La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Laboratorio di Geriatria Epidemiologia e assessment del paziente anziano ricoverato Sergio Peruzza U.O. di Geriatria - Conegliano UNITÀ OPERATIVA DI GERIATRIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Laboratorio di Geriatria Epidemiologia e assessment del paziente anziano ricoverato Sergio Peruzza U.O. di Geriatria - Conegliano UNITÀ OPERATIVA DI GERIATRIA."— Transcript della presentazione:

1 Laboratorio di Geriatria Epidemiologia e assessment del paziente anziano ricoverato Sergio Peruzza U.O. di Geriatria - Conegliano UNITÀ OPERATIVA DI GERIATRIA Unità certificata UNI EN ISO 9001:2000 n° 13724/05/S Direttore U. O.: Dr. Sergio Peruzza REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) UNITÀ OPERATIVA SEMPLICE DI VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEI DISTURBI COGNITIVI Responsabile: Dr. Lidia Zanetti Dirigenti medici: Dr. Luisa Cirilli - Psicologa: Dr. Mara Azzalini LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON DEMENZA IN OSPEDALE II edizione: 30 aprile 2011

2 Laboratorio di Geriatria

3 Indici demografici Rapporto tra il numero dei soggetti >di 65 aa ed il numero di quelli di età < a 15aa “indice di vecchiaia” Rapporto tra soggetti di età > di 65 aa e la numerosità totale della popolazione “indice di invecchiamento”

4 Laboratorio di Geriatria

5

6

7

8 Graf.1 - Composizione della popolazione italiana nel 2000 in rapporto all’età ed al sesso (da U.S. Bureau of Census, 2000 mod.)

9 Laboratorio di Geriatria Graf.2 - Composizione della popolazione italiana nell’anno 2050 in rapporto all’età ed al sesso (da U.S. Bureau of Cens, 2000 mod.)

10 Laboratorio di Geriatria Oggi in Italia Su popolazione tot  60 aa  80 aadonne doppio degli uomini Anziano fragile con  patologie croniche e disabilità

11 Laboratorio di Geriatria

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27 Prevalenza e Incidenza per la malattia di Alzheimer e la Demenza Studio ILSA - Italian Longitudinal Study on Ageing Istituto di Neuroscienze del CNR, Università di Firenze, Istituto Superiore di Sanità

28 Laboratorio di Geriatria Casi stimati di Alzheimer e Demenza in Italia Popolazione residente Popolazione 65+ Alzheimer Casi stimati Demenza Casi stimati Dati epidemiologici dello Studio ILSA Dati demografici ISTAT aggiornati al 1 gennaio 2006

29 Laboratorio di Geriatria assessment del paziente Valutazione multidimensionale del paziente (VMD) Approccio multidisciplinare Strumenti: Anamnesi medica/infermieristica Scheda di valutazione geriatrica (UVG; SVAMA)

30 Laboratorio di Geriatria prevalenza della demenza nei pazienti anziani ricoverati spesso sottostimata e non nota Analisi epidemiologica nell’U.O. di Geriatria Pz = M=340; F=674 – Età = 84 aa (M=82aa; F=85aa) Età (aa)Prevalenza demenza (%) < 753, , , >908 Tot. pz39 Prevalenza di demenza nei ricoverati: % Fulop G,et al.Psychosomatics1998; 39:273–280 (USA)

31 Laboratorio di Geriatria

32 Confronto tra due indagini epidemiologiche relative a pazienti anziani ricoverati Dementia in Elderly in a General Hospital - Baltimora (Am J Psychiatry 2000; 157:704–707) U.O. di Geriatria - Conegliano Pz = Età pz con Demenza=74aa vs 71aa (p<0.001) Pz =1.014 Età pz con Demenza=85,5aa vs 82,9aa (p<0.001) Età (aa)Prevalenza demenza (%) < 753,23, ,315,7 >858,920 Altri indicatoriBaltimora Hosp.U.O. di Geriatria - Conegliano Mortalità (%)5,2 vs 3,8 (ns)16,4 vs 13,5 (ns) degenza (gg)10,4 vs 6,5 (++)10,4 vs 10,4 (ns)

33 Laboratorio di Geriatria

34 NO_DemenzaSI_DemenzaSPMSQ 3- 7 Demenza lieve-media SPMSQ ≥ 8 Demenza grave Pz= 619 (61%) F= 392 (38,6%) M=227 (22,3%) Pz=395 (39%) F=282 (27,8%) M=113 (11%) Pz = 64 (16,2%) F=48 (12%) M=16 (4%) Pz = 331 (83,8) 32,6% dei ricoveri F=234 (59,2%) M=97 (24,5%) indicatoriNO_DemenzaSI_DemenzaD. lieve- media D. grave St-test p -value Età_M (aa)82,985,58485,8++ ADL_pre4,11,33,10,9++ ADL 1 2,20,41,50,2++ CIRS 1 6,97,98,17,8++ SPMSQ0,49,04,99,8++ PCR6,29,87,110,2++ Album2,92,72,82,6++ N°_farma5,55,7 GG_ricov10,4 11,410,2 Ri_ricovero Analisi epidemiologica nell’U.O. di Geriatria

35 Laboratorio di Geriatria indicatoriNO_Demenza (pz. 619) SI_Demenza (pz. 395) D. lieve-media (pz. 64) D. grave (pz. 331) Deceduti84 (13,5%)65 (16,4%)2 (3%)63 (19%) Domicilio429 (69,3%)182 (46%)43 (67%)139 (42%) CdR44 (7%)89 (22,5%)12 (18,7%)77 (23,2%) Art.213 (2%)10 (2,5%)1 (1,5%)9 (2,7%) Trasferito42 (6,7%)46 (11,6%)6 (9,3%)40 (12%) Infezioni: Comunitaria Ospedaliera 254 (41%) 198 (32%) 48 (7,7%) 233 (59%) 193 (48,8%) 37 (9,3%) 32 (50%) 22 (34,3%) 9 (14%) 201 (60,7%) 171 (51,6%) 28 (8,4%) Analisi epidemiologica nell’U.O. di Geriatria I pazienti dementi rimangono ricoverati più a lungo Lledo R, et al. Eur J Epidemiol 1997; 13:903–907 Controversi i dati sulla mortalità Pautas E, et al. Ann Med Interne (Paris) 1997; 148:301– 306 (French

36 Laboratorio di Geriatria

37

38

39

40

41 Gli anziani, rispetto ai giovani ed agli adulti, hanno in media più visite urgenti, restano più a lungo nel dipartimento (sia per diagnosi sia per terapia), utilizzano più risorse e tempo del personale (Aminzadeh, 2002). Nonostante un numero maggiore di esami e procedure, le diagnosi tendono ad essere meno accurate: questa condizione viene spiegata dalla presentazione atipica di molte malattie, dalla comorbilità clinica e dalla farmacologia, che tendono a complicare presentazione, diagnosi, e cura della malattia acuta o cronica riacutizzata. (Boffelli et al., 2007). In uno studio effettuato per 5 anni su 352 ospedali, negli USA ed in Inghilterra: la percentuale di ricovero in terapia intensiva polifunzionale (TIP) dei pazienti sopra i 65 anni è molto elevata (superiore al 50%). Nel gruppo totale dei pazienti afferiti al DEA, il successivo ricovero in TIP è stato prevalentemente per patologie mediche (53% in Inghilterra, 63% in USA), e meno per patologie chirurgiche acute (48 Versus 41%, rispettivamente) (Wunsch et al., 2006) alcune considerazioni

42 Laboratorio di Geriatria Da uno studio effettuato in Italia emerge che il 21% delle persone che afferiscono al DEA presenta un’età superiore ai 65 anni. La percentuale di coloro che vengono ricoverati aumenta con l’età: va dall’11% di chi ha meno di 65 anni, al 56% degli ultranovantenni. La maggior parte dei pazienti ricoverati dal DEA nei reparti medici è ultrasessantacinquenne (60%), ma rappresenta solo il 25% nei reparti chirurgici. Tra tutti i pazienti afferiti al DEA e poi ricoverati, il 6% è affetto da demenza di grado severo (Trabucchi, 2006). Un altro studio, effettuato nel Nord Italia, ha riscontrato un aumento dei pazienti che afferiscono al DEA, e del successivo ricovero in ospedale, negli ultraottantacinquenni: 71% contro il 65% della popolazione generale. Tra questi pazienti, più dell’80% è rappresentato da malati di demenza, dei quali il 30% da demenza severa, ed il 20% da forma moderata di malattia (pazienti seguiti al domicilio da una badante) (Bianchetti et al., 2006). Altro dato interessante che emerge dallo studio è la causa del ricovero: il 43% dei pazienti viene valutato per una patologia somatica acuta, mentre il 33% per una malattia cronica scompensata. La percentuale aumenta per gruppo di età: sono sempre gli ultraottantacinquenni (tra i quali i dementi rappresentano l’80%) che hanno la maggiore percentuale (41%) di ricovero per malattia somatica acuta.

43 Laboratorio di Geriatria La valutazione delle malattie somatiche in corso di demenza è una fase dell’assessment multidimensionale che spesso risente dei problemi legati alla comorbilità, o che viene del tutto trascurata. Uno dei target della “care” dei pazienti dementi è infatti la prevenzione delle possibili complicanze (infezioni, malnutrizione, incontinenza o delirium) che determinano un aumentato rischio di ospedalizzazione ed un incremento della mortalità a breve e medio termine (Teri et al., 1995). Nei pazienti affetti da demenza, anche nelle fasi precoci della malattia, l’anamnesi dovrebbe essere raccolta o per lo meno confermata dal principale caregiver o da una persona che ne conosce la storia personale. Il medico impegnato nella valutazione del paziente dovrebbe saper rilevare la presenza di segni e sintomi somatici in fase acuta (Trabucchi, 2006).

44 Laboratorio di Geriatria conclusioni La prevalenza di demenza nel ns reparto è di ca il 30% (le donne più del doppio degli uomini) I pz dementi hanno un’età più avanzata. Sono gravati da una maggiore comorbilità e disabilità. Hanno indici infiammatori aspecifici più elevati, soprattutto nella d. grave. I pz con d. grave hanno probabilmente condizioni nutrizionali scadenti. I pz con demenza incorrono più facilmente in patologie infettive e quelli con d. grave hanno un maggior tasso di mortalità. Le demenze rappresentano la quarta causa di morte negli ultrasessanta- cinquenni, e sono una delle cause di disabilità più importanti nella popolazione anziana.

45 Laboratorio di Geriatria La malattia di Alzheimer: che cosa è…. La malattia di Alzheimer è una sindrome a decorso cronico e progressivo causata da un processo degenerativo che distrugge progressivamente le cellule del cervello. Provoca un deterioramento irreversibile di tutte le funzioni cognitive superiori, fino a compromettere l'autonomia funzionale nelle attività della vita quotidiana. Rappresenta la causa più comune di demenza nei paesi occidentali. Il rischio di contrarre la malattia aumenta con l'età L'inizio è generalmente insidioso e graduale e il decorso lento, con una durata media di 8-10 anni dalla comparsa dei sintomi

46 Laboratorio di Geriatria …come si manifesta Sintomi cognitivi deficit di memoria, disorientamento spazio – temporale, difficoltà di comprensione e produzione del linguaggio, riduzione della capacità di giudizio e pensiero astratto, ecc. Sintomi comportamentali (BPSD) ansia, depressione, aggressività, disinibizione, ripetizione ossessiva di gesti e parole, wandering, inversione del ritmo sonno/veglia, allucinazioni, deliri, ecc.

47 Laboratorio di Geriatria …come si cura Non esistono, ad oggi, metodi certi di prevenzione La malattia è inguaribile e inarrestabile Esistono e sono prescrivibili cure sintomatiche per i sintomi cognitivi e per i sintomi comportamentali La cura della persona richiede terapie farmacologiche e terapie relazionali finalizzate a: contenimento dei sintomi mantenimento delle funzioni qualità della vita

48 Laboratorio di Geriatria Le fasi della malattia Fase 1 Demenza lieve (durata 2-4 anni): i sintomi cognitivi interferiscono con le attività della vita quotidiana. Lieve riduzione dell’autonomia funzionale. Fase 2 Demenza moderata (durata 2-10 anni): aggravamento dei sintomi cognitivi e comparsa di sintomi comportamentali. Autonomia funzionale gravemente compromessa. Fase 3 Demenza grave (durata media 3 anni): la persona malata è completamente dipendente e richiede assistenza continua e totale per mantenersi in vita. Totale compromissione del movimento, difficoltà di deglutizione.

49 Laboratorio di Geriatria Le demenze rappresentano la quarta causa di morte negli ultrasessanta- cinquenni, e sono una delle cause di disabilità più importanti nella popolazione anziana. La prevalenza aumenta con l’età ed è maggiore nel sesso femminile, specie per la malattia di Alzheimer HelmerCetalAmJepidemiol2001;154: Mortality with dementia: aresult from french prospectivecommunity-based cohort.

50 Laboratorio di Geriatria


Scaricare ppt "Laboratorio di Geriatria Epidemiologia e assessment del paziente anziano ricoverato Sergio Peruzza U.O. di Geriatria - Conegliano UNITÀ OPERATIVA DI GERIATRIA."

Presentazioni simili


Annunci Google