La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’arte barocca (dal sec. XVII alla metà del XVIII) Caravaggio, Bacco, 1596-1597, Galleria degli Uffizi, Firenze Il 600 fu il secolo della controriforma.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’arte barocca (dal sec. XVII alla metà del XVIII) Caravaggio, Bacco, 1596-1597, Galleria degli Uffizi, Firenze Il 600 fu il secolo della controriforma."— Transcript della presentazione:

1 L’arte barocca (dal sec. XVII alla metà del XVIII) Caravaggio, Bacco, , Galleria degli Uffizi, Firenze Il 600 fu il secolo della controriforma cattolica, in tutta Europa si combatterono numerose guerre in nome della fede, sconvolgendo i precedenti rapporti di potere. Tutto questo si tradusse nell'arte che si distaccò dal manierismo della fine del cinquecento per assumere caratteri nuovi. Il termine barocco viene applicato in senso dispregiativo all'arte del seicento già a partire dal XVIII secolo ad indicare un'arte esagerata e bizzarra. Soltanto in tempi moderni si è tolto a questo termine le sue valenze negative. Il 600 fu il secolo della controriforma cattolica, in tutta Europa si combatterono numerose guerre in nome della fede, sconvolgendo i precedenti rapporti di potere. Tutto questo si tradusse nell'arte che si distaccò dal manierismo della fine del cinquecento per assumere caratteri nuovi. Il termine barocco viene applicato in senso dispregiativo all'arte del seicento già a partire dal XVIII secolo ad indicare un'arte esagerata e bizzarra. Soltanto in tempi moderni si è tolto a questo termine le sue valenze negative.

2 L’arte barocca (dal sec. XVII alla metà del XVIII) Basilica della Collegiata a Catania, Stefano Ittar, 1768 L'arte di questo periodo, nata come risposta al protestantesimo, assunse un ruolo di grande importanza per la diffusione delle idee controriformiste e come mezzo per ricondurre il popolo alla dottrina cattolica. L'arte barocca aveva il compito di toccare direttamente l'animo della gente per mezzo di forme grandiose e monumentali. Caratterizzano lo stile barocco la ricerca del movimento, dell'energia, e della drammaticità delle opere attraverso i forti contrasti di luce e ombra sia delle sculture che delle pitture. Anche in architettura è evidente la ricerca del movimento attraverso superfici curve e ricche di elementi decorativi. L'arte di questo periodo, nata come risposta al protestantesimo, assunse un ruolo di grande importanza per la diffusione delle idee controriformiste e come mezzo per ricondurre il popolo alla dottrina cattolica. L'arte barocca aveva il compito di toccare direttamente l'animo della gente per mezzo di forme grandiose e monumentali. Caratterizzano lo stile barocco la ricerca del movimento, dell'energia, e della drammaticità delle opere attraverso i forti contrasti di luce e ombra sia delle sculture che delle pitture. Anche in architettura è evidente la ricerca del movimento attraverso superfici curve e ricche di elementi decorativi.

3 L’arte barocca: l’architettura Piazza S. Pietro, Roma L'architettura barocca si esprime mediante la monumentalità delle forme. Molte città in questo periodo assumono una diversa fisionomia: si creano nuovi assi viari abbattendo i vecchi quartieri medievali. I palazzi, le piazze vengono costruiti con un forte intento scenografico, mirando a destare nello spettatore stupore e ammirazione. Gli edifici dei nobili sono articolati in più corpi intorno ad un giardino adorno di giochi d'acqua, statue, viali e cascate che miravano con la loro spettacolarità ad autocelebrare la classe dominante. L'architettura barocca si esprime mediante la monumentalità delle forme. Molte città in questo periodo assumono una diversa fisionomia: si creano nuovi assi viari abbattendo i vecchi quartieri medievali. I palazzi, le piazze vengono costruiti con un forte intento scenografico, mirando a destare nello spettatore stupore e ammirazione. Gli edifici dei nobili sono articolati in più corpi intorno ad un giardino adorno di giochi d'acqua, statue, viali e cascate che miravano con la loro spettacolarità ad autocelebrare la classe dominante.

4 L’arte barocca: l’architettura Chiesa di Val-de-Grâce a Parigi, François Mansart, Per quanto riguarda le chiese, si prediligono la pianta centrale o a navata unica e coperture con grandiose cupole. La facciata ricoperta di sculture ha una funzione fortemente scenografica.

5 L’arte barocca: l’architettura Piazza S. Pietro, Roma Fra i maggiori architetti del periodo barocco vi fu Carlo Maderno che edificò il prolungamento della navata di San Pietro e ne completò la facciata.

6 L’arte barocca: l’architettura Francesco Borromini, (Bissone, 25 settembre 1599 Roma, 3 agosto 1667) Altro architetto di rilievo fu Francesco Castelli più conosciuto come Borromini, nacque a Bissone, sul lago di Lugano nel Giovanissimo si trasferì a Milano per studiare "l'arte del costruire". Giunto poi a Roma collaborò con Carlo Maderno e Gianlorenzo Bernini in Palazzo Barberini, a lui si devono alcuni interventi nella facciata posteriore e la scala ellittica. Alla morte di Maderno fu aiuto di Gianlorenzo Bernini nella costruzione del Baldacchino di San Pietro. Trovatosi da subito in contrasto con Bernini, cominciò la sua attività autonomamente con la realizzazione del progetto per la chiesa e il chiostro di San Carlo alle Quattro Fontane detta il San Carlino. Altro architetto di rilievo fu Francesco Castelli più conosciuto come Borromini, nacque a Bissone, sul lago di Lugano nel Giovanissimo si trasferì a Milano per studiare "l'arte del costruire". Giunto poi a Roma collaborò con Carlo Maderno e Gianlorenzo Bernini in Palazzo Barberini, a lui si devono alcuni interventi nella facciata posteriore e la scala ellittica. Alla morte di Maderno fu aiuto di Gianlorenzo Bernini nella costruzione del Baldacchino di San Pietro. Trovatosi da subito in contrasto con Bernini, cominciò la sua attività autonomamente con la realizzazione del progetto per la chiesa e il chiostro di San Carlo alle Quattro Fontane detta il San Carlino.

7 L’arte barocca: l’architettura Francesco Borromini, Chiesa di San Carlo alle Quattro Fontane a Roma, 1638 Tra le sue realizzazioni, ricordiamo la facciata di San Carlo alle Quattro Fontane. Il chiostro ha una pianta rettangolare con gli angoli smussati ad ospitare coppie di colonne, per cui il rettangolo si trasforma in ottagono con i lati ricurvi. Il motivo dell'alternanza fra forma concava e convessa in cui le superfici paiono dilatarsi e contrarsi, si ripete anche all'interno della chiesa che ha una pianta ellittica fatta di rientranze e sporgenze.

8 L’arte barocca: l’architettura Francesco Borromini, Chiesa di Sant’Ivo alla Sapienza a Roma, 1643 Tra il 1642 e il 1660 Borromini realizzò la chiesa di Sant'Ivo alla Sapienza. L'interno è a pianta centrale formato da due triangoli equilateri che si intersecano, e tre absidi e tre nicchie che si alternano, generando un motivo planimetrico che non era mai stato impiegato prima. Lo stesso equilibrio compositivo si può ritrovare all'esterno, nel tiburio che copre al cupola e nella lanterna.

9 L’arte barocca: l’architettura Spaccato assonometrico e vista dell’interno della Chiesa di Sant’Ivo alla Sapienza a Roma. Francesco Borromini, 1643

10 L’arte barocca: l’architettura Francesco Borromini, Chiesa di a Roma, Francesco Borromini, Chiesa di Sant'Agnese in Agone a Roma, Tra le sue ultime realizzazioni ricordiamo i lavori per la Tra le sue ultime realizzazioni ricordiamo i lavori per la Chiesa di Sant'Agnese in Agone sempre a Roma. Nel 1657 Innocenzo X decise di esonerare l'architetto dai suoi incarichi per i dissapori nati per la costruzione della chiesa di Sant'Agnese in piazza Navona. Da questo momento, cominciarono anni di crisi culminati col suicidio dell’artista avvenuto nel 1667 Tra le sue ultime realizzazioni ricordiamo i lavori per la Tra le sue ultime realizzazioni ricordiamo i lavori per la Chiesa di Sant'Agnese in Agone sempre a Roma. Nel 1657 Innocenzo X decise di esonerare l'architetto dai suoi incarichi per i dissapori nati per la costruzione della chiesa di Sant'Agnese in piazza Navona. Da questo momento, cominciarono anni di crisi culminati col suicidio dell’artista avvenuto nel 1667

11 L’arte barocca: La pittura Guercino, Apparizione di Cristo alla Madre, Cento, Pinacoteca, 1629 Estremamente varia e complessa ci appare la pittura dell'età barocca, la chiesa della controriforma divenne la principale committente per le opere di pittura. Puntando sulla forza persuasiva del bello, la chiesa trovò nell'arte il modo giusto per ricondurre il mondo cristiano alla fede poichè era in grado di influenzare le emozioni. In questo periodo perciò si intensificano le rappresentazioni di scene sacre soprattutto si dipingono quei soggetti che erano contestati dal pensiero riformatore, per esempio il culto di Maria In questo periodo perciò si intensificano le rappresentazioni di scene sacre soprattutto si dipingono quei soggetti che erano contestati dal pensiero riformatore, per esempio il culto di Maria. Estremamente varia e complessa ci appare la pittura dell'età barocca, la chiesa della controriforma divenne la principale committente per le opere di pittura. Puntando sulla forza persuasiva del bello, la chiesa trovò nell'arte il modo giusto per ricondurre il mondo cristiano alla fede poichè era in grado di influenzare le emozioni. In questo periodo perciò si intensificano le rappresentazioni di scene sacre soprattutto si dipingono quei soggetti che erano contestati dal pensiero riformatore, per esempio il culto di Maria In questo periodo perciò si intensificano le rappresentazioni di scene sacre soprattutto si dipingono quei soggetti che erano contestati dal pensiero riformatore, per esempio il culto di Maria.

12 L’arte barocca: La pittura per esempio il soffitto della chiesa di Sant'Ignazio a Roma dipinto da Andrea Pozzo nel quale figure reali ondeggiano nell'aria in sospensione tra cielo e terra creando un'effetto trompe d'oeil per esempio il soffitto della chiesa di Sant'Ignazio a Roma dipinto da Andrea Pozzo nel quale figure reali ondeggiano nell'aria in sospensione tra cielo e terra creando un'effetto trompe d'oeil. I Palazzi e le chiese furono decorati da immensi e grandiosi affreschi. Grande importanza fu data alla decorazione dei soffitti, i pittori barocchi, grazie alla maestria nell'uso della prospettiva riuscivano ad ampliare gli spazi architettonici creando spazi irreali che univano il cielo e la terra. I Palazzi e le chiese furono decorati da immensi e grandiosi affreschi. Grande importanza fu data alla decorazione dei soffitti, i pittori barocchi, grazie alla maestria nell'uso della prospettiva riuscivano ad ampliare gli spazi architettonici creando spazi irreali che univano il cielo e la terra.

13 L’arte barocca: La pittura Michelangelo Merisi detto Caravaggio, Vocazione di san Matteo, 1599, Cappella Contarelli nella chiesa di San Luigi dei Francesi, Roma Due erano le correnti artistiche nel seicento: quella naturalistica con Caravaggio e quella classicista dei Carracci. Caravaggio introdusse nei suoi dipinti la realtà di tutti i giorni; anche quando dipingeva soggetti religiosi, egli cercava la verità rappresentando le figure di Cristo, della Madonna, degli apostoli, utilizzando come modello persone comuni, come quelle che si potevano incontrare a quel tempo per le strade, facendole emergere da una luce particolare. Due erano le correnti artistiche nel seicento: quella naturalistica con Caravaggio e quella classicista dei Carracci. Caravaggio introdusse nei suoi dipinti la realtà di tutti i giorni; anche quando dipingeva soggetti religiosi, egli cercava la verità rappresentando le figure di Cristo, della Madonna, degli apostoli, utilizzando come modello persone comuni, come quelle che si potevano incontrare a quel tempo per le strade, facendole emergere da una luce particolare.

14 Caravaggio, Giuditta che decapita Oloferne,, Roma, Galleria Nazionale d'Arte Antica, Palazzo Barberini. Caravaggio, Giuditta che decapita Oloferne, , Roma, Galleria Nazionale d'Arte Antica, Palazzo Barberini. L’arte barocca: La pittura

15 Artemisia Gentileschi, Giuditta che decapita Oloferne, , Museo di Capodimonte, Napoli Questa pittura naturalista si diffuse ben presto in Italia nei primi venti anni del seicento, tra i più importanti rappresentanti ricordiamo pittori come Orazio Gentileschi e la figlia Artemisia, Bartolomeo Manfredi e Battistello Caracciolo Questa pittura naturalista si diffuse ben presto in Italia nei primi venti anni del seicento, tra i più importanti rappresentanti ricordiamo pittori come Orazio Gentileschi e la figlia Artemisia, Bartolomeo Manfredi e Battistello Caracciolo. L’arte barocca: La pittura

16 , Domine, quo vadis? ( ), National Gallery, Londra Annibale Carracci, Domine, quo vadis? ( ), National Gallery, Londra La scuola che si sviluppò intorno ai Carracci invece cerca di tornare ai principi di chiarezza, monumentalità ed equilibrio tipici del Rinascimento. Dei tre Carracci, Ludovico, Agostino e Annibale, fu quest'ultimo ad avere maggiore successo. Questo stile classicheggiante venne adottato da artisti come Guido Reni e Domenichino. La scuola che si sviluppò intorno ai Carracci invece cerca di tornare ai principi di chiarezza, monumentalità ed equilibrio tipici del Rinascimento. Dei tre Carracci, Ludovico, Agostino e Annibale, fu quest'ultimo ad avere maggiore successo. Questo stile classicheggiante venne adottato da artisti come Guido Reni e Domenichino. L’arte barocca: La pittura

17 La scultura barocca arricchiva l'interno e l'esterno di edifici e chiese e venivano usati numerosi tipi di materiale accostati in maniera diversa per ottenere effetti policromi: marmi di diversi tipi, stucchi dorati, bronzi, e grandi specchiere. L’arte barocca: La scultura Gian Lorenzo Bernini, Baldacchino di San Pietro, , Basilica di S.Pietro, Vaticano

18 L’arte barocca: La scultura Gian Lorenzo Bernini, David, , Galleria Borghese, Roma Il più importante scultore Barocco fu Gian Lorenzo Bernini abile nel lavorare il marmo conferendogli effetti di tensione drammatica e grande teatralità ottenuti attraverso i contrasti di chiaroscuro e l'illusione coloristica. Accanto alla grande produzione scultorea, da tenere in considerazione in questo periodo anche la produzione minore consistente in sculture per presepi in terracotta o legno e in statuette di porcellana. Il più importante scultore Barocco fu Gian Lorenzo Bernini abile nel lavorare il marmo conferendogli effetti di tensione drammatica e grande teatralità ottenuti attraverso i contrasti di chiaroscuro e l'illusione coloristica. Accanto alla grande produzione scultorea, da tenere in considerazione in questo periodo anche la produzione minore consistente in sculture per presepi in terracotta o legno e in statuette di porcellana.

19 Gian Lorenzo Bernini, Apollo e Dafne, marmo, 243 cm, , Galleria Borghese, Roma Il più importante scultore Barocco fu Gian Lorenzo Bernini abile nel lavorare il marmo conferendogli effetti di tensione drammatica e grande teatralità ottenuti attraverso i contrasti di chiaroscuro e l'illusione coloristica. Accanto alla grande produzione scultorea, da tenere in considerazione in questo periodo anche la produzione minore consistente in sculture per presepi in terracotta o legno e in statuette di porcellana. Il più importante scultore Barocco fu Gian Lorenzo Bernini abile nel lavorare il marmo conferendogli effetti di tensione drammatica e grande teatralità ottenuti attraverso i contrasti di chiaroscuro e l'illusione coloristica. Accanto alla grande produzione scultorea, da tenere in considerazione in questo periodo anche la produzione minore consistente in sculture per presepi in terracotta o legno e in statuette di porcellana. L’arte barocca: La scultura


Scaricare ppt "L’arte barocca (dal sec. XVII alla metà del XVIII) Caravaggio, Bacco, 1596-1597, Galleria degli Uffizi, Firenze Il 600 fu il secolo della controriforma."

Presentazioni simili


Annunci Google