La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IGIENE DEL NEONATO. CARATTERISTICHE DELLA CUTE Sviluppo della cute durante il primo trimestre di gravidanza e si completa a 34 settimane 3 strati: epidermide.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IGIENE DEL NEONATO. CARATTERISTICHE DELLA CUTE Sviluppo della cute durante il primo trimestre di gravidanza e si completa a 34 settimane 3 strati: epidermide."— Transcript della presentazione:

1 IGIENE DEL NEONATO

2 CARATTERISTICHE DELLA CUTE Sviluppo della cute durante il primo trimestre di gravidanza e si completa a 34 settimane 3 strati: epidermide derma ipoderma

3 EPIDERMIDE NEONATO A TERMINE : strato corneo formato da strati di cellule aderenti controlla la perdita di acqua transepidermica capacità di respingere le infezioni

4 EPIDERMIDE PREMATURO : strato corneo con pochi strati di cellule fino alla quasi assenza nei nati prima di 24 sett. scarso controllo delle perdite d’acqua aumentato rischio di infezioni e irritazioni aumento di rischio di tossicità delle sostanze ad uso topico

5 GIUNZIONE DERMOEPIDERMICA-STRATO BASALE NEONATO : ben sviluppata PREMATURO : poco sviluppata e composta da poche fibre per cui epidermide e derma sono poco coesi e vi è un alto rischio di lesioni da stripping

6 DERMA NEONATO : il collagene è depositato nel derma nell’ultimo trimestre di gravidanza e previene l’accumulo di liquidi PREMATURO : rischio di edema per via del minor numero di fibre di collagene e di elastina. Più sottile.

7 TESSUTO SOTTOCUTANEO NEONATO : il tess.adiposo ha la funzione di isolante termico e serbatoio calorico. La deposizione di grasso sottocutaneo si sviluppa nel terzo mese di gravidanza. PREMATURO : lo strato di grasso sottocutaneo è scarsamente sviluppato.

8 CUTE DEL PREMATURO cute rappresenta più del 13% del suo peso corporeo ( adulto 3%-5% ) 40%-60% più sottile dell’adulto funzioni protettive insufficienti maggiore instabilità termica maggiore rischio di infezioni, irritazioni e lesioni

9 CUTE DEL PREMATURO Il tempo per completare l’adattamento della cute nel post-natale e raggiungere lo stato di barriera protettiva varia in base all’e.g. del prematuro e può arrivare anche a varie settimane. Dopo le 34 sett. la cute del pretermine ha quasi le stesse caratteristiche del neo a termine.

10 VERNICE CASEOSA SOSTANZA BIANCASTRA FORMATA DA SECREZIONI SEBACEE E DETRITI DI CELL EPIDERMICHE FUNZIONE DI PROTEGGERE E REGOLARE LA T.C. SI FORMA TRA LE SETT E DIVENTA SPESSA TRA LE SETT DA NON TOGLIERE COMPLETAMENTE AL MOMENTO DEL L’IGIENE ALLA NASCITA

11 LESIONI DA STRIPPING TUTTE LE LESIONI PROVOCATE DALLA RIMOZIONE TRAUMATICA DI ADESIVI E CEROTTI DALLA CUTE DEL NEONATO

12 LESIONI DA STRIPPING ACCORGIMENTI PER EVITARLE proteggere la cute con medicaz. Idrocolloidale ( duoderm ) come base di fissaggio per N.C. e S.N.G. ( no T.E.T. ) usare dei prodotti per facilitare la rimozione non alcolici né tossici ( es. acqua, olio,remover.. ) applicare garzette sui talloni dopo prelievo (soprattutto per i più piccoli) usare sensore so2 senza adesivo(piccoli) ridurre le dimensioni elettrodi ecg(piccoli)

13 IGIENE DEL NEO PRETERMINE IL MOMENTO DELL’IGIENE PUO’ ESSERE STRESSANTE PER IL NEONATO Essenziale :Valutazione clinica attenta e l’impiego di procedure corrette e adeguate

14 VALUTAZIONE CLINICA età gestazionale – peso – giorni di vita condizioni cliniche capacità di mantenere un buon equilibrio termico altre manovre stressanti eseguite prima o programmate (es. prelievi,vis.oculistiche..) stati comportamentali (sonno-veglia)

15 CURE IGIENICHE IN INCUBATORE 500gr-1500gr spugnature incubatore < 1000gr acqua sterile e lenzuolini sterili >1000gr detergente neutro <1000gr si consiglia 2 volte la settimana per le prime due settimane di vita per ridurre le irritazioni e la secchezza della cute quando possibile 2 persone, anche con il genitore

16 CURE IGIENICHE IN INCUBATORE - PROCEDURE cura del micro e macro ambiente(temp.culla, luci,rumori…) avere pronto tutto il materiale necessario tenerlo sempre avvolto nel lenzuolino durante le manovre e osservarlo asciugarlo accuratamente e dolcemente posizionarlo su lenzuolino asciutto e caldo aiutarlo a riorganizzarsi con l’holding per contenerlo vestirlo tenendolo sul fianco e flesso

17 BAGNETTO AD IMMERSIONE CHI : neonati con adeguata stabilità dei parametri vitali e in grado di tollerare esperienze fuori dall’incubatore QUANDO : dopo le 34 settimane COME : curare l’ambiente esterno( luci-rumori) avere il materiale pronto ( lenzuolini per avvolgerlo prima e asciugarlo dopo, vestitini) coinvolgere i genitori

18 BAGNETTO AD IMMERSIONE - PROCEDURE spogliarlo tenendolo avvolto nel lenzuolino, MAI nudo e scoperto immergerlo avvolto nel lenzuolino aprire dolcemente il telino e lavarlo con movimenti dolci e calmi fare sempre attenzione ai segnali di stress e aiutarlo a ristabilizzarsi per uscire appoggiarlo sull’avambraccio prono e avvolgerlo nel lenzuolino asciutto girarlo, appoggiarlo e asciugarlo rapidamente, ma dolcemente vestirlo tenendolo sul fianco ev avvolgerlo in una flanellina

19 IGIENE DEL NEONATO IL BAGNETTO NON SOLO MOMENTO DI STRESS, MA GRANDE OCCASIONE DI RELAZIONE E INTERAZIONE….. ….. IMPORTANTE COINVOLGERE I GENITORI CON LE GIUSTE INDICAZIONI

20 RILEVAZIONE DEL PESO IN INCUBATRICE : raccogliere il neonato in posizione flessa sollevarlo dolcemente appoggiarlo lentamente coprirlo e aiutarlo a ristabilizzarsi holding ed ev suzione non nutritiva

21 RILEVAZIONE DEL PESO FUORI DALL’INCUBATORE : pesarlo vestito prima del bagnetto tenendolo sempre sul fianco per i più instabili a livello motorio anche avvolti nel lenzuolino togliere la tara e procedere al bagnetto

22 CAMBIO PANNOLINO Usare acqua e detergenti delicati(solo se bisogno) EVITARE le salviettine Non deve essere eseguito dopo manovre stressanti per non aumentare lo stress Rispetto dei ritmi sonno-veglia (no orari fissi) Eseguire con calma evitando movimenti bruschi, anche con pause per permettere al neo di ristabilizzarsi con l’aiuto delle ns mani Coinvolgere i genitori già in tin

23 Cura dei piccoli pretermine Prima di ogni intervento ricordare : Di osservare il neonato e riflettere su cosa andiamo a fare Che dobbiamo soddisfare i bisogni di CHI ci prendiamo cura e NON dei nostri Che ogni bambino ha i suoi genitori Che ogni nostro intervento va ad influire sullo sviluppo del suo cervello e del suo futuro

24 Grazie dell’attenzione e …buon lavoro…


Scaricare ppt "IGIENE DEL NEONATO. CARATTERISTICHE DELLA CUTE Sviluppo della cute durante il primo trimestre di gravidanza e si completa a 34 settimane 3 strati: epidermide."

Presentazioni simili


Annunci Google