossero rimaste immutate nel tempo. Si possono distinguere diverse fasi: Le concezioni dell’arte greca non possono tuttavia essere trattate come se fossero rimaste immutate nel tempo. Si possono distinguere diverse fasi:

12 12 Mario Gori Medioevo ellenico (II millennio a.C.) Vede prevalere uno spiccato geometrismo che privilegia l’angolo retto e il triangolo, sia nella figurazione umana che nelle decorazioni (Cfr. la stessa “greca”). Bisogna aspettare l’VIII secolo a.C. per un modellato del corpo più fluido, morbido, dinamico. Ma nei vasi di Dipylon le figure sono di uno schematismo asciutto e geometrico, come nelle poche sculture coeve. Vede prevalere uno spiccato geometrismo che privilegia l’angolo retto e il triangolo, sia nella figurazione umana che nelle decorazioni (Cfr. la stessa “greca”). Bisogna aspettare l’VIII secolo a.C. per un modellato del corpo più fluido, morbido, dinamico. Ma nei vasi di Dipylon le figure sono di uno schematismo asciutto e geometrico, come nelle poche sculture coeve. Si evidenzia la tendenza a schematizzare i rapporti ad angolo retto, secondo i temi della triangolizzazione (anche il corpo dell'uomo è un triangolo) e dalla ripetizione simmetrica del segno astratto (di cui la "greca" e la "svastica" che ritroviamo in tutte le civiltà primordiali del mondo euroasiatico, sono il più comune esempio). Si evidenzia la tendenza a schematizzare i rapporti ad angolo retto, secondo i temi della triangolizzazione (anche il corpo dell'uomo è un triangolo) e dalla ripetizione simmetrica del segno astratto (di cui la "greca" e la "svastica" che ritroviamo in tutte le civiltà primordiali del mondo euroasiatico, sono il più comune esempio). Il geometrismo, che aveva caratterizzato sia l'arte cretese che quella micenea, si evidenzia maggiormente. Il geometrismo, che aveva caratterizzato sia l'arte cretese che quella micenea, si evidenzia maggiormente. Solo nell'VIII sec. a.C., ricompaiono i tratti lineari che descrivono i corpi e che si muovono innervandosi con un principio di modellazione che è l'avvio di un sempre più evidente dinamismo. Solo nell'VIII sec. a.C., ricompaiono i tratti lineari che descrivono i corpi e che si muovono innervandosi con un principio di modellazione che è l'avvio di un sempre più evidente dinamismo. Come possiamo vedere dai vasi del Dipylon, quando nel complesso sono inserite delle figurazioni, esse vengono sottoposte al massimo processo di semplificazione. Al medesimo, schematico ideale di geometrica astrazione della figura umana, si ispirarono le poche sculture di questo periodo, quasi sempre di soggetto religioso. In questa divinità femminile di terracotta proveniente da Korphi (Creta) appare interamente superata la vivace modellazione delle antiche statuette cretesi per dar luogo ad una vigorosa definizione dei tratti essenziali del volto (sopracciglia, naso, mento) che accentua l'enigmatica sacralità dell'immagine. Come possiamo vedere dai vasi del Dipylon, quando nel complesso sono inserite delle figurazioni, esse vengono sottoposte al massimo processo di semplificazione. Al medesimo, schematico ideale di geometrica astrazione della figura umana, si ispirarono le poche sculture di questo periodo, quasi sempre di soggetto religioso. In questa divinità femminile di terracotta proveniente da Korphi (Creta) appare interamente superata la vivace modellazione delle antiche statuette cretesi per dar luogo ad una vigorosa definizione dei tratti essenziali del volto (sopracciglia, naso, mento) che accentua l'enigmatica sacralità dell'immagine.

13 13 Mario Gori Periodo arcaico Prende a riferimento e modello l’uomo, come veicolo ed espressione sia della razionalità che della divinità. Prende a riferimento e modello l’uomo, come veicolo ed espressione sia della razionalità che della divinità. Con il fiorire della democrazia ateniese nella statuaria scompaiono i segni (di abbigliamento) che denotano lo status aristocratico della figura, così come questa esce dallo schematismo che la definiva tramite forme geometriche, piane e curve. La forma del corpo acquista autonomia e capacità di sprigionare la forza del movimento prendendo, in virtù di ciò, possesso dello spazio. Con il fiorire della democrazia ateniese nella statuaria scompaiono i segni (di abbigliamento) che denotano lo status aristocratico della figura, così come questa esce dallo schematismo che la definiva tramite forme geometriche, piane e curve. La forma del corpo acquista autonomia e capacità di sprigionare la forza del movimento prendendo, in virtù di ciò, possesso dello spazio. Così all’idea del puro essere nello spazio, succede quello di esercitare una forza nello spazio, e per questo è necessario mettere in evidenza le sorgenti di questa forza, la struttura dinamica del corpo: i muscoli. Così all’idea del puro essere nello spazio, succede quello di esercitare una forza nello spazio, e per questo è necessario mettere in evidenza le sorgenti di questa forza, la struttura dinamica del corpo: i muscoli. Non è però una ricerca naturalistica, ma strutturale: le ossa, i tendini, i muscoli, sono considerati come linee o correnti di forza che dall’interno determinano le espansioni e le contrazioni, le sporgenze e le depressioni della massa. La concezione della centralità della figura umana rispetto allo spazio, corrisponde anche all’evolversi del concetto di mito. Non è però una ricerca naturalistica, ma strutturale: le ossa, i tendini, i muscoli, sono considerati come linee o correnti di forza che dall’interno determinano le espansioni e le contrazioni, le sporgenze e le depressioni della massa. La concezione della centralità della figura umana rispetto allo spazio, corrisponde anche all’evolversi del concetto di mito. Mente lo stile dorico è di taglio severo e mantiene nelle sue forme il senso di una mitologia basata sulle forze cosmiche preponderanti, nella corrente attica al contrario la figura umana è vista come suprema forza della natura, che penetra nello spazio, vera e propria “misura di tutte le cose” (Pitagora). Mente lo stile dorico è di taglio severo e mantiene nelle sue forme il senso di una mitologia basata sulle forze cosmiche preponderanti, nella corrente attica al contrario la figura umana è vista come suprema forza della natura, che penetra nello spazio, vera e propria “misura di tutte le cose” (Pitagora). Policleto di Argo, nato intorno al 480 a.C., si pone a metà tra l’arte arcaica e quella classica; egli è l’ideatore del "canone", cioè delle proporzioni teoriche tra le varie parti del corpo umano, che assegna proporzionalmente all’interno, frazioni a ciascuna parte del corpo (al piede 1/6, alla mano e al viso 1/10). Policleto di Argo, nato intorno al 480 a.C., si pone a metà tra l’arte arcaica e quella classica; egli è l’ideatore del "canone", cioè delle proporzioni teoriche tra le varie parti del corpo umano, che assegna proporzionalmente all’interno, frazioni a ciascuna parte del corpo (al piede 1/6, alla mano e al viso 1/10).

14 14 Mario Gori Ragione e corpo costituiscono nel tempio decorato di statue, un tutto unico. La figura umana è pensata come la più eletta delle forme naturali e la più prossima alla perfezione ideale; essa compendia anche nell'armonia delle proprie forme, l'infinita armonia del cosmo, perciò più che una ripetizione morfologica del corpo umano, la statua greca è l'espressione mediante la figura umana, della natura come un tutto nello spazio. Ragione e corpo costituiscono nel tempio decorato di statue, un tutto unico. La figura umana è pensata come la più eletta delle forme naturali e la più prossima alla perfezione ideale; essa compendia anche nell'armonia delle proprie forme, l'infinita armonia del cosmo, perciò più che una ripetizione morfologica del corpo umano, la statua greca è l'espressione mediante la figura umana, della natura come un tutto nello spazio. Quando fiorisce la civiltà democratica ateniese, si ha il definitivo superamento di tutti gli inutili particolari aristocratici, la figura umana non è più concepita come la risultante armonica di due forme geometriche piane e curve, ma come terzo tipo di forma autonoma capace di sprigionare da sé la forza del movimento, di prendere possesso dello spazio. Quando fiorisce la civiltà democratica ateniese, si ha il definitivo superamento di tutti gli inutili particolari aristocratici, la figura umana non è più concepita come la risultante armonica di due forme geometriche piane e curve, ma come terzo tipo di forma autonoma capace di sprigionare da sé la forza del movimento, di prendere possesso dello spazio. Così all'idea del puro essere nello spazio, succede quello di esercitare una forza nello spazio, e per questo è necessario mettere in evidenza le sorgenti di questa forza, la struttura dinamica del corpo: i muscoli. Così all'idea del puro essere nello spazio, succede quello di esercitare una forza nello spazio, e per questo è necessario mettere in evidenza le sorgenti di questa forza, la struttura dinamica del corpo: i muscoli. Non è però una ricerca naturalistica, ma strutturale: le ossa, i tendini, i muscoli, sono considerati come linee o correnti di forza che dall'interno determinano le espansioni e le contrazioni, le sporgenze e le depressioni della massa. Non è però una ricerca naturalistica, ma strutturale: le ossa, i tendini, i muscoli, sono considerati come linee o correnti di forza che dall'interno determinano le espansioni e le contrazioni, le sporgenze e le depressioni della massa. La concezione della centralità della figura umana rispetto allo spazio, corrisponde anche all'evolversi del concetto di mito. La concezione della centralità della figura umana rispetto allo spazio, corrisponde anche all'evolversi del concetto di mito.

15 15 Mario Gori Età classica Fidia è il principale interprete della scultura: a lui furono affidati i lavori di ricostruzione dell’Acropoli ateniese. Le “metope” del Partenone narrano la Gigantomachia, l’Amazzomachia, la Centauromachia e la processione delle feste del Partenone. Fidia è il principale interprete della scultura: a lui furono affidati i lavori di ricostruzione dell’Acropoli ateniese. Le “metope” del Partenone narrano la Gigantomachia, l’Amazzomachia, la Centauromachia e la processione delle feste del Partenone. Gli artisti del IV sec. assumono in sé i problemi emergenti, sostituendo all’eleganza manieristica, il senso dello sconvolgimento del precedente equilibrio umanistico e il sentimento di grande malinconia nel porsi l’interrogativo della vita e della morte. Non si ritrova più come in Fidia l’identità suprema, naturale e divina, ma un sentimento aspro, quasi insofferente della condizione umana. Gli artisti del IV sec. assumono in sé i problemi emergenti, sostituendo all’eleganza manieristica, il senso dello sconvolgimento del precedente equilibrio umanistico e il sentimento di grande malinconia nel porsi l’interrogativo della vita e della morte. Non si ritrova più come in Fidia l’identità suprema, naturale e divina, ma un sentimento aspro, quasi insofferente della condizione umana. Nella scultura la figura umana conquista di forza lo spazio che la circonda, la superficie è rudemente intagliata, il suo contatto con la luce e l’atmosfera vuole essere un urto, un attrito. Nella scultura la figura umana conquista di forza lo spazio che la circonda, la superficie è rudemente intagliata, il suo contatto con la luce e l’atmosfera vuole essere un urto, un attrito. Nell’arte ellenistica troviamo l’anticipazione della moderna ritrattistica. Pur con ovvie differenze rispetto a quest’ultima, possiamo già notare come i tratti dei volto cerchino di manifestare le qualità del pensiero e dell’animo per tramandare con le fattezze, la memoria delle virtù intellettuali e morali dei grandi uomini. Forse il detto di Socrate “conosci te stesso”, suggerì questo interesse per la figura. Nell’arte ellenistica troviamo l’anticipazione della moderna ritrattistica. Pur con ovvie differenze rispetto a quest’ultima, possiamo già notare come i tratti dei volto cerchino di manifestare le qualità del pensiero e dell’animo per tramandare con le fattezze, la memoria delle virtù intellettuali e morali dei grandi uomini. Forse il detto di Socrate “conosci te stesso”, suggerì questo interesse per la figura.

16 16 Mario Gori Si assiste alla nascita di una scultura nella quale l’artista non si accontenta più di “presentare” il fatto, ma lo vuole “rappresentare” con immagini che non sono soltanto idoli o materializzazioni del divino, ma rappresentazioni del divino che presuppongono apparenza di vita e di movimento. La figura umana è concepita come una forma capace di sprigionare la forza di movimento che trae origine dalla struttura dinamica del corpo. Poiché però sono ancora minime le conoscenze anatomiche interne, tale movimento viene rappresentato con effetti di chiaroscuro che prendono le mosse dall’osservazione del modellato esterno e del drappeggio Si assiste alla nascita di una scultura nella quale l’artista non si accontenta più di “presentare” il fatto, ma lo vuole “rappresentare” con immagini che non sono soltanto idoli o materializzazioni del divino, ma rappresentazioni del divino che presuppongono apparenza di vita e di movimento. La figura umana è concepita come una forma capace di sprigionare la forza di movimento che trae origine dalla struttura dinamica del corpo. Poiché però sono ancora minime le conoscenze anatomiche interne, tale movimento viene rappresentato con effetti di chiaroscuro che prendono le mosse dall’osservazione del modellato esterno e del drappeggio Contemporaneamente si affina il concetto di equilibrio, calcolato come in un congegno di leve e quale logica risultante di un sistema di forze in atto. Il cinquantennio compreso fra il 500 a.C. vede in atto una vera rivoluzione, perché si rompono definitivamente quegli schemi formali sostanzialmente geometrici che avevano costituito la caratteristica del primo arcaismo e che avevano riassunto nei termini: frontalità, simmetria, linea di contorno nettamente delineata e conchiusa. Contemporaneamente si affina il concetto di equilibrio, calcolato come in un congegno di leve e quale logica risultante di un sistema di forze in atto. Il cinquantennio compreso fra il 500 a.C. vede in atto una vera rivoluzione, perché si rompono definitivamente quegli schemi formali sostanzialmente geometrici che avevano costituito la caratteristica del primo arcaismo e che avevano riassunto nei termini: frontalità, simmetria, linea di contorno nettamente delineata e conchiusa. Si assiste alla rottura definitiva della ieratica immobilità della figura maschile del Kouras. Nella figurazione irrompono la possibilità di una visione sghemba e approcciabile in modo variabile, il rigore statico diviene l’equilibrio morbido e più complesso della “ponderazione” (Efebo di Kritios), per la quale il peso del corpo è sorretto da un solo arto inferiore; l’altro, scarico e flessuoso, sfiora appena il terreno, il tronco aggiusta in modo asimmetrico il proprio equilibrio e la testa si volge da un lato. Questa impostazione della figura avrà un lungo e fecondo seguito nell’arte greca e non solo. Si assiste alla rottura definitiva della ieratica immobilità della figura maschile del Kouras. Nella figurazione irrompono la possibilità di una visione sghemba e approcciabile in modo variabile, il rigore statico diviene l’equilibrio morbido e più complesso della “ponderazione” (Efebo di Kritios), per la quale il peso del corpo è sorretto da un solo arto inferiore; l’altro, scarico e flessuoso, sfiora appena il terreno, il tronco aggiusta in modo asimmetrico il proprio equilibrio e la testa si volge da un lato. Questa impostazione della figura avrà un lungo e fecondo seguito nell’arte greca e non solo.

17 17 Mario Gori Il Discobolo, in cui ravvisiamo con più chiarezza lo stile di Mirone, rappresenta l’atleta al termine di quel moto pendolare che precede il lancio del disco. Ogni muscolo appare rilevato e irrigidito dallo sforzo e descritto con una minuzia analitica che distrarrebbe dalla visione d’insieme se non intervenisse una logica costruttiva di carattere geometrico. La statua appare concepita soprattutto in funzione di un punto di vista secondo il quale si presentano il prospetto e le gambe di profilo, senza che l’artista sfrutti gli effetti di scorcio che il tema potrebbe offrire. Di conseguenza l’immagine è come appiattita in uno spazio di scarsa profondità, entro due ideali piani paralleli. In essi le membra si dispongono come fossero inscritte in una serie giustapposta di ideali triangoli (per esempio testa-braccia, testa-anca-ginocchio, anca- ginocchio-piede. etc.). Questo metodo di razionalizzare la figura umana, subordinandola ad uno schema esterno, rappresenta l’estremo sviluppo dello spirito dell’arcaismo greco, l’effetto è di un’architettonica fermezza dell’immagine, in antitesi con il tema del movimento. “Stasi nel moto” può essere quindi definito il risultato stilistico dell’arte di Mirone. L’età classica, che dalla metà del secolo V si protrae a tutto il IV secolo, realizza un raro equilibrio tra i due poli opposti, “elemento naturale” e “idea”. Il Discobolo, in cui ravvisiamo con più chiarezza lo stile di Mirone, rappresenta l’atleta al termine di quel moto pendolare che precede il lancio del disco. Ogni muscolo appare rilevato e irrigidito dallo sforzo e descritto con una minuzia analitica che distrarrebbe dalla visione d’insieme se non intervenisse una logica costruttiva di carattere geometrico. La statua appare concepita soprattutto in funzione di un punto di vista secondo il quale si presentano il prospetto e le gambe di profilo, senza che l’artista sfrutti gli effetti di scorcio che il tema potrebbe offrire. Di conseguenza l’immagine è come appiattita in uno spazio di scarsa profondità, entro due ideali piani paralleli. In essi le membra si dispongono come fossero inscritte in una serie giustapposta di ideali triangoli (per esempio testa-braccia, testa-anca-ginocchio, anca- ginocchio-piede. etc.). Questo metodo di razionalizzare la figura umana, subordinandola ad uno schema esterno, rappresenta l’estremo sviluppo dello spirito dell’arcaismo greco, l’effetto è di un’architettonica fermezza dell’immagine, in antitesi con il tema del movimento. “Stasi nel moto” può essere quindi definito il risultato stilistico dell’arte di Mirone. L’età classica, che dalla metà del secolo V si protrae a tutto il IV secolo, realizza un raro equilibrio tra i due poli opposti, “elemento naturale” e “idea”.

18 18 Mario Gori L’età ellenistica, che dal III secolo si svolge sino alla conquista romana (30 a.C.), pone l’accento sugli aspetti più transitori ed effimeri dell’umanità, senza però mai abbandonarvisi completamente, senza mai rinunziare a “tipizzare”. Una delle più celebri creazioni della scultura di tutti i tempi è la Venere di Milo. “Per lungo tempo quest’opera, ascritta erroneamente al secolo IV, fu considerata il simbolo stesso dell’ideale bellezza classica; oggi la più documentata critica moderna ne ha individuato i caratteri ellenistici e, pur riconoscendone l’altissimo livello artistico, le nega quel ruolo tradizionale di “optimum” dell’arte greca. È da notare la torsione del corpo, la pesantezza del drappeggio, la carnosità del piccolo volto; ed inoltre: la sognante vacuità degli occhi fissi su un punto lontano, l’espressivo contrasto tra le fitte pieghe del manto, la luminosità del corpo. Quest’ultimo, nel suo lento e sicuro svolgersi dal drappo che recinge i fianchi, ha un’umana intensità e una calda vitalità che rispondono al realismo particolarmente equilibrato della prima età ellenistica”. “Giunta così a sfiorare i confini della realtà contingente, l’arte greca ha esaurito il suo compito e il suo ciclo si conclude; perché l’arte si rinnovi, occorrerà che altri popoli, altre civiltà, pongano su nuove basi il problema estetico, spostando la propria attenzione su motivi più intimi e irrazionali, sottraendo l’uomo alla sua posizione di esclusivo predominio, per inserirlo nel complesso mondo dei rapporti con la realtà terrena e con la sfera ultraterrena"” L’età ellenistica, che dal III secolo si svolge sino alla conquista romana (30 a.C.), pone l’accento sugli aspetti più transitori ed effimeri dell’umanità, senza però mai abbandonarvisi completamente, senza mai rinunziare a “tipizzare”. Una delle più celebri creazioni della scultura di tutti i tempi è la Venere di Milo. “Per lungo tempo quest’opera, ascritta erroneamente al secolo IV, fu considerata il simbolo stesso dell’ideale bellezza classica; oggi la più documentata critica moderna ne ha individuato i caratteri ellenistici e, pur riconoscendone l’altissimo livello artistico, le nega quel ruolo tradizionale di “optimum” dell’arte greca. È da notare la torsione del corpo, la pesantezza del drappeggio, la carnosità del piccolo volto; ed inoltre: la sognante vacuità degli occhi fissi su un punto lontano, l’espressivo contrasto tra le fitte pieghe del manto, la luminosità del corpo. Quest’ultimo, nel suo lento e sicuro svolgersi dal drappo che recinge i fianchi, ha un’umana intensità e una calda vitalità che rispondono al realismo particolarmente equilibrato della prima età ellenistica”. “Giunta così a sfiorare i confini della realtà contingente, l’arte greca ha esaurito il suo compito e il suo ciclo si conclude; perché l’arte si rinnovi, occorrerà che altri popoli, altre civiltà, pongano su nuove basi il problema estetico, spostando la propria attenzione su motivi più intimi e irrazionali, sottraendo l’uomo alla sua posizione di esclusivo predominio, per inserirlo nel complesso mondo dei rapporti con la realtà terrena e con la sfera ultraterrena"”

19 19 Mario Gori Etruschi Influenzata anche dall'arte greca, l'arte etrusca è contraddistinta da acuto spirito di osservazione, attenzione e interesse per la realtà e la realtà umana in particolare, fino a coglierne aspetti contraddittori e grotteschi. Influenzata anche dall'arte greca, l'arte etrusca è contraddistinta da acuto spirito di osservazione, attenzione e interesse per la realtà e la realtà umana in particolare, fino a coglierne aspetti contraddittori e grotteschi. Nella statua dell'Apollo di Veio l'artista rinnova originalmente la tipologia ionica, nei panneggi appiattiti, nella capigliatura, nella struttura del viso, ma ne sottolinea alcuni elementi espressivi in modo violento ed inconfondibile. La figura così trova il suo significato plastico nella modellazione della massa muscolare, accentua l'arco delle cosce, nel possente slancio di tutta la figura che avanza, quasi forza di natura, ed il suo significato espressivo nel misto di ironia e ferocia che forza l'impassibile sorriso arcaico. Nella statua dell'Apollo di Veio l'artista rinnova originalmente la tipologia ionica, nei panneggi appiattiti, nella capigliatura, nella struttura del viso, ma ne sottolinea alcuni elementi espressivi in modo violento ed inconfondibile. La figura così trova il suo significato plastico nella modellazione della massa muscolare, accentua l'arco delle cosce, nel possente slancio di tutta la figura che avanza, quasi forza di natura, ed il suo significato espressivo nel misto di ironia e ferocia che forza l'impassibile sorriso arcaico. Tutta l'arte etrusca è influenzata dal pensiero ossessionante e dal timore della morte: essa è quindi in gran parte destinata alle tombe poiché si ritiene che la tomba debba continuare a mantenere qualcosa della vita. Tutta l'arte etrusca è influenzata dal pensiero ossessionante e dal timore della morte: essa è quindi in gran parte destinata alle tombe poiché si ritiene che la tomba debba continuare a mantenere qualcosa della vita. L'arte etrusca nasce dalla pratica quotidiana e dalla vita di tutti i giorni che strappa, momento dopo momento, alla morte. L'arte etrusca nasce dalla pratica quotidiana e dalla vita di tutti i giorni che strappa, momento dopo momento, alla morte. Così è fondamentalmente realistica: nei sarcofagi il coperchio ha forma di letto e su di esso, appoggiato su di un gomito, sta il defunto. Le figure, in particolare i volti, sono caratterizzati in maniera accurata da una fedeltà realistica. Le deformità fisiche, i segni della vecchiaia, del vizio, sono descritti senza ombra di pietà, ma anche senza il compiaciuto gusto del pittoresco. Così è fondamentalmente realistica: nei sarcofagi il coperchio ha forma di letto e su di esso, appoggiato su di un gomito, sta il defunto. Le figure, in particolare i volti, sono caratterizzati in maniera accurata da una fedeltà realistica. Le deformità fisiche, i segni della vecchiaia, del vizio, sono descritti senza ombra di pietà, ma anche senza il compiaciuto gusto del pittoresco. La ritrattistica etrusca è la prima non celebrativa, commemorativa, interpretativa, perciò può dirsi veramente realistica. La ritrattistica etrusca è la prima non celebrativa, commemorativa, interpretativa, perciò può dirsi veramente realistica.

20 20 Mario Gori Roma Dagli etruschi e dagli italioti prima e dai Greci poi, l'arte Romana assorbe molti elementi pur rielaborandoli in modo originale con elementi suoi propri, come per esempio il gusto spaziale. Dagli etruschi e dagli italioti prima e dai Greci poi, l'arte Romana assorbe molti elementi pur rielaborandoli in modo originale con elementi suoi propri, come per esempio il gusto spaziale. Nelle figure di Aratacio persiste l'eco del mondo olimpico dei greci nel pesante drappeggio che avvolge le figure, e nell'armonia delle pieghe ricorda il drappeggio prassitelico: la romanità trionfa, invece, nella realistica resa dei tipi, e si esprime nell'atteggiamento e nel carattere dei volti. Nelle figure di Aratacio persiste l'eco del mondo olimpico dei greci nel pesante drappeggio che avvolge le figure, e nell'armonia delle pieghe ricorda il drappeggio prassitelico: la romanità trionfa, invece, nella realistica resa dei tipi, e si esprime nell'atteggiamento e nel carattere dei volti. Si fonda soprattutto sul carattere che non si origina però come opera d'arte, quanto come documento emozionale del personaggio rappresentato, da trasmettere alle future generazioni. Si fonda soprattutto sul carattere che non si origina però come opera d'arte, quanto come documento emozionale del personaggio rappresentato, da trasmettere alle future generazioni. Il ritratto nasce come esigenza del culto funebre dei morti illustri dei patrizi: alle maschere in cera conservate nell'atrio della casa, succedono i ritratti in bronzo degli antenati portati fuori solo in occasione delle cerimonie funebri di un discendente o di particolari feste celebrativi. I ritratti romani, sia scultorici che pittorici, presentano un'apparente deformità stilistica, ma alla base di tutti c'è la volontà dell'artista di penetrare nel carattere del personaggio fissandone il "tipo". Il ritratto nasce come esigenza del culto funebre dei morti illustri dei patrizi: alle maschere in cera conservate nell'atrio della casa, succedono i ritratti in bronzo degli antenati portati fuori solo in occasione delle cerimonie funebri di un discendente o di particolari feste celebrativi. I ritratti romani, sia scultorici che pittorici, presentano un'apparente deformità stilistica, ma alla base di tutti c'è la volontà dell'artista di penetrare nel carattere del personaggio fissandone il "tipo".

21 21 Mario Gori Il ritratto rientra nella nozione d'arte funeraria intesa come desiderio di sopravvivenza individuale oltre la morte; questo contenuto esiste in tutti i ritratti, scolpiti o dipinti, che abbiano o meno validità artistica e coerenza stilistica. Il ritratto rientra nella nozione d'arte funeraria intesa come desiderio di sopravvivenza individuale oltre la morte; questo contenuto esiste in tutti i ritratti, scolpiti o dipinti, che abbiano o meno validità artistica e coerenza stilistica. La caratterizzazione del volto dell’imperatore, che sormontava un corpo atletico e idealizzato, costituiva una figura che aveva la funzione di celebrare il sovrano, consegnandolo a una dimensione sovratemporale, di “Aeternitas”. L’identità somatica era necessaria per renderlo riconoscibile e per far sì che la statua assolvesse la funzione di mantenere il legame tra le tante e spesso lontane realtà dell’impero e la centralità del potere. La caratterizzazione del volto dell’imperatore, che sormontava un corpo atletico e idealizzato, costituiva una figura che aveva la funzione di celebrare il sovrano, consegnandolo a una dimensione sovratemporale, di “Aeternitas”. L’identità somatica era necessaria per renderlo riconoscibile e per far sì che la statua assolvesse la funzione di mantenere il legame tra le tante e spesso lontane realtà dell’impero e la centralità del potere. Proprio al corpo è affidata la funzione di esprimere tale potere, che non è su uno spazio di valenze cosmiche e simboliche, ma è calato nella e sulla realtà, dall’alto dei privilegi concreti che la posizione gerarchica concede. I significati del corpo non si esauriscono tuttavia qui: Marcus Vitruvius Pollio (I secolo a.C.) nel suo “De achitectura” teorizza la bellezza del corpo come eurythmia e symmetria. Il corpo è perfetto e completo e riunisce in sé il cerchio (simbolo del cosmo) e il quadrato (simbolo del pensiero aristotelico). Proprio al corpo è affidata la funzione di esprimere tale potere, che non è su uno spazio di valenze cosmiche e simboliche, ma è calato nella e sulla realtà, dall’alto dei privilegi concreti che la posizione gerarchica concede. I significati del corpo non si esauriscono tuttavia qui: Marcus Vitruvius Pollio (I secolo a.C.) nel suo “De achitectura” teorizza la bellezza del corpo come eurythmia e symmetria. Il corpo è perfetto e completo e riunisce in sé il cerchio (simbolo del cosmo) e il quadrato (simbolo del pensiero aristotelico). L’arte romana si propone la resa realistica del personaggio ritratto, la caratterizzazione somatica che ne fissi l’identità disambiguandola totalmente. È tuttavia una caratterizzazione che ferma la sua attenzione sull’elemento fisionomico, senza addentrarsi nella natura propriamente psicologica del soggetto. La preoccupazione è quella della riconoscibilità esteriore e delle particolarità somatiche (faremmo meglio a dire idiosomatiche) che la rendono possibile. L’arte romana si propone la resa realistica del personaggio ritratto, la caratterizzazione somatica che ne fissi l’identità disambiguandola totalmente. È tuttavia una caratterizzazione che ferma la sua attenzione sull’elemento fisionomico, senza addentrarsi nella natura propriamente psicologica del soggetto. La preoccupazione è quella della riconoscibilità esteriore e delle particolarità somatiche (faremmo meglio a dire idiosomatiche) che la rendono possibile.

22 22 Mario Gori Arte paleocristiana La prima arte cristiana disprezza la forma plastica. L'arte paleocristiana dimostra un tale disprezzo per il mondo esteriore, una così esclusiva preoccupazione del mondo interiore da ridurre le proprie apparenze a semplici segni allusivi. Ovvero prende le forme in uso nell'arte pagana, così come le trova, ma attribuisce loro un significato nuovo. L'Ermes Chryoforo, conosciuto fin dall'arte greca arcaica, già presente a Creta, diveniva il Buon Pastore (Giovanni, X: "Io sono venuto affinché gli agnelli abbiano la vita e vivano nell'abbondanza. Io sono il buon pastore.. io do la mia vita per i miei agnelli...). La prima arte cristiana disprezza la forma plastica. L'arte paleocristiana dimostra un tale disprezzo per il mondo esteriore, una così esclusiva preoccupazione del mondo interiore da ridurre le proprie apparenze a semplici segni allusivi. Ovvero prende le forme in uso nell'arte pagana, così come le trova, ma attribuisce loro un significato nuovo. L'Ermes Chryoforo, conosciuto fin dall'arte greca arcaica, già presente a Creta, diveniva il Buon Pastore (Giovanni, X: "Io sono venuto affinché gli agnelli abbiano la vita e vivano nell'abbondanza. Io sono il buon pastore.. io do la mia vita per i miei agnelli...). Il nudo resta sospeso tra grazia e peccato e solo con la consapevolezza della propria condizione di nudità (Cfr. il libro della Genesi) l’uomo prova vergogna. La nudità non viene rifiutata radicalmente, dato che si ritiene condizione anche dell’anima (indipendentemente dal fatto che sia buona o cattiva) e la nudità del corpo nell’opera d’arte ha spesso la funzione di rendere visibile ciò che non lo è. D’altronde nudo è il corpo per eccellenza: quello di Cristo sulla croce. Il nudo resta sospeso tra grazia e peccato e solo con la consapevolezza della propria condizione di nudità (Cfr. il libro della Genesi) l’uomo prova vergogna. La nudità non viene rifiutata radicalmente, dato che si ritiene condizione anche dell’anima (indipendentemente dal fatto che sia buona o cattiva) e la nudità del corpo nell’opera d’arte ha spesso la funzione di rendere visibile ciò che non lo è. D’altronde nudo è il corpo per eccellenza: quello di Cristo sulla croce. Il corpo viene comunque rappresentato senza attenzione per la sua plasticità o la sua struttura e spesso è ridotto, sul piano formale, esteriore, ad un distratto uso di stereotipi. Il corpo viene comunque rappresentato senza attenzione per la sua plasticità o la sua struttura e spesso è ridotto, sul piano formale, esteriore, ad un distratto uso di stereotipi. Tertulliano, all’inizio del III secolo a.C. ci spiega che l’anima è la solidificazione del soffio divino nello stampo del corpo. Tertulliano, all’inizio del III secolo a.C. ci spiega che l’anima è la solidificazione del soffio divino nello stampo del corpo. Il medioevo realizza la confluenza del concetto teocratico (egizio-bizantino) con quello metafisico-razionale (greco) e stabilisce la gerarchia Dio-uomo-natura. Il medioevo realizza la confluenza del concetto teocratico (egizio-bizantino) con quello metafisico-razionale (greco) e stabilisce la gerarchia Dio-uomo-natura.

23 23 Mario Gori Arte bizantino-ravennate L'arte bizantina ha affidato la rappresentazione della figura umana soprattutto a grandi mosaici come quello di S. Vitale a Ravenna.. I soggetti religiosi sono messi in evidenza da una composizione razionale, da una stretta simmetria di gruppi che si corrispondono da un muro all'altro, le scene si svolgono su un solo piano. Alberi, cose, montagne si raggruppano non secondo i loro rapporti con lo spazio, ma con un ritmo decorativo che sottolinea l'importanza del soggetto. La figura umana è rappresentata rigida e immobile, i gesti sono lenti e rari, solo le teste sono modellate con un realismo impressionante e gli occhi smisuratamente grandi, dallo sguardo fisso, tradiscono una vita interiore contrastante con la palma solenne degli atteggiamenti" (Cfr. HUGHE, R., L'arte e l'uomo, tip. Torinese, 1960). L'arte bizantina ha affidato la rappresentazione della figura umana soprattutto a grandi mosaici come quello di S. Vitale a Ravenna.. I soggetti religiosi sono messi in evidenza da una composizione razionale, da una stretta simmetria di gruppi che si corrispondono da un muro all'altro, le scene si svolgono su un solo piano. Alberi, cose, montagne si raggruppano non secondo i loro rapporti con lo spazio, ma con un ritmo decorativo che sottolinea l'importanza del soggetto. La figura umana è rappresentata rigida e immobile, i gesti sono lenti e rari, solo le teste sono modellate con un realismo impressionante e gli occhi smisuratamente grandi, dallo sguardo fisso, tradiscono una vita interiore contrastante con la palma solenne degli atteggiamenti" (Cfr. HUGHE, R., L'arte e l'uomo, tip. Torinese, 1960). Nei mosaici compaiono numerosi personaggi di scene religiose, disposti secondo un ordine rigoroso che è nello stesso tempo gerarchico e decorativo. Lo spazio è schiacciato nel piano della rappresentazione ed enfatizza i soggetti rispetto all’ambiente. La loro figura è immobile, solo pochi gesti misurati muovono le posture solenni, I grandi occhi spalancati e fissi lasciano solo indovinare una intensa vita interiore, ma al contempo ci negano gelosamente l’accesso alle profondità dell’anima, lontana e irraggiungibile. Nei mosaici compaiono numerosi personaggi di scene religiose, disposti secondo un ordine rigoroso che è nello stesso tempo gerarchico e decorativo. Lo spazio è schiacciato nel piano della rappresentazione ed enfatizza i soggetti rispetto all’ambiente. La loro figura è immobile, solo pochi gesti misurati muovono le posture solenni, I grandi occhi spalancati e fissi lasciano solo indovinare una intensa vita interiore, ma al contempo ci negano gelosamente l’accesso alle profondità dell’anima, lontana e irraggiungibile. Il canone schematico sostituisce la costruzione egizia e l’antropometria classica. Lo schema non viene ricavato dalla natura, ma dalle regole manualistiche, senza studio anatomico e deve assicurare un bello metafisico, mistico e regale al tempo stesso. Il manuale, riferimento obbligato per gli artisti, è la “Guida della pittura” (del monaco Dionigi di Fourna del monte Athos), una sorta di ricettario di dogmi iconografici. Il canone schematico sostituisce la costruzione egizia e l’antropometria classica. Lo schema non viene ricavato dalla natura, ma dalle regole manualistiche, senza studio anatomico e deve assicurare un bello metafisico, mistico e regale al tempo stesso. Il manuale, riferimento obbligato per gli artisti, è la “Guida della pittura” (del monaco Dionigi di Fourna del monte Athos), una sorta di ricettario di dogmi iconografici.

24 24 Mario Gori Medioevo Il Medio Evo, che va dalla caduta dell'impero romano d'occidente (476 d.C.) e si conclude in Italia con la fine dell'Umanesimo nel XIV sec., determina il passaggio dalla società basata sulla schiavitù, all'instaurazione del sistema feudale di produzione. Il Medio Evo, che va dalla caduta dell'impero romano d'occidente (476 d.C.) e si conclude in Italia con la fine dell'Umanesimo nel XIV sec., determina il passaggio dalla società basata sulla schiavitù, all'instaurazione del sistema feudale di produzione. Caduto l'impero romano, l'unica forza unitaria di riferimento è il Cristianesimo che anche nell'arte lascia il suo segno preciso ed inconfondibile: infatti l'arte fino al 1500 trova i suoi soggetti nella dottrina cristiana e nel cristianesimo. Questo periodo è caratterizzato dall'arte ravennate, bizantina, franca, longobarda, ottomana, sveva, gotica, romanica. Attraverso queste principali correnti artistiche si assiste ad un progressivo sviluppo relativo alla concezione del movimento, senza però giungere a veri e propri rivoluzionamenti. Caduto l'impero romano, l'unica forza unitaria di riferimento è il Cristianesimo che anche nell'arte lascia il suo segno preciso ed inconfondibile: infatti l'arte fino al 1500 trova i suoi soggetti nella dottrina cristiana e nel cristianesimo. Questo periodo è caratterizzato dall'arte ravennate, bizantina, franca, longobarda, ottomana, sveva, gotica, romanica. Attraverso queste principali correnti artistiche si assiste ad un progressivo sviluppo relativo alla concezione del movimento, senza però giungere a veri e propri rivoluzionamenti.

25 25 Mario Gori Alto medioevo Dopo l'effimero fasto della civiltà bizantina a Ravenna, l'invasione longobardica (568) dà inizio ad un oscuro e travagliatissimo periodo in cui l'intera Italia soggiace ad una gravissima crisi economica, politica, sociale. Solo nell'ambito dei cenobi benedettini si può notare una maggiore vitalità creativa per lo più limitata alla miniatura. Altra produzione dell'epoca è quell'orafa spesso modesta per tecnica e gusto. Dopo l'effimero fasto della civiltà bizantina a Ravenna, l'invasione longobardica (568) dà inizio ad un oscuro e travagliatissimo periodo in cui l'intera Italia soggiace ad una gravissima crisi economica, politica, sociale. Solo nell'ambito dei cenobi benedettini si può notare una maggiore vitalità creativa per lo più limitata alla miniatura. Altra produzione dell'epoca è quell'orafa spesso modesta per tecnica e gusto. Il significato di quest'epoca è soprattutto quello di aver reso definitiva la frattura con l'arte classica e di preparare il periodo romanico. Nei rilievi e nelle sculture che troviamo soprattutto nelle chiese, si trovano figure umane (di soggetto religioso) di fattura goffa ed incerta. Il significato di quest'epoca è soprattutto quello di aver reso definitiva la frattura con l'arte classica e di preparare il periodo romanico. Nei rilievi e nelle sculture che troviamo soprattutto nelle chiese, si trovano figure umane (di soggetto religioso) di fattura goffa ed incerta.

26 26 Mario Gori Romanico Nelle croci dipinte che si usavano appendere nelle chiese si vede il Cristo trionfante, ad occhi aperti, che denota la tipica iconografia romanica fino dal Nelle croci dipinte che si usavano appendere nelle chiese si vede il Cristo trionfante, ad occhi aperti, che denota la tipica iconografia romanica fino dal Note raffinate di rosa e pallidi azzurri creano un'immagine suggestiva del Cristo mentre le figure di Maria e Giovanni sono costruite robustamente entro un segno che blocca la forma conservandole una suggestione plastica tipicamente italiana. Un'immagine del Cristo che si evolve fino al crocifisso di Arezzo di Cimabue dove la tensione compositiva e lo spasimo espressionistico rivelano il mondo ossessivo delle prime esperienze romaniche, ma dove una sfumatura di pathos più umano nel piano delle figure poste sui bracci della croce e un'impressione più realistica del corpo introducono il concetto Giottesco. Note raffinate di rosa e pallidi azzurri creano un'immagine suggestiva del Cristo mentre le figure di Maria e Giovanni sono costruite robustamente entro un segno che blocca la forma conservandole una suggestione plastica tipicamente italiana. Un'immagine del Cristo che si evolve fino al crocifisso di Arezzo di Cimabue dove la tensione compositiva e lo spasimo espressionistico rivelano il mondo ossessivo delle prime esperienze romaniche, ma dove una sfumatura di pathos più umano nel piano delle figure poste sui bracci della croce e un'impressione più realistica del corpo introducono il concetto Giottesco. L’arte romanica, a cavallo del millennio, è portatrice di una significativa rinascita culturale e artistica, di un ritorno all’ordine, in cui prevalgono i temi religiosi. L’arte romanica, a cavallo del millennio, è portatrice di una significativa rinascita culturale e artistica, di un ritorno all’ordine, in cui prevalgono i temi religiosi.

27 27 Mario Gori Gotico L'arte gotica nasce in Francia sin dalla metà del 1100 e di qui si diffonde negli altri paesi europei. Ma l'Italia si limiterà ad accogliere assai modestamente i modi tipici di questo stile e comunque senza assimilarne l'ultimo significato, al quale rimane chiusa perché intenta ad una sua profonda vicenda spirituale di maturazione, che la porterà verso il Rinascimento. L'arte gotica nasce in Francia sin dalla metà del 1100 e di qui si diffonde negli altri paesi europei. Ma l'Italia si limiterà ad accogliere assai modestamente i modi tipici di questo stile e comunque senza assimilarne l'ultimo significato, al quale rimane chiusa perché intenta ad una sua profonda vicenda spirituale di maturazione, che la porterà verso il Rinascimento. L'arte scultorea e pittorica, in Italia, giungerà ad un'evidenza formale che è l'espressione tangibile del nuovo valore dell'individuo, della sua consapevolezza morale, di una spirituale concentrazione, di una sintesi psicologica. L'arte scultorea e pittorica, in Italia, giungerà ad un'evidenza formale che è l'espressione tangibile del nuovo valore dell'individuo, della sua consapevolezza morale, di una spirituale concentrazione, di una sintesi psicologica. Questa umanità riconquistata si può vedere nella "Madonna col Bambino" della chiesa di S. Giorgio alla Costa e il Crocifisso di Santa Maria Novella a Firenze.... Seduta su di un solido trono di tipo arnolfiano, la Madonna è anch'essa inquadrata, insieme al Bambino, non ricamata dal reticolo di dorate lumeggiature, che rendevano il corpo solo uno splendido manto luccicante, senza un'architettura di sostegno, né idoleggiata in una lontana dimensione superumana, ma contenuta, composta, donna costruita di dentro e di fuori con quelle semplicità e verità che sembrano ovvie e sono faticosa conquista, novità raggiunta con tutta una ricerca formale sorretta da un nuovo concetto della divinità del personaggio...Così nel Gesù Cristo, è il corpo dell'uomo vero nella drammatica lenta agonia che Giotto ha evocato, non il chiaro, smaltato manichino duecentesco, trionfante sul dolore con gli occhi spalancati, attoniti e vuoti, o la paurosa rappresentazione, quasi brutale, di un urlo ridotto a segno, simbolo; ma il primo Gesù, prima di essere infisso su quella croce era uno di noi, "un povero Cristo", anche fragile, come noi tutti. Questa umanità riconquistata si può vedere nella "Madonna col Bambino" della chiesa di S. Giorgio alla Costa e il Crocifisso di Santa Maria Novella a Firenze.... Seduta su di un solido trono di tipo arnolfiano, la Madonna è anch'essa inquadrata, insieme al Bambino, non ricamata dal reticolo di dorate lumeggiature, che rendevano il corpo solo uno splendido manto luccicante, senza un'architettura di sostegno, né idoleggiata in una lontana dimensione superumana, ma contenuta, composta, donna costruita di dentro e di fuori con quelle semplicità e verità che sembrano ovvie e sono faticosa conquista, novità raggiunta con tutta una ricerca formale sorretta da un nuovo concetto della divinità del personaggio...Così nel Gesù Cristo, è il corpo dell'uomo vero nella drammatica lenta agonia che Giotto ha evocato, non il chiaro, smaltato manichino duecentesco, trionfante sul dolore con gli occhi spalancati, attoniti e vuoti, o la paurosa rappresentazione, quasi brutale, di un urlo ridotto a segno, simbolo; ma il primo Gesù, prima di essere infisso su quella croce era uno di noi, "un povero Cristo", anche fragile, come noi tutti. Nel crocifisso di S. Maria Novella, Giotto rinuncia totalmente al senso di grandiosità che è invece presente nel Cristo di Cimabue: il suo Cristo è un bellissimo giovane ucciso dai potenti malvagi, una specie di simbolo della protesta contro la tirannia medioevale. In esso non c'è più la rassegnazione e la pietà religiosa, ma la commozione e il giudizio umani. Nel crocifisso di S. Maria Novella, Giotto rinuncia totalmente al senso di grandiosità che è invece presente nel Cristo di Cimabue: il suo Cristo è un bellissimo giovane ucciso dai potenti malvagi, una specie di simbolo della protesta contro la tirannia medioevale. In esso non c'è più la rassegnazione e la pietà religiosa, ma la commozione e il giudizio umani.

28 28 Mario Gori Giotto Può essere considerato il ponte tra il medioevo e il rinascimento, dato che prepara e in un certo qual modo inizia la grande trasformazione della figurazione del corpo umano che si compirà di lì a poco. Infatti Giotto inizia a mettere emozione nei volti e nelle figure che compaiono sulla scena. Fino a poco prima il dipinto è un racconto, un semplice resoconto di fatti, nel quale vengono inseriti contenuti simbolici e religiosi. L’opera d’arte somiglia a un racconto verbale. Con il rinascimento l’arte assumerà un carattere più specificatamente visuo- spaziale, con l’adozione di un compiuto metodo prospettico, di una particolare attenzione all’ambientazione architettonica e paesaggistica. La perfezione realistica diventa anche una “grande prigione” e l’opera d’arte non è più “opera aperta” (per riprendere le definizioni di Umberto Eco), offrendo la soluzione di ogni problema che può essere suscitato dalla visione del dipinto o della scultura. Può essere considerato il ponte tra il medioevo e il rinascimento, dato che prepara e in un certo qual modo inizia la grande trasformazione della figurazione del corpo umano che si compirà di lì a poco. Infatti Giotto inizia a mettere emozione nei volti e nelle figure che compaiono sulla scena. Fino a poco prima il dipinto è un racconto, un semplice resoconto di fatti, nel quale vengono inseriti contenuti simbolici e religiosi. L’opera d’arte somiglia a un racconto verbale. Con il rinascimento l’arte assumerà un carattere più specificatamente visuo- spaziale, con l’adozione di un compiuto metodo prospettico, di una particolare attenzione all’ambientazione architettonica e paesaggistica. La perfezione realistica diventa anche una “grande prigione” e l’opera d’arte non è più “opera aperta” (per riprendere le definizioni di Umberto Eco), offrendo la soluzione di ogni problema che può essere suscitato dalla visione del dipinto o della scultura.

29 29 Mario Gori Quattrocento La bellezza del corpo umano ha anche, come tutta la natura, un fondamento matematico e poggia sulla proporzione. La bellezza del corpo umano ha anche, come tutta la natura, un fondamento matematico e poggia sulla proporzione. E però subito da chiarire che, se da un lato l'arte ha questa solida base scientifica, d'altro lato questa stessa razionalità di indagine aveva la sua origine, e sfociava, in una lirica aspirazione ad una bellezza certa; lo stesso processo razionale diveniva processo di trasfigumzione della realtà, coerenza stilistica, aristocratica visione estetica. Queste caratteristiche si ritrovano tutte nel David di Donatello. E però subito da chiarire che, se da un lato l'arte ha questa solida base scientifica, d'altro lato questa stessa razionalità di indagine aveva la sua origine, e sfociava, in una lirica aspirazione ad una bellezza certa; lo stesso processo razionale diveniva processo di trasfigumzione della realtà, coerenza stilistica, aristocratica visione estetica. Queste caratteristiche si ritrovano tutte nel David di Donatello. L’iniziatore di questo processo è Leonardo da Vinci, portando nell’immagine dell’uomo la sua natura non visibile, esprimendo nell’esteriorità l’interiorità, facendo emergere il profondo attraverso la superficie, eleggendo il corpo segno dell’anima. “Farai le figure in tale atto il quale sia sufficiente a dimostrare quello che la figura ha nell’animo; altrimenti la tua arte non sarà laudabile” (Leonardo da Vinci) L’iniziatore di questo processo è Leonardo da Vinci, portando nell’immagine dell’uomo la sua natura non visibile, esprimendo nell’esteriorità l’interiorità, facendo emergere il profondo attraverso la superficie, eleggendo il corpo segno dell’anima. “Farai le figure in tale atto il quale sia sufficiente a dimostrare quello che la figura ha nell’animo; altrimenti la tua arte non sarà laudabile” (Leonardo da Vinci) Questa è un’operazione che ha implicazioni metapittoriche, dato che “quello che la figura ha nell’animo” non può essere solo l’occasionale, circoscritto moto dell’animo, ma è qualcosa che si estende alla dimensione interiore profonda. Lo stesso Leonardo, nel suo “Trattato della Pittura”, scrive che “Il buon pittore ha da dipingere due cose principali, l’uomo e il concetto della mente sua.” L’uomo, il soggetto per eccellenza! Citiamo ancora Leonardo, secondo cui l’uomo è “quella cosa che contiene in sé più universalità e varietà di cose”. Questa è un’operazione che ha implicazioni metapittoriche, dato che “quello che la figura ha nell’animo” non può essere solo l’occasionale, circoscritto moto dell’animo, ma è qualcosa che si estende alla dimensione interiore profonda. Lo stesso Leonardo, nel suo “Trattato della Pittura”, scrive che “Il buon pittore ha da dipingere due cose principali, l’uomo e il concetto della mente sua.” L’uomo, il soggetto per eccellenza! Citiamo ancora Leonardo, secondo cui l’uomo è “quella cosa che contiene in sé più universalità e varietà di cose”. Come la conoscenza dell’uomo si spinge nelle profondità dell’anima, così si addentra anche in quelle del corpo. In polemica con una conoscenza somatica basata solo sull’osservazione esteriore del corpo (come si ritrova, per esempio, fino a Donatello), Leonardo teorizza e pratica un’indagine anatomica dissezionando e smembrando cadaveri, impossessandosi dei dettagli più minuti. Questa avventura conoscitiva indica un processo di emancipazione teorica degli artisti rinascimentali, capaci di costruire autonomamente le conoscenze che sono loro necessarie. Come la conoscenza dell’uomo si spinge nelle profondità dell’anima, così si addentra anche in quelle del corpo. In polemica con una conoscenza somatica basata solo sull’osservazione esteriore del corpo (come si ritrova, per esempio, fino a Donatello), Leonardo teorizza e pratica un’indagine anatomica dissezionando e smembrando cadaveri, impossessandosi dei dettagli più minuti. Questa avventura conoscitiva indica un processo di emancipazione teorica degli artisti rinascimentali, capaci di costruire autonomamente le conoscenze che sono loro necessarie.

30 30 Mario Gori Tale concezione dell’uomo, eroe e dominatore, nodo, raccordo tra gli elementi della natura e tra le conoscenze più disparate, è solo il decisivo punto di partenza di un processo di introspezione che si spingerà sempre più in profondità nei secoli a venire. Il collegamento verticale che Leonardo instaura tra corpo e anima non sarà altro che la porta di accesso ai recessi sempre più profondi e particolari dell’uomo. Ci si allontana così sempre più dallo sforzo di dominio del reale, sforzo che nel ‘400 raggiunge il culmine con la messa a punto del raffinato metodo prospettico, che sembra capace di inscrivere tutto il visibile nelle proprie griglie di euclidea perfezione. Agli studi prospettici si affiancano quelli anatomici e insieme ad essi collocano la raffigurazione del nudo all’intersezione tra arte e scienza, dove la prima non è più sorella minore della seconda. La figura umana esce dalla stereotipia e viene costruita in ossequio alla sua struttura fisica: prima si dispone lo scheletro, poi lo si riveste di muscoli ed eventualmente si veste la figura così ottenuta. Prospettiva e anatomia costituiscono un impianto scientifico per la raffigurazione del nudo artistico, impianto che non scompare con la svolta leonardesca cui si accennava, ma la scansione introspettiva ha una portata troppo vasta per non esser posta in primo piano. Tale concezione dell’uomo, eroe e dominatore, nodo, raccordo tra gli elementi della natura e tra le conoscenze più disparate, è solo il decisivo punto di partenza di un processo di introspezione che si spingerà sempre più in profondità nei secoli a venire. Il collegamento verticale che Leonardo instaura tra corpo e anima non sarà altro che la porta di accesso ai recessi sempre più profondi e particolari dell’uomo. Ci si allontana così sempre più dallo sforzo di dominio del reale, sforzo che nel ‘400 raggiunge il culmine con la messa a punto del raffinato metodo prospettico, che sembra capace di inscrivere tutto il visibile nelle proprie griglie di euclidea perfezione. Agli studi prospettici si affiancano quelli anatomici e insieme ad essi collocano la raffigurazione del nudo all’intersezione tra arte e scienza, dove la prima non è più sorella minore della seconda. La figura umana esce dalla stereotipia e viene costruita in ossequio alla sua struttura fisica: prima si dispone lo scheletro, poi lo si riveste di muscoli ed eventualmente si veste la figura così ottenuta. Prospettiva e anatomia costituiscono un impianto scientifico per la raffigurazione del nudo artistico, impianto che non scompare con la svolta leonardesca cui si accennava, ma la scansione introspettiva ha una portata troppo vasta per non esser posta in primo piano. Nel David di Michelangelo c’è un’attenzione profondissima per l’anatomia che, resa in un ritmo serrato, esprime una vitalità organica e pulsante di portata addirittura cosmica. Ma la sua origine, la sua fonte è nella coscienza eroica dell’uomo. Bastano il corrucciamento del volto o la flessione del polso a far presagire la forza travolgente dello scatto imminente, anche se lo schema compositivo della figura nel suo insieme è sereno ed equilibrato. Nel David di Michelangelo c’è un’attenzione profondissima per l’anatomia che, resa in un ritmo serrato, esprime una vitalità organica e pulsante di portata addirittura cosmica. Ma la sua origine, la sua fonte è nella coscienza eroica dell’uomo. Bastano il corrucciamento del volto o la flessione del polso a far presagire la forza travolgente dello scatto imminente, anche se lo schema compositivo della figura nel suo insieme è sereno ed equilibrato. Nella Cappella Sistina Michelangelo celebra la natura divina del corpo umano. L’innocenza primigenia della nudità permette a queste figure di mostrarsi integralmente senza violare nessuna regola morale. Poco dopo il compimento dell’opera, per un malinteso senso di pudore di matrice controriformista, si volle intervenire per coprire le “vergogne” con assurde “braghe” e “mutanne”, come impietosamente i romani soprannominarono le aggiunte censorie. Nella Cappella Sistina Michelangelo celebra la natura divina del corpo umano. L’innocenza primigenia della nudità permette a queste figure di mostrarsi integralmente senza violare nessuna regola morale. Poco dopo il compimento dell’opera, per un malinteso senso di pudore di matrice controriformista, si volle intervenire per coprire le “vergogne” con assurde “braghe” e “mutanne”, come impietosamente i romani soprannominarono le aggiunte censorie.

31 31 Mario Gori Cinquecento Il David di Michelangelo può essere considerato come una specie di sintesi degli ideali del Rinascimento Fiorentino". Il richiamo classico allo studio appassionato dell'anatomia, che porti a scoprire nelle forme del corpo umano, nel serrato ritmo della loro composizione, sia la pulsante vitalità organica dell'universo, sia l'espressione fisica, fenomenica della coscienza eroica della dignità dell'individuo, trova in questo "superorganismo" la sua più esplicita e violenta espressione figurativa. Il David di Michelangelo può essere considerato come una specie di sintesi degli ideali del Rinascimento Fiorentino". Il richiamo classico allo studio appassionato dell'anatomia, che porti a scoprire nelle forme del corpo umano, nel serrato ritmo della loro composizione, sia la pulsante vitalità organica dell'universo, sia l'espressione fisica, fenomenica della coscienza eroica della dignità dell'individuo, trova in questo "superorganismo" la sua più esplicita e violenta espressione figurativa. Persino nelle dimensioni è energicamente dichiarato l'intento di questa ideale esaltazione antropomorfica. Non più nell'ignudo la veemente esasperazione del moro o la determinatezza descrittiva del "David" o degli "Ercoli" del Pollaiolo, del Verrocchio, di Bertoldo, di Donatello stesso: la straordinaria potenza vitale del giovane eroe è invece contenuta, riassunta, nell'agio ritmico in cui serenamente, ampiamente si dispone la figura. Lo scatto del volto corrucciato, la torsione del polso, l'agilità dei profili, bastano ad esprimere la terribile violenza di David, una volta che si muova. Persino nelle dimensioni è energicamente dichiarato l'intento di questa ideale esaltazione antropomorfica. Non più nell'ignudo la veemente esasperazione del moro o la determinatezza descrittiva del "David" o degli "Ercoli" del Pollaiolo, del Verrocchio, di Bertoldo, di Donatello stesso: la straordinaria potenza vitale del giovane eroe è invece contenuta, riassunta, nell'agio ritmico in cui serenamente, ampiamente si dispone la figura. Lo scatto del volto corrucciato, la torsione del polso, l'agilità dei profili, bastano ad esprimere la terribile violenza di David, una volta che si muova. Nelle figure scolpite per il monumento di Giulio II, "Prigioni" o "Schiavi" il non finito è usato da Michelangelo con la chiara volontà di violare il limite della forma, mentre il volgersi del busto pesante sul vacillante appoggio delle gambe già allude ad una forza che impedisce ogni equilibrio di masse e volumi. Nelle figure scolpite per il monumento di Giulio II, "Prigioni" o "Schiavi" il non finito è usato da Michelangelo con la chiara volontà di violare il limite della forma, mentre il volgersi del busto pesante sul vacillante appoggio delle gambe già allude ad una forza che impedisce ogni equilibrio di masse e volumi. Nei "Prigioni" anticipa il suo concetto che solo nella morte potrà congiungersi l'esperienza morale del cristianesimo con l'idea platonica, perché ciò è possibile solo con l'annullarsi supremo dell'essere. Nella pittura del Raffaello, invece, l'incessante filtro stilizzatore delle conquiste naturalistiche del tardo Quattrocento e del primo Cinquecento contiene in sé i germi dell'intellettualismo Materialismo". Nei "Prigioni" anticipa il suo concetto che solo nella morte potrà congiungersi l'esperienza morale del cristianesimo con l'idea platonica, perché ciò è possibile solo con l'annullarsi supremo dell'essere. Nella pittura del Raffaello, invece, l'incessante filtro stilizzatore delle conquiste naturalistiche del tardo Quattrocento e del primo Cinquecento contiene in sé i germi dell'intellettualismo Materialismo".

32 32 Mario Gori Seicento L'idillio cede il passo ad un'aggressiva spregiudicatezza nel S. Matteo e l'Angelo del Caravaggio. Nulla di più dissimile dalle eleganze manieristiche di questi poteva immaginare il Caravaggio, l'apostolo è ritratto come un semplice popolano, un "analfabeta" che al solo pensiero di metter penna in carta ha fatto le rughe più profonde, e ora deve stupire scorgendo in che stupenda calligrafia le letterone ebraiche... si vadano allineando sotto la pressura della mano dell'angelo.. (Longhi). Il Caravaggio mira al reale: il suo realismo non consiste nell'osservare e copiare la natura, ma nell'accettare la dura realtà dei fatti, nello sdegnare le convenzioni, nel dire tutta la verità, nell'assumere le massime responsabilità. Ciò significa escludere dalla ricerca il bello, ma puntare al vero: egli dipinge popolane in vesti di madonne, famiglie artigiane come famiglie sacre, giungendo addirittura a dipingere una Madonna morta che fu rifiutata dal clero. L'idillio cede il passo ad un'aggressiva spregiudicatezza nel S. Matteo e l'Angelo del Caravaggio. Nulla di più dissimile dalle eleganze manieristiche di questi poteva immaginare il Caravaggio, l'apostolo è ritratto come un semplice popolano, un "analfabeta" che al solo pensiero di metter penna in carta ha fatto le rughe più profonde, e ora deve stupire scorgendo in che stupenda calligrafia le letterone ebraiche... si vadano allineando sotto la pressura della mano dell'angelo.. (Longhi). Il Caravaggio mira al reale: il suo realismo non consiste nell'osservare e copiare la natura, ma nell'accettare la dura realtà dei fatti, nello sdegnare le convenzioni, nel dire tutta la verità, nell'assumere le massime responsabilità. Ciò significa escludere dalla ricerca il bello, ma puntare al vero: egli dipinge popolane in vesti di madonne, famiglie artigiane come famiglie sacre, giungendo addirittura a dipingere una Madonna morta che fu rifiutata dal clero. Apollo e Dafne del Bernini ben rappresenta questo modo di intendere l’arte, la cultura, la vita. Le due figure invadono scompostamente lo spazio intorno a loro. Anzi, il loro dinamismo travalica e rompe lo spazio inteso come estensione regolare e misurata. È un volo che scioglie i due corpi da ogni vincolo compositivo, da ogni necessità di equilibrio. La scena è attraversata tanto dal lampo del dinamismo quanto dal fermento della metamorfosi. Si dissolve così anche la distinzione tra uomo e natura. Le posizioni non descrivono una figurazione simmetrica, ma sono un attimo fuggevole nel fluire travolgente della danza. Apollo e Dafne del Bernini ben rappresenta questo modo di intendere l’arte, la cultura, la vita. Le due figure invadono scompostamente lo spazio intorno a loro. Anzi, il loro dinamismo travalica e rompe lo spazio inteso come estensione regolare e misurata. È un volo che scioglie i due corpi da ogni vincolo compositivo, da ogni necessità di equilibrio. La scena è attraversata tanto dal lampo del dinamismo quanto dal fermento della metamorfosi. Si dissolve così anche la distinzione tra uomo e natura. Le posizioni non descrivono una figurazione simmetrica, ma sono un attimo fuggevole nel fluire travolgente della danza.

33 33 Mario Gori La seconda metà del '600 si identifica con il De Ribera che, avversando ogni realismo formale, come il Caravaggio mette a nudo il lato fisico delle cose: la pelle flaccida di un vecchio corpo, lo spasimo lancinante del martire. Uno dei suoi soggetti preferiti sono i filosofi antichi dipinti come straccioni e vagabondi a significare che non c'è alcun ideale che possa riscattare la bestialità umana. Poesia e realismo, ispirazione colta e ispirazione popolare, sono i temi che spesso si intrecciano, della pittura del '600, soprattutto napoletana. La seconda metà del '600 si identifica con il De Ribera che, avversando ogni realismo formale, come il Caravaggio mette a nudo il lato fisico delle cose: la pelle flaccida di un vecchio corpo, lo spasimo lancinante del martire. Uno dei suoi soggetti preferiti sono i filosofi antichi dipinti come straccioni e vagabondi a significare che non c'è alcun ideale che possa riscattare la bestialità umana. Poesia e realismo, ispirazione colta e ispirazione popolare, sono i temi che spesso si intrecciano, della pittura del '600, soprattutto napoletana. Il volto e il corpo campeggiano nell’opera d’arte in tutta la loro naturalezza (compresa la denotazione dell’età) e, talvolta, la loro sensualità. Questo è il secolo in cui compaiono la fisiognomica (scienza che vuole trovare il modo di conoscere l’animo per mezzo dei tratti fisionomici, che suppone corrispondenti in modo univoco a certe caratteristiche interiori), la caricatura e l’autoritratto. Quest’ultimo permette alla penetrazione nel profondo di procedere lungo canali diretti (e quindi privilegiati), dato che è riflessiva, autoreferenziale, riallacciandosi tra l’altro al cartesiano “Cogito ergo sum”. Il volto e il corpo campeggiano nell’opera d’arte in tutta la loro naturalezza (compresa la denotazione dell’età) e, talvolta, la loro sensualità. Questo è il secolo in cui compaiono la fisiognomica (scienza che vuole trovare il modo di conoscere l’animo per mezzo dei tratti fisionomici, che suppone corrispondenti in modo univoco a certe caratteristiche interiori), la caricatura e l’autoritratto. Quest’ultimo permette alla penetrazione nel profondo di procedere lungo canali diretti (e quindi privilegiati), dato che è riflessiva, autoreferenziale, riallacciandosi tra l’altro al cartesiano “Cogito ergo sum”. Le tavole di anatomia, che nel secolo precedente avevano dato all’artista la piena dignità e autonomia conoscitiva, acquistano ulteriore importanza, finendo con il togliere importanza ai canoni proporzionali. Se finora canone e anatomia avevano convissuto, adesso il primo non solo perde importanza, ma vede dissolversi anche la sua assolutezza. Giordano Bruno dice a questo proposito: “non esistono regole. L’artista è il creatore delle proprie regole”, tanto da far presagire l’estetica moderna fondata da Kant: “Non v’è una scienza del bello ma solamente la critica ad esso.”. Il Caravaggio riporta nei suoi suggestivi nudi, a metà tra la luce della grazia e l’ombra del peccato, una sensualità di grande impatto, che si spinge talvolta fino alla sgradevolezza (Sileno ebbro). Fedele al biblico “beati i poveri”, prende come modello i poveri, quelli veri, delle strade, in carne e ossa, che possiamo riconoscere nelle vesti di personaggi religiosi. Le tavole di anatomia, che nel secolo precedente avevano dato all’artista la piena dignità e autonomia conoscitiva, acquistano ulteriore importanza, finendo con il togliere importanza ai canoni proporzionali. Se finora canone e anatomia avevano convissuto, adesso il primo non solo perde importanza, ma vede dissolversi anche la sua assolutezza. Giordano Bruno dice a questo proposito: “non esistono regole. L’artista è il creatore delle proprie regole”, tanto da far presagire l’estetica moderna fondata da Kant: “Non v’è una scienza del bello ma solamente la critica ad esso.”. Il Caravaggio riporta nei suoi suggestivi nudi, a metà tra la luce della grazia e l’ombra del peccato, una sensualità di grande impatto, che si spinge talvolta fino alla sgradevolezza (Sileno ebbro). Fedele al biblico “beati i poveri”, prende come modello i poveri, quelli veri, delle strade, in carne e ossa, che possiamo riconoscere nelle vesti di personaggi religiosi.

34 34 Mario Gori Settecento Con la Rivoluzione il Neoclassicismo entra in una seconda e più matura fase: esso viene scelto come arte ufficiale della Rivoluzione stessa, sia perché appariva opporsi alle languidezze e frivolezza "degenerate" del Rococò, sia soprattutto perché si presentava adatto ad esprimere gli ideali etici della Rivoluzione e della Repubblica e ad essere, insomma, come si direbbe oggi, "arte militante. Con la Rivoluzione il Neoclassicismo entra in una seconda e più matura fase: esso viene scelto come arte ufficiale della Rivoluzione stessa, sia perché appariva opporsi alle languidezze e frivolezza "degenerate" del Rococò, sia soprattutto perché si presentava adatto ad esprimere gli ideali etici della Rivoluzione e della Repubblica e ad essere, insomma, come si direbbe oggi, "arte militante. Questa ispirazione è evidente nelle sculture che il Canova eseguì a scopo celebrativo per i Napoleonidi: di tutte queste la più celebre è la "Paolina Borghese". L'immagine di una venere vincitrice è stata il prototipo di questa composizione. In questa opera il richiamo alle carnali veneri del '500 veneziano gioca in modo così sottile e malizioso con la posa Neoclassica, con la finezza un po' freddina di quelle forme tornite; per cui risulta molto valida l'acuta definizione che Mario Praz ha dato dell'arte canoviana come di un "frigorifero erotico". Questa ispirazione è evidente nelle sculture che il Canova eseguì a scopo celebrativo per i Napoleonidi: di tutte queste la più celebre è la "Paolina Borghese". L'immagine di una venere vincitrice è stata il prototipo di questa composizione. In questa opera il richiamo alle carnali veneri del '500 veneziano gioca in modo così sottile e malizioso con la posa Neoclassica, con la finezza un po' freddina di quelle forme tornite; per cui risulta molto valida l'acuta definizione che Mario Praz ha dato dell'arte canoviana come di un "frigorifero erotico". Contemporaneamente al Neoclassicismo sorge il movimento che introdurrà all'Ottocento: il Romanticismo. Contemporaneamente al Neoclassicismo sorge il movimento che introdurrà all'Ottocento: il Romanticismo. La figura umana esce dai canoni di fredda proporzionalità estetica e perde la sua connotazione estetica, vivendo soprattutto della loro forza interiore, ideale e di sentimenti. Delacroix, uno dei grandi pittori del romanticismo francese, ha dipinto la famosa tela dedicata alla "Libertà che guida il popolo", le cui figure eroiche e prorompenti di vitalità si dice che abbiano fatto affermare, a Ingres "voi chiamate quell'uomo caposcuola!.Dite piuttosto un capo sommossa". La figura umana esce dai canoni di fredda proporzionalità estetica e perde la sua connotazione estetica, vivendo soprattutto della loro forza interiore, ideale e di sentimenti. Delacroix, uno dei grandi pittori del romanticismo francese, ha dipinto la famosa tela dedicata alla "Libertà che guida il popolo", le cui figure eroiche e prorompenti di vitalità si dice che abbiano fatto affermare, a Ingres "voi chiamate quell'uomo caposcuola!.Dite piuttosto un capo sommossa". L’occhio dell’artista si rivolge anche a connotazioni sociali della figura umana: da un lato ricchezza e dissoluzione, dall’altro povertà ed emarginazione. Il mondo entra nella scena dell’opera d’arte, e si tratta del mondo pubblico o sociale, istituzionale o quotidiano, ma comunque appartiene alla vita vera e concreta. In questo secolo Lavater teorizza la fisiognomica e il genere caricaturale acquista maggior forza. L’occhio dell’artista si rivolge anche a connotazioni sociali della figura umana: da un lato ricchezza e dissoluzione, dall’altro povertà ed emarginazione. Il mondo entra nella scena dell’opera d’arte, e si tratta del mondo pubblico o sociale, istituzionale o quotidiano, ma comunque appartiene alla vita vera e concreta. In questo secolo Lavater teorizza la fisiognomica e il genere caricaturale acquista maggior forza. Il neoclassicismo esalta la purezza del nudo, la iscrive nel lineare rigore dei suoi canoni, la rende pulita, assoluta, di algida semplicità, nel tentativo di non cedere alla tentazione di una bellezza per gli occhi, per seguire invece una bellezza che sia per la ragione, come esortava Mengs. Il neoclassicismo esalta la purezza del nudo, la iscrive nel lineare rigore dei suoi canoni, la rende pulita, assoluta, di algida semplicità, nel tentativo di non cedere alla tentazione di una bellezza per gli occhi, per seguire invece una bellezza che sia per la ragione, come esortava Mengs.

35 35 Mario Gori Ottocento. Dal Romanticismo allo stile moderno. Il movimento romantico in arte, parte dal principio della rivalutazione dell'elemento psicologico come fondamento dell'espressione artistica, contro il formalismo neoclassico e rivaluta i contenuti del sentimento umano. La vita e la morte sono i temi su cui si imposta la concezione romantica dell'arte a cui si subordinano la realtà e la natura, la morale della umana esistenza. Il movimento romantico in arte, parte dal principio della rivalutazione dell'elemento psicologico come fondamento dell'espressione artistica, contro il formalismo neoclassico e rivaluta i contenuti del sentimento umano. La vita e la morte sono i temi su cui si imposta la concezione romantica dell'arte a cui si subordinano la realtà e la natura, la morale della umana esistenza. Dal Neoclassicismo e dal Romanticismo ci si avvia verso la realtà sociale e la natura. Infatti molti pittori (Palizzi, Mollet) colgono soprattutto la figura dell'uomo, il contadino durante il quotidiano lavoro come specchio della realtà del momento. Dal Neoclassicismo e dal Romanticismo ci si avvia verso la realtà sociale e la natura. Infatti molti pittori (Palizzi, Mollet) colgono soprattutto la figura dell'uomo, il contadino durante il quotidiano lavoro come specchio della realtà del momento. Fino ad ora il movimento era unicamente espresso dalle precise forme anatomiche e dalla gestualità dei personaggi; a partire dall'Impressionismo, corrente in cui l'artista subisce passivamente la realtà, sono i colori, i segni, le pennellate a determinare l'impressionismo del movimento. Fino ad ora il movimento era unicamente espresso dalle precise forme anatomiche e dalla gestualità dei personaggi; a partire dall'Impressionismo, corrente in cui l'artista subisce passivamente la realtà, sono i colori, i segni, le pennellate a determinare l'impressionismo del movimento. Si ha così la comparsa di quadri che escludono la necessità della presenza umana per esprimere movimento invece solo di visioni paesaggistiche. Si ha così la comparsa di quadri che escludono la necessità della presenza umana per esprimere movimento invece solo di visioni paesaggistiche.. In Monet la massima espressione del movimento è data dalla fluidità della pennellata e per questo diventa un significativo esponente di questa innovazione relativa alla rappresentazione del movimento.. In Monet la massima espressione del movimento è data dalla fluidità della pennellata e per questo diventa un significativo esponente di questa innovazione relativa alla rappresentazione del movimento. I Macchiaioli affermano che il pittore deve rendere ciò che l'occhio percepisce e cioè macchie colorate di luce ed ombra senza che la sua opera venga viziata da alcun condizionamento culturale: il campo dell'artista è il presente come assoluto. I Macchiaioli affermano che il pittore deve rendere ciò che l'occhio percepisce e cioè macchie colorate di luce ed ombra senza che la sua opera venga viziata da alcun condizionamento culturale: il campo dell'artista è il presente come assoluto. L’ ‘800, in particolare, è il secolo in cui si assiste a una ripiegatura dai toni talvolta intimisti, che ricerca l’interno della casa così come l’interiorità dell’uomo. Nasce la psicologia come scienza, e muove i suoi primi passi nella sfera del positivismo e dei suoi miti deterministici. La fuga dall’umanità avviene più spesso rifugiandosi nelle pieghe, anche buie, dell’interiorità, fino ai tortuosi meandri della follia, più raramente fuggendo verso un universo esotico. Gauguin è un esempio, ma è da notare come alla fine riconduce quel mondo, così diverso e lontano, alla rassicurante consuetudine domestica. In un curioso connubio nel quotidiano trova spesso spazio l’anormalità, la devianza, l’eccezione. L’ ‘800, in particolare, è il secolo in cui si assiste a una ripiegatura dai toni talvolta intimisti, che ricerca l’interno della casa così come l’interiorità dell’uomo. Nasce la psicologia come scienza, e muove i suoi primi passi nella sfera del positivismo e dei suoi miti deterministici. La fuga dall’umanità avviene più spesso rifugiandosi nelle pieghe, anche buie, dell’interiorità, fino ai tortuosi meandri della follia, più raramente fuggendo verso un universo esotico. Gauguin è un esempio, ma è da notare come alla fine riconduce quel mondo, così diverso e lontano, alla rassicurante consuetudine domestica. In un curioso connubio nel quotidiano trova spesso spazio l’anormalità, la devianza, l’eccezione. La caricatura diventa un’impietosa satira sociale. La stessa fisionomia, specialmente verso la fine del secolo, la vediamo sfaldarsi. La caricatura diventa un’impietosa satira sociale. La stessa fisionomia, specialmente verso la fine del secolo, la vediamo sfaldarsi.

36 36 Mario Gori Impressionismo Arte della borghesia che però rappresentava al meglio lo slancio e l'umanità nel tempo. Arte della borghesia che però rappresentava al meglio lo slancio e l'umanità nel tempo. L'Impressionismo fu poi in parte superato da un movimento detto Divisionismo che passava dalla fase della spontaneità a quella della scienza del colore: il puntismo, dove i colori puri erano inseriti a puntini nella tela, senza mescolanza, in modo che a distanza si fondessero nell'occhio dell'osservatore. L'Impressionismo fu poi in parte superato da un movimento detto Divisionismo che passava dalla fase della spontaneità a quella della scienza del colore: il puntismo, dove i colori puri erano inseriti a puntini nella tela, senza mescolanza, in modo che a distanza si fondessero nell'occhio dell'osservatore. Gli impressionisti si interessarono degli effetti di luce, delle impressioni di colori, ecc. Furono pertanto molto più interessati ad ambienti e paesaggi che alla figura umana in quanto tale. Gli impressionisti si interessarono degli effetti di luce, delle impressioni di colori, ecc. Furono pertanto molto più interessati ad ambienti e paesaggi che alla figura umana in quanto tale. Dégas fu particolarmente appassionato dal teatro, dal circo e dal balletto dove il corpo umano rivela interessanti possibilità espressive. Dégas fu particolarmente appassionato dal teatro, dal circo e dal balletto dove il corpo umano rivela interessanti possibilità espressive. Nel dinamismo dell'immagine nulla deve fissarsi in quanto il corpo non è un'entità astratta e sempre uguale: i suoi atti hanno movimenti fisici e psichici di cui non sempre si ha coscienza. L'obiettivo dell'opera di Dégas è la ricerca della sintesi fra movimento e spazio: la sua quindi è un'arte essenzialmente dinamica e quindi comunicativa in quanto non c'è distacco tra il soggetto che osserva e l'oggetto osservato. Nel dinamismo dell'immagine nulla deve fissarsi in quanto il corpo non è un'entità astratta e sempre uguale: i suoi atti hanno movimenti fisici e psichici di cui non sempre si ha coscienza. L'obiettivo dell'opera di Dégas è la ricerca della sintesi fra movimento e spazio: la sua quindi è un'arte essenzialmente dinamica e quindi comunicativa in quanto non c'è distacco tra il soggetto che osserva e l'oggetto osservato. L’impressionismo porta in primo piano il processo percettivo della realtà, intesa sia come mondo, che come raffigurazione artistica. Si dissolvono linee, contorni, forme, schemi, strutture, composizioni, per lasciare, pura e assoluta, l’“impressione” di luce, unico vero evento che costituisce la visione. Diventa così necessario e sufficiente che l’opera d’arte sappia cogliere e reinnescare questo evento. Il paesaggio, più che il corpo, presenta una grande varietà di spunti e possibilità in tal senso. Per il pittore impressionista il corpo è spesso solo un elemento del paesaggio e molte volte può essere assente dalla scena. L’impressionismo porta in primo piano il processo percettivo della realtà, intesa sia come mondo, che come raffigurazione artistica. Si dissolvono linee, contorni, forme, schemi, strutture, composizioni, per lasciare, pura e assoluta, l’“impressione” di luce, unico vero evento che costituisce la visione. Diventa così necessario e sufficiente che l’opera d’arte sappia cogliere e reinnescare questo evento. Il paesaggio, più che il corpo, presenta una grande varietà di spunti e possibilità in tal senso. Per il pittore impressionista il corpo è spesso solo un elemento del paesaggio e molte volte può essere assente dalla scena.

37 37 Mario Gori Art Nouveau A cavallo tra il secolo scorso e l’attuale, tenta di esorcizzare la massificazione che la produzione industriale impone a tutti gli oggetti e alla stessa architettura. In questo tentativo supera e nega la vocazione naturalistica e descrittiva così come quella narrativa (dell’arte romantica), che hanno preceduto questa corrente, per spingersi verso una stilizzazione sempre più marcata che ha dato presto origine a due direzioni: A cavallo tra il secolo scorso e l’attuale, tenta di esorcizzare la massificazione che la produzione industriale impone a tutti gli oggetti e alla stessa architettura. In questo tentativo supera e nega la vocazione naturalistica e descrittiva così come quella narrativa (dell’arte romantica), che hanno preceduto questa corrente, per spingersi verso una stilizzazione sempre più marcata che ha dato presto origine a due direzioni: - avanguardista, che ha ricercato un astrattismo totale; la forma pura si è liberata di ogni compiacimento edonistico; si rifà alle culture primitive e alla loro innocente brutalità; - avanguardista, che ha ricercato un astrattismo totale; la forma pura si è liberata di ogni compiacimento edonistico; si rifà alle culture primitive e alla loro innocente brutalità; - secessionista (klimtiana), che non rinuncia alla figurazione, al rapporto con il referente, nei riguardi del quale conserva un potere evocativo in virtù di caratteristiche mimetiche; bello implica decorativo, fino a scivolare nel gelido fascino di citazioni e riferimenti storici sofisticati ed evoluti. - secessionista (klimtiana), che non rinuncia alla figurazione, al rapporto con il referente, nei riguardi del quale conserva un potere evocativo in virtù di caratteristiche mimetiche; bello implica decorativo, fino a scivolare nel gelido fascino di citazioni e riferimenti storici sofisticati ed evoluti. I colti scelsero l’avanguardia, il pubblico meno colto rimase attaccato al più rassicurante verismo ottocentesco. La modernità di Klimt rimase così senza spazio e senza prospettive di sviluppo. Ma l’autore, convinto della propria arte, senza mai preoccuparsi di piacere, continua a raffigurare corpi spesso magri, quasi anoressici, logori, inquietanti e tormentati o dai toni melanconici, che in qualche modo preludono già a Francis Bacon. I colti scelsero l’avanguardia, il pubblico meno colto rimase attaccato al più rassicurante verismo ottocentesco. La modernità di Klimt rimase così senza spazio e senza prospettive di sviluppo. Ma l’autore, convinto della propria arte, senza mai preoccuparsi di piacere, continua a raffigurare corpi spesso magri, quasi anoressici, logori, inquietanti e tormentati o dai toni melanconici, che in qualche modo preludono già a Francis Bacon. Il nudo di Klimt abbandona definitivamente la pudicizia che, sia pure in modo disinvolto e apparentemente casuale, introduceva un drappeggio, un oggetto o una posa che escludesse dalla vista le parti “sconvenienti”. La naturalezza e il realismo dei nudi di Klimt prende a soggetto figure tutt’altro che selezionate esteticamente o idealmente. Uomini e donne sono a volte anziani, grassi o emaciati, senza alcun tentativo di attenuazione. Altre volte l’erotismo trabocca fino ai limiti della pornografia. Il nudo di Klimt abbandona definitivamente la pudicizia che, sia pure in modo disinvolto e apparentemente casuale, introduceva un drappeggio, un oggetto o una posa che escludesse dalla vista le parti “sconvenienti”. La naturalezza e il realismo dei nudi di Klimt prende a soggetto figure tutt’altro che selezionate esteticamente o idealmente. Uomini e donne sono a volte anziani, grassi o emaciati, senza alcun tentativo di attenuazione. Altre volte l’erotismo trabocca fino ai limiti della pornografia.

38 38 Mario Gori Novecento I movimenti del '900 non assumono valori di rigida catalogazione o di scuole, indicano piuttosto un clima, una atmosfera che fu generata spesso in un profondo travaglio culturale, sociale e morale o dalle crisi politiche che portano a conflitti e guerre. È nella immagine della personalità, del carattere dell'individuo che oltre i confini delle astratte teorie si deve ricercare il valore e le caratteristiche dell'arte. I movimenti del '900 non assumono valori di rigida catalogazione o di scuole, indicano piuttosto un clima, una atmosfera che fu generata spesso in un profondo travaglio culturale, sociale e morale o dalle crisi politiche che portano a conflitti e guerre. È nella immagine della personalità, del carattere dell'individuo che oltre i confini delle astratte teorie si deve ricercare il valore e le caratteristiche dell'arte. È così palese l'insufficienza di una formula a contenere personalità libere che esularono spesso per un dato imprevisto o solo per volontarietà dai confini dello stabilita. È così palese l'insufficienza di una formula a contenere personalità libere che esularono spesso per un dato imprevisto o solo per volontarietà dai confini dello stabilita. Con l'Espressionismo, corrente del primo '900, si ribalta la concezione dell'artista che non è più atteggiamento passivo nei confronti della realtà, come nell'Impressionismo, ma si ritrova in una posizione attiva in quanto oggettivandosi si proietta nella realtà. Si tratta quindi di un movimento essenzialmente comunicativo. Con l'Espressionismo, corrente del primo '900, si ribalta la concezione dell'artista che non è più atteggiamento passivo nei confronti della realtà, come nell'Impressionismo, ma si ritrova in una posizione attiva in quanto oggettivandosi si proietta nella realtà. Si tratta quindi di un movimento essenzialmente comunicativo. La comunicazione sarà il punto focale dell'opera di Kandisky, che insieme a quella di Klee, assume una rilevante importanza. Si tratta però di due diverse concezioni, infatti Kandisky si rifà al primo stadio del grafismo infantile, quello degli scarabocchi; ciò nel tentativo di riportarsi intenzionalmente allo stadio iniziale di una volontà espressiva priva di ogni esperienza visiva e linguistica. La comunicazione sarà il punto focale dell'opera di Kandisky, che insieme a quella di Klee, assume una rilevante importanza. Si tratta però di due diverse concezioni, infatti Kandisky si rifà al primo stadio del grafismo infantile, quello degli scarabocchi; ciò nel tentativo di riportarsi intenzionalmente allo stadio iniziale di una volontà espressiva priva di ogni esperienza visiva e linguistica. Kandisky ricerca il valore espressivo delle forme e dei colori e le loro combinazioni; egli sostiene che "il punto è un elemento in sé, la linea e un elemento di tensione dinamica; mentre la linea orizzontale ha però una potenzialità di movimento fredda, la verticale acquista invece una potenzialità calda". Kandisky ricerca il valore espressivo delle forme e dei colori e le loro combinazioni; egli sostiene che "il punto è un elemento in sé, la linea e un elemento di tensione dinamica; mentre la linea orizzontale ha però una potenzialità di movimento fredda, la verticale acquista invece una potenzialità calda". A questo livello un'impressione visiva si traduce immediatamente in stimolo motorio: uno stimolo da cui si libera traducendo il moto interiore in segni visibili. Anche per Klee è fondamentale il ricorso all'attività grafica dell'infanzia: egli ritiene però che questa non sia affatto una condizione di primitività assoluta, di non esperienza, bensì il documento di una autoeducazione estetica. A questo livello un'impressione visiva si traduce immediatamente in stimolo motorio: uno stimolo da cui si libera traducendo il moto interiore in segni visibili. Anche per Klee è fondamentale il ricorso all'attività grafica dell'infanzia: egli ritiene però che questa non sia affatto una condizione di primitività assoluta, di non esperienza, bensì il documento di una autoeducazione estetica.

39 39 Mario Gori Nel ‘900 l’arte si sfalda, suddividendosi in molte direttrici indipendenti e riflettendo il disorientamento che la psicanalisi ha portato nel panorama culturale dell’inizio del secolo. La scoperta, nella geografia dell’anima (o della psiche che dir si voglia), di regioni sommerse, nascoste, oscure, incontrollabili (l’inconscio), ma che tuttavia determinano la nostra vita, smuove le fondamenta di ogni certezza. Nel ‘900 l’arte si sfalda, suddividendosi in molte direttrici indipendenti e riflettendo il disorientamento che la psicanalisi ha portato nel panorama culturale dell’inizio del secolo. La scoperta, nella geografia dell’anima (o della psiche che dir si voglia), di regioni sommerse, nascoste, oscure, incontrollabili (l’inconscio), ma che tuttavia determinano la nostra vita, smuove le fondamenta di ogni certezza. Ciò corrisponde a un panorama culturale e scientifico in cui si assiste ad una diaspora delle varie conoscenze, compare la frammentazione e la specializzazione di ambiti particolari (con concreti rischi di isolamento e di decontestualizzazione dagli altri settori culturali). In campo formale ciò corrisponde al dissolvimento definitivo di euritmia, proporzione, simmetria e prospettiva. Si deve però registrare anche la tendenza, in direzione opposta, alla costruzione di un intreccio, di una tessitura organica dei vari saperi. È di questi ultimi decenni la definizione di nuovo umanesimo inteso come la nuova fisionomia di una cultura che coniuga (senza per questo banalizzare o confondere) l’ambito “umanistico” e quello “scientifico” (così come erano definiti nelle etichette tradizionali). La cultura di questo secolo, in sintesi, ha conosciuto una grande fluidità, ha visto nascere il “pensiero debole”, ha dato spazio a grandi rinnovamenti ed ha avuto il coraggio di scavare fino alle proprie radici per ripensarle e rivederle. Ciò corrisponde a un panorama culturale e scientifico in cui si assiste ad una diaspora delle varie conoscenze, compare la frammentazione e la specializzazione di ambiti particolari (con concreti rischi di isolamento e di decontestualizzazione dagli altri settori culturali). In campo formale ciò corrisponde al dissolvimento definitivo di euritmia, proporzione, simmetria e prospettiva. Si deve però registrare anche la tendenza, in direzione opposta, alla costruzione di un intreccio, di una tessitura organica dei vari saperi. È di questi ultimi decenni la definizione di nuovo umanesimo inteso come la nuova fisionomia di una cultura che coniuga (senza per questo banalizzare o confondere) l’ambito “umanistico” e quello “scientifico” (così come erano definiti nelle etichette tradizionali). La cultura di questo secolo, in sintesi, ha conosciuto una grande fluidità, ha visto nascere il “pensiero debole”, ha dato spazio a grandi rinnovamenti ed ha avuto il coraggio di scavare fino alle proprie radici per ripensarle e rivederle.

40 40 Mario Gori Il fauvismo, prima avanguardia del nostro secolo, abbandona ogni ricerca o attenzione per la verosimiglianza delle sue figure, nude o vestite che siano, e si preoccupa solo dell’atto puro del dipingere, dello stato d’animo che questo atto esprime e suscita, della forza che può raggiungere. Il fauvismo, prima avanguardia del nostro secolo, abbandona ogni ricerca o attenzione per la verosimiglianza delle sue figure, nude o vestite che siano, e si preoccupa solo dell’atto puro del dipingere, dello stato d’animo che questo atto esprime e suscita, della forza che può raggiungere. L’espressionismo si pone in linea con il fauvismo e si fa interprete delle angosce dell’uomo, avverte il peso della tragedia della prima guerra mondiale e trasforma questi terribili stati d’animo (unica realtà a cui pone attenzione) nella deformazione dei corpi e nella violenza del colore. Visioni che nascono e si legittimano integralmente in quel “vedere interno” che gli espressionisti oppongono anche polemicamente al “vedere esterno” della realtà percepibile. Il corpo, anche se in queste opere conserva un qualche aspetto di riconoscibilità somatica, è solo un pretesto per esprimere l’interiorità e i suoi spettri. L’espressionismo si pone in linea con il fauvismo e si fa interprete delle angosce dell’uomo, avverte il peso della tragedia della prima guerra mondiale e trasforma questi terribili stati d’animo (unica realtà a cui pone attenzione) nella deformazione dei corpi e nella violenza del colore. Visioni che nascono e si legittimano integralmente in quel “vedere interno” che gli espressionisti oppongono anche polemicamente al “vedere esterno” della realtà percepibile. Il corpo, anche se in queste opere conserva un qualche aspetto di riconoscibilità somatica, è solo un pretesto per esprimere l’interiorità e i suoi spettri.

41 41 Mario Gori Futurismo Fra i diversi movimenti artistici che cambiarono il mondo dell'arte ai primi del '900, il futurismo fu quello che rinnegando di più il passato, prestò attenzione all'area meccanica dove tutto si muove, tutto corre, tutto volge rapido. Fra i diversi movimenti artistici che cambiarono il mondo dell'arte ai primi del '900, il futurismo fu quello che rinnegando di più il passato, prestò attenzione all'area meccanica dove tutto si muove, tutto corre, tutto volge rapido. Esso nacque come movimento culturale, a partire dalla pubblicazione di un manifesto programmatico di F.T. Marinetti sulle diverse arti (architettura, pittura, scultura, musica, letteratura): "...come i nostri antenati trassero materia d'arte dall'atmosfera religiosa che incombeva sulle loro anime, così noi dobbiamo ispirarci ai tangibili miracoli della vita contemporanea, alla ferrea rete di velocità che avvolge la terra, ai transatlantici, ai voli meravigliosi che solcano i cieli, alle audacie dei navigatori subacquei, alla lotta spasmodica della conquista dell'ignoto". Esso nacque come movimento culturale, a partire dalla pubblicazione di un manifesto programmatico di F.T. Marinetti sulle diverse arti (architettura, pittura, scultura, musica, letteratura): "...come i nostri antenati trassero materia d'arte dall'atmosfera religiosa che incombeva sulle loro anime, così noi dobbiamo ispirarci ai tangibili miracoli della vita contemporanea, alla ferrea rete di velocità che avvolge la terra, ai transatlantici, ai voli meravigliosi che solcano i cieli, alle audacie dei navigatori subacquei, alla lotta spasmodica della conquista dell'ignoto". Il primo futurismo nasce dalla consapevolezza dei suoi aderenti, che l'arte era diventata ormai incapace di esprimere le trasformazioni, anche del pensiero, originate dalle nuove tecnologie e dallo sfruttamento delle diverse fonti energetiche: il motore, la macchina, la radio, il cinema, l'aeroplano, non solo avevano modificato la vita dell'uomo, ma ne avevano anche trasformato la sua visione del mondo. Il primo futurismo nasce dalla consapevolezza dei suoi aderenti, che l'arte era diventata ormai incapace di esprimere le trasformazioni, anche del pensiero, originate dalle nuove tecnologie e dallo sfruttamento delle diverse fonti energetiche: il motore, la macchina, la radio, il cinema, l'aeroplano, non solo avevano modificato la vita dell'uomo, ma ne avevano anche trasformato la sua visione del mondo. La teoria dei pittori futuristi, cerca di diventare pittura di movimento: le tele rappresentano composizioni articolate, dinamiche, con linee e forme molteplici e spezzettate, ai limiti dell'astrazione, con una raffigurazione simultanea delle varie fasi del movimento. La teoria dei pittori futuristi, cerca di diventare pittura di movimento: le tele rappresentano composizioni articolate, dinamiche, con linee e forme molteplici e spezzettate, ai limiti dell'astrazione, con una raffigurazione simultanea delle varie fasi del movimento. G. Balla ( ), C. Carrà ( ), U. Boccioni ( ), G. Severini ( ), Russolo ( ). G. Balla ( ), C. Carrà ( ), U. Boccioni ( ), G. Severini ( ), Russolo ( ).

42 42 Mario Gori Stile moderno Tra le origini dello stile moderno e la sua espressione storica esiste una differenza sostanziale: all'inizio si profila un'imitazione delle cose della natura, successivamente questi aspetti perdono il loro carattere di origine e diventano linee astratte, curve della sensibilità, rappresentazioni del pensiero. Tra le origini dello stile moderno e la sua espressione storica esiste una differenza sostanziale: all'inizio si profila un'imitazione delle cose della natura, successivamente questi aspetti perdono il loro carattere di origine e diventano linee astratte, curve della sensibilità, rappresentazioni del pensiero. L'evoluzione dello stile moderno, dalle origini alla sua decadenza, apprezzabile sul piano teorico come sviluppo dal momento spontaneo alla riflessione e quindi all'attuazione, non va di pari passo con la bidimensionalità e tridimensionalità del pensiero. L'evoluzione dello stile moderno, dalle origini alla sua decadenza, apprezzabile sul piano teorico come sviluppo dal momento spontaneo alla riflessione e quindi all'attuazione, non va di pari passo con la bidimensionalità e tridimensionalità del pensiero. Lo stile tridimensionale o volumetrico del modernismo, si riconosce dalla compattezza delle forme, dal valore timbrico e di rapporto bianco-nero dei corpi scontornati e fuggenti verso un fondo indefinito. Lo stile tridimensionale o volumetrico del modernismo, si riconosce dalla compattezza delle forme, dal valore timbrico e di rapporto bianco-nero dei corpi scontornati e fuggenti verso un fondo indefinito. Ma in entrambi gli aspetti di questo stile, vi è sempre di più la tendenza a far assumere alle primitive forme organiche, ispirate dalla natura, il carattere di tensione dinamica spiegabile all'interno della crescita della società industriale. Ma in entrambi gli aspetti di questo stile, vi è sempre di più la tendenza a far assumere alle primitive forme organiche, ispirate dalla natura, il carattere di tensione dinamica spiegabile all'interno della crescita della società industriale. Per De Chirico l'arte non rappresenta né interpreta la realtà: si pone come un'altra realtà metafisica o metastorica. Il quadro "Le muse inquietanti", hanno la natura ambigua di una colonna, di una statua, di un manichino. Le forme geometriche sono all'origine simboli spaziali: la prospettiva è il sistema in cui si coordinano geometricamente figure e oggetti in uno spazio unitario. Per De Chirico l'arte non rappresenta né interpreta la realtà: si pone come un'altra realtà metafisica o metastorica. Il quadro "Le muse inquietanti", hanno la natura ambigua di una colonna, di una statua, di un manichino. Le forme geometriche sono all'origine simboli spaziali: la prospettiva è il sistema in cui si coordinano geometricamente figure e oggetti in uno spazio unitario.

43 43 Mario Gori Il quadro di Pablo Picasso "Guernica", appare come la risposta all'atrocità e alla viltà dell'eccidio che vi fu commesso. Guernica è il primo deciso intervento della cultura nella lotta politica. Il quadro di Pablo Picasso "Guernica", appare come la risposta all'atrocità e alla viltà dell'eccidio che vi fu commesso. Guernica è il primo deciso intervento della cultura nella lotta politica. Da quel momento gli intellettuali eserciteranno una forma di pressione sui governi, là dove la democrazia viene calpestata o è in pericolo. Le figure dei caduti sono in primo piano, non c'è colore, ma bianco e grigio; non c'è rilievo (eliminare il rilievo e il colore significa tagliare il rapporto dell'uomo con il mondo, non c'è più natura né vita). Da quel momento gli intellettuali eserciteranno una forma di pressione sui governi, là dove la democrazia viene calpestata o è in pericolo. Le figure dei caduti sono in primo piano, non c'è colore, ma bianco e grigio; non c'è rilievo (eliminare il rilievo e il colore significa tagliare il rapporto dell'uomo con il mondo, non c'è più natura né vita). Per Lager, nel suo quadro "I costruttori", la nuova natura è la macchina, il prodotto della società che cresce: dal rapporto ottocentesco uomo-natura, si passa in questo secolo al rapporto uomo- macchina. Se il primo tendeva all'armonia, ed un accordo poetico e distensivo con il paesaggio, il secondo si trasferisce invece nel contrasto, nella disarmonia di toni e di una forma dissociata. Per Lager, nel suo quadro "I costruttori", la nuova natura è la macchina, il prodotto della società che cresce: dal rapporto ottocentesco uomo-natura, si passa in questo secolo al rapporto uomo- macchina. Se il primo tendeva all'armonia, ed un accordo poetico e distensivo con il paesaggio, il secondo si trasferisce invece nel contrasto, nella disarmonia di toni e di una forma dissociata. Il quadro "Il quarto stato", di G. Pellizza, che fa parte del divisionismo, è il manifesto artistico socialista con il quale si apre il secolo nuovo. Il quadro "Il quarto stato", di G. Pellizza, che fa parte del divisionismo, è il manifesto artistico socialista con il quale si apre il secolo nuovo. Il quarto stato, che sarebbe il proletariato in confronto al terzo della rivoluzione francese che è la borghesia, ci presenta, in un villaggio padano, bruciato dal sole, la marcia di riscossa dei poveri che diventano sempre più poveri contro i ricchi che diventano sempre più ricchi. Il quarto stato, che sarebbe il proletariato in confronto al terzo della rivoluzione francese che è la borghesia, ci presenta, in un villaggio padano, bruciato dal sole, la marcia di riscossa dei poveri che diventano sempre più poveri contro i ricchi che diventano sempre più ricchi. L'unità della composizione ha un carattere morale che consiste nel concetto di lotta di classe. L'unità della composizione ha un carattere morale che consiste nel concetto di lotta di classe.

44 44 Mario Gori Verso l'astrazione Uno dei movimenti di avanguardia è quello dei Fauves (selvaggi) i quali propongono di sottomettersi al mondo esterno con le sue gioie di colori, di natura, con godimento. Uno dei movimenti di avanguardia è quello dei Fauves (selvaggi) i quali propongono di sottomettersi al mondo esterno con le sue gioie di colori, di natura, con godimento. Fauves perché il colore se ne va per proprio conto, senza rapporto diretto con il vero, acquistando un'autonomia tale che fu appunto chiamata "fauve" (selvaggia, da coloro che si erano ormai abituati alle tonalità impressionistiche). Fauves perché il colore se ne va per proprio conto, senza rapporto diretto con il vero, acquistando un'autonomia tale che fu appunto chiamata "fauve" (selvaggia, da coloro che si erano ormai abituati alle tonalità impressionistiche). Nel 1907, quando incomincia ad esaurirsi il movimento fauve, inizia la più grande avventura intellettuale antirealista della storia dell'arte: il cubismo che mette in crisi il sistema stesso in cui era stata effettuata l'arte in tutti i secoli precedenti. Nel 1907, quando incomincia ad esaurirsi il movimento fauve, inizia la più grande avventura intellettuale antirealista della storia dell'arte: il cubismo che mette in crisi il sistema stesso in cui era stata effettuata l'arte in tutti i secoli precedenti. Nel succedersi di tanti altri movimenti artistici (impressionismo germanico, anglosassone, ecc.), si arriva al termine della seconda guerra mondiale, alla pittura naif. I pittori naif, privi di ogni preparazione artistica e di qualunque movente estetico, si esprimono con figurazioni dettate unicamente da sollecitazioni emotive. Nel succedersi di tanti altri movimenti artistici (impressionismo germanico, anglosassone, ecc.), si arriva al termine della seconda guerra mondiale, alla pittura naif. I pittori naif, privi di ogni preparazione artistica e di qualunque movente estetico, si esprimono con figurazioni dettate unicamente da sollecitazioni emotive.

45 45 Mario Gori Cubismo Spezzetta la figura, la scompone, le toglie, insieme all’unicità del punto di vista, l’individuabilità rispetto all’ambiente con cui tende a confondersi. Le certezze che, pur evolvendosi, hanno sostenuto l’arte di tanti secoli, si sono dissolte, i fondamenti concettuali ed estetici hanno perso ogni consistenza. Lo smembramento della struttura unitaria, sistemica, logica della figura rende quest’ultima a stento riconoscibile, non dissezionata dalla cesura paziente e precisa di un bisturi, ma travolta dai pesanti fendenti di un macete. Il logocentrismo ha definitivamente abdicato a favore di un delirio incoerente e schizoide, ma che tuttavia non giunge mai al distacco totale e irreversibile dalla realtà, prova ne è che persiste la ritrattistica, che per definizione impone la riconoscibilità del soggetto. Nella ritrattistica cubista si osserva che lo spazio vuoto è inesistente, tutto è in primo piano. La figura si individua bene in alcuni particolari, con difficoltà in altri, e richiede in ogni caso un’osservazione attenta, che sappia andare oltre ciò che è scontato. Il processo di elaborazione della realtà che si riscontra nell’opera cubista rimane percorribile a ritroso dall’osservatore. Spezzetta la figura, la scompone, le toglie, insieme all’unicità del punto di vista, l’individuabilità rispetto all’ambiente con cui tende a confondersi. Le certezze che, pur evolvendosi, hanno sostenuto l’arte di tanti secoli, si sono dissolte, i fondamenti concettuali ed estetici hanno perso ogni consistenza. Lo smembramento della struttura unitaria, sistemica, logica della figura rende quest’ultima a stento riconoscibile, non dissezionata dalla cesura paziente e precisa di un bisturi, ma travolta dai pesanti fendenti di un macete. Il logocentrismo ha definitivamente abdicato a favore di un delirio incoerente e schizoide, ma che tuttavia non giunge mai al distacco totale e irreversibile dalla realtà, prova ne è che persiste la ritrattistica, che per definizione impone la riconoscibilità del soggetto. Nella ritrattistica cubista si osserva che lo spazio vuoto è inesistente, tutto è in primo piano. La figura si individua bene in alcuni particolari, con difficoltà in altri, e richiede in ogni caso un’osservazione attenta, che sappia andare oltre ciò che è scontato. Il processo di elaborazione della realtà che si riscontra nell’opera cubista rimane percorribile a ritroso dall’osservatore.

46 46 Mario Gori Surrealismo Celebra l’incontro tra psicanalisi e arte. La psicanalisi, con lo scopo di rimuovere le patologie psicosomatiche, ne ricerca le cause e ciò la conduce nei recessi più profondi e bui dell’anima, una sorta di territorio al di fuori di ogni legge sociale o logica, oltre il potere degli imperativi della volontà e delle luci della coscienza. Nell’inconscio scorrazzano le nostre pulsioni, contro le quali nulla si può, se non differirne a stento e in parte la soddisfazione, rimuovendole provvisoriamente o sublimandole, cioè dirottandole in direzioni moralmente e socialmente più accettabili. Il surrealismo attinge a piene mani dal mondo del sogno e dell’inconscio, dell’irrazionalità e delle alienazioni mentali Celebra l’incontro tra psicanalisi e arte. La psicanalisi, con lo scopo di rimuovere le patologie psicosomatiche, ne ricerca le cause e ciò la conduce nei recessi più profondi e bui dell’anima, una sorta di territorio al di fuori di ogni legge sociale o logica, oltre il potere degli imperativi della volontà e delle luci della coscienza. Nell’inconscio scorrazzano le nostre pulsioni, contro le quali nulla si può, se non differirne a stento e in parte la soddisfazione, rimuovendole provvisoriamente o sublimandole, cioè dirottandole in direzioni moralmente e socialmente più accettabili. Il surrealismo attinge a piene mani dal mondo del sogno e dell’inconscio, dell’irrazionalità e delle alienazioni mentali Con De Chirico il corpo diventa un manichino muto e nudo, ma nel rapporto che instaura con il contesto emergono le contraddizioni dell’anima, come lo scontro tra Eros e Thanathos. Non a caso la componente erotica e simbolica è il tratto distintivo dell’arte surrealista, che anche in Magritte, Henri Rousseau, Chagall, Dalì si ritrova in modo spiccato. Con De Chirico il corpo diventa un manichino muto e nudo, ma nel rapporto che instaura con il contesto emergono le contraddizioni dell’anima, come lo scontro tra Eros e Thanathos. Non a caso la componente erotica e simbolica è il tratto distintivo dell’arte surrealista, che anche in Magritte, Henri Rousseau, Chagall, Dalì si ritrova in modo spiccato. Il ‘900 è il secolo in cui nell’arte trova grande spazio la malattia, fisica e mentale. Angosce e dolori si impossessano del corpo rappresentato nell’opera d’arte, in cui si abbandonano pretese e attenzioni formali per lasciare campo aperto alle deformazioni, ai segni della patologia. Il ‘900 è il secolo in cui nell’arte trova grande spazio la malattia, fisica e mentale. Angosce e dolori si impossessano del corpo rappresentato nell’opera d’arte, in cui si abbandonano pretese e attenzioni formali per lasciare campo aperto alle deformazioni, ai segni della patologia. In “Ein Gestalter” (1940) di Paul Klee spiccano le mani rattrappite dalla terribile malattia che ha colpito duramente il pittore. La stessa cosa si nota nell’“Autoritratto” (1914) di Auguste Renoir. In “Ein Gestalter” (1940) di Paul Klee spiccano le mani rattrappite dalla terribile malattia che ha colpito duramente il pittore. La stessa cosa si nota nell’“Autoritratto” (1914) di Auguste Renoir. Comunque, nel ‘900, l’uomo dominatore, di Leonardesca concezione, è ormai infinitamente lontano. Le due guerre mondiali attraversano il nostro secolo, riversandovi una potenza distruttiva senza precedenti. L’angoscia collettiva che generano non è solo fisica, va oltre l’oggettività degli eventi, aleggia come uno spettro sull’umanità del ventesimo secolo. Il ritratto diventa la rappresentazione di un puro stato d’animo, fino a giungere, con Bacon, a un’immagine dell’uomo ridotto a un cumulo di carne straziata. Comunque, nel ‘900, l’uomo dominatore, di Leonardesca concezione, è ormai infinitamente lontano. Le due guerre mondiali attraversano il nostro secolo, riversandovi una potenza distruttiva senza precedenti. L’angoscia collettiva che generano non è solo fisica, va oltre l’oggettività degli eventi, aleggia come uno spettro sull’umanità del ventesimo secolo. Il ritratto diventa la rappresentazione di un puro stato d’animo, fino a giungere, con Bacon, a un’immagine dell’uomo ridotto a un cumulo di carne straziata.

47 47 Mario Gori Arte visuale e cinetica e arte concettuale A partire dal 1960, con l'inizio della revisione critica dei sistemi sociali, economico, dopo la grande contestazione del 1968, si evidenziano in arte due tendenze opposte. A partire dal 1960, con l'inizio della revisione critica dei sistemi sociali, economico, dopo la grande contestazione del 1968, si evidenziano in arte due tendenze opposte. La prima si orienta verso una programmazione ed una realizzazione tecnologica e scientifica delle arti visuali; come l'arte antica o "optical art" che studia gli stimoli visivi prodotti da colori, linee, figure geometriche piane o solide. O come l'arte cinetica che, sfruttando svariati mezzi (come l'accostamento di diversi segni grafici e colori alla meccanica o all'elettricità), approfondisce la ricerca dell'arte ottica attraverso sistemi meccanici luminosi, elettromagnetici ed anche quella che viene chiamata arte computerizzata con l'ausilio del cervello elettronico. La prima si orienta verso una programmazione ed una realizzazione tecnologica e scientifica delle arti visuali; come l'arte antica o "optical art" che studia gli stimoli visivi prodotti da colori, linee, figure geometriche piane o solide. O come l'arte cinetica che, sfruttando svariati mezzi (come l'accostamento di diversi segni grafici e colori alla meccanica o all'elettricità), approfondisce la ricerca dell'arte ottica attraverso sistemi meccanici luminosi, elettromagnetici ed anche quella che viene chiamata arte computerizzata con l'ausilio del cervello elettronico. V. Vasarely (1908), a partire dal 1944 si dedica alla pittura e in particolare all'arte concreta che il manifesto Jaune del 1955, definirà come arte cinetica. V. Vasarely (1908), a partire dal 1944 si dedica alla pittura e in particolare all'arte concreta che il manifesto Jaune del 1955, definirà come arte cinetica. Le sue opere riguardano le modalità della percezione basandosi su precise geometrie e colori puri (spesso solo il bianco e il nero) creando effetti di movimenti e intercambiabilità delle strutture. Le sue opere riguardano le modalità della percezione basandosi su precise geometrie e colori puri (spesso solo il bianco e il nero) creando effetti di movimenti e intercambiabilità delle strutture. All'opposto di queste tendenze scientifiche, geometriche e visuali, possono essere raggruppate, col nome di Arte Concettuale, una serie di correnti che rifiutano l'oggetto per cercare di esprimere in pensieri anche come rifiuto della commercializzazione dell'arte. All'opposto di queste tendenze scientifiche, geometriche e visuali, possono essere raggruppate, col nome di Arte Concettuale, una serie di correnti che rifiutano l'oggetto per cercare di esprimere in pensieri anche come rifiuto della commercializzazione dell'arte. E questa una corrente artistica d'avanguardia formatasi negli ultimi anni. Essa ha spostato l'attenzione dal prodotto (opera d'arte), al progetto, al processo col quale esso si forma esprimendosi con varie forme (schizzi, frasi, materiali diversi, fotografie, registrazioni su nastro e su videotape, ecc.). E questa una corrente artistica d'avanguardia formatasi negli ultimi anni. Essa ha spostato l'attenzione dal prodotto (opera d'arte), al progetto, al processo col quale esso si forma esprimendosi con varie forme (schizzi, frasi, materiali diversi, fotografie, registrazioni su nastro e su videotape, ecc.).

48 48 Mario Gori Gli anni ’60 vedono nascere le cosiddette arti concettuali che, basandosi sulle conoscenze scientifiche, sulle leggi dell’ottica geometrica e delle modalità percettive del nostro occhio, cercano proprio di sollecitare queste ultime ricercando o creando effetti visivi particolari. L’arte ottica (detta optical art o, per brevità, op art) si rivolge non tanto alla fisicità di un referente che si stenta ad individuare, ma alla natura e alla realtà del soggetto percepente. Gli anni ’60 vedono nascere le cosiddette arti concettuali che, basandosi sulle conoscenze scientifiche, sulle leggi dell’ottica geometrica e delle modalità percettive del nostro occhio, cercano proprio di sollecitare queste ultime ricercando o creando effetti visivi particolari. L’arte ottica (detta optical art o, per brevità, op art) si rivolge non tanto alla fisicità di un referente che si stenta ad individuare, ma alla natura e alla realtà del soggetto percepente.

49 49 Mario Gori Il 1969 è considerato l’anno di nascita della Body Art, centrata sull’esibizione del corpo che, opportunamente preparato, viene ad assumere la funzione dell’oggetto (realizzato per scopi diversi da quello artistico e preso bell’e pronto) dei dadaisti, con i quali questa corrente ha in comune l’intento polemico e provocatorio. Per i dadaisti l’operazione che porta a coincidere l’opera d’arte con il suo referente è completamente diversa dall’atto creativo con cui l’artista manipola la materia (pittorica o scultorea) per realizzare il suo lavoro. Artista non equivale più a “facitore”, dato che adesso egli delega all’inconsapevole e casuale artigiano (o addirittura all’industria) il compito di produrre materialmente ciò che diventerà (nel momento in cui l’artista la sceglie e la esibisce come tale) opera d’arte. Il 1969 è considerato l’anno di nascita della Body Art, centrata sull’esibizione del corpo che, opportunamente preparato, viene ad assumere la funzione dell’oggetto (realizzato per scopi diversi da quello artistico e preso bell’e pronto) dei dadaisti, con i quali questa corrente ha in comune l’intento polemico e provocatorio. Per i dadaisti l’operazione che porta a coincidere l’opera d’arte con il suo referente è completamente diversa dall’atto creativo con cui l’artista manipola la materia (pittorica o scultorea) per realizzare il suo lavoro. Artista non equivale più a “facitore”, dato che adesso egli delega all’inconsapevole e casuale artigiano (o addirittura all’industria) il compito di produrre materialmente ciò che diventerà (nel momento in cui l’artista la sceglie e la esibisce come tale) opera d’arte. La Body Art altera il rapporto di identità di genere (maschile e femminile) e nel corpo, nudo (ma non necessariamente) ed esposto, mescola il tragico e il comico. La Body Art altera il rapporto di identità di genere (maschile e femminile) e nel corpo, nudo (ma non necessariamente) ed esposto, mescola il tragico e il comico. Nell’ottica dell’uso del corpo come tabula rasa su cui incidere un segno o, meglio, un testo, può essere collocata la grande onda di diffusione del tatuaggio e del “piercing”. Produrre modificazioni in un certo qual modo indelebili sul proprio corpo ha il significato di inserirsi nell’opera di creazione del proprio corpo, di proseguirla, senza soluzione di continuità, e di completarla secondo la propria volontà e le proprie scelte. Al di là di varie motivazioni (quali la vanità di perseguimento di un aspetto esteriore desiderabile o in qualche modo sensazionale, il semplice gusto di trasgressione fine a se stessa, o il voler sperimentare qualcosa di dilettevole) il significato della trasformazione del proprio corpo in un testo scritto in maniera indelebile si rifà alla millenaria tradizione di culture antiche e/o esotiche. In tutte queste culture il denominatore comune di pratiche di tatuaggio, “piercing”, cicatrici ornamentali, mutilazioni rituali è l’iniziazione del soggetto e il suo inserimento nel ruolo sociale che gli compete. Nell’ottica dell’uso del corpo come tabula rasa su cui incidere un segno o, meglio, un testo, può essere collocata la grande onda di diffusione del tatuaggio e del “piercing”. Produrre modificazioni in un certo qual modo indelebili sul proprio corpo ha il significato di inserirsi nell’opera di creazione del proprio corpo, di proseguirla, senza soluzione di continuità, e di completarla secondo la propria volontà e le proprie scelte. Al di là di varie motivazioni (quali la vanità di perseguimento di un aspetto esteriore desiderabile o in qualche modo sensazionale, il semplice gusto di trasgressione fine a se stessa, o il voler sperimentare qualcosa di dilettevole) il significato della trasformazione del proprio corpo in un testo scritto in maniera indelebile si rifà alla millenaria tradizione di culture antiche e/o esotiche. In tutte queste culture il denominatore comune di pratiche di tatuaggio, “piercing”, cicatrici ornamentali, mutilazioni rituali è l’iniziazione del soggetto e il suo inserimento nel ruolo sociale che gli compete.

50 50 Mario Gori Dinamismo Disegno, colore, forma plastica, sia pure in modo virtuoso, rappresentano il corpo immobile. L’incongruenza tra l’immobilità dell’iconografia tradizionale e il dinamismo del corpo vivo e vero (cui l’iconografia si riferisce) ha sempre spinto gli artisti alla ricerca del modo di ottenere immagini che presentassero anche questo carattere connaturato alla figura umana. La proiezione dell’ombra delle mani o delle sagome appositamente predisposte, che è stata usata verosimilmente fin dagli albori della storia, le lanterne magiche del XVII secolo e altri artifici, per quanto genialmente e scrupolosamente ideati e realizzati, non hanno potuto competere con il cinema, le cui qualità illusorie hanno presto raggiunto livelli pressoché assoluti. Disegno, colore, forma plastica, sia pure in modo virtuoso, rappresentano il corpo immobile. L’incongruenza tra l’immobilità dell’iconografia tradizionale e il dinamismo del corpo vivo e vero (cui l’iconografia si riferisce) ha sempre spinto gli artisti alla ricerca del modo di ottenere immagini che presentassero anche questo carattere connaturato alla figura umana. La proiezione dell’ombra delle mani o delle sagome appositamente predisposte, che è stata usata verosimilmente fin dagli albori della storia, le lanterne magiche del XVII secolo e altri artifici, per quanto genialmente e scrupolosamente ideati e realizzati, non hanno potuto competere con il cinema, le cui qualità illusorie hanno presto raggiunto livelli pressoché assoluti.

51 51 Mario Gori L’ ‘800 è il secolo in cui fa la comparsa la fotografia, destinata a lasciare un segno profondo nelle arti figurative tradizionali, così come ne riceve l’influsso. La fotografia non è un mezzo semplice e neutro di ripresa di immagini: è un ulteriore occhio attraverso cui guardare e vedere la realtà. Nessun artista in questo secolo può dirsi del tutto fuori da questa influenza. L’ ‘800 è il secolo in cui fa la comparsa la fotografia, destinata a lasciare un segno profondo nelle arti figurative tradizionali, così come ne riceve l’influsso. La fotografia non è un mezzo semplice e neutro di ripresa di immagini: è un ulteriore occhio attraverso cui guardare e vedere la realtà. Nessun artista in questo secolo può dirsi del tutto fuori da questa influenza. La fotografia continua a fare progressi e offre possibilità sempre nuove. Presto le lunghe pose non sono più necessarie e già intorno al 1870, con tempi di apertura dell’obiettivo uguali o inferiori a 1/1000 di secondo, può dirsi nata l’istantanea. Fermando immagini e movimenti rapidi, permise di capire che la pittura tradizionale li aveva fino a quel momento resi in modo “falso”, ma che era stato adottato come convenzione perché convincente, dato che corrispondeva alle modalità interpretative umane. La fotografia continua a fare progressi e offre possibilità sempre nuove. Presto le lunghe pose non sono più necessarie e già intorno al 1870, con tempi di apertura dell’obiettivo uguali o inferiori a 1/1000 di secondo, può dirsi nata l’istantanea. Fermando immagini e movimenti rapidi, permise di capire che la pittura tradizionale li aveva fino a quel momento resi in modo “falso”, ma che era stato adottato come convenzione perché convincente, dato che corrispondeva alle modalità interpretative umane. Un esempio tipico è quello del galoppo del cavallo. Muybridge con The horse in motion (1878) rivelò posizioni sotto la soglia di percezione dell’occhio e suscitò incredulità. Un esempio tipico è quello del galoppo del cavallo. Muybridge con The horse in motion (1878) rivelò posizioni sotto la soglia di percezione dell’occhio e suscitò incredulità. Gli studi di Muybridge si rivolsero successivamente ai movimenti fisiologici e patologici dell’uomo, che interessarono, più tardi, anche Francis Bacon. Gli studi di Muybridge si rivolsero successivamente ai movimenti fisiologici e patologici dell’uomo, che interessarono, più tardi, anche Francis Bacon. Impressionismo, cubismo, futurismo, sebbene in modi profondamente diversi, colsero l’opportunità di ampliare le possibilità percettive dell’occhio “nudo”. Impressionismo, cubismo, futurismo, sebbene in modi profondamente diversi, colsero l’opportunità di ampliare le possibilità percettive dell’occhio “nudo”. Con il futurismo si cerca comunque di cogliere e di rendere non tanto l’idea, quanto piuttosto la realtà del movimento. Sullo sfondo non si può ignorare la massiccia industrializzazione del ‘900 che spinge inevitabilmente l’immaginario artistico verso il movimento e la velocità, fino a farne un mito. La linea diagonale o altri espedienti ora sembrano ingenui e insufficienti. Per non parlare delle figurazioni statiche che, adatte per rappresentare la struttura della gerarchia e la stabilità del potere, non possono in alcun modo incarnare lo spirito inquieto del nostro secolo. Si arriva persino a produrre opere d’arte mobili, che quindi non rappresentano il movimento ma lo realizzano. Con il futurismo si cerca comunque di cogliere e di rendere non tanto l’idea, quanto piuttosto la realtà del movimento. Sullo sfondo non si può ignorare la massiccia industrializzazione del ‘900 che spinge inevitabilmente l’immaginario artistico verso il movimento e la velocità, fino a farne un mito. La linea diagonale o altri espedienti ora sembrano ingenui e insufficienti. Per non parlare delle figurazioni statiche che, adatte per rappresentare la struttura della gerarchia e la stabilità del potere, non possono in alcun modo incarnare lo spirito inquieto del nostro secolo. Si arriva persino a produrre opere d’arte mobili, che quindi non rappresentano il movimento ma lo realizzano.

52 52 Mario Gori Motricità e corpo in architettura Un altro aspetto della produzione culturale che implica fortemente il corpo, anche oltre quanto si potrebbe in prima analisi pensare, è l’architettura. Un altro aspetto della produzione culturale che implica fortemente il corpo, anche oltre quanto si potrebbe in prima analisi pensare, è l’architettura. La realizzazione di opere architettoniche ha assunto nelle varie epoche e nelle varie civiltà le funzioni, le valenze, i significati e gli scopi più diversi, ma sostanzialmente si è sempre caratterizzata come intervento di modifica dell’ambiente e realizzazione di strutture stabili. È qui impossibile per ragioni innanzitutto di spazio ripercorrere le tappe della storia dell’architettura. Ci limiteremo ad alcune indicazioni di massima La realizzazione di opere architettoniche ha assunto nelle varie epoche e nelle varie civiltà le funzioni, le valenze, i significati e gli scopi più diversi, ma sostanzialmente si è sempre caratterizzata come intervento di modifica dell’ambiente e realizzazione di strutture stabili. È qui impossibile per ragioni innanzitutto di spazio ripercorrere le tappe della storia dell’architettura. Ci limiteremo ad alcune indicazioni di massima È difficile, nell’opera architettonica distinguere un aspetto estetico (correlato alla visibilità) e un aspetto pratico (di fruizione, di uso). È difficile, nell’opera architettonica distinguere un aspetto estetico (correlato alla visibilità) e un aspetto pratico (di fruizione, di uso). La visibilità è la caratteristica che si coglie per così dire in “modalità remota”, quando siamo fuori dall’edificio, ad una distanza sufficiente per apprezzarlo visivamente. La fruizione segue, quasi senza soluzione di continuità, all’approssimarsi, introdursi, percorrere l’edificio stesso, eventualmente stazionare in esso, con implicazioni sensoriali più variate e complete. La visibilità è la caratteristica che si coglie per così dire in “modalità remota”, quando siamo fuori dall’edificio, ad una distanza sufficiente per apprezzarlo visivamente. La fruizione segue, quasi senza soluzione di continuità, all’approssimarsi, introdursi, percorrere l’edificio stesso, eventualmente stazionare in esso, con implicazioni sensoriali più variate e complete. A cominciare dall’apprezzamento visivo che, con il continuo cambio di punto di vista, diventa dinamico, articolato e completo, l’avvicinamento-introduzione nell’edificio permette di apprezzarlo per le risonanze acustiche, le impressioni termiche e olfattive, tattili, motorie… A cominciare dall’apprezzamento visivo che, con il continuo cambio di punto di vista, diventa dinamico, articolato e completo, l’avvicinamento-introduzione nell’edificio permette di apprezzarlo per le risonanze acustiche, le impressioni termiche e olfattive, tattili, motorie… Tutto ciò corrisponde al modo di essere e di vivere del soggetto implicato e presente nella situazione, al suo stile cognitivo, alla sua fisionomia emotiva, alle sue tensioni ideali, fattori di fondo e occorrenti che si intrecciano in una dinamica complessa, in un’esperienza vissuta. Tutto ciò corrisponde al modo di essere e di vivere del soggetto implicato e presente nella situazione, al suo stile cognitivo, alla sua fisionomia emotiva, alle sue tensioni ideali, fattori di fondo e occorrenti che si intrecciano in una dinamica complessa, in un’esperienza vissuta. Per capire la struttura e la conformazione di certi elementi architettonici proponiamo alcuni esempi, iniziando dalla colonna, che ha affinità con la persona in stazione eretta. Per capire la struttura e la conformazione di certi elementi architettonici proponiamo alcuni esempi, iniziando dalla colonna, che ha affinità con la persona in stazione eretta. Citiamo Rudolf Arnheim (studioso d’arte): “Abbiamo portato gravi pesi ed abbiamo conosciuto pressioni e contropressioni. Siamo crollati al suolo quando non abbiamo più avuto l’energia occorrente per opporci all’attrazione verso il basso, esercitata dal peso del corpo. Ecco perché abbiamo potuto apprezzare l’orgogliosa felicità della colonna e capire la tendenza di tutta la materia a espandersi senza forma sul terreno.” Citiamo Rudolf Arnheim (studioso d’arte): “Abbiamo portato gravi pesi ed abbiamo conosciuto pressioni e contropressioni. Siamo crollati al suolo quando non abbiamo più avuto l’energia occorrente per opporci all’attrazione verso il basso, esercitata dal peso del corpo. Ecco perché abbiamo potuto apprezzare l’orgogliosa felicità della colonna e capire la tendenza di tutta la materia a espandersi senza forma sul terreno.”

53 53 Mario Gori Potremmo poi interpretare il tetto degli edifici come una sicura protezione contro tutti gli accidenti atmosferici. Potremmo poi interpretare il tetto degli edifici come una sicura protezione contro tutti gli accidenti atmosferici. Le mura perimetrali sono il limite di separazione di due spazi (interno ed esterno). Separazione che non può essere però totale e assoluta: le aperture (porte e finestre) sono i punti di comunicazione e di scambio tra fuori e dentro. Le mura perimetrali sono il limite di separazione di due spazi (interno ed esterno). Separazione che non può essere però totale e assoluta: le aperture (porte e finestre) sono i punti di comunicazione e di scambio tra fuori e dentro. Le scale possono rappresentare il collegamento verticale tra spazi, la frantumazione del dislivello complessivo in tanti gradini dall’evidente regolarità: un invito a percorrerla, così sapremo tra l’altro se è agevole. Le scale possono rappresentare il collegamento verticale tra spazi, la frantumazione del dislivello complessivo in tanti gradini dall’evidente regolarità: un invito a percorrerla, così sapremo tra l’altro se è agevole. La praticabilità degli ambienti in genere, può essere considerato uno dei principali riferimenti al corpo umano da parte dell’architettura. Ma anche le ispirazioni estetiche non mancano: da sempre molti architetti si sono rifatti a Policleto o Fidia (grandi scultori dell’antica Grecia) o a Vitruvio, che citiamo: “L’analogia con il corpo umano non è dunque soltanto riferita alla palese simmetria speculare, bensì, soprattutto, ai rapporti modulari. La simmetria risulta dalla proporzione...La proporzione è la commisurazione tra il tutto e le varie parti che lo costituiscono”. La praticabilità degli ambienti in genere, può essere considerato uno dei principali riferimenti al corpo umano da parte dell’architettura. Ma anche le ispirazioni estetiche non mancano: da sempre molti architetti si sono rifatti a Policleto o Fidia (grandi scultori dell’antica Grecia) o a Vitruvio, che citiamo: “L’analogia con il corpo umano non è dunque soltanto riferita alla palese simmetria speculare, bensì, soprattutto, ai rapporti modulari. La simmetria risulta dalla proporzione...La proporzione è la commisurazione tra il tutto e le varie parti che lo costituiscono”. Francesco di Giorgio, architetto del ‘400, sovrappone in modo significativo la figura di un uomo alla pianta a “croce latina” di una chiesa: ciò rispecchia la concezione dell’epoca, anche nel far corrispondere le parti alle parti della chiesa. Lo stesso di Giorgio dice: “Ed avendo le basiliche misura e forma del corpo umano, siccomei l capo dell’uomo è principalmente membro di esso, così la maggior cappella formar si debba come principale membro e capo del tempio; come ha cinque linee e parimenti così cinque cappelle aver debba “. Francesco di Giorgio, architetto del ‘400, sovrappone in modo significativo la figura di un uomo alla pianta a “croce latina” di una chiesa: ciò rispecchia la concezione dell’epoca, anche nel far corrispondere le parti alle parti della chiesa. Lo stesso di Giorgio dice: “Ed avendo le basiliche misura e forma del corpo umano, siccomei l capo dell’uomo è principalmente membro di esso, così la maggior cappella formar si debba come principale membro e capo del tempio; come ha cinque linee e parimenti così cinque cappelle aver debba “. Un grande architetto francese contemporaneo, Le Corbusier, assume come misura di tutte le sue creazioni il corpo dell’uomo: “Il dimensionamento di ogni cosa entro il dispositivo urbano, non può essere regolato che sulla scala umana. La misura naturale dell’uomo deve servire di base a tutti i canoni che siano in rapporto con la vita e le diverse funzioni dell’essere.” Un grande architetto francese contemporaneo, Le Corbusier, assume come misura di tutte le sue creazioni il corpo dell’uomo: “Il dimensionamento di ogni cosa entro il dispositivo urbano, non può essere regolato che sulla scala umana. La misura naturale dell’uomo deve servire di base a tutti i canoni che siano in rapporto con la vita e le diverse funzioni dell’essere.”

54 54 Mario Gori L’architettura come segno di PRESENZA (dell’uomo) nell’ambiente. Tale presenza si caratterizza in modo radicale come antropica e culturale, creando una “diversità” netta rispetto alla “naturalezza dell’ambiente in cui si inserisce e col quale si rapporta. Si crea così una sorta di tensione dialettica tra due poli che, volta volta, possono essere denominati,,,. La cosmicità ordinatrice della geometria, del logos, della ratio si fanno spazio nell’arruffata caoticità primigenia, insediano la città nel mondo, città intesa come luogo che l’uomo crea, abita e governa, che si sottrae alla imprevedibilità e all’ostilità della natura. La natura, tale e quale si dà prima di ogni intervento umano, non può essere la casa dell’uomo. L’intervento architettonico la fa “riveduta e corretta” quel poco o quel tanto che basta per farsi riconoscere, per dare le necessarie garanzie, per costituire riferimento e orientamento. PRESENZA (dell’uomo) nell’ambiente. Tale presenza si caratterizza in modo radicale come antropica e culturale, creando una “diversità” netta rispetto alla “naturalezza dell’ambiente in cui si inserisce e col quale si rapporta. Si crea così una sorta di tensione dialettica tra due poli che, volta volta, possono essere denominati,,,. La cosmicità ordinatrice della geometria, del logos, della ratio si fanno spazio nell’arruffata caoticità primigenia, insediano la città nel mondo, città intesa come luogo che l’uomo crea, abita e governa, che si sottrae alla imprevedibilità e all’ostilità della natura. La natura, tale e quale si dà prima di ogni intervento umano, non può essere la casa dell’uomo. L’intervento architettonico la fa “riveduta e corretta” quel poco o quel tanto che basta per farsi riconoscere, per dare le necessarie garanzie, per costituire riferimento e orientamento. Capacità di CONTROLLO dell’ambiente e della materia, capacità che si esprime nella sfida alle difficoltà, prima fra tutte la gravità, e alla resistenza della materia. Il grado di “addomesticamento” della materia, anzi delle materie impiegate, può essere più o meno elevato, ma in ogni caso è tale da renderle idonee alla funzionalità e all’aspetto della struttura. Capacità di CONTROLLO dell’ambiente e della materia, capacità che si esprime nella sfida alle difficoltà, prima fra tutte la gravità, e alla resistenza della materia. Il grado di “addomesticamento” della materia, anzi delle materie impiegate, può essere più o meno elevato, ma in ogni caso è tale da renderle idonee alla funzionalità e all’aspetto della struttura. Possesso di CONOSCENZE teoriche e pratiche, razionali ed estetiche. La tecnica costruttiva, più o meno dissimulata dal risultato finale, si integra in vario modo con le concezioni estetiche. La struttura generale, lo stile, le decorazioni e quant’altro creano o corrispondono ad un uni-verso, ad un modo di intendere il mondo, ma anche l’uomo e la sua esistenza, il suo modo cioè di comportarsi, di rapportarsi alle varie circostanze ed ai vari elementi dell’ambiente. Possesso di CONOSCENZE teoriche e pratiche, razionali ed estetiche. La tecnica costruttiva, più o meno dissimulata dal risultato finale, si integra in vario modo con le concezioni estetiche. La struttura generale, lo stile, le decorazioni e quant’altro creano o corrispondono ad un uni-verso, ad un modo di intendere il mondo, ma anche l’uomo e la sua esistenza, il suo modo cioè di comportarsi, di rapportarsi alle varie circostanze ed ai vari elementi dell’ambiente.

55 55 Mario Gori Concezione dello SPAZIO. Quello che la struttura architettonica esprime più specificamente è il modo di intendere lo spazio: lo spazio che si vede e quello che si “ascolta” (le risonanze, gli echi e tutte le caratteristiche acustiche contribuiscono a definire lo spazio architettonico), lo spazio che si percorre e quello in cui si trova una collocazione, lo spazio che si tocca (le superfici, i materiali, le forme possono essere apprezzati con il contatto diretto del corpo o con un contatto “virtuale”, immaginato, ma altrettanto efficace nel lasciarci delle forti impressioni) e quello che si concettualizza, facendolo corrispondere alle nostre rappresentazioni cognitive. Lo spazio viene definito da forme, distanze, ordini e gerarchie di disposizione, estensioni, pieni e vuoti, localizzazioni e direzioni, chiusure e aperture, inviti ed esclusioni, simmetrie ed asimmetrie (avanti-dietro, alto-basso, lontano-vicino…), ripetizioni e diversità… Concezione dello SPAZIO. Quello che la struttura architettonica esprime più specificamente è il modo di intendere lo spazio: lo spazio che si vede e quello che si “ascolta” (le risonanze, gli echi e tutte le caratteristiche acustiche contribuiscono a definire lo spazio architettonico), lo spazio che si percorre e quello in cui si trova una collocazione, lo spazio che si tocca (le superfici, i materiali, le forme possono essere apprezzati con il contatto diretto del corpo o con un contatto “virtuale”, immaginato, ma altrettanto efficace nel lasciarci delle forti impressioni) e quello che si concettualizza, facendolo corrispondere alle nostre rappresentazioni cognitive. Lo spazio viene definito da forme, distanze, ordini e gerarchie di disposizione, estensioni, pieni e vuoti, localizzazioni e direzioni, chiusure e aperture, inviti ed esclusioni, simmetrie ed asimmetrie (avanti-dietro, alto-basso, lontano-vicino…), ripetizioni e diversità… In altri termini l’architettura esprime il POTERE dell’uomo sotto molteplici punti di vista, variamente intrecciati: In altri termini l’architettura esprime il POTERE dell’uomo sotto molteplici punti di vista, variamente intrecciati: - Tecnologico, per l’arditezza o il virtuosismo delle realizzazioni, - Tecnologico, per l’arditezza o il virtuosismo delle realizzazioni, - Politico, per il carattere celebrativo dell’autorità o per la soggezione che cerca di suscitare, - Politico, per il carattere celebrativo dell’autorità o per la soggezione che cerca di suscitare, - Religioso, per la celebrazione - Religioso, per la celebrazione - Culturale, per l’affermazione dell’identità di una certa cultura, - Culturale, per l’affermazione dell’identità di una certa cultura, - Militare, dimostrando invulnerabilità, potenzialità offensive, imponenza. - Militare, dimostrando invulnerabilità, potenzialità offensive, imponenza.

56 56 Mario Gori Conclusione I punti fondamentali della rappresentazione del corpo e del movimento nella storia dell’arte possono essere così individuati: I punti fondamentali della rappresentazione del corpo e del movimento nella storia dell’arte possono essere così individuati: - L’inizio. Fin dagli albori della storia e della storia dell’arte il corpo e il movimento hanno trovato spazio nelle raffigurazioni. Si pensi alle scene di caccia dipinte sulle pareti delle grotte preistoriche. - L’inizio. Fin dagli albori della storia e della storia dell’arte il corpo e il movimento hanno trovato spazio nelle raffigurazioni. Si pensi alle scene di caccia dipinte sulle pareti delle grotte preistoriche. - Nella Grecia antica Il corpo acquista dignità, nobiltà, attenzione per la sua anatomia e per l’armonia che lo domina anche nella tensione e nel movimento. Si celebra il corpo e la sua bellezza, anche se su un piano di astratta universalità, certi che tale bellezza corrisponda alla bontà. - Nella Grecia antica Il corpo acquista dignità, nobiltà, attenzione per la sua anatomia e per l’armonia che lo domina anche nella tensione e nel movimento. Si celebra il corpo e la sua bellezza, anche se su un piano di astratta universalità, certi che tale bellezza corrisponda alla bontà. - Nel ‘400 prospettiva e anatomia sono il correlato e il supporto scientifico della rappresentazione del corpo e della sua funzionalità motoria; si acquista la massima padronanza nella rappresentazione della sua struttura e di tutte le sue possibili posizioni. L’aspetto esteriore è sufficiente all’artista, anche perché il corpo è considerato opera di Dio e questo offre la garanzia del fatto che merita di essere rappresentato con la massima perizia. - Nel ‘400 prospettiva e anatomia sono il correlato e il supporto scientifico della rappresentazione del corpo e della sua funzionalità motoria; si acquista la massima padronanza nella rappresentazione della sua struttura e di tutte le sue possibili posizioni. L’aspetto esteriore è sufficiente all’artista, anche perché il corpo è considerato opera di Dio e questo offre la garanzia del fatto che merita di essere rappresentato con la massima perizia. - Nel ‘500 con Leonardo inizia la concezione del corpo come finestra sull’anima, come esteriorità di un’interiorità, come espressione visibile di un contenuto invisibile. - Nel ‘500 con Leonardo inizia la concezione del corpo come finestra sull’anima, come esteriorità di un’interiorità, come espressione visibile di un contenuto invisibile. - Nel ‘600-’700 ci si sofferma con compiacimento sulla sensualità, cogliendo momenti intimi di personaggi la cui identità mitologica è spesso un pretesto. L’occhio dell’artista si fa quasi indiscreto. La bellezza della carne viene celebrata come motivo che da solo giustifica l’immagine. - Nel ‘600-’700 ci si sofferma con compiacimento sulla sensualità, cogliendo momenti intimi di personaggi la cui identità mitologica è spesso un pretesto. L’occhio dell’artista si fa quasi indiscreto. La bellezza della carne viene celebrata come motivo che da solo giustifica l’immagine. - Nell’ ‘800 l’impatto realistico e il riferimento alla realtà si fa più forte e, soprattutto, l’artista riesce a fare a meno di giustificazioni religiose o mitologiche. - Nell’ ‘800 l’impatto realistico e il riferimento alla realtà si fa più forte e, soprattutto, l’artista riesce a fare a meno di giustificazioni religiose o mitologiche. - Nel ‘900 il corpo si sfalda (tanto nei particolari fisionomici che somatici), si deforma, si metamorfizza. Il movimento, specie con il futurismo non è che una di queste metamorfosi, spinta talvolta verso l’esasperazione e l’ossessione del patologico o del violento. - Nel ‘900 il corpo si sfalda (tanto nei particolari fisionomici che somatici), si deforma, si metamorfizza. Il movimento, specie con il futurismo non è che una di queste metamorfosi, spinta talvolta verso l’esasperazione e l’ossessione del patologico o del violento. Il percorso dal ‘500 all’inizio del ‘900 è quello che conduce alla nascita della psicologia scientifica e della psicanalisi. Il percorso dal ‘500 all’inizio del ‘900 è quello che conduce alla nascita della psicologia scientifica e della psicanalisi.


Scaricare ppt "Mario Gori 1 Il corpo nella storia dell’arte A cura di Mario Gori."

Presentazioni simili


Annunci Google