La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SITO DELL’ISTITUTO CHECK LIST RELAZIONE DI PRESENTAZIONE FASE 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SITO DELL’ISTITUTO CHECK LIST RELAZIONE DI PRESENTAZIONE FASE 1."— Transcript della presentazione:

1

2 SITO DELL’ISTITUTO CHECK LIST RELAZIONE DI PRESENTAZIONE FASE 1

3 Check list - Partire dalle singole voci della check list - Avvalersi delle esperienze fatte nell’IC - Analizzare i processi presenti e/o già a sistema - Renderli evidenti con la documentazione (evidenze)

4 Relazione di presentazione Sviluppare i punti relativi a -contesto territoriale - storia della scuola, sua strutturazione + dati n. iscritti -organigramma -processi didattici (apprendimenti) intrapresi a livello organizzativo per il miglioramento ( criteri formazioni classi, criteri valutazione, programmazione unitaria, schede di passaggio tra ordini di scuola, commissioni, progetti ….. HC, strumenti anche multimediali) dal POF -Corsi d’aggiornamento e criteri per scelta dei corsi e dei docenti -Rapporti col territorio (enti locali, associazioni), partecipazione a manifestazioni, attività in collaborazione con enti. Voce del manuale INTEGRAZIONE Esaminare le buone pratiche della Segreteria (SERVIZI) Mettere in evidenza l’innovazione, tratteggiare la figura del DS, la collaborazione dei docenti, non nascondere le resistenze (sono criticità) CORREDARE CON GRAFICI

5 LA RELAZIONE DEVE ESSERE… CHIARA ESAUSTIVA COERENTE… …E DEVE CONTENERE LO SVILUPPO DI TUTTI I REQUISITI S.A.P.E.R.I.

6 Sito dell’Istituto aggiornato di facile consultazione Sul sito gli auditor cercano le info che non trovano nella relazione e gli approfondimenti

7 Gli auditor possono telefonare alla scuola, senza farsi riconoscere, porre domande, richiedere informazioni (tecnica del mistery client)

8 Fase 3:l’audit L’audit non sanziona e non giudica il modo di far scuola …….. Il suo scopo è aiutare la scuola a migliorare a far prendere coscienza mettere ordine

9 COME SI PUO’ LAVORARE? - sottogruppi - secondo competenze Non è importante il numero dei componenti il gruppo ma necessaria disponibilità: prioritari il confronto continuo la cadenza ravvicinata degli incontri

10 DIFFICOLTA’ INCONTRATE - linguaggio comune - relazioni interpersonali - settorialità - resistenze del personale non coinvolto direttamente

11 Parole d’ordine: COLLABORAZIONE CONDIVISIONE ORGANIZZAZIONE - nel gruppo di lavoro -con i docenti dell’Istituto - con il personale ATA Chi si è già occupato di un’attività, la conosce meglio di chi non l’ha mai svolta

12 SERVE A QUALCOSA? SERVE A: - ANALIZZARE CIO’ CHE SI FA - ACQUISIRE UN METODO ORGANIZZATIVO (forma mentis) - VALORIZZARE LE RISORSE A livello pratico… AIUTA A CAPIRE QUAL E’ DELLA TUA SCUOLA

13 BUON LAVORO !

14 BARUFFALDI PATRIZIA MIATELLO DONATELLA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLANOVA D’ASTI


Scaricare ppt "SITO DELL’ISTITUTO CHECK LIST RELAZIONE DI PRESENTAZIONE FASE 1."

Presentazioni simili


Annunci Google