La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DEEP BLUE E LA ZANZARA Lettera aperta a costruttori e studiosi di robot Workshop “Applicazioni e tecnologie dei Sistemi Robotici Intelligenti” 23.09.04.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DEEP BLUE E LA ZANZARA Lettera aperta a costruttori e studiosi di robot Workshop “Applicazioni e tecnologie dei Sistemi Robotici Intelligenti” 23.09.04."— Transcript della presentazione:

1 DEEP BLUE E LA ZANZARA Lettera aperta a costruttori e studiosi di robot Workshop “Applicazioni e tecnologie dei Sistemi Robotici Intelligenti” Giovanna La Rosa, Nicola Pacilio, Andrea Quintiliani, Sandro Taglienti

2

3

4 L’intelligenza artificiale è la disciplina che studia la parte computazionale della capacità di raggiungere risultati. Il computer, in quanto in grado di simulare qualunque tipo di macchina, può essere reso intelligente. John Mccarthy

5 Fra dieci anni, se saranno ancora ammesse alle competizioni, le macchine saranno dichiarate campioni del mondo di scacchi. Entro dieci anni gli elaboratori scriveranno partiture di musica dotate di innegabile valore estetico; entro dieci anni le macchine scopriranno importanti teoremi di matematica. Herbert Simon e Allen Newell 1957

6 Entro il 1985 le macchine potranno fare qualunque cosa sappia fare un essere umano Herbert Simon 1967

7 Can machines think? Alan Turing risponde affermativamente e propone un esperimento mentale (1950).

8 Credo che tra circa cinquant’anni sarà possibile programmare computer con una memoria di un miliardo di bytes in maniera che essi giochino il gioco dell’imitazione tanto bene che una persona comune non avrà più del 70 per cento delle probabilità di identificarli dopo cinque minuti di interrogatorio. Alan Turing

9 La pascalina 1642 Differential engine C. Babbage 1832 Z1 Konrad Zuse 1938 ENIAC 1944 IBM

10

11 Describing the mind as a "society" that arises out of ever-smaller, mindless agents, each chapter corresponds to a single puzzle piece and a unified theory of the mind emerges before the eyes. Marvin Minsky

12 La “plausibilità biologica” delle reti neurali. le reti neurali apprendono – si tratta di sistemi adattativi;. generalizzano – (un esempio famoso è quello del passato dei verbi inglesi);. sono resistenti al rumore (in grado di tollerare input “sporchi”);. sono resistenti alle lesioni (producono comunque un risultato sia pure degradato);. le rappresentazioni sono distribuite nella rete (e non localizzate in luoghi specifici e circoscritti).

13 La stanza cinese (1980) Il test di Turing, baluardo dei fautori dell’IA forte, crolla davanti al paradosso di John Searle John Searle

14 Hofstadter e la polemica con Searle sulla stretta connessione tra la coscienza e la materia biologica di cui è costituito il cervello Douglas Hofstadter

15 Gerald Edelman Nobel medicina 1972 Edelman e i princìpi per la costruzione di un artefatto dotato di coscienza -Dotare il sistema di un generatore di diversità. -Permettere al sistema di interagire con l’ambiente. -Lasciare libera la selezione di seguire il suo corso.

16 COG:il terzo paradigma di Rodney Brooks 1 rule based systems 2 neural networks 3 stimulus/response

17 Giulio Sandini DIST LIRA LAB Un. Genova Babybot 1 Babybot 2

18

19 La mente può essere compresa soltanto studiando tutti i livelli di organizzazione del sistema nervoso e gli ambienti fisici e sociali. Attenzione alle spiegazioni che si basano su elementi relativi ad un solo livello. Antonio Damasio Un messaggio a chi costruisce robot

20

21 FINE


Scaricare ppt "DEEP BLUE E LA ZANZARA Lettera aperta a costruttori e studiosi di robot Workshop “Applicazioni e tecnologie dei Sistemi Robotici Intelligenti” 23.09.04."

Presentazioni simili


Annunci Google