La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DISLESSIA. La dislessia è un disturbo specifico dell’apprendimento che determina difficoltà nella decodifica grafema-fonema e nell’acquisizione degli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DISLESSIA. La dislessia è un disturbo specifico dell’apprendimento che determina difficoltà nella decodifica grafema-fonema e nell’acquisizione degli."— Transcript della presentazione:

1 DISLESSIA

2 La dislessia è un disturbo specifico dell’apprendimento che determina difficoltà nella decodifica grafema-fonema e nell’acquisizione degli automatismi che ne conseguono.

3 C OME SI MANIFESTA LA DISLESSIA In generale i sintomi che possono far presagire ad un insegnante che un certo alunno potrebbe essere dislessico sono:

4 S CUOLA DELL ' INFANZIA : Ritardo del linguaggio. Sviluppo linguistico (sia in produzione e/o comprensione) atipico, come omissioni o sostituzioni di fonemi, sostituzione di lettere, scarso vocabolario. Frasi incomplete. Difficoltà nell’acquisizione della lateralizzazione. Difficoltà nell’acquisizione di rapporti topologici- spaziali. Difficoltà a memorizzare poesie.

5 S CUOLA PRIMARIA Mancato raggiungimento del controllo sillabico in lettura e scrittura. Eccessiva lentezza nella lettura e scrittura. Incapacità a produrre le lettere in stampato maiuscolo. In lettura e scrittura, inverte lettere e numeri (21-12). Sostituisce lettere (m/n; v/f; b/d; a/o; p/q), fa ripetizioni, aggiunte, omissioni di lettere, parole e numeri. Difficoltà ad imparare le tabelline e alcune informazioni in sequenza come lettere dell’alfabeto, giorni della settimana, mesi.

6 Confonde rapporti spazio temporali (destra-sinistra; ieri-domani). Difficoltà in alcune abilità motorie, come allacciarsi le scarpe o allacciarsi i bottoni. Fatica a concentrarsi ed è molto vivace. Legge male ad alta voce. E’ molto lento nella lettura, oppure non comprende ciò che legge. Può essere ambidestro. Ha problemi con la memoria a breve termine ma ha un eccellente memoria a lungo termine. Può avere difficoltà nella lettura e/o scrittura di lingue straniere (es. inglese, latino, greco, ecc..). Può scrivere una parola due volte o non scriverla.

7 Può avere difficoltà nel memorizzare termini specifici, non di uso comune. Può avere difficoltà nello studio (storia, geografia, scienze, letteratura, problemi aritmetici) quando questo è veicolato dalla lettura e si giova invece dell'ascolto (es. registratori, adulto che legge, libri digitali). Non prende bene gli appunti perché non riesce ad ascoltare e scrivere contemporaneamente. Quando si distrae da ciò che sta leggendo o scrivendo ha grosse difficoltà a ritrovare il punto. Eccelle in materie quali arte, costruzioni, musica e sport. E’ bravo a mettere in pratica idee astratte.

8 C OSA DEVONO FARE GLI INSEGNANTI Riconoscere e accogliere realmente la "diversità" Parlare alla classe e non nascondere il problema Spiegare alla classe le diverse necessità dell'alunno dislessico e il perché del diverso trattamento Collaborare attivamente con colleghi e genitori per garantire risposte coerenti al problema

9 C OSE DA NON FARE : Far leggere il bambino a voce alta Ridicolizzarlo Correggere tutti gli errori nei testi scritti Fare liste di parole da imparare Farlo copiare dalla lavagna Farlo ricopiare il lavoro già svolto, perché scorretto o disordinato Paragonarlo ad altri


Scaricare ppt "DISLESSIA. La dislessia è un disturbo specifico dell’apprendimento che determina difficoltà nella decodifica grafema-fonema e nell’acquisizione degli."

Presentazioni simili


Annunci Google