La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Siamo ANCORA sensibili di fronte alle ingiustizie della vita? La domanda che Dio ci rivolgerà non sarà: “A quale gruppo appartieni?” Ma… Che cosa hai.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Siamo ANCORA sensibili di fronte alle ingiustizie della vita? La domanda che Dio ci rivolgerà non sarà: “A quale gruppo appartieni?” Ma… Che cosa hai."— Transcript della presentazione:

1

2

3 Siamo ANCORA sensibili di fronte alle ingiustizie della vita? La domanda che Dio ci rivolgerà non sarà: “A quale gruppo appartieni?” Ma… Che cosa hai fatto della Mia tenerezza,della capacità di amare, della mia Vita che ti avevo affidato per seminare l’amore, per creare la vita?

4 Ci troveremo di fronte alla verità di ciò che siamo. (Mt 24,26-51) In rapporto a ciò che eravamo chiamati ad essere

5 “Nell’ultimo giorno non accadrà la stessa cosa per il giusto come per l’ingiusto” (2 Cor 5,10) In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno sono di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me. Gesù

6 Un “giudizio” ci sarà e la Bibbia ce lo dice… “Tutti dobbiamo comparire davanti al tribunale di Dio,per ricevere ciascuno la ricompensa delle opere compiute quando era nel corpo,sia in bene che in male ” (2Cor 5,10)

7 “…non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo (Gv 12,47)

8 Il più grande peccato è non credere nelle energie della risurrezione (Isacco di Ninive) L’uomo ha la possibilità di rifiutare Dio e il suo amore, ma le braccia di Gesù restano sempre spalancate, pronte ad accogliere chi si lascia attrarre da Lui” (CVMC n 31)

9 CCC 1021-1022 DUE I GIUDIZI

10 “Figlioli non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e nella verità” (1Gc3,18)

11 L’AMORE: un atteggiamento, un sentire, una modalità di comportamento che “appartiene a ciascuno” Nessun criterio di fede dottrinale viene richiesto

12 Saremo giudicati sull’AMORE “Siate misericordiosi come è misericordioso il Padre vostro ”(Lc 6,36). “Andate e imparate che cosa significhi: voglio la misericordia e non il sacrificio” Mt 9,13

13 1.dar da mangiare agli affamati 2.dar da bere agli assetati 3.vestire gli ignudi 4.alloggiare i pellegrini 5.visitare gli infermi 6.visitare i carcerati 7.seppellire i morti 1.consigliare i dubbiosi 2.insegnare agli ignoranti 3.ammonire i peccatori 4.consolare gli afflitti 5.perdonare le offese 6.sopportare pazientemente le persone moleste 7.pregare Dio per i vivi e per i morti

14 Solo la carità salverà il mondo

15 Siamo chiamati a una solidarietà concreta e ad uno stile di vita sobrio E c’è fame … di sorrisi, di dialogo, di accoglienza

16 Siamo responsabili della distribuzione universale di questo essenziale bene per la vita della terra Siamo responsabili di quella sete di Dio presente nel cuore di ogni uomo: noi offriamo, a volte, acqua intorbidata dal peccato.

17 Ma c’è anche un senso del pudore da educare e proteggere ed una crescita culturale e professionale da promuovere C’è chi si trova nell’impossibilità di difendersi dal freddo…

18 I pellegrini del nostro tempo si chiamano emigranti e immigrati Non sono solo portatori di “bisogno” ma portatori di “valori”. Sono ricchezza per la comunità che li accoglie

19 Alberga anche in noi la logica che “l’ammalato prima scompare e meglio è”?

20 Liberare da… cattivi maestri, fragilità educative, soprusi, maldicenze, individualismi… dalla solitudine


Scaricare ppt "Siamo ANCORA sensibili di fronte alle ingiustizie della vita? La domanda che Dio ci rivolgerà non sarà: “A quale gruppo appartieni?” Ma… Che cosa hai."

Presentazioni simili


Annunci Google