La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INCONTRIAMO GESU’ 1 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI Orientamenti per l’annuncio e la catechesi in Italia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INCONTRIAMO GESU’ 1 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI Orientamenti per l’annuncio e la catechesi in Italia."— Transcript della presentazione:

1 INCONTRIAMO GESU’ 1 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI Orientamenti per l’annuncio e la catechesi in Italia

2 INCONTRIAMO GESU’ Redatto è approvato dalla Commissione Episcopale per la dottrina della fede l’annuncio e la catechesi Sancito dal voto della 66° Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana E’ il frutto del lungo cammino svolto per delineare gli Orientamenti per l’annuncio e la catechesi in Italia 2 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI

3 …“Il nostro Vangelo, infatti, non si diffuse fra voi soltanto per mezzo della parola, ma anche con la potenza dello Spirito santo e con profonda convinzione … Sono essi infatti a raccontare come noi siamo venuti in mezzo a voi e come vi siete convertiti dagli idoli di Dio per servire il Dio vivo e vero …. 1Ts (1,5; 1,9) Il dinamismo dell’evangelizzazione in 1 Ts 1, CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI

4 4 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI La scelta di “accompagnare” i capitoli di Incontriamo Gesù con una piccola lectio dei primi due capitoli della prima lettera ai Tessalonicesi ha un duplice fine: Citazione, tratta dalla prima lettera ai Tessalonicesi, un testo che sin dal principio è stato scelto come «compagno di strada» nel cammino di questo documento →sia per la scrittura nella fase redazionale, →sia per la lettura nella stesura definitiva.

5 5 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI è teologico, quello cioè di mostrare, anche se solo in modo emblematico, come una riflessione sull’annuncio e la catechesi nel più ampio orizzonte dell’evangelizzazione non possa in alcun modo allontanarsi dalla Scrittura.. è ecclesiale: attraverso la citazione della Prima lettera ai Tessalonicesi si mostra come veramente l’evangelizzazione è strettamente connessa con l’identità della Chiesa, la sua natura più intima. 1° 2°

6 6 La necessità di un testo che potesse sostenere la riflessione e la progettazione della pastorale catechistica, Necessità degli Orientamenti CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI dopo un decennio di sperimentazioni diocesane e durante il cammino decennale su “Educare alla vita buona del Vangelo”, era avvertita da molti

7 7 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI L’ampia consultazione delle Conferenze Episcopali Regionali, avvenuta tra l’estate e l’autunno del 2013, ha sollecitato numerosi spunti di lavoro con significativi apporti. Il recentissimo magistero del Santo Padre Francesco, condensato nell’Esortazione Evangelii gaudium, ha offerto, molteplici riflessioni, che abbondantemente risuonano nel testo

8 8 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI A ormai cinquant’anni dalla chiusura del Concilio Vaticano II e a quasi altrettanti dal DB della catechesi (1970), i vescovi italiani presentano alle loro comunità i nuovi Orientamenti per il compito dell’annuncio e della catechesi. Questi cinquant’anni hanno segnato in Italia un cambiamento culturale e ne hanno radicalmente mutato il quadro rispetto alla fede.

9 9 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI Era dunque più che necessaria una parola di “riorientamento” del compito dell’evangelizzazione, essenziale per la comunità ecclesiale. Scartata l’ipotesi di rifare il DB, e anche quella (almeno per il momento) di riscrivere i catechismi per le diverse fasce di età, i vescovi italiani optano dunque per degli “orientamenti”.

10 10 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI Questa scelta è già una presa di posizione: il quadro del Documento Base viene riconfermato, ribadendo i grandi orientamenti conciliari; In continuità con il Documento Base.. questi Orientamenti non sono un «nuovo» Documento di Base (DB) che sostituisce il Rinnovamento della catechesi del 1970, e neppure una sua riscrittura…

11 11 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI È dunque importante leggere gli Orientamenti in questa prospettiva di “trasformazione in corso”, di fedeltà, e, dall’altra, allo Spirito che, come suo solito, ha già preso qualche falcata di vantaggio rispetto al concilio stesso, al DB e alla Chiesa italiana. da una parte, al Concilio e al Documento Base (che ne costituisce l’autorevole recezione nel campo della catechesi)

12 12 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI Solo in questa prospettiva gli Orientamenti possono essere colti nella loro intenzione di fondo, non sottovalutati e rettamente attuati. Se ne possono così capire e perdonare i limiti, propri della difficoltà di operare un discernimento lucido e una conseguente proposta operativa nitida quando non si è su un terreno stabile, ma su una barca in movimento.

13 13 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI Ma gli Orientamenti non confermano solo, ma arricchiscono e orientano il cammino. E questa prospettiva è chiara: l’impegno missionario ed evangelizzatore. …la “differenza” che essi introducono è una sola: di prospettiva.

14 14 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI l’evangelizzazione gli Orientamenti pongono l’evangelizzazione orizzonte e processo, come orizzonte e processo, Se il Documento Base affidava alla catechesi il compito di condurre le persone all’unità di “fede e vita” … e disegnano «non comunità in ansia per il numero dei partecipanti, ma una comunità impegnata a suscitare vite cristiane,..» (n. 19).

15 15 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI Si badi dunque bene al cambiamento del titolo: per il DB era il “Rinnovamento della catechesi”, per gli Orientamenti diventa “per l’annuncio e la catechesi”

16 16 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI È per questo che le forti sollecitazioni di papa Francesco contenute in Evangelii gaudium (una “Chiesa in uscita”) hanno trovato spazio frequentemente e naturalmente nel testo, confermandone e irrobustendone la prospettiva missionaria.

17 17 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI “conversione missionaria” Non è inutile, dunque, individuare, se pur brevemente, come questa “conversione missionaria” viene declinata e operativamente proposta. I quattro capitoli del testo lo lasciano chiaramente intuire.

18 18 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Il testo di «Incontriamo Gesù» presenta un indice assai semplice: La forma del verbo alla prima persona plurale sottolinea (come nei simboli di fede) dimensione ecclesiale la dimensione ecclesiale di questo incontro. Il Titolo «Incontriamo Gesù» esprime sinteticamente l’obiettivo dell’annuncio e della catechesi: “l’incontro di grazia con Gesù”. “l’incontro di grazia con Gesù”.

19 19 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Il tono non è celebrativo: da subito si mettono accanto ai motivi positivi anche i problemi, i problemi, le difficoltà, le inadempienze le inadempienze – nonché i ritardi – – nonché i ritardi – di questi decenni. Introduzione Assai breve, mostra scopo, contesto e destinatari di questi Orientamenti, nell’attuale contesto culturale e ecclesiale.

20 20 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI L’introduzione si conclude, però, grazie con un grazie per il cammino dell’evangelizzazione dal DB a oggi. …per chi “ha reso e rende possibile l’impegno dell’annuncio e della catechesi” …A tutti coloro che hanno operato il faticoso traghettamento da “una catechesi della dottrina cristiana” a una “catechesi per la vita cristiana”.

21 21 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI …cerca di contestualizzare nell’oggi l’azione evangelizzatrice. una sola espressione: L’invito ad abitare il clima culturale odierno in modo propositivo. Capitolo I “Abitare con speranza il nostro tempo. Un nuovo impegno di evangelizzazione”

22 22 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI segni di speranza missione …si è cercato di sottolineare maggiormente i “segni di speranza” considerando la «cultura contemporanea come via di missione e non solo come ostacolo», senza però tacere le “esigenze di conversione” (nn. 9-10).

23 23 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Il grande dono che la Chiesa riceve e offre è l’incontro vivo con Dio in Gesù Cristo; Egli parla nelle Scritture, è realmente presente nell’Eucaristia, e opera attraverso lo Spirito (IG 11) di qui l’impegno a far sorgere e vivere comunità che facciano della loro esperienza del Dio trinitario il centro del loro esistere.. Nei nn Si vuole poi contestualizzare il dinamismo della Fede

24 24 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI L’obiettivo di tale investimento è la formazione e l’assunzione del pensiero di Cristo (1Cor 2,16) secondo una bella espressione di San Massimo il confessore: “Pensare secondo Cristo e pensare Cristo attraverso tutte le cose”

25 25 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Nel n 12 si sottolinea il grande tesoro che è la fede: La fede delle nostre comunità, accolta e benedetta dal Signore, viene dalla sua grazia trasformata in un stile di presenza e di azione.. “La fede, non solo guarda a Gesù, ma dal punto di vista di Gesù, con i suoi occhi…”

26 26 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI La Chiesa del nostro tempo ha affinato gli strumenti grazie ai quali trasmettere la fede: il Catechismo della Chiesa Cattolica, il suo Compendio, il Direttorio Generale per la Catechesi, i Catechismi.. La cultura odierna ci provoca continuamente a “dire le ragioni” della nostra fede (IG 13)

27 27 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Al n 13 ci dicono i vescovi che rendere ragione della nostra fede significa condurre a “sapere Gesù”, cioè formare in noi una fede vissuta conforme al modo di pensare e di agire di Gesù. La sapienza della fede -alla cui formazione punta la catechesi – è molto più bella della fede pensata in modo critico. Essa è insieme sàperesapére, un sàpere e un sapére, un gustare e un comprendere, un sentire e un intendere…

28 28 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI orizzonte e processo Al n. 19 si descrive l’evangelizzazione come orizzonte e processo L’evangelizzazione è la proclamazione, da parte della Chiesa, del messaggio di salvezza con la Parola di Dio, con la celebrazione liturgica, con la testimonianza di vita. L’evangelizzazione in quanto orizzonte dell’azione della Chiesa e l’evangelizzazione in quanto processo.

29 29 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI orizzonte In quanto orizzonte, essa è, in sintesi, il dinamismo dell’agire ecclesiale: “USCIRE – FARE ESODO” processo In quanto processo, si può definire l’evangelizzazione in termini di annuncio del Cristo a coloro che lo ignorano. In tre momenti: “IL DIALOGO, L’ANNUNCIO E LA CATECHESI”

30 30 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Il n. 21 definisce la catechesi all’interno dell’azione evangelizzatrice come un momento essenziale. I contenuti fondamentali della catechesi (IG 22) si possono intravedere anche nel rimando ai quattro pilastri: IL SIMBOLO, I SACRAMENTI, IL DECALOGO, IL PDRE NOSTRO. Al primo annuncio, che ha la funzione di proclamare il Vangelo…., segue la catechesi che accompagna alla maturità di fede.

31 31 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Il n. 27 dal titolo «Sapere Gesù» è un paragrafo nodale perché riassume tutto il movimento dell’azione evangelizzatrice. Il n. 28 ribadisce con forza..: comunità cristiana. l’opera dell’annuncio e della catechesi è espressione – prima ancora di persone preparate per questo servizio – dell’intera comunità cristiana. Il n. 23 La catechesi a servizio dell’IC Il n. 24 Catechesi per e con gli adulti Il n. 25 la catechesi per e con i giovani

32 32 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI  un serio monitoraggio sul territorio del Battesimo dei bambini e del successivo coinvolgimento delle famiglie ai percorsi di IC  l’esigenza di un progetto catechistico diocesano  la condivisione tra parrocchie.. di esperienze di annuncio e catechesi  il collegamento stabile dell’UCD con referenti territoriali Il n. 30 sottolinea che l’importanza dell’orizzonte e del processo di evangelizzazione richiede una costante verifica, tenendo conto di alcuni criteri:

33 33 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI Si affronta in modo più specifico il Primo annuncio, la sua fisionomia, le sue caratteristiche e alcune attenzioni metologiche. Capitolo II “Annunciare il Vangelo di Gesù. Il coraggio del primo annuncio”  sia a chi non ha ancora incontrato il Signore Gesù,  sia a chi è cristiano per tradizione. Il capitolo integra decisamente quanto maturato in questi anni: la consapevolezza che il Vangelo va annunciato Quindi tempo di primo annuncio e di “secondo primo annuncio”

34 34 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Il contenuto di questo “primo annuncio” è ripreso dalle semplici e profonde parole di Papa Francesco: “Gesù ti ama, ha dato la sua vita per salvarti, e adesso è vivo al tuo fianco ogni giorno, per illuminarti, per raffozarti, per liberarti”. (EG 164)

35 35 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Nel n. 35 si definisce il primo annuncio: “metodo “ pastorale. Come cristiani, consapevoli del dono ricevuto, occorre farsi prossimi di chi non crede o non vive la pratica religiosa: “USCIRE - ANDARE”

36 36 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Nei nn : “Il Primo Annuncio offerta di compagnia e speranza” “Essere figli” “Essere cercatori” “Riscoprirsi amanti e amati” “Essere appassionati e compassionevoli” “Scoprirsi fragili” si cercano di tratteggiare quelle «soglie» attraverso le quali si può concretamente operare una “pastorale di annuncio”.

37 37 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Il capitolo si conclude con delle Proposte pastorali (così anche il III e il IV capitolo) tra le quali i “Laboratori sull’annuncio. Non si tratta di costruire nuove strutture pastorali ma di assumere il modello laboratoriale che ha come caratteristca principale “quella di produrre facendo, sperimentando…

38 38 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Cercando di evidenziare in tali iniziative:  a quali condizioni un annuncio di fede sia in grado di toccare il cuore;  in quale modo tenere conto della realtà socio-religiosa di un territorio;  quali tratti della figura di Gesù e del suo messaggio vadano evidenziati come essenziali;  quali strumenti siano più adatti per un Primo Annuncio della fede.

39 39 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Capitolo III “Iniziare, accompagnare e sostenere l’esperienza di fede. Il cammino della IC” “L’Iniziazione cristiana” non è una delle tante attività della comunità cristiana, ma l’attività che qualifica l’esprimersi proprio della Chiesa nel suo essere inviata a generare alla fede e realizzare se stessa come madre.” La Chiesa si mostra madre proprio in quanto genera alla vita di Dio e alla fede cristiana… (IG 47)

40 40 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Questa convinzione ha spinto i Vescovi a dare un ampio spazio negli Orientamenti all’Iniziazione Cristiana collegandola sin dai primi numeri al fermento catechistico-pastorale di questi ultimi anni che ha visto diverse diocesi impegnate in entusiastiche sperimentazione capaci di rinnovare l’ardore per la generazione/ rigenerazione della fede.

41 41 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Gli Orientamenti (IG 53), infatti, intendono raccogliere queste esperienze per rilanciarne, a livello nazionale, i buoni frutti La preoccupazione dei vescovi, allora, non è quella di “omologare” le tante ricchezze presenti nelle Chiese locali/parrocchiali, ma di scandire una grammatica comune per tutte le diocesi.

42 42 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI In questi anni, dentro la proposta di un’autentica conversione missionaria, le nostre diocesi hanno avviato un vero e proprio cammino di rinnovamento della propria modalità di annuncio proponendo un cammino a “ispirazione catecumenale” (IG 52)

43 43 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI La rivisitazione dell’IC secondo la logica del catecumenato antico comporta:  la presa in carico di una fase di “prima evangelizzazione” previa all’educazione alla fede per i fanciulli/ragazzi, per favorire in loro l’initium fidei…;  il passaggio da uno stile verbale a una circolazione armoniosa tra le tre dimensioni del comprendere, celebrare e vivere;

44 44 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI  il mettere in gioco le varie dimensioni della persona;  la percezione dell’IC non come iniziazione ai sacramenti ma iniziazione alla vita cristiana attraverso i sacramenti.

45 45 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI La logica catecumenale inoltre richiede la promozione del “secondo annuncio” per genitori, le famiglie in genere e gli operatori pastorali. Se a ogni “passaggio di vita” corrisponde un “passaggio di fede, allora è necessario sempre un nuovo annuncio e una nuova adesione a Cristo.

46 46 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Molti genitori, familiari e operatori pastorali in genere, che frequentano la parrocchia con regolarità, in maniera sporadica o solo nei passaggi veloci della vita sono stati già iniziati alla vita di fede. Anche se non conoscono bene il cristianesimo e la Chiesa, danno la fede per scontata oppure ne hanno una rappresentazione parziale, confusa e distorta.

47 47 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Per loro è opportuno parlare di “secondo annuncio” e non di primo annuncio in quanto non sono tabula rasa I percorsi a “ispirazione catecumenale” intendono offrire ai genitori, […] delle proposte che tentano di riavviare la loro fede, consapevoli che hanno un loro vissuto che va:  considerato,  lasciato esprimere  e rielaborato

48 48 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI La stessa sensibilità missionaria (IG n. 59) muove ad avviare o consolidare percorsi di pastorale  per fidanzati,  pre e post battesimale,  e da zero a sei anni, paralleli o parte integrante di quelli di completamento dell’IC. Proposte pastorali

49 49 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI e di legare la famiglia alla comunità ecclesiale (e viceversa) La pastorale pre e post battesimale tenta di colmare il vuoto tra celebrazione del battesimo e l’inizio tradizionale dell’IC

50 50 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Attraverso momenti comunitari in ordine alla celebrazione, alla pastorale delle giovani famiglie e dei loro figli piccoli. Accompagnare queste giovani coppie al risveglio della loro fede, alla riscoperta del sacramento del matrimonio e della loro appartenenza alla chiesa;

51 51 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI I vescovi ritengono essenziale il coinvolgimento delle famiglie nell’IC dei figli per un duplice motivo: 1.La loro responsabilità nella loro trasmissione della fede ai figli 2.L’opportunità offerta dalla comunità per essere re-iniziati alla fede…

52 52 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Gli Orientamenti (IG 54) chiedono alle comunità un azione più incisiva e “corale” Innanzitutto invitando  quelle che hanno già iniziato a proseguire sul cammino di riflessione/sperimentazione dei nuovi percorsi;  mentre quelle che hanno difficoltà a intraprendere con coraggio la via del rinnovamento.

53 53 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Al n. 61 inoltre, riguardo la problematica dell’ordine dei sacramenti,  invitano a salvaguardare l’unità dei sacramenti, ricordando che si è battezzati in ordine all’Eucarestia  e a compiere scelte omogenee almeno all’interno delle Conferenze episcopali regionali.

54 54 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Capitolo IV “Testimoniare e narrare. Formare servitori del Vangelo” Vi è bisogno di innalzare la consapevolezza del compito missionario di ogni battezzato, chiamato a comunicare il vangelo negli ambiti della vita ordinaria e di sviluppare figure di evangelizzatori per destinatari e contesti sempre più differenziati....in questo scenario continuano a svolgere un ruolo di primaria importanza i catechisti

55 55 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Per questa ragione c’è bisogno che i catechisti […] siano sostenuti attraverso una formazione che li renda sempre più capaci di svolgere adeguatamente il compito a cui sono chiamati. Una formazione coerente con la fisionomia del catechista: TESTIMONE EDUCATORE ACCOMPAGNATORE (IG 76)

56 56 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI “I catechisti non si dispongono da soli al servizio del Vangelo, ma rispondono liberamente a una vocazione…” Al n. 77 viene sottolineata la delicatezza della scelta delle persone per questo ruolo. I parroci e i loro collaboratori dovranno suscitare disponibilità a servizio dell’annuncio e della catechesi da parte di coppie di sposi, laici e laiche Un discernimento in ordine a tale chiamata e al tipo di servizio all’evangelizzazione, e pertanto indispensabile …

57 57 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Quanto alla “ministerialità dei catechisti” (IG n. 78) il Consiglio Episcopale permanente ha inteso, per così dire, rafforzare il Mandato del Vescovo, che non dovrebbe essere generico, o episodico.

58 58 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Anche per i padrini/madrine si propone una scelta, rafforzando questa figura e lasciando come «testimoni» del rito altre persone scelte dalla famiglia che non hanno i requisiti canonici per svolgere il ruolo di padrini/madrine (cf. n. 70). Su questi ultimi due aspetti c’è stato ampio dibattito nell’Assemblea generale CEI dello scorso mese di maggio.

59 59 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Quanto alla “formazione dei catechisti” (IG n. 79) viene evidenziato il fatto negli ultimi anni si sono verificati cambiamenti significativi : A livello più propriamente catechetico, appaiono rilevanti soprattutto i processi che hanno portato a considerare la catechesi in primo luogo come atto relazionale, educativo e comunicativo.

60 60 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Ne sono parte:  la dimensione missionaria;  la scelte di ispirarsi al modello catecumenale;  la premura nel mettere al centro le persone e gli ambiti in cui si svolge la loro vita;  l’armonia dei linguaggi della fede, da quello biblico-narrativo a quello liturgico, artistico- simbolico, esistenziae;

61 61 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Gli obiettivi nella formazione dei catechisti (IG 81) sono fondamentalmente due: 1)DISCEPOLI Maturare identità cristiane adulte – veri discepoli del Signore, testimoni del suo amore 2) COMUNICATORI Formare persone con competenza specifica nella comunicazione della fede.

62 62 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI 1) ESSERE Sottolinea la maturazione di una vera identità cristiana; 2) SAPERE Intelligenza integrale dei contenuti della fede; 3) SAPER FARE Concerne l’acquisizione di una mentalità educativa…(appartenenza alla comunità, di animare il gruppo, e di lavorare in equipe); 4) SAPERE STARE Rinvia alla sfera relazionale (il cuore del catechista vive sempre questo movimento di “sistole- diastole…” Papa Francesco) Nel n. 82 i vescovi sottolineano le quattro dimensioni formative.

63 63 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Per rispondere ai bisogni formativi del catechista e dell’evangelizzatore è importante tenere presente alcuni principi guida: La parte finale del capitolo IV si occupa del profilo degli Uffici diocesani, regionali, nazionale. 1.della formazione integrata 2.della formazione focalizzata 3.della formazione laboratoriale 4.della formazione collaborativa

64 64 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI La Conclusione è breve e vuole sintetizzare nell’ambito della comunità domenicale l’impegno di evangelizzazione e catechesi. evangelizzazione e catechesi. Conclusione

65 65 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Punti di forza del testo Le sette dimensioni fondamentali che caratterizzano gli Orientamenti: 1)Un chiaro riferimento all’evangelizzazione in quanto orizzonte e processo; 2) Il primo annuncio che vuole illuminare il cuore dell’uomo nei passaggi fondamentali e critici della vita;

66 66 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI 3) L’assoluta precedenza della catechesi e della formazione cristiana degli adulti; 4) La centralità della comunità nel processo di discernimento e progettazione dell’educazione nella fede; 5) L’ispirazione catecumenale; 6) La formazione dei catechisti e – in forma curriculare e permanente- la formazione dei presbiteri e dei diaconi; 7) La proposta mistagogica.

67 67 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI Cinque sottolineature fondamentali presenti negli Orientamenti 1. L’invito all’ascolto/lettura della Scrittura nella Chiesa; 2. La dimensione kerigmatica, in chiave fortemente cristocentrica, dell’annuncio ed anche della catechesi

68 68 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI 3.L’attenzione a GS 11 nel discernimento sul contesto socio culturale odierno operato dal documento, indicando nei segni di speranza, “i veri segni della presenza o del disegno di Dio” nella storia. 4.La proposta che i padrini e le madrine (Orientamenti n. 70) siano figure veramente «scelte, qualificate e valorizzate». 5. Il valore del Mandato del Vescovo (Orientamenti n. 78), che esprime la ministerialità peculiare dei catechisti.

69 L’elaborazione di queste diapositive è stata ispirata dal testo Incontriamo Gesù ANNUNCIO E CATECHESI IN ITALIA ALLA LUCE DEGLI ORIENTAMENTI NAZIONALI UCN Vostra nella preghiera Liliana Consiglio 69 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI E LA CATECHESI

70 70 Centro per l’evangelizzazione e la catechesi


Scaricare ppt "INCONTRIAMO GESU’ 1 CENTRO PER L'EVANGELIZZAZIONE E LA CATECHESI LA CATECHESI Orientamenti per l’annuncio e la catechesi in Italia."

Presentazioni simili


Annunci Google