La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di formazione sull‘ I. C. F (Classificazione Internazionale del Funzionamento della disabilità, e della salute) Ancona 30 Marzo 2012 Dott. Angelo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di formazione sull‘ I. C. F (Classificazione Internazionale del Funzionamento della disabilità, e della salute) Ancona 30 Marzo 2012 Dott. Angelo."— Transcript della presentazione:

1 Corso di formazione sull‘ I. C. F (Classificazione Internazionale del Funzionamento della disabilità, e della salute) Ancona 30 Marzo 2012 Dott. Angelo Di Mattia Responsabile P. O. Sviluppo Attività Formative Scuola Regionale di Formazione della P. A.

2 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F Dai tavoli tecnici regionali emerge la necessità di uniformare la modulistica utilizzata dai servizi per l’individuazione della disabilità, la stesura della Diagnosi Funzionale e del Progetto Educativo Individualizzato, con iI Sistema I.C.F. quale nuovo modello di riferimento per la classificazione della salute e degli stati ad essa correlati assunto dall’O.M.S.

3 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F Con deliberazione della Giunta regionale n. 227 del – vengono approvati: la nuova modulistica, redatta sulla base dell’ICF, che i servizi preposti debbono utilizzare, il protocollo di intesa regionale e uno provinciale che deve essere sottoscritto tra gli enti competenti l'avvio di un corso di formazione sull’ICF per tutti gli operatori coinvolti Con deliberazione della Giunta regionale n. 227 del – vengono approvati: la nuova modulistica, redatta sulla base dell’ICF, che i servizi preposti debbono utilizzare, il protocollo di intesa regionale e uno provinciale che deve essere sottoscritto tra gli enti competenti l'avvio di un corso di formazione sull’ICF per tutti gli operatori coinvolti

4 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F necessità quindi: definire un progetto formativo sull'utilizzo dell'I.C.F. per gli “Operatori” delle U.M.E.E. distrettuali e dei Centri privati accreditati che ne svolgono le funzioni, delle Scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado della Regione e degli Ambiti Territoriali Sociali da realizzare per il tramite della Scuola di formazione del personale regionale. necessità quindi: definire un progetto formativo sull'utilizzo dell'I.C.F. per gli “Operatori” delle U.M.E.E. distrettuali e dei Centri privati accreditati che ne svolgono le funzioni, delle Scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado della Regione e degli Ambiti Territoriali Sociali da realizzare per il tramite della Scuola di formazione del personale regionale.

5 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F Obiettivo da perseguire Utilizzare il modello per la diagnosi funzionale, secondo l'I. C. F per tutti i nuovi utenti e per gli utenti già in carico, nel corso del passaggio da un grado all'altro della scuola.

6 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F IL PROGETTO DI FORMAZIONE SULL’ I. C. F. ( Classificazione internazionale del Funzionamento,della Disabilità e della Salute) DESTINATARI Interessati alla partecipazione sono gli Operatori Sanitari delle U.M.E.E., gli Operatori Sociali degli Enti Locali e gli Insegnanti di sostegno delle Scuole della Regione come di seguito indicati: A) n. 570 Insegnanti di Sostegno B) n. 390 = Operatori delle Unità Multidisciplinari per l’Età Evolutiva pubbliche e private (psicologi, neuropsichiatri infantili,assistenti sociali, pedagogisti, terapisti della riabilitazione, logopedisti) C) n. 30 Operatori dei Comuni e delle Comunità montane TOTALE PARTECIPANTI PREVISTI: 1000

7 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F OBIETTIVI GENERALI /FINALITÀ DELL’INTERVENTO: Assicurare a livello regionale una formazione comune a tutti gli operatori, volta alla condivisione delle logiche, delle metodologie e degli strumenti relativi alla integrazione scolastica degli alunni con disabilità, secondo i nuovi criteri dell’ ICF ; Uniformare e promuovere a livello regionale, l’utilizzo da parte degli Operatori delle UMEE della “modulistica” per la stesura della Diagnosi Funzionale, redatta, come previsto dall’Intesa Stato – Regioni del 20 marzo 2008, secondo i criteri dell’ICF. OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCITIVI Condivisione Quadro Generale ICF/OMS Conoscenza della Logica, della Metodologia, degli Strumenti I.C.F. Condivisione delle Linee Guida ICF regionali OBIETTIVI OPERATIVI SPECIFICI Pratica e padronanza degli strumenti ( utilizzo, applicazione e loro uso) OBIETTIVI GENERALI /FINALITÀ DELL’INTERVENTO: Assicurare a livello regionale una formazione comune a tutti gli operatori, volta alla condivisione delle logiche, delle metodologie e degli strumenti relativi alla integrazione scolastica degli alunni con disabilità, secondo i nuovi criteri dell’ ICF ; Uniformare e promuovere a livello regionale, l’utilizzo da parte degli Operatori delle UMEE della “modulistica” per la stesura della Diagnosi Funzionale, redatta, come previsto dall’Intesa Stato – Regioni del 20 marzo 2008, secondo i criteri dell’ICF. OBIETTIVI SPECIFICI CONOSCITIVI Condivisione Quadro Generale ICF/OMS Conoscenza della Logica, della Metodologia, degli Strumenti I.C.F. Condivisione delle Linee Guida ICF regionali OBIETTIVI OPERATIVI SPECIFICI Pratica e padronanza degli strumenti ( utilizzo, applicazione e loro uso)

8 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F RISULTATI ATTESI conoscenza e condivisione del progetto ICF (Internazionale, Nazionale e Regionale) conoscenza e condivisione delle metodologie e dei relativi strumenti capacità operativa di applicazione e uso degli strumenti/schede ICF

9 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F METODOLOGIA Dal punto di vista didattico l’attività verrà realizzata: in modalità d’aula, dove verranno affrontati i vari temi seguiti da discussione con docenti esperti nelle varie materie e prassi con restituzione finale casi/casistica. In modalità a distanza, per sostenere l’utilizzo e la verifica dell’applicazione degli strumenti. Lavori di gruppo con tutor e/o docente con esercitazioni volte alla produzione finale delle schede ICG debitamente interpretate e compilate nelle diverse tipologie di casi. METODOLOGIA Dal punto di vista didattico l’attività verrà realizzata: in modalità d’aula, dove verranno affrontati i vari temi seguiti da discussione con docenti esperti nelle varie materie e prassi con restituzione finale casi/casistica. In modalità a distanza, per sostenere l’utilizzo e la verifica dell’applicazione degli strumenti. Lavori di gruppo con tutor e/o docente con esercitazioni volte alla produzione finale delle schede ICG debitamente interpretate e compilate nelle diverse tipologie di casi.

10 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F LOGICA FORMATIVA: -“Unificazione dei linguaggi” e “continuità metodologica” (mediante moduli comuni e moduli specifici) - formazione base comune per tutti gli operatori - formazione specifica solo per i “codificatori” MODELLO ORGANIZZATIVO DEL PERCORSO FORMATIVO CON GIORNATE FORMATIVE DI 7 ORE CIASCUNA: - MODULO A) APERTURA (1 g.f. comune a tutti gli operatori ) – MODULO B) AULA (2 g.f. a edizione comune a tutti gli operatori) – MODULO C) Tutoraggio a Distanza (solo per i codificatori) – MODULO D) AULA (1 g.f. di restituzione solo per i codificatori) PARI A UN TOTALE DI 4 GIORNATE FORMATIVE (+ Tutoraggio a Distanza per codificatori.) Per un totale pari a : 30 edizioni; 50 giornate formative; 350 ore. ACCREDITAMENTO ECM - LOGICA FORMATIVA: -“Unificazione dei linguaggi” e “continuità metodologica” (mediante moduli comuni e moduli specifici) - formazione base comune per tutti gli operatori - formazione specifica solo per i “codificatori” MODELLO ORGANIZZATIVO DEL PERCORSO FORMATIVO CON GIORNATE FORMATIVE DI 7 ORE CIASCUNA: - MODULO A) APERTURA (1 g.f. comune a tutti gli operatori ) – MODULO B) AULA (2 g.f. a edizione comune a tutti gli operatori) – MODULO C) Tutoraggio a Distanza (solo per i codificatori) – MODULO D) AULA (1 g.f. di restituzione solo per i codificatori) PARI A UN TOTALE DI 4 GIORNATE FORMATIVE (+ Tutoraggio a Distanza per codificatori.) Per un totale pari a : 30 edizioni; 50 giornate formative; 350 ore. ACCREDITAMENTO ECM -

11 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F La struttura del corso di formazione per i docenti e gli operatori sociali: Modulo A – una giornata formativa comune rivolta a tutti gli operatori ( docenti e personale U.M.E.E./A) sul significato innovativo dell'I.C.F.; la Vision, la struttura e gli strumenti dell’I.C.F.; la condivisione tra tutti gli operatori delle metodologie e degli strumenti (Diagnosi Funzionale e P.E.I.) per la integrazione scolastica degli alunni con disabilità; Modulo B – due giornate formative organizzate in piccoli gruppi per la conoscenza, la pratica e l'utilizzo dei nuovi strumenti e la risoluzione di casi clinici in comune, da tenersi nei territori provinciali; proposto in successione in 19 edizioni sviluppate in tutte e cinque le province della regione a partire dal mese di Aprile sino alla metà di giugno 2012.

12 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F Il percorso prosegue ancora per i solo Operatori delle UMEE/A: Modulo C - esercitazioni su tre topologie di casi con tutoraggio a distanza, avviato in successione, di volta in volta, alla conclusione delle diverse edizioni del Modulo B. Anch’esso sarà sviluppato nel periodo aprile, maggio e giugno Modulo D – un’intera giornata di Restituzione su tre casi clinici e approfondimento dei casi in sottogruppi. Sarà sviluppato in successione in 10 edizioni sviluppate in tutte e cinque le province della regione nel mese di settembre 2012.

13 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F ADESIONI ANCONAPESAROMACERATAFERMOASCOLI P.TOTALI INSEGNANTI DI SOSTEGNO OPERATORI UMEE PUBBLICI ( ) 379* OPERATORI UMEE PRIVATI OPERATORI SOCIALI Totali

14 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F Ancona 5 ed12 e 13aprile Sede: Regione Marche via Gentile da Fabriano 4 Ancona (sala Raffaello) 8 e 9maggio 10 e 11maggio maggio 17-18maggio

15 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F Pesaro 4 ed17-18aprile ASUR Marche Area Vasta n. 1 Via Ceccarini, 38 Fano (PU) (sala Gialla) 19-20aprile 26-27aprile 10 e 11maggio

16 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F Macerata 4 ed maggio Scuola Regionale di Formazione P.A. Via Cavour 29 Treia (MC) maggio maggio 31-mag01-giu

17 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F Fermo 3 ed5 - 6giugno ASUR Marche - Area Vasta n. 4 c/o Ex Teatrino – Sede Amministrativa via Zeppilli, 18 –Fermo giugno 14 e 15giugno

18 Scuola Regionale di Formazione della P. A. Corso di formazione sull‘ I. C. F Ascoli P 3 ed29-30maggio ASUR Marche - Area Vasta n. 5 Centro di Formazione ed aggiornamento Via degli Iris - Ascoli Piceno 31-mag01-giu 12 e 13giugno

19 Scuola Regionale di Formazione della P. A Corso di formazione sull‘ I. C. F Grazie e buon lavoro Dott. Angelo Di Mattia Responsabile P. O. Sviluppo Attività Formative


Scaricare ppt "Corso di formazione sull‘ I. C. F (Classificazione Internazionale del Funzionamento della disabilità, e della salute) Ancona 30 Marzo 2012 Dott. Angelo."

Presentazioni simili


Annunci Google