La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. F. Bellocci Univeristà Cattolica del S. Cuore Roma Roma 26 Gennaio 2012 La stratificazione ottimale del rischio di morte improvvisa La stratificazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. F. Bellocci Univeristà Cattolica del S. Cuore Roma Roma 26 Gennaio 2012 La stratificazione ottimale del rischio di morte improvvisa La stratificazione."— Transcript della presentazione:

1 Prof. F. Bellocci Univeristà Cattolica del S. Cuore Roma Roma 26 Gennaio 2012 La stratificazione ottimale del rischio di morte improvvisa La stratificazione ottimale del rischio di morte improvvisa XXIII Congresso Nazionale ANCE Ottobre 2013 Cervia

2 Linee guida 2007 e 2008 sull’uso di CRT e ICD ICD (Classe I A): disfunzione VS con FE< 35%, classe NYHA II o III nonostante OPT, aspettativa di vita di almeno 1 anno in buono stato funzionale ICD (Classe I A): disfunzione VS con FE< 35%, classe NYHA II o III nonostante OPT, aspettativa di vita di almeno 1 anno in buono stato funzionale CRT (Classe I A): pazienti in classe NYHA III o IV nonostante OPT, FE 120msec CRT (Classe I A): pazienti in classe NYHA III o IV nonostante OPT, FE 120msec CRT-D: opzione accettabile di classe I B se aspettativa di vita con buono stato funzionale di almeno 1 anno CRT-D: opzione accettabile di classe I B se aspettativa di vita con buono stato funzionale di almeno 1 anno In pazienti con indicazione ICD di classe I, CRT-D posta in classe I B se classe NYHA III o IV nonostante OPT, FE 120msec In pazienti con indicazione ICD di classe I, CRT-D posta in classe I B se classe NYHA III o IV nonostante OPT, FE 120msec Le linee-guida di ACC-AHA-HRS pongono sullo stesso piano CRT e CRT-D Europ Heart J Sett JACC Giugno 2008

3

4 Trial di ICD in prevenzione primaria e costruzione di linee-guida Linee-guida basate su 3 soli trial: MADIT II, SCD-Heft e DEFINITE Linee-guida basate su 3 soli trial: MADIT II, SCD-Heft e DEFINITE In pazienti con FE<35% nonostante OPT, ICD riduce mortalità globale (MG) del 23-31%. Modesta riduzione del rischio assoluto:7,2% a 5 anni nello SCD-Heft e 9.2% a 3 anni nel MADIT II In pazienti con FE<35% nonostante OPT, ICD riduce mortalità globale (MG) del 23-31%. Modesta riduzione del rischio assoluto:7,2% a 5 anni nello SCD-Heft e 9.2% a 3 anni nel MADIT II Il % dei pazienti non evidenzia l’uso dell’ICD ad un follow-up di 3-5 anni! Il % dei pazienti non evidenzia l’uso dell’ICD ad un follow-up di 3-5 anni! Occorrono 18 impianti per salvare 1 vita in pazienti con HF e CAD e 25 in pazienti con HF e CMPD! Occorrono 18 impianti per salvare 1 vita in pazienti con HF e CAD e 25 in pazienti con HF e CMPD!

5 Stratificazione del rischio di MI in prevenzione primaria Riconosciuto che le attuali tecniche non riescono a stratificare efficacemente (magari discreto VPN, ma scarso VPP): non identificabili i pazienti che beneficeranno di ICD cui limitare l’impianto, evitando alla maggioranza di pazienti una terapia costosa, complessa e non priva di effetti collaterali Riconosciuto che le attuali tecniche non riescono a stratificare efficacemente (magari discreto VPN, ma scarso VPP): non identificabili i pazienti che beneficeranno di ICD cui limitare l’impianto, evitando alla maggioranza di pazienti una terapia costosa, complessa e non priva di effetti collaterali Unanimamente riconosciuta la assoluta necessità di una stratificazione ottimale del rischio di MI Unanimamente riconosciuta la assoluta necessità di una stratificazione ottimale del rischio di MI Elaborati molti modelli predittivi di MG in pazienti con HF (HFSS, Seattle HF Model, Munich Score…): la popolazione è estremamente eterogenea (MG varia da 3 a 80% anno!) Elaborati molti modelli predittivi di MG in pazienti con HF (HFSS, Seattle HF Model, Munich Score…): la popolazione è estremamente eterogenea (MG varia da 3 a 80% anno!) Ad ambedue gli estremi dello spettro potrebbe non esserci alcun beneficio! Ad ambedue gli estremi dello spettro potrebbe non esserci alcun beneficio! Si è cercato di ovviare elaborando numerose analisi retrospettive e per sottogruppi, con tutte le limitazioni del caso Si è cercato di ovviare elaborando numerose analisi retrospettive e per sottogruppi, con tutte le limitazioni del caso

6 Seattle Heart Failure Model Prediction of mode of death in HF Eta’ sesso, peso, PA, NYHA, FE, valori laboratoristici, terapia e device Eta’ sesso, peso, PA, NYHA, FE, valori laboratoristici, terapia e device Più basso è lo score  maggiore il rischio di MI; Più basso è lo score  maggiore il rischio di MI; più alto è lo score  maggiore il rischio di morte da HF più alto è lo score  maggiore il rischio di morte da HF Possibile indicatore C/E all’impianto di ICD Possibile indicatore C/E all’impianto di ICD MAZZOURFORIAN, Circulation 24 Luglio 2007

7 “Mortality risk score in primary prevention ICD recipients with non ischemic or IHD ” Europ Heart J 2010, 31, 712 Non ischemic HD: AF, ridotta EF, IRC, età avanzata Non ischemic HD: AF, ridotta EF, IRC, età avanzata Ischemic HD:IRC, fumo, diabete, ridotta EF, QRS largo, età avanzata Ischemic HD:IRC, fumo, diabete, ridotta EF, QRS largo, età avanzata Marker di disfunzione di almeno due organi comporta MG del 38% a 1 anno Marker di disfunzione di almeno due organi comporta MG del 38% a 1 anno

8 MADIT II: analisi dei sottogruppi Pz ad alto rischio che non beneficiano di ICD Pz ad alto rischio che non beneficiano di ICD * NYHA >2 * NYHA >2 * >70 aa * >70 aa * IRC * IRC * QRS> 120 msec * QRS> 120 msec * FA * FA Goldenberg-Moss JACC 2008, 51, 288

9

10 Identificazione di pazienti a rischio di MG Nel MADIT II fattori indipendenti d rischio di progressione di HF sono: azotemia pre- renale (azotemia/creatininemia >20) e episodi ricorrenti di HF Nel MADIT II fattori indipendenti d rischio di progressione di HF sono: azotemia pre- renale (azotemia/creatininemia >20) e episodi ricorrenti di HF Non indicato ICD: mortalità globale a 2aa del 62%! Non indicato ICD: mortalità globale a 2aa del 62%! J Cardiovasc Electrophysiol 2010,21,1217

11 Long-term benefit of prmary prevention with ICD. An extended 8-year follow-up of MADIT II A 3-5 aa: riduzione di MG del 31% (guadagno medio di sopravvivenza di 2 mesi!) A 3-5 aa: riduzione di MG del 31% (guadagno medio di sopravvivenza di 2 mesi!) A 8 aa: riduzione di MG del 48%, in p. a basso rischio e del 34% a medio rischio A 8 aa: riduzione di MG del 48%, in p. a basso rischio e del 34% a medio rischio Nessun beneficio nei p. ad alto rischio, con score > 3 (64% MG) Nessun beneficio nei p. ad alto rischio, con score > 3 (64% MG) Goldenberg Circulation 28 Sett 2010 Goldenberg Circulation 28 Sett 2010

12 Efficacia temporale ICD post IMA MADIT II: non prima di 18 mesi MADIT II: non prima di 18 mesi SCD-DEFT: non prima di 1 anno SCD-DEFT: non prima di 1 anno Come identificare i parametri alla base di un rimodellamento elettrico inverso? Come identificare i parametri alla base di un rimodellamento elettrico inverso? Comunque miglior momento di impianto ICD post IMA variabile in ogni p. (anche prima di 1 anno) Comunque miglior momento di impianto ICD post IMA variabile in ogni p. (anche prima di 1 anno) JACC 2012,60,1647 Hearth Rhythm 2013,10,8280

13 FE come principale stratificatore di rischio di MI FE come unico parametro di stratificazione è assolutamente insufficiente per vari motivi FE come unico parametro di stratificazione è assolutamente insufficiente per vari motivi Bassa specificità per SCD: VPP 12% Bassa specificità per SCD: VPP 12% Nei ¾ di SCD extra-H si rileva FE>35%!! Nei ¾ di SCD extra-H si rileva FE>35%!! Se FE<30% unico fattore di rischio (30% di tutti i pazienti arruolati), MG a 2 anni del 5% e quindi nessun vantaggio da ICD (Buxton, JACC, 2007, 50:1150) Se FE<30% unico fattore di rischio (30% di tutti i pazienti arruolati), MG a 2 anni del 5% e quindi nessun vantaggio da ICD (Buxton, JACC, 2007, 50:1150) FE variabile nel tempo: quale considerare? FE variabile nel tempo: quale considerare? FE fattore di rischio di MG solo se associata ad altri parametri noti o da definire FE fattore di rischio di MG solo se associata ad altri parametri noti o da definire FE come complemento e non sostituzione di valutazione clinica (trattare il paziente e non la FE!) FE come complemento e non sostituzione di valutazione clinica (trattare il paziente e non la FE!) Distinguere CMP come espressione di danno miocardico (misurato da FE) da HF clinico come conseguenza funzionale di danno miocardico (misurato da NYHA) Distinguere CMP come espressione di danno miocardico (misurato da FE) da HF clinico come conseguenza funzionale di danno miocardico (misurato da NYHA)

14 Dinamicità del profilo di rischio La natura statica dei disegni dei trial non considera la dinamicità patofisiologica di CAD e CMPD, ignorando possibili modificazioni temporali riguardanti presenza e stabilità dei fattori di rischio La natura statica dei disegni dei trial non considera la dinamicità patofisiologica di CAD e CMPD, ignorando possibili modificazioni temporali riguardanti presenza e stabilità dei fattori di rischio Rimodellamento post MI, proprietà elettro-anatomiche di cicatrici, progressione di malattia, variazioni emodinamiche e di substrato EPS…. sono processi attivi il cui potere predittivo per eventi avversi può cambiare nel tempo. Rimodellamento post MI, proprietà elettro-anatomiche di cicatrici, progressione di malattia, variazioni emodinamiche e di substrato EPS…. sono processi attivi il cui potere predittivo per eventi avversi può cambiare nel tempo. Errato ritenere che singola misurazione di un fattore di rischio in un momento ben definito sia un predittore di rischio duraturo e stabile! Errato ritenere che singola misurazione di un fattore di rischio in un momento ben definito sia un predittore di rischio duraturo e stabile!

15 Classici stratificatori di rischio aritmogeno Indicatori di substrato aritmogeno, disfunzione autonomica… in aggiunta ai fattori meccanici (FE) Indicatori di substrato aritmogeno, disfunzione autonomica… in aggiunta ai fattori meccanici (FE) PDT, QT dispersion, HRV e HRT, TWA…. PDT, QT dispersion, HRV e HRT, TWA…. SVP SVP Risultati controversi, comunque basso VPP Risultati controversi, comunque basso VPP Approccio combinato? Quale combinazione? Approccio combinato? Quale combinazione? TWA in classe IIA e HRT in classe IIB TWA in classe IIA e HRT in classe IIB Circulation 2013, 128,172 Hearth Rhythm 2013,10,881

16 ICD: profilassi primaria post-IMA (1) Rimodellamento può durare anni!! (tempi e fattori?). Variabilità di predittori nel tempo Rimodellamento può durare anni!! (tempi e fattori?). Variabilità di predittori nel tempo Post-IMA 2 periodi di rischio di SCD con diverse fisiopatologie Post-IMA 2 periodi di rischio di SCD con diverse fisiopatologie 1) precoce, con rimodellamento sfavorevole progressivo: ICD inefficace 1) precoce, con rimodellamento sfavorevole progressivo: ICD inefficace 2) tardivo: ICD efficace! Ma benefici solo dopo almeno 2 anni post-IMA (lungo periodo di inefficacia di ICD, almeno con gli attuali criteri di impianto) 2) tardivo: ICD efficace! Ma benefici solo dopo almeno 2 anni post-IMA (lungo periodo di inefficacia di ICD, almeno con gli attuali criteri di impianto)

17 ICD: profilassi primaria post-IMA (2) VALIANT: picco di SCD nel primo mese post-IMA, ma ICD non protegge VALIANT: picco di SCD nel primo mese post-IMA, ma ICD non protegge - Evoluzione del rimodellamento - Evoluzione del rimodellamento - AVM espressione di patologia avanzata - AVM espressione di patologia avanzata - Bradi-aritmie e /o PEA - Bradi-aritmie e /o PEA - Eventuale shock deleterio - Eventuale shock deleterio - Autopsia di p. con SCD: elevata % di IMA - Autopsia di p. con SCD: elevata % di IMA ricorrente o rottura di cuore in fase precoce ricorrente o rottura di cuore in fase precoce

18 ICD: profilassi primaria post-IMA (3) CARISMA: ILR post-IMA impiantato entro 15 gg, con follow-up a due anni CARISMA: ILR post-IMA impiantato entro 15 gg, con follow-up a due anni - Nel 10% BAV II e III grado e nel - Nel 10% BAV II e III grado e nel 12% arresto o bradicardia sinusale: 12% arresto o bradicardia sinusale: maggiori predittori di MG maggiori predittori di MG (indipendentemente da PM/ICD) (indipendentemente da PM/ICD) specie nei primi tre mesi specie nei primi tre mesi - Nel 3% TVS e ne 2.7% FV - Nel 3% TVS e ne 2.7% FV

19 ICD: profilassi primaria post-IMA (4) Dati supportati da EPHESUS: eplerenone in p.arruolati entro 30 gg post-IMA riduce MG del 37% e 58% rispettivamente se FE<40% e<30% Dati supportati da EPHESUS: eplerenone in p.arruolati entro 30 gg post-IMA riduce MG del 37% e 58% rispettivamente se FE<40% e<30% Nel periodo precoce post-IMA, trattamenti che impattano direttamente sul rimodellamento (anti-aldo, beta-B, CRT…) riducono SCD, a differenza di trattamenti esclusivamente antiaritimici (ICD) Nel periodo precoce post-IMA, trattamenti che impattano direttamente sul rimodellamento (anti-aldo, beta-B, CRT…) riducono SCD, a differenza di trattamenti esclusivamente antiaritimici (ICD)

20 ICD: profilassi primaria post-IMA (5) Dati sorprendenti che mettoni in discussione nozioni ritenute consolidate riguardo ai meccanismi di SCD e sottolineano i limiti di procedure antiaritmiche (ICD) ritenute aprioristicamente efficaci Dati sorprendenti che mettoni in discussione nozioni ritenute consolidate riguardo ai meccanismi di SCD e sottolineano i limiti di procedure antiaritmiche (ICD) ritenute aprioristicamente efficaci Pathogenis of SCD in a clinical trial of Pts with AMI and LV dysfunction- Circ. 2010, 122, 597 ILR in survivors of AMI-Circ. 2010, 1255

21 “Predictors od SCD change with time after AMI: results from VALIANT trial” Stratificazione del rischio insufficiente Stratificazione del rischio insufficiente SCD non singola entità, ma meccanismi eterogenei e complessi SCD non singola entità, ma meccanismi eterogenei e complessi Incidenza e predittori di rischio mutevoli nel periodo post-IMA Incidenza e predittori di rischio mutevoli nel periodo post-IMA Nel tempo sempre minor valore predittivo per le caratteristiche cliniche basali (stratificare non prima di 3 mesi?) Nel tempo sempre minor valore predittivo per le caratteristiche cliniche basali (stratificare non prima di 3 mesi?) Necessitano informazioni sempre aggiornate e comunque nessun singolo test sarà mai sufficiente a identificare i p. a rischio, così come non ci sarà una modalità di trattamento ottimale per tutti Necessitano informazioni sempre aggiornate e comunque nessun singolo test sarà mai sufficiente a identificare i p. a rischio, così come non ci sarà una modalità di trattamento ottimale per tutti Europ Heart J 2010,31,211 Europ Heart J 2010,31,211 Europace 2010,12,1057 Europace 2010,12,1057 Buxton Edit. Circulation Set Buxton Edit. Circulation Set. 2010

22 Aritmie ventricolari Maligne e SCA a distanza di AMI Dati di MADIT II e SCD-HeFT Dati di MADIT II e SCD-HeFT Fibrosi progressiva (rimodellamento: p. con TVS più anziani con substrato perinfartuale (scar disomogenea) ben evidenziata da mappaggio e RMC Fibrosi progressiva (rimodellamento: p. con TVS più anziani con substrato perinfartuale (scar disomogenea) ben evidenziata da mappaggio e RMC Non sappiamo perché in alcuni p. la fibrosi continua ad accumularsi, come predire i p. a rischio e come prevenire la fibrosi Non sappiamo perché in alcuni p. la fibrosi continua ad accumularsi, come predire i p. a rischio e come prevenire la fibrosi Non sappiamo perché, dopo anni, un substrato diventa elettricamente instabile Non sappiamo perché, dopo anni, un substrato diventa elettricamente instabile Predisposizione genetica? Predisposizione genetica? “Why are (only) some infarcted heart arrhythogenic?” “Why are (only) some infarcted heart arrhythogenic?” DAUBERT, JACC 2009,54,175 DAUBERT, JACC 2009,54,175

23 Analisi critica dei trial alla base delle linee-guida (1) Pazienti non stratificati per vari range di FE Pazienti non stratificati per vari range di FE Non considerati altri predittori di rischio e/o le principali co- morbilità (necessario un numero eccessivo di pazienti con marcato aumento di costi) Non considerati altri predittori di rischio e/o le principali co- morbilità (necessario un numero eccessivo di pazienti con marcato aumento di costi) Scelta soluzione più semplice ed economica in grado di dimostrare efficacia di ICD, ma a scapito di accettabile specificità Scelta soluzione più semplice ed economica in grado di dimostrare efficacia di ICD, ma a scapito di accettabile specificità Criteri troppo ampi di inclusione: inseriti pz a basso rischio di SCD e ad alto rischio di morte non improvvisa (entrambi NON beneficiano di ICD) Criteri troppo ampi di inclusione: inseriti pz a basso rischio di SCD e ad alto rischio di morte non improvvisa (entrambi NON beneficiano di ICD) Quindi insoddisfacente stratificazione di rischio e mancanza di risposte definitive sui reali benefici nel singolo paziente e non nella media di una popolazione estremamente eterogenea (MG tra 3 e 80% anno) Quindi insoddisfacente stratificazione di rischio e mancanza di risposte definitive sui reali benefici nel singolo paziente e non nella media di una popolazione estremamente eterogenea (MG tra 3 e 80% anno) Presupposto errato che benefici di ICD si applichino ugualmente a tutti i pazienti elegibili Presupposto errato che benefici di ICD si applichino ugualmente a tutti i pazienti elegibili

24 Analisi critica dei trial alla base delle linee-guida (2) ICD sembra offrire semplice soluzione ad un problema complesso ICD sembra offrire semplice soluzione ad un problema complesso Poiché ICD riduce solo SCD aritmica, occorre sempre valutare rischio aritmico basale rispetto a rischio non aritmico e comorbilità. Poiché ICD riduce solo SCD aritmica, occorre sempre valutare rischio aritmico basale rispetto a rischio non aritmico e comorbilità. Essendo i dati correnti non sufficienti per generalizzare raccomandazioni di LG in tutti i tipi di p., è tuttora irrisolto il problema di una ottimale stratificazione del rischio. Essendo i dati correnti non sufficienti per generalizzare raccomandazioni di LG in tutti i tipi di p., è tuttora irrisolto il problema di una ottimale stratificazione del rischio. EUR HEARTH J 2013, 34,1964

25

26 Identificazione di p. a basso rischio di MG e MI Se specifici test (o combinazione di test) identificassero p. a basso rischio di MI ( 95%) o di MG ( 95%) o di MG (<4% anno), non indicato ICD (ma eventualmente CRT!) perché: A) Se MG<4% anno, impossibile dimostrare riduzione significativa di MI (che incide al max per il 50% di MG) A) Se MG<4% anno, impossibile dimostrare riduzione significativa di MI (che incide al max per il 50% di MG) B) Se MI<3% anno, altrettanto impossibile dimostrare riduzione significativa di MI, anche considerando che una % pur modesta di casi di MI si verificherebbero comunque in presenza di CRT-D! B) Se MI<3% anno, altrettanto impossibile dimostrare riduzione significativa di MI, anche considerando che una % pur modesta di casi di MI si verificherebbero comunque in presenza di CRT-D!

27 Bayés de Luna A. Am Heart J. 1989;117: Underlying Arrhythmias of Sudden Cardiac Arrest Bradycardia 17% VT 62% Primary VF 8% Torsades de Pointes 13%

28 Aritmie e SCD Prevalenza modificata negli ultimi 20 aa con riduzione di FV (del 56% a Seattle dal 1980 al 2000 e del 40% in Svezia nonostante più rapido EMS) e aumento di PEA fino al 30% (sia in H che out of H) Prevalenza modificata negli ultimi 20 aa con riduzione di FV (del 56% a Seattle dal 1980 al 2000 e del 40% in Svezia nonostante più rapido EMS) e aumento di PEA fino al 30% (sia in H che out of H) Cause?Riduzione di CAD? (ma aumento di diabete e obesità’?) e aumento di età e co-morbilità legate a PEA? Cause?Riduzione di CAD? (ma aumento di diabete e obesità’?) e aumento di età e co-morbilità legate a PEA? Necessario indagare meccanismi e trattamento di PEA (prognosi ben peggiore che FV). Necessario indagare meccanismi e trattamento di PEA (prognosi ben peggiore che FV). Spiegazione di riduzione del 33% di incidenza annuale di ammissione in H dopo SCA extra H, con sopravvivenza invariata Spiegazione di riduzione del 33% di incidenza annuale di ammissione in H dopo SCA extra H, con sopravvivenza invariata “In H mortality in survivors of out of H SCA in “In H mortality in survivors of out of H SCA in Canada” Canada” Am Heart J 2010, 159,577 Am Heart J 2010, 159,577

29 Shouldn’t everyone have an ICD? Nello SCD-HeFT i p. ad alto rischio di morte per HF (come definito dal Seattle Heart Failure Model) non beneficiano di ICD Nello SCD-HeFT i p. ad alto rischio di morte per HF (come definito dal Seattle Heart Failure Model) non beneficiano di ICD Tra i p. sottorappresentati nei trial ci sono anziani e p. con IRC, 2 segmenti a più rapido incremento nella popolazione (il 20% degli impianto di ICD!) Tra i p. sottorappresentati nei trial ci sono anziani e p. con IRC, 2 segmenti a più rapido incremento nella popolazione (il 20% degli impianto di ICD!) La stratificazione del rischio in p. teoricamente da impiantare è una necessità ineludibile per una indicazione C/E La stratificazione del rischio in p. teoricamente da impiantare è una necessità ineludibile per una indicazione C/E I costi, le complicanze e il potenziale impatto su Q of L deve forzare a identificare non solo chi non beneficia d ICD, ma chi ne beneficia di più! I costi, le complicanze e il potenziale impatto su Q of L deve forzare a identificare non solo chi non beneficia d ICD, ma chi ne beneficia di più! PASSMAN, Circulation 1 Dic 2009 PASSMAN, Circulation 1 Dic 2009 Circulation 2013, 128,172 Circulation 2013, 128,172

30 Inefficacia degli attuali stratificatori di rischio L’inattendibilità degli stratificatori convenzionali del rischio aritmico riflette la nostra attuale limitata comprensione dei meccanismi di AVM e quindi di MI, che è un processo multifattoriale, evolutivo, tempo dipendente, coinvolgente un mutevole complesso di fattori inter-reagenti L’inattendibilità degli stratificatori convenzionali del rischio aritmico riflette la nostra attuale limitata comprensione dei meccanismi di AVM e quindi di MI, che è un processo multifattoriale, evolutivo, tempo dipendente, coinvolgente un mutevole complesso di fattori inter-reagenti Verosimilmente il rischio va valutato in maniera molto più ampia di quanto finora fatto, seguendo indirizzi alternativi, per identificare nella sua globalità il “paziente vulnerabile” Verosimilmente il rischio va valutato in maniera molto più ampia di quanto finora fatto, seguendo indirizzi alternativi, per identificare nella sua globalità il “paziente vulnerabile”

31 Paziente vulnerabile P. con placca vulnerabile (predisposizione a ischemia) P. con placca vulnerabile (predisposizione a ischemia) P. con sangue vulnerabile (predisposizione a trombosi) P. con sangue vulnerabile (predisposizione a trombosi) P. con miocardio vulnerabile (predisposizione ad AVM) P. con miocardio vulnerabile (predisposizione ad AVM) Proposto indice di vulnerabilità cumulativo: possibilità che un p. con certi fattori di rischio abbia un evento cardiologico fatale negli aa successivi. Naghavi. “From vulnerable plaque to vulnerable patient”. Circulation, Oct. 2003

32 Vulnerabilità di placca Identificazione p. in cui rottura di placca vulnerabile (causa di 70% di IMA fatale e/o MI), solitamente in coronarie non significativamente stenotiche, esita in evento clinico fatale con la responsabilità concomitante di sangue e miocardio vulnerabili. Identificazione p. in cui rottura di placca vulnerabile (causa di 70% di IMA fatale e/o MI), solitamente in coronarie non significativamente stenotiche, esita in evento clinico fatale con la responsabilità concomitante di sangue e miocardio vulnerabili. Complessa la diagnosi di vulnerabilità di placca: approccio combinato per valutare le caratteristiche morfo-funzionali Complessa la diagnosi di vulnerabilità di placca: approccio combinato per valutare le caratteristiche morfo-funzionali Marker sierologici di vulnerabilità: riflettono disordini metabolici, immunologici, infiammatori, di coagulabilità…. (necessità di infiammazione perché la placca divenga vulnerabile!) Marker sierologici di vulnerabilità: riflettono disordini metabolici, immunologici, infiammatori, di coagulabilità…. (necessità di infiammazione perché la placca divenga vulnerabile!) Proteina C reattiva! Proteina C reattiva!

33 SCA e MI Indubbiamente c’è una relazione tra SCA e AVM secondarie in un’alta % di pazienti Indubbiamente c’è una relazione tra SCA e AVM secondarie in un’alta % di pazienti Nello studio ATLAS (p. con bassa FE deceduti per MI) l’autopsia evidenziava lesioni coronariche acute in oltre il 50% dei casi Nello studio ATLAS (p. con bassa FE deceduti per MI) l’autopsia evidenziava lesioni coronariche acute in oltre il 50% dei casi Identificazione di potenziali trigger di AVM ischemiche e quindi di MI è campo di ricerca in rapida evoluzione Identificazione di potenziali trigger di AVM ischemiche e quindi di MI è campo di ricerca in rapida evoluzione

34 SCD in p. con AMI e disfunzione V sin Nel 55% reperto autoptico di AMI Nel 55% reperto autoptico di AMI “Optimal trial in AMI with Losartan” “Optimal trial in AMI with Losartan” Am J Med 2005,118,752 Am J Med 2005,118,752

35 SCD in p. con AMI e disfunzione V. sin. Nel I mese post AMI nel 51% all’autopsia: nuovo AMI o rottura di cuore Nel I mese post AMI nel 51% all’autopsia: nuovo AMI o rottura di cuore Dopo il III mese, prevalenza di autopsia senza patologie acute cardio-coronariche (aritmiche!) Dopo il III mese, prevalenza di autopsia senza patologie acute cardio-coronariche (aritmiche!) Spiegazione dei risultati negativi di ICD in DINAMITE e IRIS! Spiegazione dei risultati negativi di ICD in DINAMITE e IRIS! Indicata coro ed ev. PTCA subito dopo SCA!! Indicata coro ed ev. PTCA subito dopo SCA!! “Pathogenesis of SCD in clinical trial of pts with AMI and LV dysfunction, HF or both “Pathogenesis of SCD in clinical trial of pts with AMI and LV dysfunction, HF or both Circulation, 2010, 122, 590 Circulation, 2010, 122, 590

36 Etiology of SCD in the community:results of anatomical, metabolic and genetic evaluation SCD senza causa apparente in comunità; riscontri: SCD senza causa apparente in comunità; riscontri: A) Nel 30% lesioni coronariche acute A) Nel 30% lesioni coronariche acute B) Nel 58% ipertrofia Vs e nel 55% fibrosi B) Nel 58% ipertrofia Vs e nel 55% fibrosi C) Nel 34% pregresso IMA C) Nel 34% pregresso IMA D) Nel 6% alterazioni genetiche D) Nel 6% alterazioni genetiche Am Heart J 2010,159,33 Am Heart J 2010,159,33 Edit. Moss “Prevention of SCD: need for a plaque stabilizer”. Necessità di nuovi e migliori mezzi per identificare p. con placche vulnerabili e aumentare la stabilità di placca in casi identificati se vogliamo ridurre il rischio globale di SCD Edit. Moss “Prevention of SCD: need for a plaque stabilizer”. Necessità di nuovi e migliori mezzi per identificare p. con placche vulnerabili e aumentare la stabilità di placca in casi identificati se vogliamo ridurre il rischio globale di SCD

37 Marker di rottura di placca Score aggregato di rischio comprendente 3 biomarker individualmente coinvolti in: Score aggregato di rischio comprendente 3 biomarker individualmente coinvolti in: A) Infiammazione: PCR A) Infiammazione: PCR B) Coagulazione: prodotti degradazione fibrina B) Coagulazione: prodotti degradazione fibrina C) Risposta cellulare stress-indotta: Heat shock protein 70 C) Risposta cellulare stress-indotta: Heat shock protein 70 Questi biomarker, indicativi di attivazione di infiammazione, coagulazione e vie cellulari stress indotte, identificano p. ad alto rischio di rottura di placca aterosclerotica coronarica e quindi di SCD e IMA? Questi biomarker, indicativi di attivazione di infiammazione, coagulazione e vie cellulari stress indotte, identificano p. ad alto rischio di rottura di placca aterosclerotica coronarica e quindi di SCD e IMA? JACC 20.13,62,329 JACC 20.13,62,329

38 CRP e SCD Ruolo importante dell’infiammazione nelle malattie cardiovascolari Ruolo importante dell’infiammazione nelle malattie cardiovascolari Cascata infiammatoria importante nei processi aterosclerotici, alla base di max parte di SCD Cascata infiammatoria importante nei processi aterosclerotici, alla base di max parte di SCD Infiammazione rilevabile a livello sistemico misurando i marker infiammatori, specie CRP (attendibile ed accessibile) Infiammazione rilevabile a livello sistemico misurando i marker infiammatori, specie CRP (attendibile ed accessibile) CRP potente predittore di futuri eventi coronarici inclusa SCD sia nella popolazione generale che con CAD nota CRP potente predittore di futuri eventi coronarici inclusa SCD sia nella popolazione generale che con CAD nota CAMI-Guide CAMI-Guide

39 % OCCURRENCE OF VT/VF ACCORDING TO CRP RR=3.54 Bellocci, Biasucci et al, Heart 2006

40 Post MI, EF <30% (Madit II-like) CRP assessment ICD implant CRP reassessment (between 7&30 gg) Total Follow up : 2 years STUDY DESIGN Bellocci F, Journal Cardiov Med 2007 C-reactive protein Assessment after Myocardial Infarction to GUide Implantation of DEfibrillator trial

41 Variables used for risk stratification Biological Biological –Pro-BNP: ventricular stretch and pressure  heart failure –PCR: inflammation  heart failure and coronary events. –Cystatine-C: Kidney failure, cardiovascular death, HF Clinical Clinical –LVEF –Age –NYHA class –Diabetes –Resting heart rate

42 Conclusions (1) CRP is not a predictor of sudden death, VF or fast VT in “Madit II like” patients CRP is not a predictor of sudden death, VF or fast VT in “Madit II like” patients CRP/inflammation are not involved in life threatening arrhythmias in these patients CRP/inflammation are not involved in life threatening arrhythmias in these patients However, CRP is strongly related to occurrence of However, CRP is strongly related to occurrence of –Total mortality –HF mortality –HF hospitalization CRP might represent a marker of risk for life threatening arrhythmias in CRT recipients CRP might represent a marker of risk for life threatening arrhythmias in CRT recipients

43 PCR, Pro BNP and CYS-C alone predict all-cause and HF mortality PCR, Pro BNP and CYS-C alone predict all-cause and HF mortality When considered toghether, the combination of all markers above median predicts a high incidence of 2 years mortality (above 50%) When considered toghether, the combination of all markers above median predicts a high incidence of 2 years mortality (above 50%) Among clinical paramters, only resting heart rate adds a significant prognostic value to all-cause mortality and SCD Among clinical paramters, only resting heart rate adds a significant prognostic value to all-cause mortality and SCD Resting heart rate above 70 bpm toghether with the combination of all biomarkers above median show: Resting heart rate above 70 bpm toghether with the combination of all biomarkers above median show: –Strikingly high 2 years mortality rate (above 70%) –High incidence of arrhythmic events or SCD (above 40%) Biasucci, Bellocci Europ Heart J 2011, 9,323 Conclusions (2)

44 Prognostic value of HR>70 in addition to all biomarkers above median - ALL CAUSE MORTALITY -

45 “Heart rate as a treatable risk factor” Studi epidemiologici: HR fattore predittivo di MG e mortalità CV. Studi epidemiologici: HR fattore predittivo di MG e mortalità CV. HR fattore di rischio indipendente di SCD, anche considerando ad un’analisi multivariata altri fattori di rischio per CAD e la stessa FE! HR fattore di rischio indipendente di SCD, anche considerando ad un’analisi multivariata altri fattori di rischio per CAD e la stessa FE! Meno significativa la correlazione nelle donne Meno significativa la correlazione nelle donne Significativa relazione fra riduzione di HR e riduzione di mortalità CV e SCD Significativa relazione fra riduzione di HR e riduzione di mortalità CV e SCD Misurazione di HR semplice e non costosa: componente obbligata di stratificazione di rischio per MG e SCD (cut-off 70/min, come in Beautiful?) Misurazione di HR semplice e non costosa: componente obbligata di stratificazione di rischio per MG e SCD (cut-off 70/min, come in Beautiful?) TARDIF, BMJ, 2009, TARDIF, BMJ, 2009, 90-71

46 Trial e mondo reale Arruolamento di pazienti altamente selezionati nei trial Arruolamento di pazienti altamente selezionati nei trial Analisi C/E rappresentano ipotetico scenario ideale e NON riflettono il mondo reale Analisi C/E rappresentano ipotetico scenario ideale e NON riflettono il mondo reale Mancano dati specifici su anziani. Età media nei trial anni. Nella pratica clinica >40% di ICD in pazienti >70anni (e 20% > 80anni) Mancano dati specifici su anziani. Età media nei trial anni. Nella pratica clinica >40% di ICD in pazienti >70anni (e 20% > 80anni) Mancano dati specifici nelle donne: 16% nel MADIT II e 23% nello SCD-Heft. Nella pratica clinica circa 50% sono donne Mancano dati specifici nelle donne: 16% nel MADIT II e 23% nello SCD-Heft. Nella pratica clinica circa 50% sono donne Ampliamento delle indicazioni in assenza di criteri ottimali di stratificazione e di dati su qualità di vita con dati insufficienti riguardanti donne e anziani!

47 Efficacia di ICD nelle donne in prevenzione primaria Meta-analisi di RCT e dati dei registry: minori interventi appropriati di ICD e aumento di sopravvivenza non significativo Meta-analisi di RCT e dati dei registry: minori interventi appropriati di ICD e aumento di sopravvivenza non significativo Maggiore incidenza di SCD inspiegata e prevalenza all’ecg di PEA/Asistolia Maggiore incidenza di SCD inspiegata e prevalenza all’ecg di PEA/Asistolia Varie cause: minore suscettibilità ad AVM, aumento di mortalità non aritmica Varie cause: minore suscettibilità ad AVM, aumento di mortalità non aritmica Aumento di complicanze rispetto agli uomini Aumento di complicanze rispetto agli uomini Heart Rhytm 2010,7,876 Heart Rhytm 2010,7,876 Ann Int Med 2012, 156,195 Ann Int Med 2012, 156,195

48 Terapia con ICD negli anziani Non beneficio negli anziani, a meno di non selezionare p. senza gravi comorbidità (cambierebbe solo il modo di morire) Non beneficio negli anziani, a meno di non selezionare p. senza gravi comorbidità (cambierebbe solo il modo di morire) Già nelo studio SCD-HeFT non beneficio in p. >65aa! Già nelo studio SCD-HeFT non beneficio in p. >65aa! Necessità di meglio comprendere rischi e benefici nella popolazione generale sottoposta a impianto! Necessità di meglio comprendere rischi e benefici nella popolazione generale sottoposta a impianto! Swindle “ICD in older pts” Arch Int Med 2010, 170,631 Havranek “Are ICD effective therapy in the elderly?” Circulation Heart Failure 2010,3,7

49 ICD profilassi primaria negli anziani (1) Età media nei trial: anni Età media nei trial: anni Nel mondo reale: nel 45%>70 aa, nel 20%>80 aa Nel mondo reale: nel 45%>70 aa, nel 20%>80 aa Età media dei p. arruolati nei trial di CHF:61 aa. Nel mondo reale:77 aa Età media dei p. arruolati nei trial di CHF:61 aa. Nel mondo reale:77 aa Non dimostrato aumento di sopravvivenza in p. anziani dopo ICD (varie meta-analisi) Non dimostrato aumento di sopravvivenza in p. anziani dopo ICD (varie meta-analisi)

50 ICD profilassi primaria negli anziani (2) In MADIT II e SCD-HeFT : curve di sopravvivenza iniziano a divergere dopo mesi e diventano statisticamente significative dopo 4-5 anni. In MADIT II e SCD-HeFT : curve di sopravvivenza iniziano a divergere dopo mesi e diventano statisticamente significative dopo 4-5 anni. Anche in prevenzione secondaria non dimostrata efficacia di ICD in anziani>75 aa. In particolare in p. >70 aa non riduzione di MG, in p.>72 aa non riduzione di mortalità aritmica. Anche in prevenzione secondaria non dimostrata efficacia di ICD in anziani>75 aa. In particolare in p. >70 aa non riduzione di MG, in p.>72 aa non riduzione di mortalità aritmica. Ann. Int. Med 2010, 153, 593 Arch Int Med 2010, 170, 631 Euro Pace 2012, 14, 66

51 Data Registry from Centers for Medicare and Medicaid Services “After controlling for comorbidies, the Medicare benificiaries who receveid ICD for primary prevention had no benefits in terms of reduced all-cause mortality. In other words, the bad news may not be for women and minorities, but for white men who are undergoing a procedure that, for primary prevention, has not been shown to extend their lives. […] Even if the benefits of ICD on mortality are not confirmed, what about the influence of ICD on quality of life? Unfortunately, the data here also are not encouraging” Redberg JAMA 298,1564 ottobre 2007

52 Importanza dei Registry Rappresentano, a differenza dei RCT, il mondo reale, anche se riportano dati osservazionali Rappresentano, a differenza dei RCT, il mondo reale, anche se riportano dati osservazionali Base per valutare criticamente almeno alcuni sottogruppi di pazienti “teoricamente” elegibili per un ICD Base per valutare criticamente almeno alcuni sottogruppi di pazienti “teoricamente” elegibili per un ICD Permettono la valutazione, nel tempo, di fattori di rischio e prognostici Permettono la valutazione, nel tempo, di fattori di rischio e prognostici Permettono di valutare complicanze e qualità di vita Permettono di valutare complicanze e qualità di vita (Ad es: tanto più recente è l’anno di impianto, tanto maggiore la MG! Evidentemente vengono impiantati pazienti sempre più anziani e compromessi. ) Noye, Med Care 2007, 45:377

53 Chi e quando impiantare con un ICD. Dilemma per il medico pratico nel (1) Medicina razionale praticabile solo quando noi come società potremo definire il livello di accuratezza predittiva accettabile e il livello di rischio tollerabile e quindi saremo legalmente protetti nel prendere queste decisioni in maniera condivisa. Medicina razionale praticabile solo quando noi come società potremo definire il livello di accuratezza predittiva accettabile e il livello di rischio tollerabile e quindi saremo legalmente protetti nel prendere queste decisioni in maniera condivisa. Altrimenti continuerà la medicina “everything for all”! Approccio insostenibile! Altrimenti continuerà la medicina “everything for all”! Approccio insostenibile! Se non saremo noi a decidere, lo farà qualcun altro Se non saremo noi a decidere, lo farà qualcun altro

54 Chi e quando impiantare con un ICD. Dilemma per il medico pratico nel (2) Attualmente acceso e approfondito dibattito sull’interpretazione di evidenze scientifiche ambigue e limitate preferibile a regole prescrittive che interrompono il processo scientifico e precludono opzioni alternative Attualmente acceso e approfondito dibattito sull’interpretazione di evidenze scientifiche ambigue e limitate preferibile a regole prescrittive che interrompono il processo scientifico e precludono opzioni alternative Se i medici abbracciano totalmente l’opzione di ICD a tutti i pazienti con bassa FE e HF, impossibile effettuare nuovi trial che neghino ICD a pazienti “teoricamente” elegibili Se i medici abbracciano totalmente l’opzione di ICD a tutti i pazienti con bassa FE e HF, impossibile effettuare nuovi trial che neghino ICD a pazienti “teoricamente” elegibili Allora i futuri trial non potranno che espandere e non rifinire e personalizzare le indicazioni! (vedi MADIT CRT, REVERSE, RAFT) Allora i futuri trial non potranno che espandere e non rifinire e personalizzare le indicazioni! (vedi MADIT CRT, REVERSE, RAFT)

55 MITTAL “Selecting patients for an ICD: can the genie be put into the bottle?” JACC, 2008, 5:297

56 Esiste una valutazione comune della soglia del rischio di SCD? Corretto indicare l’impianto di ICD in p. ad alto rischio di SCD Corretto indicare l’impianto di ICD in p. ad alto rischio di SCD Questo implica l’esistenza di una soglia accettabile di rischio sotto cui ICD non e’ indicato Questo implica l’esistenza di una soglia accettabile di rischio sotto cui ICD non e’ indicato Quale è? Chi e come lo stabilisce? E’ un problema clinico, statistico, etico, legale o finanziario? Quale è? Chi e come lo stabilisce? E’ un problema clinico, statistico, etico, legale o finanziario? Cosa sappiamo della percezione del rischio da parte del paziente (e del medico!) e della sua influenza su accettazione e/o rifiuto di ICD? Cosa sappiamo della percezione del rischio da parte del paziente (e del medico!) e della sua influenza su accettazione e/o rifiuto di ICD?

57 Errata percezione di efficacia di ICD da parte dei pazienti Marcata sovrastima di impatto di ICD su sopravvivenza a 5 anni in prevenzione primaria: errata convinzione che ICD salvi il 50% dei pazienti (e non il 7% come in realtà) Marcata sovrastima di impatto di ICD su sopravvivenza a 5 anni in prevenzione primaria: errata convinzione che ICD salvi il 50% dei pazienti (e non il 7% come in realtà) Informando, correttamente, che a 5 anni sopravvive il 71% di pazienti con ICD e il 64% di pazienti senza ICD, verosimilmente le decisioni del paziente possono cambiare Informando, correttamente, che a 5 anni sopravvive il 71% di pazienti con ICD e il 64% di pazienti senza ICD, verosimilmente le decisioni del paziente possono cambiare Corretta informazione di effetti collaterali! Corretta informazione di effetti collaterali! Stewart et al: “Patient misperceptions about the survival benefit of ICD for primary prevention of death in HF” Circulation 2006, 114, 732

58 Valutare ARR piuttosto che RRR In letteratura: solo RRR! In letteratura: solo RRR! Più chiare e appropriate valutazioni di ARR eNNT (spiegare ai p. R/B e C/W) Più chiare e appropriate valutazioni di ARR eNNT (spiegare ai p. R/B e C/W) Quale ARR giudicata clinicamente o eticamente significativa (per il p., il medico, il SSN)? Quale ARR giudicata clinicamente o eticamente significativa (per il p., il medico, il SSN)? A 5aa, nello SCD-Heft: RRR 23%, ARR 7%,NNT 14 A 5aa, nello SCD-Heft: RRR 23%, ARR 7%,NNT 14 Soglia annua di rischio accettata di SCD: 3% (ma è significativa?) Soglia annua di rischio accettata di SCD: 3% (ma è significativa?) Tale soglia, per i medici, varia, specie in rapporto a età, dal 9% al 21% a 3 anni! Tale soglia, per i medici, varia, specie in rapporto a età, dal 9% al 21% a 3 anni! Europace 2013, 15, 813

59 Linee-guida e preferenze del paziente Linee-guida non tengono sufficientemente conto delle preferenze del paziente Linee-guida non tengono sufficientemente conto delle preferenze del paziente Adattare il trattamento ai vari contesti clinici è diverso che adattarlo alle preferenze del paziente Adattare il trattamento ai vari contesti clinici è diverso che adattarlo alle preferenze del paziente EBM ha storicamente riconosciuto un ruolo molto limitato alle preferenze del paziente (medicina medico- centrica!) EBM ha storicamente riconosciuto un ruolo molto limitato alle preferenze del paziente (medicina medico- centrica!) Preferenze del paziente da incorporare nell’albero decisionale con lo stesso peso di altre evidenze scientifiche Preferenze del paziente da incorporare nell’albero decisionale con lo stesso peso di altre evidenze scientifiche Krahn: “The next step in Guide-lines development: incorporating patient preferences” JAMA, 300, 436: 2008

60 Rhetorical techniques in the reporting of CRT and ICD trial – Arch Int Med ,1500- Amer J Cardiol , 1806 Rhetorical techniques in the reporting of CRT and ICD trial – Arch Int Med ,1500- Amer J Cardiol , 1806 Adverse events in RCT: neglected, restricted, distorted and silenced- Arch Int Med 2009, 160,1737 Adverse events in RCT: neglected, restricted, distorted and silenced- Arch Int Med 2009, 160,1737 Reversal of established medical practices Jama , 37 Reversal of established medical practices Jama , 37 Is industry skewing trial evidence in its favour? Ann Int Med 2010, 153, 158 Is industry skewing trial evidence in its favour? Ann Int Med 2010, 153, 158 COI in cardiovascular clinical practice GL Arch Int Med 2011, 6, 577 COI in cardiovascular clinical practice GL Arch Int Med 2011, 6, 577 Can we trust cardiovascular practice GL? Arch Int Med ,585 Can we trust cardiovascular practice GL? Arch Int Med ,585 The hazards of EBM Jama 2011,306,762 The hazards of EBM Jama 2011,306,762

61 “A critical appraisal of ICD therapy for the prevention of SCD” “A critical appraisal of ICD therapy for the prevention of SCD” Beneficio clinico di ICD “sovrastimato, per vari motivi, nei trial clinici Beneficio clinico di ICD “sovrastimato, per vari motivi, nei trial clinici TUNG and Josephson JACC, 2008, 52, III TUNG and Josephson JACC, 2008, 52, III “Refining patient selection for primary selection ICD Therapy “ L’ obiettivo NON raggiunto di ottimizzare la prevenzione primaria con ICD è condiviso da medici, amministrativi e pazienti. L’ obiettivo NON raggiunto di ottimizzare la prevenzione primaria con ICD è condiviso da medici, amministrativi e pazienti. Tung, Swerdlow Circulation Sept 2009 Tung, Swerdlow Circulation Sept 2009 Arrh-Review 2012,1,46 Arrh-Review 2012,1,46

62 “Indications for ICD based on evidence and judgment” Le limitazioni dei dati disponibili rinforzano l’importanza del giudizio del medico nel prendere decisioni basate anche sulla realtà dei casi singoli Le limitazioni dei dati disponibili rinforzano l’importanza del giudizio del medico nel prendere decisioni basate anche sulla realtà dei casi singoli Dobbiamo riconoscere la necessità di una migliore stratificazione per limitare ICD a p. che ne beneficeranno, escludendo quelli che non ne beneficeranno Dobbiamo riconoscere la necessità di una migliore stratificazione per limitare ICD a p. che ne beneficeranno, escludendo quelli che non ne beneficeranno L’enfasi sproporzionata sulla FE ha portato ad una limitata capacità predittiva nei singoli pz o nei piccoli sottogruppi, con un basso beneficio individuale, nonostante un alto beneficio relativo “Thus the need for better risk stratification is self- evident” L’enfasi sproporzionata sulla FE ha portato ad una limitata capacità predittiva nei singoli pz o nei piccoli sottogruppi, con un basso beneficio individuale, nonostante un alto beneficio relativo “Thus the need for better risk stratification is self- evident” MYERBURG State of the art MYERBURG State of the art JACC, Aug 2009

63 “A critical appraisal of ICD therapy for the prevention of SCD” It is ethically imperative that we are honest with the data, so that we can be honest with our patients! It is ethically imperative that we are honest with the data, so that we can be honest with our patients! Tung, Zimetbaum, Josephson Tung, Zimetbaum, Josephson State of the art JACC Sept 2008 State of the art JACC Sept 2008 Circulation 2013,128,172 Circulation 2013,128,172

64 R M C Consente una valutazione poliparametrica di un fenomeno multifattoriale come SC: Consente una valutazione poliparametrica di un fenomeno multifattoriale come SC: Estensione cicatrice Estensione cicatrice LVEDV LVEDV Anomalie di parete Anomalie di parete Contrattilità Contrattilità Ischemia Ischemia Fibrosi fattore di rischio emergente per SCD Fibrosi fattore di rischio emergente per SCD

65 Marker ideale di stratificazione del rischio Fornisce informazioni prognostiche dettagliate e affidabili con sufficiente sensibilità e specificità, tali da suggerire terapie che migliorano prognosi Fornisce informazioni prognostiche dettagliate e affidabili con sufficiente sensibilità e specificità, tali da suggerire terapie che migliorano prognosi Occorre che sia non costoso, semplice da interpretare, sicuro da ottenere e facilmente accessibile in un ampio range di realtà sanitarie Occorre che sia non costoso, semplice da interpretare, sicuro da ottenere e facilmente accessibile in un ampio range di realtà sanitarie

66 Genetica e SCD (1) Approcci attuali di stratificazione in popolazione generale:scarso potere predittivo a livello individuale Approcci attuali di stratificazione in popolazione generale:scarso potere predittivo a livello individuale Crescente evidenza di ereditarietà di SCD Crescente evidenza di ereditarietà di SCD Fattori genetici componente potenzialmente importante di stratificazione del rischio Fattori genetici componente potenzialmente importante di stratificazione del rischio “Genetic determinants of SCD” Circulation 2008,Oct. “Genetic determinants of SCD” Circulation 2008,Oct. “Genetic of SCA” Progress Cardiovasc Disease, Giugno 2008 “Genetic of SCA” Progress Cardiovasc Disease, Giugno 2008

67 Genetica e SCD (2) Certi polimorfismi genetici possono predisporre alcuni p. a maggior rischio di SCD in presenza di un insulto iniziale. Certi polimorfismi genetici possono predisporre alcuni p. a maggior rischio di SCD in presenza di un insulto iniziale. Studi epidemiologici evidenziano aggregazione familiare di SCD in AMI, legata a mutazioni/polimorfismi identificati sempre più spesso che amplifica gli effetti aritmogeni dell’ Studi epidemiologici evidenziano aggregazione familiare di SCD in AMI, legata a mutazioni/polimorfismi identificati sempre più spesso che amplifica gli effetti aritmogeni dell’ -Nitric oxide synthetase 1 adapter protein -Nitric oxide synthetase 1 adapter protein -B 2 adrenergic receptor -B 2 adrenergic receptor -Transforming growth factor signalling pathway -Transforming growth factor signalling pathway -Chromosome 21q21 -Chromosome 21q21 Indipendenza almeno di alcuni fattori genetici che predispongono ad AVM durante AMI da quelli che predispongono a CAD Indipendenza almeno di alcuni fattori genetici che predispongono ad AVM durante AMI da quelli che predispongono a CAD

68 Genetica e SCD (3) Mutazioni o polimorfismi genetici in geni codificanti per proteine dei canali ionici determinanti aumentato rischio di SCD Mutazioni o polimorfismi genetici in geni codificanti per proteine dei canali ionici determinanti aumentato rischio di SCD SUCD in assenza d OHD: test genetici mirati evidenziano mutazioni genetiche dei canali ionici nel 50% circa SUCD in assenza d OHD: test genetici mirati evidenziano mutazioni genetiche dei canali ionici nel 50% circa Importanza delle malattie elettriche anche nella popolazione generale (intervallo QT geneticamente determinato!) Importanza delle malattie elettriche anche nella popolazione generale (intervallo QT geneticamente determinato!)

69 Genetica e SCD (4) Importanza del QT Concetto di “Riserva di ripolarizzazione”, mantenuta da meccanismi multipli e ridondanti Concetto di “Riserva di ripolarizzazione”, mantenuta da meccanismi multipli e ridondanti Un singolo difetto genetico (variante rara legata al QT) può rimanere inespresso finchè una esposizione addizionale (ischemia, iopK,farmaci..riduce la capacità di ripolarizzazione sotto una soglia critica, che smaschera il difetto, artitmogena Un singolo difetto genetico (variante rara legata al QT) può rimanere inespresso finchè una esposizione addizionale (ischemia, iopK,farmaci..riduce la capacità di ripolarizzazione sotto una soglia critica, che smaschera il difetto, artitmogena Nel 15% almeno di QT lungo iatrogeno identificate varianti rare di geni collegati al QT (forma frusta di LQTS?) Nel 15% almeno di QT lungo iatrogeno identificate varianti rare di geni collegati al QT (forma frusta di LQTS?)

70 Genetica e SCD (5) SCD è un fenotipo complesso ed eterogeneo con una forte base genetica: SCD è un fenotipo complesso ed eterogeneo con una forte base genetica: A) Ereditarietà di tratti poligenetici che predispone a SCD (associazione,al momento, ancora confusa) A) Ereditarietà di tratti poligenetici che predispone a SCD (associazione,al momento, ancora confusa) B) ereditarietà monogenetica delle sindromi mendeliane (LQTS, BS; HCM, ARVD, CPVT..) B) ereditarietà monogenetica delle sindromi mendeliane (LQTS, BS; HCM, ARVD, CPVT..) L’interesse per il ruolo di variazioni genetiche rare e comuni e delle complesse inter-relazioni allele-allele (manifestazioni fenotipiche diverse anche nei disordini monogenetici!) è solo all’inizio L’interesse per il ruolo di variazioni genetiche rare e comuni e delle complesse inter-relazioni allele-allele (manifestazioni fenotipiche diverse anche nei disordini monogenetici!) è solo all’inizio Attraenti e realistiche possibilità future: Attraenti e realistiche possibilità future: -Terapie di sindromi genetiche di SCD -Terapie di sindromi genetiche di SCD -Sviluppo di nuove terapie -Sviluppo di nuove terapie -Stratificazione ottimale di rischio anche in popolazione generale -Stratificazione ottimale di rischio anche in popolazione generale -Migliore capacità di predire e prevenire SCD nella popolazione -Migliore capacità di predire e prevenire SCD nella popolazione generale generale

71 Il Puzzle della stratificazione di SCD Predizione di SCD come un puzzle: nessun pezzo (test) può rappresentare l’intero quadro Predizione di SCD come un puzzle: nessun pezzo (test) può rappresentare l’intero quadro Più pezzi mettiamo insieme, più ci avviciniamo alla comprensione del quadro globale Più pezzi mettiamo insieme, più ci avviciniamo alla comprensione del quadro globale Quindi approccio poliparametrico, ma il quadro di insieme ancora ci sfugge. Quindi approccio poliparametrico, ma il quadro di insieme ancora ci sfugge.

72 Clinical depression and risk of out- of- Hospital Cardiac Arrest - Significativa associazione fra Depressione e SD in ampia casistica (2228 casi di SD) in pz. e SD in ampia casistica (2228 casi di SD) in pz. con o senza OHD. con o senza OHD. - Associazione altamente significativa indipendente da tutti gli altri fattori di rischio. da tutti gli altri fattori di rischio. - Maggiore la severita’ di D, maggiore è il rischio - Importanza nella stratificazione del rischio Arch Int Med, Gennaio 2006 Arch Int Med, Gennaio 2006

73

74 Il concetto di rischio relativo e di rischio assoluto rischio 1 ‰ in 300 milioni = 300 mila casi rischio 38 % in = 3800 casi

75

76 Grazie per la cortese attenzione

77

78 Effetti collaterali di ICD in CRT Maggior rischio di recall Maggior rischio di recall Controlli più frequenti e complessi Controlli più frequenti e complessi Minore durata e più frequenti sostituzioni con maggior rischio di infezioni Minore durata e più frequenti sostituzioni con maggior rischio di infezioni Scariche, appropriate e inappropriate (rappresentano ancora il 30% di tutte le scariche), compromettono qualità di vita, aggravano HF e triplicano (MADIT II) o raddoppiano (SCD- Heft) MG Scariche, appropriate e inappropriate (rappresentano ancora il 30% di tutte le scariche), compromettono qualità di vita, aggravano HF e triplicano (MADIT II) o raddoppiano (SCD- Heft) MG Poole NEJM,359, 1009: Sett. 2008

79 REVERSE+MADIT CRT MG (e SCD) talmente bassa che ICD non puo’ dare benefici MG (e SCD) talmente bassa che ICD non puo’ dare benefici CRT: on – off (più corretto!?) CRT: on – off (più corretto!?) Dato che l’uso di CRT-D è molto diffuso e supera di molto CRT-P, impossibile che le ditte sponsorizzino un trial di confronto in assenza di CRT-D (il costo di CRT-D è circa 2-3 volte CRT-P!) Dato che l’uso di CRT-D è molto diffuso e supera di molto CRT-P, impossibile che le ditte sponsorizzino un trial di confronto in assenza di CRT-D (il costo di CRT-D è circa 2-3 volte CRT-P!) Questi p. verosimilmente vivranno, con il ICD impiantato, per un tempo molto più lungo, il che li espone a maggiori ( e probabilmente ingiustificati) rischi device-relati (sostituzioni, malfunzioni, recall, infezioni, shock inappropriati, maggiore complessità nei controlli…) Questi p. verosimilmente vivranno, con il ICD impiantato, per un tempo molto più lungo, il che li espone a maggiori ( e probabilmente ingiustificati) rischi device-relati (sostituzioni, malfunzioni, recall, infezioni, shock inappropriati, maggiore complessità nei controlli…)

80 REVERSE+MADIT CRT Questioni aperte Risultati simili per NYHA I e II? Risultati simili per NYHA I e II? Ridefinire LG indicazioni ICD includendo CRT in tutti i pz. con QRS> oppure solo in pz con QRS> 150 msec? Aggiungere parametri di dissincronia? Ridefinire LG indicazioni ICD includendo CRT in tutti i pz. con QRS> oppure solo in pz con QRS> 150 msec? Aggiungere parametri di dissincronia? Classe NYHA I e II: MG bassa, ma CRT ritardando evoluzione, ridurrà MG? Classe NYHA I e II: MG bassa, ma CRT ritardando evoluzione, ridurrà MG? NB: impossibile altro trial con o senza CRT, ma possibile con o senza ICD! NB: impossibile altro trial con o senza CRT, ma possibile con o senza ICD!

81 REVERSE 610 p. NYHA I o II, RS, QRS> 120 msec, FE 55mm, randomizzati a CRT (P o D) on o off! 610 p. NYHA I o II, RS, QRS> 120 msec, FE 55mm, randomizzati a CRT (P o D) on o off! End point primari: condizione di HF peggiorata, invariata o migliorata! Valutazione LVES index. End point primari: condizione di HF peggiorata, invariata o migliorata! Valutazione LVES index. End point primario non raggiunto (non differenza NYHA, Q of L, MVA). Positivo reverse remodeling. Solo significativo ritardo nel tempo di prima re-H per HF (modesto! a 12 mesi 4% CRT on contro 7% CRT off). Piccolo beneficio annullato da elevata frequenza di complicazioni device-relate (peri 4% e post operatorie 16%) End point primario non raggiunto (non differenza NYHA, Q of L, MVA). Positivo reverse remodeling. Solo significativo ritardo nel tempo di prima re-H per HF (modesto! a 12 mesi 4% CRT on contro 7% CRT off). Piccolo beneficio annullato da elevata frequenza di complicazioni device-relate (peri 4% e post operatorie 16%) Non benefici in classe I (24 months Reverse study?) Non benefici in classe I (24 months Reverse study?) MG: 2,2% CRT on e 1,6% CRT off MG: 2,2% CRT on e 1,6% CRT off NB: CRT-D nell’ 83% dei pz.!!! NB: CRT-D nell’ 83% dei pz.!!! JACC Dec 2008 JACC Dec 2008

82 MADIT CRT 1820 p. NYHA I-II, QRS> 130msec, FE 130msec, FE< 30%, randomizzati a CRT-D o ICD. Tutti indicazione a ICD !?! End point primario MG o HF End point primario MG o HF Follow-up: 2,4 aa Follow-up: 2,4 aa CRT: riduce significativamente eventi HF relati, diminuendoli del 41%, specie in p. con QRS>150 msec e nelle donne indipendentemente dalla durata del QRS. Reverse remodeling evidenziato da FE CRT: riduce significativamente eventi HF relati, diminuendoli del 41%, specie in p. con QRS>150 msec e nelle donne indipendentemente dalla durata del QRS. Reverse remodeling evidenziato da FE MG simile (3% anno) MG simile (3% anno) NB: non dichiarate scariche o SCD! NB: non dichiarate scariche o SCD! NEJM Sept 2009

83 Trial di confronto fra CRT e CRT-D Improbabile per considerazioni metodologiche e soprattutto per i costi e la difficoltà di sponsorizzazione Improbabile per considerazioni metodologiche e soprattutto per i costi e la difficoltà di sponsorizzazione Necessari circa 1600 pazienti per ogni braccio, da seguire per almeno 3 anni Necessari circa 1600 pazienti per ogni braccio, da seguire per almeno 3 anni

84 Device alternativi in HF Neurostimolatori Neurostimolatori - Stimolazione corda spinale (DEFEAT-HF) - Stimolazione n. vago (INECTAR-HF) Teoricamente indicati in più ampia popolazione che Teoricamente indicati in più ampia popolazione che CRT CRT Modulazione contrattilità cardiaca (CCM) Modulazione contrattilità cardiaca (CCM) Denervazione renale? Denervazione renale? VAD!!! VAD!!!

85 CRT-Mortaity risk score Rimodellamento favorevole è indipendente dal carico delle comorbilità (diabete, IRC,BPCO..), ma le comorbilità rimanfono importanti predittori di MG e re-H per H (specie la fragilità) Rimodellamento favorevole è indipendente dal carico delle comorbilità (diabete, IRC,BPCO..), ma le comorbilità rimanfono importanti predittori di MG e re-H per H (specie la fragilità) Prognosi più grave in rapporto alle morbilità anche se CRT è efficace!! Prognosi più grave in rapporto alle morbilità anche se CRT è efficace!! J Card Failure 2012,18,845 J Card Failure 2012,18,845

86

87 CRT in classe NYHA I e II: metanalisi Riduzione 19% di MG e del 32% di eventi avversi correlati a HF Riduzione 19% di MG e del 32% di eventi avversi correlati a HF Rimodellamento favorevole specie in classe NYHA II, ma anche I Rimodellamento favorevole specie in classe NYHA II, ma anche I Efficace solo in p. con morfologia QRS di vero BBS e durata QRS>150 msec. Efficace solo in p. con morfologia QRS di vero BBS e durata QRS>150 msec. CRT in classe NYHA I sembra ritardare progressione di HF, ma valutare R/B! CRT in classe NYHA I sembra ritardare progressione di HF, ma valutare R/B! CRTP o CRTD? CRTP o CRTD? Jacc, 2011,58,935 Jacc, 2011,58,935

88 CRT: anti o pro-artimica? Antiaritmica se efficace riguardo al rimodellamento inverso Antiaritmica se efficace riguardo al rimodellamento inverso Pro-aritmica se inefficace riguardo al rimodellamento inversa (stimolazione epicardica non fisiologica) Pro-aritmica se inefficace riguardo al rimodellamento inversa (stimolazione epicardica non fisiologica) Jacc 2011,57,2416 Jacc 2011,57,2416

89 CRT: modificazioni L.G. rispetto al 2008 (1) ESC : p. sintomatici in classe NYHA II e III hanno molto da guadagnare con CRT e nessun sottogruppo di p. ha chiaramente dimostrato di non beneficiare, per cui la indicazione è stata lasciata ampia, includendo p. con QRS<150 msec. ESC : p. sintomatici in classe NYHA II e III hanno molto da guadagnare con CRT e nessun sottogruppo di p. ha chiaramente dimostrato di non beneficiare, per cui la indicazione è stata lasciata ampia, includendo p. con QRS<150 msec. ACC/AHA/HRS : indicazioni di classe I solo in p. con QRS> 150 msec e morfologia a BBS completo in classe NYHA II – III e IV ambulatoriale ACC/AHA/HRS : indicazioni di classe I solo in p. con QRS> 150 msec e morfologia a BBS completo in classe NYHA II – III e IV ambulatoriale (se classe NYHA I, indicazione di classe II B) (se classe NYHA I, indicazione di classe II B)

90 CRT: modificazioni L.G. rispetto al 2008 (2) Nessun ampio trial ha evidenziato beneficio clinico in assenza di QRS>150 msec (e morfologia BBS vero) anche selezionando i p. con misure di eco di dimissione, Nessun ampio trial ha evidenziato beneficio clinico in assenza di QRS>150 msec (e morfologia BBS vero) anche selezionando i p. con misure di eco di dimissione, Nessuna dimostrazione di superiorità di CRT-d su CRT-D! (Nel COMPANion nessuna differenza di MG a 2 aa tra CRT-D e >CRT-P! Nessuna dimostrazione di superiorità di CRT-d su CRT-D! (Nel COMPANion nessuna differenza di MG a 2 aa tra CRT-D e >CRT-P! EHJ 2012, 14, 803 Circulation 2012,126,1784 EHJ 2012, 14, 803 Circulation 2012,126,1784

91

92

93


Scaricare ppt "Prof. F. Bellocci Univeristà Cattolica del S. Cuore Roma Roma 26 Gennaio 2012 La stratificazione ottimale del rischio di morte improvvisa La stratificazione."

Presentazioni simili


Annunci Google