La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lavoro di gruppo di: Basilio Sara e Minola Giulia Classe 2Dsc. 2013-2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lavoro di gruppo di: Basilio Sara e Minola Giulia Classe 2Dsc. 2013-2014."— Transcript della presentazione:

1 Lavoro di gruppo di: Basilio Sara e Minola Giulia Classe 2Dsc

2 Il ritiro dei ghiacciai costituisce un serio problema in quanto viene a ridursi nel tempo la scorta di acqua dolce che essi rappresentano. Questo è uno dei motivi per cui è molto importante capire perché l’estensione dei ghiacciai cambia nel tempo e prevedere la loro risposta in diversi scenari di cambiamento climatico. La reazione di un ghiacciaio a dei cambiamenti climatici è determinata da una complessa catena di processi. Cambiamenti delle condizioni atmosferiche (radiazione solare, temperatura dell'aria, precipitazioni, vento, nuvolosità, ecc) influenzano il bilancio di massa sulla superficie del ghiacciaio. Tale bilancio è rappresentato dalla differenza tra accumulo e ablazione. In periodi di tempo che vanno da anni a diversi decenni, i cambiamenti cumulativi nel bilancio di massa causano un cambiamento nel volume e nello spessore del ghiacciaio stesso. Questa conduce infine, dopo un certo lasso di tempo, a delle variazioni di lunghezza del ghiacciaio e quindi ad un avanzamento o ad un arretramento del fronte glaciale

3 Immagine del ghiacciaio di Pre de Bar (Valle d’Aosta). Immagine tratta dal Catasto Ghiacciai della Regione Valle d’Aosta (http://catastoghiacciai.re gione.vda.it/).http://catastoghiacciai.re gione.vda.it/

4 La qualità dell’aria nella città di Verbania viene monitorata attraverso una centralina di rilevamento sita presso l’asilo Gabardi in Via Filatoio, località S. Anna; essa è inserita nel Sistema regionale di rilevamento, coordinato dalla Regione Piemonte e gestito direttamente dall’ARPA

5 La Comunità Europea è stata tra i primi soggetti firmatari del Protocollo di Kyoto, che impegna i soggetti aderenti a ridurre progressivamente le emissioni di biossido di carbonio (CO 2 ) nell'atmosfera. La Direttiva europea si applica solo alla vendita di autovetture nuove (ovvero che non siano state precedentemente vendute, se non a fini di rivendita al dettaglio o a fini di distribuzione) appartenenti alla categoria M1 (veicoli a motore destinati al trasporto di persone aventi al massimo otto posti a sedere, oltre al sedile del conducente e con l’esclusione dei veicoli speciali e dei ciclomotori).

6 RAPPORTO ANNUALE DI LEGAMBIENTE SULLE CITTA’ Ecosistema urbano, vince Verbania Ultima Catania: il nord migliora, il sud perde terreno. Tra i parametri trasporti, depurazione, raccolta rifiuti IL CASO VERBANIA - Tornando in vetta alla classifica, Verbania dal 4° posto del 2008 si aggiudica il podio grazie a significativi miglioramenti nelle medie del Pm10, nell’ottima percentuale di raccolta differenziata che la conferma leader in Italia con il 72,8% di rifiuti raccolti in modo specifico, nelle emissioni di CO2 per passeggero del trasporto pubblico, nei metri quadrati di zone limitate al traffico veicolare. Si confermano poi nelle alte posizioni Belluno, vincitrice delle due precedenti edizioni e quest’anno al 2° posto, seguita da Parma (3ª), Bolzano (4ª) e Trento (6ª). Tra i comuni entrati da un paio di edizioni tra le eccellenze, si confermano Siena (5ª), Savona (7ª), La Spezia (8ª). Tra le new entry nella decina migliore impressiona il salto in avanti di Gorizia, che dalla 39ª postazione dello scorso anno sale alla decima.

7 Sabato 9 giugno, alle ore 14, si terrà a Baveno (VB) presso la sede della Camera di Commercio, un originale e stimolante convegno dal titolo "Cambiamenti climatici: prospettive per l'apicoltura e l'ambiente". L'iniziativa prende spunto dagli anomali comportamenti delle colonie d'api rilevati in questi ultimi anni a seguito dei mutamenti climatici, e vuole essere un'occasione di approfondimento e di riflessione sulle conseguenze che tali cambiamenti comportano in particolare sull'apicoltura, intesa non solo come produzione di miele ma per il ruolo essenziale di equilibrio ambientale e della produzione agricola.

8 Eco-Management and Audit Scheme (EMAS) è un sistema di certificazione della Comunità Europea al quale possono aderire volontariamente le organizzazioni (aziende, enti pubblici, ecc.) per valutare e migliorare le proprie prestazioni ambientali e fornire al pubblico e ad altri soggetti interessati informazioni sulla propria gestione ambientale. Scopo prioritario di EMAS è contribuire alla realizzazione di uno sviluppo economico sostenibile, ponendo in rilievo il ruolo e le responsabilità delle imprese. L'obiettivo di EMAS consiste nel promuovere miglioramenti continui delle pres tazioni ambientali delle organizzazioni anche mediante: 1)l'introduzione e l'attuazione da parte delle organizzazioni di un sistema di gestione ambientale; 2)l'informazione sulle prestazioni ambientali e un dialogo aperto con il pubbl ico ed altri soggetti interessati anche attraverso la pubblicazione di una dichiarazione ambientale.

9 Altea S.p.a. - Feriolo di Baveno Galvanoplast S.r.l. - Omegna Piemont Security S.r.l. - Gravellona Toce Hotel "Il Chiostro" - Verbania - per Opera Diocesana di Preservazione della Fede Hotel "Simplon" - Baveno - per Società Alberghi di Baveno Hotel "Splendid" - Baveno - per Società Alberghi Zacchera S.p.a. Hotel "La Palma" - Stresa - per SIAV S.r.l.

10


Scaricare ppt "Lavoro di gruppo di: Basilio Sara e Minola Giulia Classe 2Dsc. 2013-2014."

Presentazioni simili


Annunci Google