La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

EVOLUZIONE E PROSPETTIVE DEL MERCATO INTERNAZIONALE DELLE CARNI Claudio Federici responsabile unità mercati direz. mercati e risk management.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "EVOLUZIONE E PROSPETTIVE DEL MERCATO INTERNAZIONALE DELLE CARNI Claudio Federici responsabile unità mercati direz. mercati e risk management."— Transcript della presentazione:

1 EVOLUZIONE E PROSPETTIVE DEL MERCATO INTERNAZIONALE DELLE CARNI Claudio Federici responsabile unità mercati direz. mercati e risk management

2 1 Evoluzione recente del contesto internazionale

3 +3% +10% -12% +3% -23% +3% +10% -12% +3% -23% (var. ’07/98 incidenza %) La produzione mondiale di carne LO SCENARIO INTERNAZIONALE La produzione di carne cresce del 27% in 10 anni ma… quella avicola del 39%, quella suina del 31%, quella bovina del 12%. Trade off tra carne bovina e carne suina

4 0% +12% -7% +11% +18% -34% -14% 0% +12% -7% +11% +18% -34% -14% (var. % ’07/98) La produzione mondiale di carne bovina LO SCENARIO INTERNAZIONALE La flessione del peso dell’UE (dal 15% al 13%) e dal C-N America (dal 27% al 25%) è assorbita dalla crescita dell’Asia (dal 19% al 23%) e del S. America (dal 20% al 22%). Crescita dei paesi emergenti Oceania S. America C-N America Africa Asia Eur. extra UE UE-25 5% 22% 25% 8% 23% 5% 13%

5 -20% +4% -9% -5% +15% -37% -21% -20% +4% -9% -5% +15% -37% -21% (var. % ’07/98) La produzione mondiale di carne suina LO SCENARIO INTERNAZIONALE Oceania S. America C-N America Africa Asia Eur. extra UE UE-25 La crescita dell’offerta dell’Asia (+50%) e del S. America (+33%) a ritmi assai superiori alle altre aree, determina una notevole aumento dell’incidenza (Asia: dal 53% al 61%). Opposto il trend per UE (dal 24% al 19%) e C-N America. Crescita impetuosa dell’Asia 0% 4% 12% 1% 61% 3% 19%

6 -2% +20% -6% -4% +9% +34% -27% -2% +20% -6% -4% +9% +34% -27% (var. % ’07/98) La produzione mondiale di carne avicola LO SCENARIO INTERNAZIONALE Oceania S. America C-N America Africa Asia Eur. extra UE UE-25 Si consolida la posizione dei due continenti nella produzione di carne avicola; cresce il peso dell’Asia (dal 33% a 36%), S. America (dal 13% al 15%), mentre si riduce per il C- N America (dal 30% al 28%). In Europa, aumenta di 1/3 il peso dell’area extra-UE Offerta concentrata in America e Asia 1% 15% 28% 4% 36% 3% 12%

7 Export (5Pe: 72%) Import (5Pi: 57%) GLI SCAMBI DI CARNE BOVINA Forte dinamicità nel mercato atlantico (Brasile, Argentina) Si restringe il mercato di esportazione (5Pe:+15%), si allarga quello di importazione (5Pi:-18%)

8 Export (5Pe: 94%) Import (5Pi: 65%) GLI SCAMBI DI CARNE SUINA Si riduce il peso dei principali player Si concentra il mercato di esportazione: la quota dei top5 importer aumenta del +13%; si rafforza la quota di USA (+8%), Canada (+5%) e Brasile (+10%) a svantaggio dell’UE (-11%). Si dilata il mercato di acquisto: la quota dei top5 exporter diminuisce del 9%.

9 Export (5Pe: 94%) Import (5Pi: 50%) GLI SCAMBI DI CARNE AVICOLA Si afferma il ruolo del Brasile L’export del Brasile cresce di 5 volte, raggiungendo un peso del 40%; crescono anche gli USA: (+34%). Si amplia la domanda: i top5 importer pesano il 20% in meno. L’UE quadruplica il proprio import.

10 GLI SCAMBI DELL’UE Irlanda e Italia consolidano l’offerta e la domanda UE I ¾ del mercato di imp/exp si concentrano in soli 6 paesi (l’Italia rappresenta il 22% della domanda UE-27). Crescita degli scambi, soprattutto intra UE: la Polonia mostra una crescita eccezionale dell’export. L’export extra UE si riduce del 24%; l’import extra-UE cresce del 39%. Export (5Pe: 73%) Import (5Pi: 72%) carne bovina fresca/refrigerata +25% +27% +39% -24%

11 GLI SCAMBI DELL’UE Diminuisce il peso dei paesi esportatori tradizionali Germania e Spagna aumentano l’export molto più dei Paesi del Nord. Tra i mercati di importazione la Polonia assume un ruolo importante. Aumentano significativamente le vendite extra-UE. Export (5Pe: 77%) Import (5Pi: 65%) carne suina fresca/refrigerata +25% +28% -19% +15%

12 GLI SCAMBI DELL’UE Cambia la geografia del mercato Crescono le esportazioni di Germania, Italia, Spagna e Polonia a svantaggio degli altri paesi del Nord. L’export extra UE è stabile mentre l’import extra-UE si contrae. Export (5Pe: 64%) Import (5Pi: 66%) preparazioni e conserve suine +26% +27% -20% 0%

13 2 Gli scambi con l’estero dell’Italia

14 Alcuni indicatori di sintesi (1) GLI SCAMBI DELL’ITALIA Bovino: crescita dell’import di carne Si riduce ulteriormente l’auto-approvvigionamento: per ogni 10 kg di carne consumata 4 kg sono importati sotto forma di carne o animali

15 Alcuni indicatori di sintesi (2) GLI SCAMBI DELL’ITALIA Suino: crescita dell’export di preparazioni La crescita dell’export avviene ad un ritmo doppio rispetto a quello dell’import; nonostante ciò l’auto-approvvigionamento si riduce

16 Alcuni indicatori di sintesi (3) GLI SCAMBI DELL’ITALIA Avicolo: crescita dell’import di carne L’export è strutturalmente più elevato dell’import: l’Italia mantiene la propria posizione di esportatore netto

17 GLI SCAMBI DELL’ITALIA Il bovino genera 1/3 del deficit dell’agro-alimentare Negli ultimi 5 anni le quantità importate sono stabili su un livello di 709 mila tec (+1%), ma aumentano notevolmente in valore (+15%) sino a raggiungere 2,97 mld di €. Il passivo della bilancia del comparto (-2,56 mld di €) rappresenta il 34% del deficit degli scambi dell’intero agro-alimentare. quantità Le importazioni nel comparto bovino valore

18 GLI SCAMBI DELL’ITALIA Difficoltà a modificare l’origine dell’import Negli ultimi 5 anni le quantità importate sono diminuite di circa il 10%. La Francia continua a rappresentare oltre l’80% degli arrivi di bovini vivi. Sensibili differenze nei prezzi di acquisto dai diversi paesi. quantità bovini vivi: origine dell’import prezzo medio unitario

19 GLI SCAMBI DELL’ITALIA Mappa molto diversificata Oltre ad una crescita generalizzata degli arrivi (+15% in quantità, +30% in valore), si segnala la crescita dell’import sia per il prodotto di fascia bassa (Polonia, con prezzi stabili), sia per quello di fascia alta (Irlanda, Argentina, …), al quale la domanda è disposta a riconoscere un “plus” quantità carni bovine fresche: origine dell’import prezzo medio unitario 11% 5% 7% 5%

20 GLI SCAMBI DELL’ITALIA Si attenua il peso del deficit Negli ultimi 5 anni l’aumento delle quantità importate (+8%) è trainato dalle carni fresche (851mila t.); in termini di spesa l’aumento è maggiore (+17%) sino a raggiungere 1,83 mld di €. Si riduce il peso del passivo della bilancia del comparto (-0,92 mld di €) sul deficit degli scambi dell’intero agro-alimentare (12%). quantità Le importazioni nel comparto suino valore

21 GLI SCAMBI DELL’ITALIA Export in forte crescita Negli ultimi 5 anni le quantità importate sono stabili su un livello di 709 mila tec (+1%), ma aumentano notevolmente in valore (+15%) sino a raggiungere 2,97 mld di €. Il passivo della bilancia del comparto (-2,56 mld di €) rappresenta il 34% del deficit degli scambi dell’intero agro-alimentare. quantità Le esportazioni nel comparto suino valore

22 Crescita attesa degli scambi intra UE carni preparate e salumi: i principali competitor GLI SCAMBI DELL’ITALIA

23 I principali clienti GLI SCAMBI CON L’ESTERO DELL’ITALIA d 2 mkt: 790 mil € var.% ’07/03: +29%(v), +23% (q) Export in crescita di carni preparate e salumi

24 La posizione competitiva su alcuni mercati GLI SCAMBI CON L’ESTERO DELL’ITALIA d 2 mkt: 134 mil €, t var.% ’06/02: +58%(v), +30% (q) d 2 mkt: 152 mil €, t var.% ’06/02: +53%(v), +13% (q) Prosciutti disossati: perdita di competitività rispetto alla Spagna

25 Immagine dei marchi: si! Logistica e comunicazione: no! Gli elementi di competizione GLI SCAMBI CON L’ESTERO DELL’ITALIA p.ti forzap.ti debolezza prodotto gusto, tradizione, varietà pr., costanza standard prezzo elevato distribuzione/ comunicazione selezione canali/p.ti vendita, tempi di consegna politiche mkt inesistenti e/o inefficienti Germania gusto, prov. territorio, caratt. organolett., marca prezzo Francia marca (origine sinonimo di garanzia di qualità) posizion. prezzo elevato nella DM USA presentazione e garanzie sanitarie volumi modesti

26 3 Le prospettive di scenario

27 Un cambiamento radicale Lo scenario OCSE : carne bovina OUTLOOK INTERNAZIONALE produzione consumo export import crescita da 66 a 79 mil. di t (+1,7% annuo), ad un ritmo superiore al decennio prec. crescita nei paesi non Ocse (+2,6%) - BIC -, stabilità in quelli Ocse (+0,3%) rallentamento della crescita domanda in Cina (+3,9%) e aumento in India (+2,7%) crescita da 7,4 a 10,2 mil. di t. (+3,5%) maggiore nei paesi non Ocse (+4,6%) rispetto a quelli Ocse (+1,7%) forte aumento dell’America del N. (USA: +5,7%) e del S. (Brasile: +5,6%) rallentamento della crescita in Asia (Cina: +3%) riduzione nell’UE (-6,8%) e in Australia (-0,7%) crescita nei paesi Ocse (+2,2%) trainata da UE (+3,5%) e USA (+1,1%) crescita nei paesi non Ocse (+3,8%) grazie a Corea (+6,2%) e Arabia (4,4%)

28 Un processo di consolidamento Lo scenario OCSE : carne suina OUTLOOK INTERNAZIONALE produzione consumo export import crescita da 104 a 125 mil. di t (+2% annuo), ad un ritmo inferiore al decennio prec. crescita nei paesi non Ocse (+2,7%) - BIC -, stabilità in quelli Ocse (+0,5%) crescita costante della domanda nei paesi non Ocse (Cina: +2,7%) crescita da 5,4 a 7,1 mil. di t. (+2,6%) maggiore nei paesi non Ocse (+4,6%) rispetto a quelli Ocse (+1,8%) forte aumento dell’America del N. (USA: +4%) e del S. (Brasile: +5,9%) rallentamento della crescita in Asia (Cina: +2%) riduzione nell’UE (-1,3%) crescita nei paesi Ocse (+2,7%) trainata da USA (+2,4%) e Australia (+2,3) crescita minore nei paesi non Ocse (+2,4%) grazie a Corea (+7,4%) e Cina (+6,9%)

29 Minori squilibri tra le diverse aree Lo scenario OCSE : carne avicola OUTLOOK INTERNAZIONALE produzione consumo export import crescita da 88 a 106 mil. di t (+2% annuo), ad un ritmo inferiore al decennio prec. crescita nei paesi non Ocse (+2,7%) maggiore di quelli Ocse (+1%) crescita del S. America (+2,7%) superiore a quello dell’Asia (+2,3%) crescita da 8,8 a 11,1 mil. di t. (+2,3%) maggiore nei paesi non Ocse (+3,1%) rispetto a quelli Ocse (+1,1%) aumento in America del N. (USA: +1,7%) e del S. (Brasile: +2,8%) forte crescita in Asia (+3,8%) riduzione nell’UE (-2,3%) lieve crescita nei paesi Ocse (+0,6%) trainata da UE (+1%) e USA (+0,5%) crescita nei paesi non Ocse (+2,8%) grazie a Cina (+4,4%) e Arabia (+4,7%)

30 Export in frenata, import in sensibile aumento Lo scenario CE OUTLOOK UE Per i prossimi anni la Commissione stima una sensibile riduzione dell’indice di auto approvvigionamento dei paesi UE.

31 Cresce il ruolo dei paesi emergenti nel mercato internazionale CONCLUSIONI In un contesto di crescita rallentata rispetto al decennio precedente, si accentueranno le differenze tra le dinamiche nelle diverse aree del mondo. Sia la domanda che l’offerta nel mercato internazionale verranno condizionati prevalentemente dai nuovi protagonisti del mercato: l’Asia e il Pacifico (Cina, India, Corea, …) avranno una notevole incidenza sulla domanda di importazione, a causa dell’aumento del consumo di proteine di basso costo (pollame e suino). Tra i paesi sviluppati la Russia continuerà a rappresentare il maggiore importatore netto di carne, seguito dal Giappone. il Sud America (Brasile) assumerà una notevole rilevanza nel mercato di esportazione, grazie a vantaggi competitivi legati alla grande disponibilità di terra, di capitale e di tecnologia, combinata con riforme in grado di favorire il mercato. Secondo le previsioni, nel 2017 il Brasile controllerà oltre il 30% del mercato mondiale della carne.

32 L’UE “abbandona” il mercato internazionale (delle commodity) CONCLUSIONI (2) Spogliato del sostegno (interno ed esterno), il settore delle carni dell’UE vedrà crescere le importazioni in tutti i comparti e diminuire l’export. La riduzione dell’export (e aumento dell’import) è legata al calo della produzione e/o ad una generale perdita di competitività… effetto di: continuo rafforzamento dell’Euro elevati (e in aumento) costi di allevamento (materie prime, energia,…) vincoli ambientali (direttiva nitrati) strutturale ridimensionamento degli allevamenti (bovini), effetto della PAC (MTR, quote latte e normativa ambientale)

33 Dalla produzione (assistita) al mercato… CONCLUSIONI (3) Mai come ora, il sistema produttivo delle carni ha bisogno di riorientarsi al mercato … segmentare il prodotto in base alle diverse caratteristiche domanda (interna ed estera), intesa sia come consumatore finale, sia come trade; questo significa:  orientarsi verso segmenti in crescita: canale ho.re.ca, prodotti ad elevato VA (alto contenuto di servizio, salutistici, …) o a prezzo più contenuto;  riallocazione produttiva, con specializzazione verso prodotti a forte connotazione distintiva (caratteristiche del prodotto, riconoscibilità del marchio, capacità di evocare l’immagine del Paese … made in Italy)  fornire un sistema di garanzie (certificazioni di processo, prodotto, ambiente- emas) “governare” il mercato creando sistema attraverso una rete di imprese

34 GRAZIE PER L’ATTENZIONE


Scaricare ppt "EVOLUZIONE E PROSPETTIVE DEL MERCATO INTERNAZIONALE DELLE CARNI Claudio Federici responsabile unità mercati direz. mercati e risk management."

Presentazioni simili


Annunci Google