La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Vincenzo Cremone. La chiesa è l’insieme di coloro che sono stati chiamati da Dio… prof. Vincenzo Cremone.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Vincenzo Cremone. La chiesa è l’insieme di coloro che sono stati chiamati da Dio… prof. Vincenzo Cremone."— Transcript della presentazione:

1 prof. Vincenzo Cremone

2

3 La chiesa è l’insieme di coloro che sono stati chiamati da Dio… prof. Vincenzo Cremone

4 …ad annunciare e testimoniare il vangelo di Gesù Cristo… prof. Vincenzo Cremone

5 …e a celebrare l’Eucarestia prof. Vincenzo Cremone

6 Il termine “Chiesa” può assumere vari significati Chiesa universale Chiesa locale (diocesi, città, parrocchia) Edificio Gerarchia prof. Vincenzo Cremone

7 La Chiesa nasce a Pentecoste 1 1 Mentre stava compiendosi il giorno della Pentecoste, si trovavano tutti insieme nello stesso luogo. 2 Venne all'improvviso dal cielo un fragore, quasi un vento che si abbatte impetuoso, e riempì tutta la casa dove stavano. 3 Apparvero loro lingue come di fuoco, che si dividevano, e si posarono su ciascuno di loro, 4 e tutti furono colmati di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, nel modo in cui lo Spirito dava loro il potere di esprimersi. (Atti degli Apostoli, cap 2) prof. Vincenzo Cremone

8 Immagini prof. Vincenzo Cremone

9

10

11

12

13

14

15 Letteratura La pentecoste di Alessandro Manzoni 21 giugno ottobre 1822 Madre de' Santi, immagine Della città superna; Del Sangue incorruttibile Conservatrice eterna; Tu che, da tanti secoli, Soffri, combatti e preghi, Che le tue tende spieghi Dall'uno all'altro mar;... … … … … … Quando su te lo Spirito Rinnovator discese, E l'inconsunta fiaccola Nella tua destra accese Quando, segnal de' popoli, Ti collocò sul monte, E ne' tuoi labbri il fonte Della parola aprì. Come la luce rapida Piove di cosa in cosa, E i color vari suscita Dovunque si riposa; Tal risonò moltiplice La voce dello Spiro: L'Arabo, il Parto, il Siro In suo sermon l'udì.... … … … … … prof. Vincenzo Cremone

16 Composta fra il giugno del 1817 ed il settembre del 1822, è l’inno sacro più importante perché riesce a rappresentare in modo completo l’unione dell’aspetto religioso e di quello umano, ed è il più poetico. L’inno si divide in tre parti: la prima (vv. 1-48) la seconda (vv ) la parte finale (vv ) è una solenne preghiera allo Spirito Santo perché continui a operare nel mondo. prof. Vincenzo Cremone

17 Il significato globale dell’Inno è che l’umanità, redenta dal Salvatore, non ha tuttavia la forza morale di conservare la Grazia: il corpo è debole e le tentazioni della terra sono tante, perciò occorre che il miracolo della Pentecoste, della discesa dello Spirito Santo in soccorso dell’umanità, si rinnovi quotidianamente. prof. Vincenzo Cremone

18 Ecclesiologia = studio sulla Chiesa o discorso attorno alla Chiesa prof. Vincenzo Cremone

19 Le immagini fondamentali Servono a descrivere la Chiesa L’origine delle immagini fondamentali della Chiesa è da ricercarsi nella S. Scrittura, in particolare nel Vangelo. Nel senso che è Gesù stesso a volerle per la sua Chiesa. prof. Vincenzo Cremone

20 Le immagini fondamentali Popolo di Dio Mistero-Sacramento di salvezza Corpo di Cristo Sposa di Cristo prof. Vincenzo Cremone

21

22 Mysterion Nella letteratura cristiana antica, Tertulliano è il primo autore che traduce il mysterion greco con il latino sacramentum Nel N. T. mistero-sacramento significa: non un segreto, ma l’azione salvifica di Dio nella storia, cioè nella storia dell’uomo. Dunque, il mistero nel N. T., più che una dottrina o verità è innanzitutto un evento: Dio Padre, che, in Gesù Cristo, suo Figlio, si rivela all’uomo e lo salva. = tacere prof. Vincenzo Cremone

23 C HIESA M ISTERO E S ACRAMENTO DI S ALVEZZA GRAZIA = dono gratuito dell’amore di Gesù Cristo SACRAMENTO = segno efficace della grazia CHIESA = Sacramento (segno) della presenza di CRISTO La Chiesa in questo mondo è il sacramento della salvezza, cioè il segno e lo strumento della comunione con Dio e degli uomini fra di loro. prof. Vincenzo Cremone

24 Natura della Chiesa Cristo è la luce delle genti, e questo sacro concilio, adunato nello Spirito santo, ardentemente desidera che la luce di Cristo, riflessa sul volto della chiesa, illumini tutti gli uomini annunziando il vangelo a ogni creatura (cf. Mc. 16, 15). E siccome la chiesa è in Cristo come sacramento, cioè segno e strumento dell'intima unione con Dio e dell'unità di tutto il genere umano, continuando l'insegnamento dei precedenti concili, intende con maggiore chiarezza illustrare ai suoi fedeli e al mondo intero la sua natura e la sua missione universale E siccome la chiesa è in Cristo come sacramento, cioè segno e strumento dell'intima unione con Dio e dell'unità di tutto il genere umano, continuando l'insegnamento dei precedenti concili, intende con maggiore chiarezza illustrare ai suoi fedeli e al mondo intero la sua natura e la sua missione universale. prof. Vincenzo Cremone

25

26 Le proprietà fondamentali della Chiesa sono quattro e sono tutte contenuto nel Simbolo o Credo Apostolica Una Santa Cattolica prof. Vincenzo Cremone

27 UNITÀ = la Chiesa è UNA: nella volontà di Cristo: “… siano tutti una cosa sola” (Gv 17,11); nell’esperienza originaria della comunione e dell’amore: “Erano un cuor solo e un’anima sola” (At 4,32). PROPRIETÀ FONDAMENTALI DELLA CHIESA Il modello è l’Unità - Diversità della TRINITÀ prof. Vincenzo Cremone

28 SANTITÀ = La Chiesa non è santa di per sé, non è lei stessa che si proclama e si fa santa, caratteristica oltretutto divina. È resa tale dalla morte di Cristo sulla croce e dal dono dello Spirito Santo. È Gesù che fa santa la Chiesa con la Sua santità e la fa santa perché l’ha salvata. Santo infatti nella Chiesa antica era sinonimo di salvato. La Chiesa è in permanente purificazione, continuo rinnovamento, in tensione verso la perfezione. PROPRIETÀ FONDAMENTALI DELLA CHIESA prof. Vincenzo Cremone

29 CATTOLICITÀ = catholicòs, cioè universale, oggi diremmo mondiale. La salvezza operata da Gesù è per tutti gli uomini, nessuno escluso. Perciò la Chiesa nella sua predicazione e nella sua estensione deve essere cattolica, cioè universale. UNIVERSALE, indica il dinamismo, il dilatarsi della Chiesa nel tempo e nello spazio. Raccoglie in sé la totalità delle chiese particolari PROPRIETÀ FONDAMENTALI DELLA CHIESA prof. Vincenzo Cremone

30 APOSTOLICITÀ = Gesù ha voluto la sua Chiesa “edificata sul fondamento [basamento] dei 12 Apostoli”, scelti personalmente da lui, che sono stati i suoi testimoni oculari: coloro cioè che lo hanno sentito predicare il Regno di Dio e compiere guarigioni e prodigi, e lo hanno visto Risorto, e sono stati poi da lui stesso mandati, incaricati cioè di continuare la sua missione dopo di lui. VESCOVI = successori degli apostoli. La Chiesa vive in continuità con gli apostoli e la loro predicazione PROPRIETÀ FONDAMENTALI DELLA CHIESA prof. Vincenzo Cremone

31


Scaricare ppt "Prof. Vincenzo Cremone. La chiesa è l’insieme di coloro che sono stati chiamati da Dio… prof. Vincenzo Cremone."

Presentazioni simili


Annunci Google