La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Unità didattica di Scienze Umane sulla tradizione storica dei mestieri in dialetto siciliano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Unità didattica di Scienze Umane sulla tradizione storica dei mestieri in dialetto siciliano."— Transcript della presentazione:

1 Unità didattica di Scienze Umane sulla tradizione storica dei mestieri in dialetto siciliano

2 Noi alunne delle I sez.P del Liceo Santi Savarino indirizzo Scienze Umane di Partinico con la professoressa Alabiso Paola Francesca abbiamo deciso di affrontare questa unità didattica per approfondire il valore del lavoro come obbiettivo formativo e di crescita del soggetto e come dignità della persona.

3 La vita dell’ uomo siciliano è caratterizzato dal lavoro che a seconda del momento storico si connota di peculiarità su cui si fondano l’economia e il commercio. Specie nel passato il lavoro si esprimeva con segreti tramandati da padre in figlio. Alcuni mestieri accompagnavano le sagre delle feste più importanti. Tutti i mestieri che citeremo fanno parte della storia e delle tradizioni siciliane. Molti dei mestieri, dei proverbi e dei modi di dire sono divenuti rari, ma alcuni di essi vengono ricordati tutt’ora….

4 …Ecco due dei mestieri più antichi che abbiamo deciso di approfondire… U SIGGIARU : L’aggiusta sedie. Avia na putia nica runni c’iera un pirtusu iusu ri casa sua. Facieva u so travagghiu pi strata : o n’ta la chiazza ru so paisi ; runni richiamava i cristiani abbanniannu, o ravanzi la strata ru clienti. Cu vari tipi ri pagghia, martieddu, chiova, raspa e cuodda riparava i sieggi TRADUZIONE : Aveva una piccola bottega dove c’ era una piccola stanza a piano terra di casa sua. Faceva il suo lavoro per strada : o nella piazza del suo paese ; richiamando i clienti ad alta voce, o davanti la strada del cliente. Con vari tipi di paglia, martello, chiodi, raspa e colla riparava le sedie.

5 U VIDDANU : l’agricoltore Si susieva a matina e s’inniava n’campagna. Chiantava li favi, i pisiedda, tusava l’ierba pi i cunigghia, chiantava u pumaruoru. Quannu scurava s’arricampava rintra. Quannu cuogghieva a frutta e a virdura i pirtuva rintra a so casa e dava a manciari a so famigghia. TRADUZIONE : Si alzava la mattina e andava in campagna. Piantava le fave, i piselli, tagliava l’erba per i conigli e piantava il pomodoro. Quando faceva buio tornava a casa. Quando raccoglieva la frutta e la verdura la portava a casa e dava a mangiare alla famiglia.

6

7 U scarparu : il calzolaio L’allustrascarpi : colui che lucida le scarpe

8 I pastai : produttori di pasta U cantararu : venditore di cantari

9 U gilataru : il gelataio U ruggiaru : l’orologiaio

10 U curdaru : il cordaio U firraru : il fabbro

11 U cutiddaru : il venditore di coltelli L’acquaiolu : venditore d’acqua

12 U bummularu : il venditore di bombole U carvunaru : il carbonaio

13 U salinaru : colui che lavorava nelle saline L’ ammuola fuorbicia e cutiedda: l’ arrotino

14

15 LU CANTASTORIE : IL CANTASTORIE U LATTARU : VENDITORE DI LATTE U SCRIVANU : IL SEGRETARIO COMUNALE U VARBIERI : IL BARBIERE U RICUTTARU : VENDITORE DI RICOTTA U PISCIARU : IL PESCIVENDOLO U STRAZZUNARU : LAVORATORE D’ARGILLA LU CUSTURERI : IL SARTO LU GNURI : IL COCCHIERE U UTTARU : IL BOTTAIO

16 LU VASTASU : IL FACCHINO LU TAMMURINARU : IL TAMBURINO U SALARU : VENDITORE DI SALE U PURPIATURI : PESCATORE DI POLPI U CONSALEMMA : L’ACCONCIATERRAGLIE U CISTARU : VENDITORE DI CESTI

17

18 Cu ri spiranza campa rispiratu muori.. Chi vive di speranza disperato muore… Cu mali fa mali aspietta Chi fa male male aspetta Fa beni e scurdatillu, fa male e piensaci Fai il bene e dimenticalo,fai il male e pensaci Soccu ora si schifia poi s’addisia Quello che ora si disprezza un giorno sarà desiderato Lu rispiettu e misuratu, cu lu puorta l’havi purtatu Il rispetto è misurato chi lo porta lo riceve Cu niesci arriniesci Chi si allonatana dal suo ambiente viene a trovarsi in una condizione migliore Du su i putienti cu avi assai e cu nun avi nienti Due sono i potenti chi ha tanto e ci non ha niente

19 Poesia: SICILIA…. C’è una terra bedda Jittata ‘nta lu mari. Pari na grossa petra Pusata pi passari Cu’ arriva si ci appoja Ma nun ci vo’ ristari Ognunu na profitta Pigghia zoccu ci pari Quanti dominazioni Quanti paroli santi Ma chi lintizza poi Pi sciegghiri u chiffari. Un giornu la lassai Sugnu tantu luntanu E spinnu pi turnari Vidiri la casa dunni nascivu L’amici, u priu amuri Pur’iu chi ci nascivu Dintra stu mari nostru C’è un isula bedda Nun è na petra grossa Pi mia è a cosa chiu bedda..

20 …MODI DI DIRE… Lampi e trona, itivinni arrassu, chista è la casa di Sant’Ignaziu. Sant’ Ignaziu e San Simuni, chista è la casa di nostru Signuri…. Lampi e tuoni allontanatevi, questa è la casa di Sant’ Ignazio. Sant’Ignazio e San Simone, questa è la casa di nostro Signore. (formula per scongiurare il mal tempo) Chiu scuru ri menzanotti un si può fare.. Più tardi di mezzanotte non può fare… Oghiu fitusu e pariedda spurnata… Olio sporco e padella bucata.( è utilizzato per prendere in giro due persone con gli stessi difetti)

21 ...SCIOGLI LINGUE… Rapu u stipo e pigghiu u spiecchiu posu u spiecchiu e chiuju u stipu… Apro lo sportello e prendo lo specchio, poso lo specchio e chiudo o stipetto Cu lu tuppu un t’appi, senza tuppo t’appi, cu lu tuppu o senza tuppu, basta ca t’appi e comu t’appi t’appi… Con i capelli raccolti ti ho avuto, senza capelli raccolti ti ho avuto. Con i capelli raccolti o senza capelli raccolti basta che ti ho avuto comunque ti ho avuto Sasà s’avia a susiri e sei, sunnu i sei e sei, sa si sasà si susiu e sei. Tirituppiti e pani grattatu,consami u lettu ca sugnu malatu, sugnu malatu li malincunia,consami u letto ca vegnu cu tia… Comu faciemu?-faciemu comu ficiru l’antichi, ca si livaru i panzi e si misiru i viddichi

22 ….CONCLUSIONE…. Il lavoro per tutti i siciliani è sempre stato importante. Le nuove generazioni tutt’oggi mantengono vivo il ricordo dei mestieri e delle tradizioni antiche. Con questo progetto, abbiamo voluto far affiorare queste antiche usanze; sperando che in futuro si continuino a ricordare…

23


Scaricare ppt "Unità didattica di Scienze Umane sulla tradizione storica dei mestieri in dialetto siciliano."

Presentazioni simili


Annunci Google