La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO “L. PILLA” VENAFRO SCUOLA PRIMARIA LA CLASSE 2^ SEZ. “A” ISTITUTO “L. PILLA” VENAFRO SCUOLA PRIMARIA LA CLASSE 2^ SEZ. “A” BONAFINA LUCAS CALLEO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO “L. PILLA” VENAFRO SCUOLA PRIMARIA LA CLASSE 2^ SEZ. “A” ISTITUTO “L. PILLA” VENAFRO SCUOLA PRIMARIA LA CLASSE 2^ SEZ. “A” BONAFINA LUCAS CALLEO."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO “L. PILLA” VENAFRO SCUOLA PRIMARIA LA CLASSE 2^ SEZ. “A” ISTITUTO “L. PILLA” VENAFRO SCUOLA PRIMARIA LA CLASSE 2^ SEZ. “A” BONAFINA LUCAS CALLEO AURORA COTUGNO GIULIA D’ AGOSTO ALESSANDRA DELLI CARPINI VLADIMIR DE FILIPPIS CHIARA DI IORIO ASIA DI TELLA MARIALAURA FUOCO MANUEL GRANDE GABRIELE IADICOLA ANNACHIARA KEITA KADIATOU MATTEO MATILDE RITA MELZANI CARLA MIGLIOZZI FRANCESCA MIGNANELLI LORENZO MUSELLA NICOLA NABLI AMIR PALOMBIERI IRIS PETRICCIONE ALEXANDRA VERRECCHIA LUDOVICA VERRILLO LORENZO PRESENTA

2 Un sabato mattina,noi scolari della Scuola Primaria, ci siamo recati, a piedi, al Parco degli ulivi. Siamo andati per osservare parte delle nostre bellezze paesaggistiche, come più volte ci è stato consigliato dai Funzionari del Corpo Forestale dello Stato, durante gli incontri che abbiamo avuto nella nostra Scuola. Il percorso non è stato breve, ma accompagnati da un bel sole ci è sembrato meno faticoso. CHI DOVE QUANDO COME PERCHÉ

3 SCUOLA PIAZZA PORTANUOVA VIA DUOMO CATTEDRALE PARCO DELL’ULIVO PERCORSO SCUOLA – PARCO DELL’ULIVO

4 PARCO DELL’ULIVO FORMATO DA ALBERI SECOLARI ALLE SPALLE DELLA CATTEDRALE

5 : -TENENDOCI PER MANO ABBIAMO MISURATO LA CHIOMA DI UN OLIVO DI TRE SECOLI ! ANCHE LE SUE RADICI HANNO LA STESSA AMPIEZZA. GABRIELE ALESSANDRA IRIS:- CARLA:- È PROPRIO FORTE! IL VENTO NON POTRÁ MAI BUTTARLO GIÚ. :-HA DETTO LA MAESTRA CHE È PIÙ VECCHIO DEL NONNO DI MIO NONNO!!!

6 IN CLASSE APPROFONDIAMO IL CONCETTO “CHIOMA- APPARATO RADICALE”.

7 IO PER POCO NON SONO ENTRATA NELLE SUE CAVITÁ. IL SUO TRONCO È BUON RIFUGIO PER GLI ANIMALI MA POTREBBE DIVENTARLO ANCHE PER ME. AURORA: -

8 A ME FA UN PO’ PAURA STARCI DENTRO, SEMBRA CHE VOGLIA INGHIOTTIRMI! LORENZO:-

9 PERÒ SIAMO STATI ABBASTANZA CURIOSI E UNO PER VOLTA CI SIAMO ENTRATI TUTTI. AMIR:-

10 FINALMENTE CI SONO RIUSCITO !!! LE TORSIONI DEL TRONCO PERMETTONO DI SALIRE AGEVOLMENTE, PROPRIO COME I PIOLI DI UNA SCALA. C E R T A M E N T E, M A C O N L ’ A I U T O D E L L A M A E S T R A. LORENZO:- LORENZO:- M A N U E L : -

11 ABBIAMO OSSERVATO L’ AMBIENTE NATURALE INTORNO A NOI. ABBIAMO ACCAREZZATO LE PARTI DELL’ALBERO E ABBIAMO COMPRESO ALCUNI ASPETTI DELLA SUA FISIOLOGIA. IN AIUTO ALLE NOSTRE MAESTRE, ABBIAMO ACCOLTO UN DOTT. AGRONOMO CHE HA RACCONTATO LA STORIA DEGLI ULIVI DI VENAFRO E DEL SUO “NOBILE “FRUTTO. INSIEME ABBIAMO SCOPERTO CHE ANCHE LE PIANTE HANNO UNA SENSIBILITÀ, E CHE SONO ESSERI VIVENTI “INTELLIGENTI”. MARIALAURA:- LORENZO M. :-

12 L’ ULIVO DI VENAFRO C’era una volta a Venafro un ulivo bellissimo. Era alto e robusto, presentava torsioni del tronco e una chioma dalle folte fronde. Una parte dei rami puntava dritta al cielo, il resto si apriva formando incantevoli cascate,appesantite da innumerevoli frutti color verde oliva dal nome Aurina. L’olivo e i suoi fratelli furono portati a Venafro da un certo Licinio. Egli accudiva talmente bene i suoi olivi che Marco Porcio Catone,apprezzando, decise di coltivarne quaranta ettari. Catone amava i suoi olivi più di se stesso e pretendeva che le famiglie “rustiche” alle sue dipendenze accudissero gli olivi con tecniche biodinamiche. Non voleva che i suoi olivi fossero maltrattati con utensili da lavoro che percuotevano la chioma o che arrecavano ferite alla pianta e al frutto. Così, consigliava di usare utensili in legno per la raccolta e di lasciare libera la pianta di autopotarsi. Per secoli l’ulivo di Venafro e i suoi fratelli hanno vissuto in modo sereno diventando sempre più robusti e forti. Ma la loro serenità pian piano è andata scomparendo fino a sentirsi minacciati da animali, persone e cose. ENTUSIASTI DI TALE ESPERIENZA, A SCUOLA NEI GIORNI SEGUENTI ABBIAMO ELABORATO IN MODO CREATIVO LE INFORMAZIONI RICEVUTE. MATILDE:-

13 Un giorno l’olivo tremava tremava e un suo fratello di nome “Olivastro” gli chiese:-Cosa ti succede? Hai forse freddo? - Aureo rispose:- Ho tanta paura! - Di cosa hai paura? domandò “Rosciola ” -Si avvicina il tempo della potatura e non so quest’anno quale destino mi aspetta!! -Hai ragione, non ci avevo pensato!!- rispose Rosciola. -A-Anche noi abbiamo paura!!! risposero altri fratelli. -Ma di cosa? Forse state esagerando?- intervenne “Aceretto ”. -N-No, non stiamo esagerando, tra poco inizieranno anche gli incendi! rispose Aureo. Rosciola:- E le pecore? Avete dimenticato le care pecorelle e le caprette che mordicchiano fastidiosamente? Povero Olivo, l’uomo con la motosega lo lasciava menomato, l’incendio lo lasciava carbonizzato, l’ animale al pascolo lo mordeva fino a farlo ammalare.

14 Insomma l’olivo e i suoi fratelli hanno rischiato di estinguersi, solo pochi esemplari sono sopravvissuti e oggi sono tutelati dall’ Ente regionale con denominazione “Parco agricolo - storico dell’ulivo.” Essi sono lì, e aspettano i bambini di ogni Scuola per sussurrare loro tutti i segreti del mondo naturale.

15 Olivi in giovane età dopo la potatura effettuata dall’olivicoltore Olivo in età adulta potato nel rispetto della propria natura. Località: Venafro Albero generoso dall’aspetto assai frondoso attendi l’ olivicoltore che trascorre con te molte ore. Albero generoso dall’aspetto assai frondoso attendi l’ olivicoltore che trascorre con te molte ore. OLIVI ACCUDITI DALL’ OLIVICOLTORE

16 La raccolta delle olive a Venafro-Periodo ottocento- Museo olivo Oneglia-Fratelli carli LA RACCOLTA DELLE OLIVE IERI E OGGI: ANALOGIE E DIFFERENZE

17 La raccolta delle olive a Venafro-Periodo inizio novecento

18 La raccolta delle olive a Venafro – Periodo fine novecento

19 Manufatto di olive a riposo in sacchi, in attesa della molitura

20 L’uomo ripristina antichi gesti della raccolta nel rispetto di pianta e frutto, ma i materiali con cui vengono realizzati gli utensili sono diversi rispetto a quelli di un tempo.

21 Olive depositate nelle cassette in attesa di essere molite. Nelle cassette le olive non si riscaldano e l’olio è migliore.

22 La conclusione della frangitura a Venafro.

23 L’ AMORE PUÓ PRESCINDERE DALLA CULTURA ? ANTICO GESTO DELL’UOMO PER CURARE L’ALBERO DI OLIVO

24 L’UOMO SCONVOLGE LA NATURA DELL’ ALBERO GENEROSO

25 Albero generoso dall’aspetto assai frondoso attendi l’olivicoltore che con te trascorre molte ore. Per te, per amor della tua chioma la biodinamica riporta in voga. Ti coccola ti accarezza il tuo frutto sempre apprezza. Quando bruca a dita strette le tue olive riempion le cassette.. Quando l’opera ha completato sembra tutto emozionato al frantoio corre in fretta portando con sé la tanichetta. Lì aspetta con pazienza per gustare la tua essenza. Appena l’olio dal torchio sfugge pronto il pane tutto unge a gustare altri invita la pietanza saporita. FILASTROCCA SULL’ ULIVO Oro verde dal sapore antico ogni anno è ben gradito dai Romani tanto amato da Venafro l’han portato per la pelle ammorbidita l’ Aurina in tempo vien molita. Usanza nei secoli tramandata oggi da noi tanto apprezzata. Attendi anche quel contadino che pensa solo a far bottino con i suoi mezzi crea dolore dimostrandoti poco amore la tua natura lui rinnega quando ha in mano la motosega.

26 LA CLASSE SECONDA SEZ. “A” SCUOLA PRIMARIA DELL’ISTITUTO “LEOPOLDO PILLA” DI VENAFRO RINGRAZIA


Scaricare ppt "ISTITUTO “L. PILLA” VENAFRO SCUOLA PRIMARIA LA CLASSE 2^ SEZ. “A” ISTITUTO “L. PILLA” VENAFRO SCUOLA PRIMARIA LA CLASSE 2^ SEZ. “A” BONAFINA LUCAS CALLEO."

Presentazioni simili


Annunci Google