La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Reazioni Avverse da Farmaci e Farmacovigilanza. Reazioni avverse da farmaci Definizioni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Reazioni Avverse da Farmaci e Farmacovigilanza. Reazioni avverse da farmaci Definizioni."— Transcript della presentazione:

1 Reazioni Avverse da Farmaci e Farmacovigilanza

2 Reazioni avverse da farmaci Definizioni

3 REAZIONE AVVERSA DA FARMACO “Risposta ad un farmaco che sia dannosa e non intenzionale e che si verifichi alle dosi normalmente utilizzate nell’uomo per profilassi, diagnosi o terapia” Organizzazione Mondiale della Sanità

4 REAZIONE AVVERSA DA FARMACO “Risposta dannosa o spiacevole di una certa entità, dovuta all’uso di un medicinale, che rappresenta un rischio per ulteriori somministrazioni, che richiede prevenzione o trattamento specifico o modificazioni del dosaggio o sospensione del prodotto stesso” Edwards and Aronson, 2000

5 Reazione avversa grave Una reazione avversa è grave quando: –è ad esito fatale –minaccia la sopravvivenza –determina una invalidità, incapacità persistente o significativa –provoca o prolunga il ricovero in ospedale –determina una anomalia congenita o un difetto alla nascita

6 Reazione avversa inattesa Una reazione avversa, la cui natura o intensita’ non corrispondono a quanto riportato nella scheda tecnica o nell’autorizzazione rilasciata per la commercializzazione o che sia inaspettata in base alle caratteristiche del farmaco.

7 Evento avverso Qualsiasi evenienza medica non voluta che può comparire durante un trattamento con un farmaco, ma che non necessariamente abbia una relazione di causalità con il trattamento stesso.

8 Effetto collaterale Qualsiasi effetto non intenzionale di un farmaco che si verifichi alle dosi normalmente impiegate e che sia connesso alle proprietà del farmaco (ad es. secchezza delle fauci da anticolinergici o gastrite da FANS)

9 Incidenza delle reazioni avverse Molto frequente > 1/10 esposti (10%) Frequente tra 1/10 e 1/100 (1-10%) Occasionale tra 1/100 e 1/1000 (0.1-1%) Rara tra 1/1000 e 1/ ( %) Molto rara < 1/ (0.01%)

10 Incidenza di reazioni avverse in relazione al numero di farmaci assunti N° di farmaci assunti > >21 % reazioni avverse

11 Incidenza di reazioni avverse in relazione all’età dei pazienti Fascia d’età % reazioni avverse

12 Reazioni avverse da farmaci Classificazione

13 DefinizioneCaratteristicheEsempi Tipo A Effetti indesiderati correlati all’azione farmacologica nota di un farmaco Prevedibili Dose-dipendenti Alta frequenza Bassa mortalità Crisi ipoglicemiche da insulina Reazioni emorragiche da anticoagulanti Sedazione da benzodiazepine Tipo B Effetti indesiderati non correlati all’azione farmacologica nota di un farmaco Non prevedibili Non dose-dipendenti Bassa frequenza Alta mortalità Agranulocitosi da clozapina Sindrome maligna da neurolettici Sindrome di Stevens-Johnson da lamotrigina Classificazione delle reazioni avverse da farmaci Rawlins and Thomson, 1977

14 Classificazione delle reazioni avverse da farmaci (Lancet 2000, 356:1255-9) Tipo di reazioneCaratteristicheEsempi A (Augmented)Correlate alla dose, comuni, prevedibili, bassa mortalità, collegate ad un’azione farmacologica Sedazione da benzodiazepine Effetti anticolinergici da triciclici Convulsioni da clozapina B (Bizarre)Non correlate alla dose, non comuni, imprevedibili, alta mortalità, non collegate ad un’azione farmacologica Agranulocitosi da clozapina Sindrome maligna da neurolettici C (Chronic)Non comuni, correlate alla dose cumulativaAumento di peso da antipsicotici Iperplasia gengivale da fenitoina D (Delayed)Ritardate, non comuni, generalmente collegate alla dose, si manifestano a volte alla sospensione Discinesie tardive da neurolettici E (End of use)Non comuni, si manifestano subito dopo la sospensione Insonnia rebound da sospensione di benzodiazepine F (Failure)Inaspettato insuccesso terapeutico, comuni, correlate alla dose, spesso causate da interazioni Antidepressivi triciclici ed induttori enzimatici

15 Reazioni avverse da farmaci Meccanismi patogenetici e fattori di rischio

16 Fattori di rischio alle reazioni avverse Farmaco - posologia - via e modalità di somministrazione - indice terapeutico - formulazione Paziente - variabilità farmacocinetica e farmacodinamica a) fattori genetici b) fattori fisiologici (età, sesso, gravidanza) c) fattori patologici (affezioni epatiche, renali, ecc.) d) fattori ambientali (farmaci, alcool, fumo, dieta)

17 Fattori che influenzano la risposta ai farmaci FARMACOCINETICA FARMACODINAMICA Fisiologici - età - sesso Risposta Genetici - enzimi metabolizzanti - trasportatori - recettori Patologici - malattie epatiche - malattie renali Ambientali - terapie concomitanti - dieta - fumo - alcool

18 Reazioni avverse di tipo A Fattori genetici

19 Controllo genetico della risposta ai farmaci Target farmacogenetici Geni che codificano per gli enzimi del metabolismo Geni che codificano per i trasportatori Geni che codificano per i recettori

20 Controllo genetico del metabolismo dei farmaci EnzimaFrequenza (%)FarmaciConseguenza CYP2C9 CYP2C19 CYP2D6 Diidropirimidina deidrogenasi Pseudocolinesterasi N-acetiltransferasi Tiopurina metiltransferasi UGT1A Warfarina Fenitoina Diazepam Triciclici Beta-bloccanti Antiaritmici Fluorouracile Succinilcolina Sulfonamide Procainamide Mercaptopurina Irinotecano Emorragia Sintomi cerebellari Sedazione eccessiva Cardiotossicità Beta-blocco prolungato Aritmie Neuro- e mielotossicità Apnea prolungata Lupus farmaco-indotto Mielotossicità Diarrea

21 Reazioni avverse di tipo A Fattori fisiopatologici

22 Sindrome del bambino grigio Sintomatologia - vomito, respiro rapido e irregolare, colorazione cinerea, ipotermia Meccanismi patogenetici - ridotta coniugazione con acido glucuronico per immaturità enzimatica nelle prime 3-4 settimane - ridotta escrezione renale del farmaco non coniugato Cloramfenicolo: tossicità neonatale

23 Reazioni avverse di tipo A Fattori ambientali

24 Interazioni farmaco-farmaco Interazioni farmaco-cibo Interazioni farmaco-erba medicinale (fitofarmaco) Le interazioni sono la causa più frequente di reazioni avverse

25 Reazioni avverse di tipo B - Allergiche o immuno-mediate - Idiosincrasiche o genetiche

26 Differenze fra reazioni allergiche ed idiosincrasiche Reazioni allergicheReazioni idiosincrasiche Richiedono sensibilizzazione, cioè un primo contatto con il farmaco o con farmaci strutturalmente simili (sensibilità crociata) Le manifestazioni allergiche sono uniformi indipendentemente dalla struttura chimica del farmaco Sono in genere dose-indipendenti Sono espressione di una caratteristica genetica individuale e non richiedono sensibilizzazione Le manifestazioni idiosincrasiche sono diverse da farmaco a farmaco E’ presente la relazione dose-effetto

27 Cute Orticaria Rush maculopapulare Eritema nodoso Eczema Eruzione lichenoide Vasculite Sindrome di Stevens-Johnson Necrolisi epidermica tossica Sangue Trombocitopenia Agranulocitosi Anemia emolitica Anemia aplastica Fegato Epatite colestatica Epatite epatocellulare Rene Nefrite interstiziale Glomerulonefrite Polmone Polmonite (eosinofila, alveolare, interstiziale) Sistemiche Anafilassi Vasculiti Malattia da siero Lupus eritematoso sistemico Esempi di reazioni avverse a farmaci su base allergica

28 Reazioni immunologiche di tipo I o anafilattiche

29 Reazioni immunologiche di tipo II o citotossiche

30 Reazioni immunologiche di tipo III o da immunocomplessi

31 Reazioni immunologiche di tipo IV o cellulo-mediate o ritardate

32 Alterazione geneticaFarmaci coinvoltiReazione avversa Deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi Deficit di metaemoglobina reduttasi Alterazioni del canale del Ca++ nelle fibre muscolari Deficit di uroporfirinogeno- sintetasi Antimalarici, sulfamidici, cloramfenicolo Prilocaina, lidocaina Alotano, protossido d’azoto Barbiturici, sulfamidici, contraccettivi orali Crisi emolitiche Cianosi da metaemoglobina Ipertermia maligna Porfiria acuta Reazioni idiosincrasiche

33 Farmacovigilanza Definizione ed obiettivi

34 “insieme di attività mirate allo studio sistematico dei rischi e dei benefici derivanti dall’uso dei farmaci” “insieme di attività tendenti a valutare il rischio di effetti indesiderati potenzialmente associati ad un trattamento farmacologico” Farmacovigilanza

35 Identificazione delle reazioni avverse precedentemente non riconosciute e stima della loro incidenza Quantificazione delle reazioni avverse gravi, ma note, e di quelle meno gravi ma sufficientemente fastidiose da limitare l’utilizzo di un farmaco efficace Identificazione dei fattori di rischio delle reazioni avverse Stabilire profili comparativi di reazioni avverse tra farmaci della stessa classe terapeutica Identificazione delle interazioni tra farmaci Obiettivi della farmacovigilanza

36 Farmacovigilanza Presupposti storici

37 “tutte le sostanze sono veleni e nessuna è innocua: la mancanza di effetti tossici, infatti, dipende sempre dalla dose” Paracelso ( )

38 Intervallo di tempo tra l’introduzione di un farmaco in commercio e la scoperta di importanti reazioni avverse FarmacoAnno di introduzione Reazione avversaAnno di scoperta Fenacetina Aspirina Fenitoina Cloramfenicolo Carbamazepina Acido valproico Clozapina Nefropatia Emorragia gastrica Osteomalacia Anemia aplastica Epatotossicità Agranulocitosi

39 Il caso talidomide Il caso practololo Presupposti storici

40 Il caso talidomide 1953: sintesi della talidomide, un carbammato con proprietà sedative ed ipnotiche : commercializzata in Germania Occidentale (Contergan) e Gran Bretagna (Distaval) : segnalazione in Germania Occidentale di numerosi casi di focomelia, attribuiti ad un fattore limitato al territorio tedesco, ad es. una malattia virale 1961: lettera di McBride sul Lancet e ritiro dal commercio

41 Thalidomide and congenital abnormalities (McBride WG. Lancet December 16, 1961) Sir, - Congenital abnormalities are present in approximately 1.5% of babies. In recent months I have observed that the incidence of multiple severe abnormalities in babies delivered of women who were given the drug thalidomide (“Distaval”) during pregnancy, as an antiemetic or as a sedative, to be almost 20%. These abnormalities are present in structures developed from mesenchyme – i.e., the bones and musculature of the gut. Body development seems to be affected in a very striking manner, resulting in polydactyly, syndactyly, and failure of development of long bones (abnormality short femora and radii). Have any of your readers seen similar abnormalities in babies delivered of women who have taken this drug during pregnancy?

42

43 la necessità di un comportamento responsabile dell’industria farmaceutica la necessità di sorvegliare i farmaci dopo la loro commercializzazione la necessità di test affidabili sugli animali da esperimento

44 Il caso practololo 1970: entra in commercio 1972: primi casi di dermatite 1974: cheratocongiuntivite in pazienti che avevano precedentemente sviluppato dermatite 1974: primi casi di peritonite sclerosante 1975: definizione della sindrome oculo-muco-cutanea 1976: ritiro dal commercio N.B. Nel corso della sperimentazione clinica pre-marketing era stata registrata, ma giudicata irrilevante, una maggiore incidenza (20%) di disturbi oculari nel gruppo trattato vs il gruppo controllo (6%)

45 Farmacovigilanza Presupposti teorici e pratici

46 Limiti delle sperimentazioni pre-marketing

47 N° pazienti richiesto per scoprire 1, 2, 3 casi di reazioni avverse (Legge del tre o Legge di Hanley)

48 Farmacovigilanza Metodologie

49 Principali metodologie utilizzate in farmacovigilanza Approccio descrittivo Segnalazione spontanea (non sistematica ed organizzata) Case report Approccio analitico Studi sperimentali: studi o trials clinici randomizzati (RCT) Studi osservazionali: studi di coorte, studi caso-controllo Ulteriori metodologie Prescription Event Monitoring Record-Linkage Metanalisi

50 Approccio descrittivo Segnalazione spontanea

51 Segnalazione È la descrizione di un evento clinico non previsto e/o non desiderato che il segnalatore ritiene che possa essere collegato al(i) farmaco(i) che il paziente assume

52 Segnalazione spontanea Può essere considerata come un classico sistema di segnale ed il suo scopo principale è quello di fornire l’allarme di un possibile rischio il più presto possibile

53 Dopo la tragedia della talidomide la segnalazione spontanea da: NON SISTEMATICA Non organizzata Non sollecitata Non regolamentata SISTEMATICA Organizzata Sollecitata Regolamentata Inizio della segnalazione spontanea sistematica: USA 1961 UK 1963

54 Segnalazione spontanea Vantaggi È un sistema semplice, rapido ed economico Può riguardare tutti i farmaci in commercio Può coinvolgere tutti i pazienti Non interferisce con la pratica prescrittiva Fornisce allarme precoce su reazioni non note Limiti È difficile stabilire una relazione causale tra farmaco ed evento È difficile individuare reazioni ritardate Non fornisce direttamente dati di incidenza Determina una sottostima delle reazioni a causa della sottosegnalazione

55 Esempi di reazioni avverse individuate con la segnalazione spontanea Farmaco Estrogeni Alotano Metoclopramide Amiodarone Clozapina Cisapride Cerivastatina Reazione Tromboembolismo Ittero colestatico Discinesia tardiva Epatite Occlusione intestinale Cardiotossicità Rabdomiolisi

56 Attualmente 65 Nazioni hanno sistemi di segnalazione spontanea ed aderiscono al WHO International Drug Monitoring Programme La banca dati della segnalazione spontanea dell’OMS contiene circa 3 milioni di report

57 WHO INTERNATIONAL DRUG MONITORING PROGRAMME NAZIONI ED ANNO DI ADESIONE Argentina 1994 Australia 1968 Austria 1991 Belgio 1977 Bulgaria 1975 Canada 1968 Cile 1996 Corea 1992 Costarica 1991 Croazia 1992 Cuba 1994 Danimarca 1968 Filippine 1995 Finlandia 1974 Francia 1986 Germania 1968 Giappone 1972 Grecia 1990 Indonesia 1990 Irlanda 1968 Islanda 1990 Israele 1973 Italia 1975 Malesia 1990 Marocco 1992 Nuova Zelanda 1968 Norvegia 1971 Olanda 1968 Oman 1995 Polonia 1972 Portogallo 1993 Rep. Ceca 1992 Rep. Slovacca 1993 Romania 1976 Russia 1997 Singapore 1993 Sud Africa 1992 Spagna 1984 Svezia 1968 Svizzera 1991 Regno Unito 1968 Tailandia 1984 Tanzania 1993 Tunisia 1993 Turchia 1987 Ungheria 1990 USA 1968 Venezuela 1995

58 La segnalazione spontanea in Italia Normativa

59 Come mi devo comportare?

60 Decreto Legislativo n. 95 dell’ 8 aprile2003 Compiti dei medici e degli altri operatori sanitari: segnalare tutte le sospette reazioni avverse gravi o inattese di cui vengano a conoscenza nel corso della loro attività segnalare tutte le sospette reazioni avverse osservate (gravi, non gravi, attese, non attese) relative ai vaccini ed ai farmaci posti sotto monitoraggio intensivoed inclusi in elenchi pubblicati periodicamente dal Ministero della Salute trasmettere le segnalazioni di sospette reazioni avverse, tramite l’apposita scheda, tempestivamente, direttamente al responsabile di farmacovigilanza della ASL competente per territorio o, nel caso di cliniche o case di cura, tramite la Direzione Sanitaria

61 La scheda di segnalazione

62 Regione e Centri FV Agenzia Italiana del Farmaco Ufficio di Farmacovigilanza (Ministero della Salute) Medici ed altri operatori sanitari Responsabili di FV delle Aziende Sanitarie Industria Farmaceutica EMEA Invio scheda cartacea tempestivamente Inserimento nel database ministeriale Flusso delle schede di segnalazione di sospette reazioni avverse nel sistema di farmacovigilanza entro 7 giorni Entro 15 giorni per effetti gravi Informazione di ritorno

63 Approccio analitico Studi di coorte e studi caso-controllo

64 STUDI CASO-CONTROLLO STUDI DI COORTE Esposizione al farmacoReazione avversa

65 Lo studio di coorte INCIDENZA DELl’EFFETTO Gruppo A trattato con il farmaco Gruppo B controllo

66 Lo studio caso-controllo FREQUENZA DI ESPOSIZIONE AL FARMACO Gruppo A (casi) Gruppo B (controlli) Studio retrospettivo Passata esposizione al fattore di rischio

67 Studi di coorte e studi caso-controllo Studi di coorteStudi caso-controllo Vantaggi Raccolta completa di tutti i dati clinici Stima dell’incidenza Stima del rischio assoluto e relativo Effetti rari e/o ritardati Stima del rischio relativo Rapidità esecutiva Poco costosi Limiti Costosi Limitati ad un farmaco specifico Ridotta possibilità di scoprire reazioni ritardate (se prospettici) Efficacia condizionata dalla durata dell’osservazione e dalla numerosità del campione No stima di incidenza Limitati ad una patologia specifica Competenza specialistica per possibili fattori di confondimento Necessità di accedere a dati affidabili

68 Farmaco Verifica dell’efficacia e della tollerabilità - Rilevazione ed identificazione delle reazioni avverse - Completamento del profilo di efficacia - Individuazione di nuove indicazioni - Scoperta di nuove interazioni farmacologiche Valutazione dell’impatto sociale - Studio dei benefici, dei rischi e dei costi sociali Valore terapeutico


Scaricare ppt "Reazioni Avverse da Farmaci e Farmacovigilanza. Reazioni avverse da farmaci Definizioni."

Presentazioni simili


Annunci Google