La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava: «Signore, il mio servo giace in casa paralizzato e soffre.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava: «Signore, il mio servo giace in casa paralizzato e soffre."— Transcript della presentazione:

1

2

3 In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava: «Signore, il mio servo giace in casa paralizzato e soffre terribilmente». Gesù gli rispose: «Io verrò e lo curerò». Ma il centurione riprese: «Signore, io non son degno che tu entri sotto il mio tetto, dì soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Perché anch'io, che sono un subalterno, ho soldati sotto di me e dico a uno: Va’, ed egli va’; e a un altro: Vieni, ed egli viene; e al mio servo: Fa’ questo, ed egli lo fa». All'udire ciò, Gesù ne fu ammirato e disse a quelli che lo seguivano: «In verità vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande. Ora vi dico che molti verranno dall'oriente e dall'occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli». In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava: «Signore, il mio servo giace in casa paralizzato e soffre terribilmente». Gesù gli rispose: «Io verrò e lo curerò». Ma il centurione riprese: «Signore, io non son degno che tu entri sotto il mio tetto, dì soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Perché anch'io, che sono un subalterno, ho soldati sotto di me e dico a uno: Va’, ed egli va’; e a un altro: Vieni, ed egli viene; e al mio servo: Fa’ questo, ed egli lo fa». All'udire ciò, Gesù ne fu ammirato e disse a quelli che lo seguivano: «In verità vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande. Ora vi dico che molti verranno dall'oriente e dall'occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli».

4 In Gesù Cristo, che per noi ha permesso che si trafiggesse il suo cuore, in Lui è comparso il vero volto di Dio. Lo seguiremo insieme con la grande schiera di coloro che ci hanno preceduto. Allora cammineremo sulla via giusta. Questo significa che non ci costruiamo un Dio privato, non ci costruiamo un Gesù privato, ma che crediamo e ci prostriamo davanti a quel Gesù che ci viene mostrato dalle Sacre Scritture e che nella grande processione dei fedeli chiamata Chiesa si rivela vivente, sempre con noi e al tempo stesso sempre davanti a noi.

5 Signore, viviamo il tempo delle maschere sommersi dal culto dell’immagine. Curiamo la nostra forma estetica, ma non ci preoccupiamo di ciò che sta nel cuore. Siamo adoratori di ciò che appare e incuranti di quello che interiormente siamo. Occupiamo un posto in chiesa, ma il cuore e la testa restano per la strada. Ci pavoneggiamo con le mani pulite e nascondiamo la sporcizia dell’anima.

6 Osserviamo la lettera della legge e inventiamo marchingegni per tradirla. Ma tu, Signore, continui a sopportarci: il tuo occhio ci penetra dentro e guarda il cuore divenuto un immondezzaio. E’ lì che vuoi condurci oggi a far pulizia: aiutaci ad avere il coraggio di buttar fuori il marcio che vive in noi per non essere più distanti dalla tua vita e dal tuo amore.

7 L’uomo, chiamato ad abbandonare una vita dominata dall’egoismo e dal consumismo, con l’aiuto dello Spirito ritrovi la vita da figlio di Dio, fondata sull’amore e sulla donazione agli altri.


Scaricare ppt "In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava: «Signore, il mio servo giace in casa paralizzato e soffre."

Presentazioni simili


Annunci Google