La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Caserta, 22 maggio 2014 PROGETTO «FIGLI D’ITALIA» Relazione finale Marika Belardo, Dipartimento Innovazione e Ricerca Susan Darboe, Dipartimento Immigrazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Caserta, 22 maggio 2014 PROGETTO «FIGLI D’ITALIA» Relazione finale Marika Belardo, Dipartimento Innovazione e Ricerca Susan Darboe, Dipartimento Immigrazione."— Transcript della presentazione:

1 Caserta, 22 maggio 2014 PROGETTO «FIGLI D’ITALIA» Relazione finale Marika Belardo, Dipartimento Innovazione e Ricerca Susan Darboe, Dipartimento Immigrazione e terzo settore Pasquale Gnasso, GD coordinamento provinciale – Cultura, Ricerca, Università

2 Caserta, 22 maggio 2014 Genesi e motivazione In coerenza con le linee guida della Segreteria Nazionale, la Segreteria Provinciale del Partito Democratico di Caserta ha inteso lavorare sui temi dell’immigrazione e dell’integrazione nonché il riconoscimento di parità di diritti per tutte le persone che vivono sul suolo Italiano Uno degli strumenti attraverso i quali la Segreteria Provinciale ritiene di poter dare il proprio contributo al territorio è l’intervento sulle giovani generazioni, utilizzando il canale scolastico per l’attuazione dei propri obiettivi

3 Caserta, 22 maggio 2014 Il progetto «Figli d’Italia» La sintesi del progetto è già racchiusa nel titolo, che richiama al diritto di cittadinanza per nascita sul suolo italiano. E’ stato creato un progetto pilota avente i seguenti obiettivi: incrementare la conoscenza e la collaborazione tra alunni che vivono status sociali (es. cittadini italiani e non) diversi creare maggiore consapevolezza della legislazione italiana sull’immigrazione, nonché delle difficoltà che incontrano gli immigrati e i loro figli nel vivere una vita “normale”, come tutti i cittadini italiani.

4 Caserta, 22 maggio 2014 Le scuole, le classi Sono state quindi scelte tre classi, una per ciascun corso di studi, corrispondenti all’ultimo anno della scuola primaria e della scuola secondaria (primo e secondo grado). Per quanto riguarda la scelta geografica, essa è ricaduta sulle scuole del litorale Domitio, caratterizzate da una forte presenza di cittadini stranieri NOMINATIVO SCUOLACOMUNEGRADOCLASSE ICS “G. GaribaldiCastel VolturnoPRIMARIA5a A5a A ICS “G. GaribaldiCastel VolturnoSECONDARIA I GRADO3a A3a A ISISS Castel VolturnoCastel VolturnoSECONDARIA II GRADO4 a C - Alberghiero

5 Caserta, 22 maggio 2014 Calendario degli incontri MAR 18 MARZO INCONTRO PRELIMINARE CON GLI ALUNNI E I GENITORI 9:00 – 10:00 ALUNNI 3 A SCUOLA SECONDARIA I GRADO – GARIBALDI VIA S. ROCCO 10:00 – 11:00 ALUNNI 5 A SCUOLA PRIMARIA GARIBALDI - VILLAGGIO DEL SOLE, VIA MACHIAVELLI 11:00 – 12:00 ALUNNI 4C ALBERGHIERO – LOC. PINETAMARE VILLAGGIO COPPOLA MAR 25 MARZO 2014– SOMMINISTRAZIONE QUESTIONARIO VALUTAZIONE INIZIALE 12:00 – 13:00 ALUNNI 5 A SCUOLA PRIMARIA GARIBALDI - VILLAGGIO DEL SOLE, VIA MACHIAVELLI 13:30 – 14:30 ALUNNI 3 A SCUOLA SECONDARIA I GRADO – GARIBALDI VIA S. ROCCO GIO 27 MARZO 2014– SOMMINISTRAZIONE QUESTIONARIO VALUTAZIONE INIZIALE E ATTIVITA’ DIDATTICA 4 ORE 09:00 – 13:00 ALUNNI 4C ALBERGHIERO – LOC. PINETAMARE VILLAGGIO COPPOLA MAR 1 APRILE 2014– ATTIVITA’ DIDATTICA 4 ORE 09:00 – 13:00 ALUNNI 5 A SCUOLA PRIMARIA GARIBALDI - VILLAGGIO DEL SOLE, VIA MACHIAVELLI 10:30 – 12:30 MESSA IN SCENA E VALUTAZIONE FINALE ALUNNI 4C ALBERGHIERO – LOC. PINETAMARE VILLAGGIO COPPOLA GIO 3 APRILE 2014– ATTIVITA’ DIDATTICA 4 ORE 09:00 – 13:00 ALUNNI 3 A SCUOLA SECONDARIA I GRADO – GARIBALDI VIA S. ROCCO MAR 8 APRILE 2014– QUESTIONARIO VALUTAZIONE FINALE 12:30 – 13:30 ALUNNI 5 A SCUOLA PRIMARIA GARIBALDI - VILLAGGIO DEL SOLE, VIA MACHIAVELLI 13:30 – 15:30 MESSA IN SCENA E VALUTAZIONE FINALE ALUNNI 3 A SCUOLA SECONDARIA I GRADO – GARIBALDI VIA S. ROCCO

6 Caserta, 22 maggio 2014 Incontro preliminare con alunni e genitori Illustrazione di: finalità del progetto e calendario delle attività partecipazione principalmente nella scuola primaria grande interesse verso l’iniziativa, inizialmente vista con diffidenza CLASSEN. ALUNNIN. AUTORIZZAZIONI PERVENUTE 5 A PRIMARIA A SECONDARIA I GRADO C SECONDARIA II GRADO2522

7 Caserta, 22 maggio 2014 Valutazione iniziale questionario anonimo di tipo conoscitivo, finalizzato a: raccogliere informazioni utilizzabili per fini statistici (es. nazionalità dell’alunno e dei suoi genitori, età, nazione di nascita, lavoro dei genitori) informazioni sul grado di sensibilità degli alunni verso la cooperazione a prescindere dalle origini geografiche per le scuole secondarie: anche domande finalizzate a comprendere il grado di conoscenza della legislazione italiana sull’immigrazione Il taglio delle domande calibrato sull’età dell’alunno

8 Caserta, 22 maggio 2014 Valutazione iniziale Scuola primaria La maggior parte degli alunni dichiara di avere amici di nazionalità diversa, corrispondenti ai compagni di classe stranieri Gli alunni stranieri dichiarano di avere amici italiani e anche di nazionalità diversa dalla loro Il 50% incontra e gioca assieme ai compagni stranieri solo a scuola il 43% passa del tempo con questi amici anche fuori dalla scuola, tipicamente a casa pochi alunni dichiarano di conoscere qualcosa della loro vita Infine alla domanda sull’immagine preferita, a scelta tra tre immagini proposte, l’80% degli alunni ha dichiarato di preferire quella riportante i bambini di ogni etnia mano nella mano intorno al globo terrestre

9 Caserta, 22 maggio 2014 Valutazione iniziale Scuola secondaria di primo grado 86% dichiara di avere amici di nazionalità diversa tutti gli alunni che hanno amici stranieri dichiarano di passare con loro del tempo fuori dalla scuola, tipicamente giocando a calcio, andando al cinema o al teatro, talvolta giocando in casa le domande sulla conoscenza di usi e costumi stranieri denota una certa carenza di informazioni in possesso degli alunni alla domanda sulle religioni praticate in altri paesi si osservano risposte pertinenti: la quasi totalità degli alunni è consapevole che alcune nazionalità straniere praticano religioni diverse ed esse vengono nella maggior parte dei casi elencate Parte normativa: SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADOSINONON SO SECONDO TE CHI NASCE IN ITALIA DA GENITORI STRANIERI È ITALIANO?43% 14% SECONDO TE UN AFRICANO O UN EXTRACOMUNITARIO CHE VIENE IN ITALIA, PUO’ RESTARVI PER SEMPRE?50%0%50% SECONDO TE UN CITTADINO ITALIANO E UN IMMIGRATO HANNO GLI STESSI DIRITTI E DOVERI DINANZI ALLA LEGGE ITALIANA? 71%7%21% SECONDO TE SE UN IMMIGRATO STRANIERO STA MALE E VA IN OSPEDALE, VIENE CURATO?93%0%7% SECONDO TE UN IMMIGRATO Può PARTECIPARE AL VOTO DI CONSENSO ELETTORALE IN ITALIA?43%21%36% SECONDO TE UN/UNA RAGAZZO/A FIGLIA DI IMMIGRATI, NATO/A IN ITALIA, PUÒ PARTECIPARE AI CONCORSI PUBBLICI (AD ES. POLIZIA, CARABINIERI, MAGISTRATURA)? 64%0%36%

10 Caserta, 22 maggio 2014 Valutazione iniziale Scuola secondaria di secondo grado Tutti gli alunni dichiarano di avere amici di nazionalità diversa il 53% degli alunni dichiara di passare del tempo con loro solo a scuola, la restante parte per strada o in casa conoscenza di usi e costumi stranieri: il 43% degli alunni risponde “non so”. Gli altri alunni dichiarano di sapere che i paesi africani sono molto poveri e che vivono una grave instabilità politica eppure sanno che sono paesi bellissimi dal punto di vista naturalistico la maggioranza degli alunni (80%) dichiara che vorrebbe recarsi in uno di questi paesi stranieri la quasi totalità degli alunni è consapevole che alcune nazionalità straniere praticano religioni diverse ed esse vengono nella maggior parte dei casi elencate Parte normativa: SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADOSINONON SO SECONDO TE CHI NASCE IN ITALIA DA GENITORI STRANIERI È ITALIANO?100%0% SECONDO TE UN AFRICANO O UN EXTRACOMUNITARIO CHE VIENE IN ITALIA, PUO’ RESTARVI PER SEMPRE?60%20% SECONDO TE UN CITTADINO ITALIANO E UN IMMIGRATO HANNO GLI STESSI DIRITTI E DOVERI DINANZI ALLA LEGGE ITALIANA?60%27%13% SECONDO TE SE UN IMMIGRATO STRANIERO STA MALE E VA IN OSPEDALE, VIENE CURATO?87%7% SECONDO TE UN IMMIGRATO Può PARTECIPARE AL VOTO DI CONSENSO ELETTORALE IN ITALIA?73%13% SECONDO TE UN/UNA RAGAZZO/A FIGLIA DI IMMIGRATI, NATO/A IN ITALIA, PUÒ PARTECIPARE AI CONCORSI PUBBLICI (AD ES. POLIZIA, CARABINIERI, MAGISTRATURA)? 80%13%7%

11 Caserta, 22 maggio 2014 Attività didattiche Scuola primaria suddivisione in tre gruppi da n. 5 alunni ciascuno (lavoro di gruppo cooperativo) creazione di un poster-fumetto avente come tema una domenica passata a pranzo assieme agli amici, italiani e stranieri, con scambio di piatti tipici e poi tutti allo stadio a vedere la partita. I bambini sono stati molto diligenti nell’eseguire il compito loro assegnato e i contrasti iniziali sono stati superati grazie al ruolo moderatore dei docenti

12 Caserta, 22 maggio 2014

13

14 Attività didattiche Scuola secondaria di primo grado Lezione e discussione sulla legge italiana sull’immigrazione, grande interesse all’argomento suddivisione in tre gruppi da n. 4-5 alunni ciascuno (lavoro di gruppo cooperativo) A ciascun gruppo è stato dato il compito di scrivere una sceneggiatura avente come argomento un episodio di vita e di difficoltà quotidiana che uno straniero, regolare o non, incontra in Italia. I gruppi hanno consegnato la sceneggiatura nei tempi stabiliti. Successivamente vi è stata la messa in scena, con opportuna ripresa non professionale.

15 Caserta, 22 maggio 2014

16 1_MVI_4118.avi 1_MVI_4120.avi 1_MVI_4121.avi

17 Caserta, 22 maggio 2014 Attività didattiche Scuola secondaria di secondo grado Lezione e discussione sulla legge italiana sull’immigrazione Data la vivacità degli alunni, poco propensi ad una lezione frontale, si è preferito far partecipare attivamente loro alla lettura e al commento del documento suddivisione in tre gruppi da n. 4-5 alunni ciascuno (lavoro di gruppo cooperativo) agli alunni più spregiudicati e vivaci, è stata data la responsabilità del gruppo A ciascun gruppo è stato dato il compito di scrivere una sceneggiatura avente come argomento un episodio di vita e di difficoltà quotidiana che uno straniero, regolare o non, incontra in Italia. I gruppi hanno consegnato la sceneggiatura nei tempi stabiliti. Successivamente vi è stata la messa in scena, con opportuna ripresa non professionale.

18 Caserta, 22 maggio 2014 Link video

19 Caserta, 22 maggio 2014 Valutazione finale La valutazione finale è consistita nella somministrazione del medesimo questionario anonimo somministrato all’inizio, arricchito con nuove domande riguardanti la riflessione sul lavoro fatto, sull’utilità e l’efficacia del lavoro di gruppo, sul gradimento da parte degli alunni. Si è rilevato un discreto incremento della conoscenza sulla legge italiana sull’immigrazione nonché un sincero gradimento del progetto, come testimoniato dalle risposte al questionario.

20 Caserta, 22 maggio 2014

21

22

23 Conclusioni Il progetto è stato portato a termine nei tempi e con i modi stabiliti. Le metodologie applicate si sono rivelate efficaci ai fini del raggiungimento degli obiettivi. Gli alunni hanno svolto con profitto le attività loro richieste. Attraverso l’analisi dei questionari di valutazione si è potuto registrare un incremento della conoscenza e della sensibilità agli argomenti trattati. Gli alunni hanno inoltre espresso un elevato gradimento dell’esperienza vissuta, apprezzando in particolar modo il lavoro di gruppo. Sarebbe auspicabile creare, in seno al Partito Democratico di Caserta, una squadra di lavoro disposta ad allargare le attività a un bacino di scuole più ampio, in maniera tale che questo esperimento diventi una costante nelle scuole del nostro territorio, purtroppo caratterizzato dalla presenza di molti immigrati clandestini o irregolari. La finalità ultima è quella di costruire, nelle giovani generazioni, più consapevolezza riguardo ai temi dell’immigrazione e più integrazione tra alunni originari di paesi differenti.


Scaricare ppt "Caserta, 22 maggio 2014 PROGETTO «FIGLI D’ITALIA» Relazione finale Marika Belardo, Dipartimento Innovazione e Ricerca Susan Darboe, Dipartimento Immigrazione."

Presentazioni simili


Annunci Google