La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Economia Politica È la scienza che studia l’attività umana nel comportamento economico e umano come relazione tra fini e mezzi scarsi suscettibili di usi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Economia Politica È la scienza che studia l’attività umana nel comportamento economico e umano come relazione tra fini e mezzi scarsi suscettibili di usi."— Transcript della presentazione:

1 Economia Politica È la scienza che studia l’attività umana nel comportamento economico e umano come relazione tra fini e mezzi scarsi suscettibili di usi alternativi. L’OGGETTO DI STUDIO: Il comportamento dell’uomo confrontato con il problema del soddisfacimento delle necessità individuali con la scarsità delle risorse.

2 I bisogni e l’attività economica BISOGNO: è uno stato di necessità che provoca una sensazione di disagio Sono illimitati però le risorse sono scarse; Comunità predatrice l’uomo era autosufficiente, per cui la loro unica preoccupazione era quello di procacciarsi i beni di sostentamento senza doverli ricostituire.

3 Quando sorge l’attività economica? In seguito all’aumento della popolazione e alla disuguale ripartizione delle risorse l’uomo si è dovuto porre il problema di utilizzare al meglio i beni che aveva a disposizione e di produrne di nuovi; Da NOMADE SEDENTARIO: si dedicherà all’agricoltura e all’allevamento

4 E perché ci sono dei problemi economici? Perché le risorse sono scarse, mentre i bisogni no. Quando soddisfo i miei bisogni provoco un impatto nell’economia? Sí! Quando compro un panino, pago le imposte o deposito i risparmi in banca queste spese provocano una diminuzione delle mie disponibilità economiche. Alle domande tipo: Perché esiste l’inflazione? É possibile diminuire la disoccupazione? Quali sono i rimedi per contenere i prezzi? Perché esistono Paesi ricchi e Paesi poveri? CERCA DI RISPONDERE L’ECONOMIA POLITICA

5 I bisogni Illimitatezza: crescono in rapporto diretto con il grado di sviluppo della realtà nella quale l’individuo vive; più elevato il numero dei beni e maggiore è il numero dei bisogni Soggettività: non tutti gli individui hanno le stesse necessità nel medesimo momento e con la stessa intensità; Saziabilità e risorgenza: L’intensità di un bisogno quando viene soddisfatto diminuisce fino a scomparire, per poi ripresentarsi di nuovo;

6 I bisogni possono essere: Primari o di necessità: mangiare, bere, vestirsi. Sono alla base della sopravvivenza; Secondari o di conforto: indossare un abito di qualità, leggere un libro, acquistare un’automobile. Sono beni che aumentano in rapporto al tenore di vita dell’individuo; di lusso: acquistare un gioiello: un auto di grossa cilindrata. Se non si riesce a soddisfarli non si avverte una privazione incolmabile. Individuali: avvertiti dall’uomo come singolo. Es. mangiare Collettivi: avvertiti dalla collettività. Es. ordine pubblico, giustizia

7 I beni Liberi: l’aria e la luce solare che sono illimitati e gratuiti Ma sono sempre stati gli stessi? L’aria è inquinata e la luce solare con la distruzione dello strato di ozono si sono deteriorati. L’ambiente, la società e lo sviluppo sono molto stretti e influenzano i nostri beni.

8 I caratteri dei beni economici Limitatezza: è scarso rispetto al fabbisogno umano e l’individuo deve sopportare un sacrificio per procurarselo; Utilità: perché é adatto a soddisfare un bisogno; Reperibilità: un bene dev’essere reperibile, cioè accessibile sia per la localizzazione, sia per il prezzo; UN BENE PER ESSERE ECONOMICO DEV’ESSERE DISPONIBILE IN QUANTITÀ LIMITATA, DEV’ESSERE REPERIBILE E IDONEO A SODDISFARE UN BISOGNO.

9 Tipi di beni

10 Servizi: prestazioni offerte dalla collettività che servono anche a soddisfare i bisogni Es. l’insegnante, il medico, il tassista, il bancario BENI + SERVIZI = RICCHEZZA Ricchezza intesa non come il contrario di povertà, ma come l’insieme di beni o di servizi di cui dispone una persona. Ex. fabbricati, beni di consumo, terreni sommano la ricchezza individuale; La ricchezza può essere intesa anche come patrimonio cioè, l’insieme di beni di cui un individuo dispone in un dato istante o reddito cioè, quello che affluisce a un soggetto sotto forma di denaro in un certo periodo di tempo, è la ricchezza dinamica.

11 Consumo: l’acquisto di beni e servizi necessari per soddisfare i bisogni; Risparmio: è dato dalla differenza tra il reddito percepito e il reddito consumato Investimento: consiste nell’acquisto di beni economici necessari per realizzare il processo produttivo

12 L’organizzazione dell’attività economica nel mondo antico L’economia di sussistenza: obiettivo principale è quello di soddisfare i bisogni essenziali per mantenersi e riprodursi; L’uomo primitivo raccoglieva i frutti spontanei della terra e praticava la pesca per avere il nutrimento minimo; Caratteristica essenziale: NOMADISMO ETÀ PALEOLITICA ( a.C.)

13 Età neolitica a.C. L’uomo scoprì 2 tecniche fondamentali: L’agricoltura e l’allevamento che gli consentirono di non dipendere più esclusivamente dalle risorse offerte spontaneamente dalla natura; RIVOLUZIONE AGRICOLA - prima rivoluzione economica perchè l’uomo divenne sedentario e questo favorì la diffusione dell’allevamento e la scoperta e lo sviluppo di altre attività (tessitura, molitura, ecc); Nascita delle prime comunità, strutturate in base alla differenziazione dei compiti; La divisione del lavoro avveniva in rapporto al sesso e all’età; Ciascun gruppo era autosufficiente e autonomo finché non si sono incontrate tribù dedite ad attività diverse (pastorizia, pesca, agricoltura) in grado di offrire beni differenti;

14 Così ha avuto origine il baratto, cioè lo scambio di un bene con un altro, senza l’uso della moneta. Età dei metalli: Rame: più antico utilizzato dall’uomo; Ferro: con consequente notevole sviluppo dell’agricoltura perchè gli attrezzi assunsero una struttura più consistente e la nascita di nuovi strumenti favorirono la nascita di altri mestieri

15 L’affermarsi della specializzazione del lavoro portò.. Le differenze economiche e la prima forma di distinzione in classi; Es. pastori e quelli che lavoravano i metalli; Lotte di conquista tra i diversi gruppi; gli agricoltori che volevano accaparrarsi i terreni più fertili, i pastori che volevano più terre; Da queste lotte, i vinti furono ridotti in schiavitù Gli schiavi erano privi della libertà e appartenevono al signore; vivevano in una condizione di oppressione; Gli scambi si intensificano e poco a poco il baratto fu superato dall’impiego della moneta, rappresentata per lo più da metalli pregiati (oro e argento)

16 Nella penisola italica…. Civiltà etrusca: popolo essenzialmente agricoltori e pastori che si dedicarono anche alla lavorazione dei metalli e dell’argilla; Civiltà romana: divisione in classi (patrizi - aristocrazia rurale); (plebei - maggior parte della popolazione che viveva in città); (schiavi)’ Nei primi secoli l’economia si basava prevalentemente sull’attività agricola; Col passare del tempo, fabbriche e imprese sono nate. A Roma hanno avuto origine le prime corporazioni di arti e mestieri (calzolari, orefici, tessitori) che si svilupperanno nel Medioevo; Crisi e l’avvio verso L’impero; Da Schiavi a Coloni a Servi della Gleba Spopolarsi delle città e declino dell'industria

17 Società feudale: dalla caduta dell’impero romano d’occidente (476 d.C.) alla scoperta dell’America (1492) Invasioni barbariche; Rigide divisione in classi: Nobili, Clero; Contadini; La società feudale era basata sulla agricoltura, e l’esono dalla campagne con la ripresa della vita in città contribuirono al cambiamente socio-economico di questo periodo; Nascita di nuove classi sociali: i salariati e la borghesia mercantile (mercanti che impiegarono i profitti derivanti dai traffici nell’acquisto di terre); Verso il secolo XII la moneta assume notevole valore e nascono le prime banche private

18 I sistemi economici moderni Cambiamente a causa della rivoluzione sociale tra i XVI e il XVII; Abolizione della schiavitù e del lavoro servile; Uomini riconosciuti liberi e uguali; Nascita del primo vero e proprio sistema economico: CAPITALISMO - con una concezione diversa in merito alla produzione, distribuzione e utilizzazione dei beni.

19 L’analisi del sistema economico Sistema economico: è l’insieme dei soggetti e delle relazioni cui danno origine gli stessi per risolvere i problemi della produzione e della distribuzione della ricchezza; Chi sono i soggetti del sistema economico: le famiglie, le imprese, lo Stato, il resto del mondo; I soggetti mettono in essere un insieme di relazioni economiche tra i soggetti: Produzione - chi deve produrre - che cosa produrre - come produrre; Distribuzione - per chi produrre

20 L’operatore famiglie Sotto il profilo economico la famiglia è un soggetto che compie delle scelte. Può essere un individuo o un insieme di persone; Come agisce nel sistema economico? Centro di offerta di lavoro; Centro di risparmio; Centro di altri beni capitali (terreni, fabbricati); Centro di consumo; LA FAMIGLIA È L’OPERATORE ECONOMICO CHE OFFRE LE PROPRIE RISORSE (LAVORO, CAPITALI, TERRENI, ECC) IN CAMBIO DI UN REDDITO CHE DESTINA IN PARTE AL CONSUMO E IN PARTE AL RISPARMIO

21 L’operatore imprese È il diretto interlocutore delle famiglie. Perché? Perché le imprese hanno bisogno di prestazioni lavorative (offerte dalla famiglie) e di capitali per effettuare investimenti e acquistare le risorse indispensabili per realizzare la produzione e offrire beni di consumo e di investimento; L’OPERATORE IMPRESE È UN CENTRO DI PRODUZIONE, CHE DOMANDA LAVORO E CAPITALI PER OFFRIRE BENI E SERVIZI

22 L’operatore Stato Le famiglie e le imprese per svolgere la loro attività hanno bisogno di operare in condizioni di sicurezza e in una realtà organizzata che solo lo Stato può garantire; Lo Stato offre servizi indispensabili come la difesa e la giustizia e garantisce l’ordine e la regolarità dei comportamenti economici e sociali; Lo Stato assicura servizi primari, coem l’istruzione, l’assistenza sanitaria, la previdenza, garantisce la giustizia sociale attraverso il soddisfacimento dei bisogni collettivi; LO STATO È IL SOGGETTO ECONOMICA CHE GARANTISCE OPERATIVITÀ AL SISTEMA ECONOMICO E CON IL SUO INTERVENTO PERSEGUE FINI SOCIALI;

23 L’operatore resto del mondo Non esistono sistemi economici completamente chiusi, ma ogni Paese intrattiene con gli altri rapporti di scambio di beni, servizi e capitali (importazioni ed esportazioni); L’OPERATORE RESTO DEL MONDO È L’INSIEME DEI PAESI ESTERI CON I QUALI LE FAMIGLIE, LE IMPRESE E LO STATO CHE FANNO PARTE DI UN CERTO SISTEMA ECONOMICO INTRATTENGONO RAPPORTI DI SCAMBIO


Scaricare ppt "Economia Politica È la scienza che studia l’attività umana nel comportamento economico e umano come relazione tra fini e mezzi scarsi suscettibili di usi."

Presentazioni simili


Annunci Google