La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dott. Alessi Antonio DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO PESARO E URBINO Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dott. Alessi Antonio DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO PESARO E URBINO Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali."— Transcript della presentazione:

1 Dott. Alessi Antonio DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO PESARO E URBINO Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

2 La vigilanza nei cantieri, come per le altre attività produttive, è essenzialmente uno strumento per far prevenzione.

3  È bene ribadire che anche per i cantieri edili l’azione di controllo è fondamentale per dare sostanza alle regole di prevenzione: senza questa azione c’è il rischio che investano in sicurezza solamente le imprese motivate culturalmente, le quali si troveranno però penalizzate sul mercato rispetto a quelle imprese che non intendono investire in sicurezza

4  Sarebbe velleitario attribuire all’azione di vigilanza il potere di prevenire i singoli infortuni, con l’idea che “se metto a posto quel cantiere non succede l’infortunio”. Purtroppo non è così, non fosse altro perché le situazioni di cantiere mutano in continuazione e la situazione riscontrata al momento dell’ispezione può cambiare completamente il giorno successivo

5 5 Con un’evoluzione legislativa tesa sempre più alla prevenzione, con la presa di coscienza che il settore edile rimane sempre il più a rischio, l’Organo di vigilanza non può più limitarsi alla semplice repressione, con l’individuazione dei reati e l’elaborazione di un verbale, se vuole essere parte attiva di un cambiamento radicale del sistema prevenzionale nel nostro paese

6  L’intervento ispettivo, quindi, deve essere sì diretto ad eliminare le situazioni di pericolo per i lavoratori, ma nello stesso tempo deve essere teso a cambiare il processo culturale per la prevenzione in tutti i soggetti obbligati e tutelati presenti in cantiere.

7   Vanno perciò ricercate delle strategie in grado di superare l’intervento caso per caso per raggiungere un obiettivo di efficacia su tutto il comparto.  Ciò si può ottenere pensando ad un tipo di controllo in grado di rendere positiva l’azione preventiva dei soggetti che sono titolari della sicurezza: i committenti, i coordinatori, i datori di lavoro, i dirigenti, i preposti, i lavoratori.

8

9

10

11 PERICOLI NEI LAVORI IN COPERTURA

12

13 Rapporto annuale Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

14

15

16 CANTIERI ISPEZIONATI: 1933 di cui IRREGOLARI: 351 aziende con dipendenti + lavoratori autonomi oggetto di ispezione: 2271

17  VIOLAZIONI COMPLESSIVE: 748 datori di lavoro: 500 lavoratori autonomi: 40 committenti e/o responsabili dei lavori: 96 coordinatori per la sicurezza: 118 sequestri: 6 sospensioni per gravi e reiterate violazioni in materia di sicurezza ai sensi dell'art. 14 Dlgs 81/08: 3

18 VIGILANZA DIREZIONI TERRITORIALI DEL LAVORO DELLA REGIONE MARCHE CANTIERI ISPEZIONATI: 631 di cui IRREGOLARI: 535 aziende con dipendenti + lavoratori autonomi oggetto di ispezione: 1206 di cui irregolari: 792 Sospensioni ai sensi art.14 del d.lgs 81/08, per lavoro nero: 57 SEQUESTRI PENALI: 6

19  committenti / responsabili lavori: 30  coordinatori per la sicurezza: 58  VIOLAZIONI COMPLESSIVE: 894  DATORI DI LAVORO: 750 LAVORATORI DIPENDENTI: 12 LAVORATORI AUTONOMI: 43 INSTALLATORI: 1

20

21

22

23

24

25  Le violazioni più frequenti sono sempre le stesse e sono riferite ad aspetti tecnico-antinfortunistici (cadute dall’alto, rischio elettrico, organizzazione di cantiere, utilizzo DPI, ecc.)  La documentazione riferita agli aspetti gestionali e di organizzazione del cantiere e delle lavorazioni (PSC, POS, PIMUS) è spesso un mero adempimento formale, che non tiene conto della realtà del cantiere e della sua effettiva gestione.

26  Infatti, dall’esame della documentazione di cantieri gli elaborati anticaduta si riscontra nella quasi totalità dei casi esaminati l’assoluta mancanza di attenzione rispetto ai tiranti d’aria e, di conseguenza, l’assenza assoluta di indicazioni sull’insieme di DPI atti ad arrestare la caduta del lavoratore prima che impatti al suolo o su di un elemento aggettante dell’edificio.

27

28

29

30 Ai sensi dell’art.89 comma 1 lettera h), il Piano Operativo di Sicurezza (POS) nei cantieri mobili e temporanei costituisce Documento di Valutazione dei Rischi ai sensi dall’art.17 c.1 lettera a) che il datore di lavoro è tenuto a redigere.

31 una specifica valutazione dei rischi,  Pertanto, prima di svolgere lavori sulle coperture, è necessario eseguire, nell’ambito della redazione del POS, una specifica valutazione dei rischi, ed in particolare il rischio di caduta dall’alto, a cui risultano esposti gli operatori durante l’esecuzione di lavori sulla copertura, al fine di definire le conseguenti opere di prevenzione e protezione da adottare.

32 1. Tipologia e durata del lavoro da svolgere 2. Inclinazione della copertura 3. Tipo di copertura (piana, a falda, a shed, a volta...) 4. Altezza di caduta massima 5. Carichi massimi di impatto di un corpo in fase di scivolamento/caduta (carichi dinamici)

33  6. Traiettoria di caduta di un corpo morto che rotola dalla copertura e probabile punto di impatto sul parapetto prefabbricato  7. Forma geometrica del parapetto in funzione della massima luce di passaggio di un corpo.

34 Qualche riflessione su alcuni punti … Forte frammentazione dei lavori e massiccio ricorso all’uso di lavoratori autonomi, oggi utilizzata come principale forma di «lavoro flessibile»!

35 Qualche riflessione su alcuni punti … Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Spesso manca una «regia» unica della sicurezza: in assenza di procedure chiare spesso prevale l’improvvisazione

36 Qualche riflessione su alcuni punti … Una filiera di appalti e subappalti a cascata leciti o illeciti una carente azione di coordinamento e vigilanza delle figure preposte: capi cantiere, coordinatori della sicurezza, ecc.ecc.

37 Qualche riflessione su alcuni punti … Scarsa informazione e formazione ai lavoratori. Errata valutazione dei rischi da parte di chi esegue l’intervento in copertura In copertura salgono persone assolutamente ignare dei rischi esistenti. Mancanza di conoscenza della normativa vigent e.

38 Qualche riflessione su alcuni punti … Scarsa informazione e formazione ai lavoratori. Errata valutazione dei rischi da parte di chi esegue l’intervento in copertura In copertura salgono persone assolutamente ignare dei rischi esistenti. Mancanza di conoscenza della normativa vigente.

39 Qualche riflessione su alcuni punti … Chi progetta sistemi anticaduta spesso non ha la competenza né i titoli, realizzando quindi sistemi intrinsecamente non sicuri.

40 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Direzione Territoriale del Lavoro di Bologna …. con questi risultati, purtroppo!

41 Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "Dott. Alessi Antonio DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO PESARO E URBINO Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali."

Presentazioni simili


Annunci Google